Magie di JK Rowling! Che nella trans-Scozia apre un centro antiviolenza PER SOLE DONNE

A Edimburgo non c'era più -pazzesco!- un solo rifugio antiviolenza che non fosse accessibile anche a uomini che si dichiarano donne. E il principale centro è diretto da un transessuale. A sorpresa la scrittrice fonda e finanzia uno spazio rigorosamente for women only. Sfidando le politiche trans-filiche della premier Nicola Sturgeon. E venendo incontro ai reali bisogni delle vittime di violenza
Condividi questo articolo

Vi abbiamo raccontato più volte dell'impegno di JK Rowling per i diritti delle donne in Scozia, dove la premier Nicola Sturgeon spinge per far approvare una legge che introdurrebbe un "super self-ID" (vedere qui), una liberissima identità di genere.

L'anno scorso, ancora prima della discussione sulla legge, aveva fatto scandalo la nomina di un transessuale, Mridul Wadhwa, come amministratore delegato del principale rifugio anti-violenza di Edimburgo, che naturalmente avrebbe accolto anche uomini che "si identificano come donne" in quello che originariamente doveva essere uno spazio destinato solo alle donne vittime di stupro e violenza maschile.

JK Rowling era stata una delle voci più forti della protesta, ma aveva anche subito fatto seguire alle parole i fatti, cominciando a lavorare segretamente a un progetto che è stato annunciato proprio ieri: Beira's Place, un rifugio antiviolenza per sole donne a Edimburgo.

Il rifugio, finanziato interamente da JK Rowling, è gestito da donne esclusivamente per le donne vittime di violenza maschile, ed essendo totalmente privato non deve fare i conti con le regole della charity e può essere amministrato in totale libertà. JK Rowling ha anche acquistato l'edificio dove Beira's Place ha sede, nel centro di Edimburgo.

ne dà notizia qui Julie Bindel


JK Rowling ha finanziato e progettato un nuovo servizio di supporto alla violenza sessuale per sole donne, Beira's Place.

Ho fondato Beira's Place per fornire ciò che ritengo sia attualmente un bisogno insoddisfatto per le donne nella zona di Edimburgo” ha dichiarato JK Rowling. “Come sopravvissuta a una violenza sessuale, so quanto sia importante la possibilità di usufruire di un'assistenza incentrata sulle donne e fornita da altre donne quando sei così vulnerabile. Il Beira's Place aumenterà la capacità dei servizi nella zona e, spero, consentirà a un maggior numero di donne di elaborare e risollevarsi dal proprio trauma”.

Situato nel cuore di Edimburgo, è un servizio per le donne che hanno subito violenza maschile. Prende il nome dalla dea scozzese dell'inverno, come ha spiegato Rowling: “Beira governa la parte buia dell'anno e passa il testimone a sua sorella, Bride, quando torna l'estate. Beira rappresenta la saggezza, il potere e la rigenerazione femminile. La sua è una forza che resiste nei momenti difficili, ma il suo mito contiene la promessa che non dureranno per sempre”.

Il consiglio di amministrazione, di cui fa parte anche Rowling, è composto da esperte impegnate da sempre per porre fine alla violenza degli uomini sulle donne e sulle ragazze. Tra questi, l’attivista per i diritti LGB Rhona Hotchkiss, l'ex-leader laburista scozzese Johann Lamont, il medico Margaret McCartney e Susan Smith, direttrice del gruppo femminista For Women Scotland. L'amministratore delegato è Isabelle Kerr, veterana del movimento Rape Crisis (vedi foto sopra).

Il Beira's Place è rigorosamente riservato alle donne, secondo la definizione della sezione 212 dell'Equality Act che stabilisce che una donna è una "persona di sesso femminile di qualsiasi età". Le donne di almeno 16 anni risiedenti nella regione di Edimburgo (Lothians) che abbiano subito violenze sessuali o abusi in qualsiasi momento della loro vita, ora hanno a disposizione un servizio gratuito e confidenziale.

Il servizio è finanziato esclusivamente da JK Rowling e non è stato strutturato come ente di beneficenza (charity), il che significa che gli attivisti trans non potranno presentare una petizione alla Charities Commission per farlo chiudere [o per forzare l’inclusione di uomini che dicono di essere donne].

È scioccante che fino all’apertura di Beira’s Place a Edimburgo non fosse rimasto un solo rifugio antiviolenza per sole donne basato sul sesso.

Quello che fino ad oggi era il principale rifugio per vittime di stupro a Edimburgo, lo Edinburgh's Rape Crisis Centre (ERCC), accoglie, oltre alle donne, anche uomini che “si identificano come donne”. Nel maggio 2021, il transessuale Mridul Wadhwa ne era stato nominato amministratore delegato, nonostante fosse stato detto che il posto era riservato a una donna. Tre mesi dopo la nomina, in un’intervista Wadhwa aveva definito “persone bigotte” le donne vittime di stupro che non volevano avere a che fare con gli uomini nel servizio di assistenza, suggerendo loro di “rivedere il proprio trauma”.

Ma le donne si stanno opponendo. Sarah Summers (nome di fantasia), vittima di stupro alla quale è stato negato l'accesso a un gruppo di sostegno per sole donne, ha fatto causa a Survivors Network, servizio di crisi antistupro di Brighton che, come l'ERRC, accoglie anche uomini che si identificano come donne.

“Per le donne come me è impossibile riprendersi dal trauma della violenza sessuale maschile nello stesso spazio degli uomini, anche se questi ultimi si identificano come donne” dice Summers. “I rifugi antistupro per sole donne sono l'unico posto in cui possiamo sentirci al sicuro. Costringerci a negare la realtà conferma che i nostri sentimenti non contano e che i nostri confini sono irrilevanti".

La stragrande maggioranza delle donne la pensa come Summers. Da un sondaggio commissionato dal gruppo femminista Women and Girls in Scotland emerge che secondo la maggioranza delle donne (80,1%) “le donne vittime di violenza maschile dovrebbero poter accedere a servizi di sostegno e rifugi per sole donne”. Inoltre, la maggioranza (71%) aveva dichiarato che non si sarebbe sentita a proprio agio se il servizio avesse incluso anche maschi trans-identificati.

articolo integrale qui, traduzione di Maria Celeste


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
22 Aprile 2024
Lettera a Rishi Sunak: serve un'inchiesta pubblica sull'influenza dell'ideologia transgender
Centotrenta parlamentari, medici, psichiatri, accademici e detransitioner britannici -tra loro anche JK Rowling- hanno scritto una lettera al primo ministro per invitarlo ad esaminare “l’influenza pervasiva” dell’ideologia transgender nelle scuole e nel servizio sanitario nazionale e ad accertare le responsabilità del danno prodotto a migliaia di bambine e bambini
"Rishi, se leggi questa petizione per favore, fai la cosa giusta e avvia con urgenza un’inchiesta pubblica. Il benessere dei nostri figli dipende da questo”. A scrivere è lo psicoterapeuta James Esses, coordinatore della dichiarazione per la realtà biologica e uno dei firmatari di un appello rivolto al primo ministro britannico dopo il grande scandalo del trattamento dei bambini “confusi e vulnerabili” da parte di professionisti medici, reso evidente del rapporto di Hilary Cass. Tra i primi firmatari anche JK […]
Leggi ora
21 Aprile 2024
Il gender è un campo di battaglia
Joe Biden in piena campagna elettorale sostituisce la parola sesso con identità di genere. Germania e Svezia approvano nuove leggi trans che consentono l’autoidentificazione (self-id): i genitori tedeschi potranno decidere di che sesso è la creatura neonata a prescindere dal fatto che abbia un pene o una vagina. Intanto dopo l’Inghilterra anche la Scozia proibisce I bloccanti della pubertà per i minori “non conformi”. E in Spagna a un anno dall’entrata in vigore della Ley Trans i “cambi di sesso” sono aumentati del 400 per cento. Perfino una trentina di militari barbuti si sono dichiarati donne. La lobby spinge furiosamente e il caos è indicibile
Mentre anche in Scozia, dopo l'Inghilterra, non si prescriverà più la "terapia affermativa" (puberty blocker seguiti da ormoni e chirurgia) ai minorenni, decisione assunta in seguito alla pubblicazione del clamoroso Cass Review, negli Stati Uniti il presidente Biden - o meglio, la sua amministrazione saldamente obamiana- in piena campagna elettorale per le presidenziali di novembre ha di fatto abolito il Titolo IX dell'Education Amendments in vigore dal 1972. L'emendamento prescriveva che nessuno/a sulla base del sesso potesse essere escluso dalla […]
Leggi ora