Italian Taliban

4 femminicidi in 24 ore: talebani non solo in Afghanistan. In ogni luogo del mondo un sesso opprime l'altro, e la violenza è funzione del dominio. Non pensiamo alle sorelle afghane in termini di "noi" e "loro". La lotta per la libertà delle donne è una sola
Condividi questo articolo

4 femminicidi in 24 ore. 4 donne uccise da uomini loro congiunti -mariti, padri, fidanzati, ex- per il fatto di essere donne. Una madre e una figlia a Carpiano, nel Milanese. Una moglie in provincia di Bologna. Una ragazza ammazzata dall'ex ad Aci Trezza, nel Catanese.

I particolari di cronaca sono inutili se non per confermare, ancora una volta, l'inefficacia delle misure di protezione: gli allontanati non si allontanano, i denunciati a piede libero si inferociscono, gli allarmi lanciati dalle donne non vengono ascoltati.

Ma non serve a nulla frugare nelle esistenze delle vittime e dei loro carnefici alla ricerca dei "motivi del tragico gesto" (ovvero di possibili giustificazioni per l'assassino): era depresso, era pazzo, aveva perso il lavoro, era accecato dalla gelosia. L'esito di queste ricerche può produrre solo titoli orripilanti come questo del Corriere della Sera

Italian Taliban

Leggi: quell'uomo doveva essere davvero disperato per risolversi a fare fuori "la sua luce", insieme alla madre -che non era brava a tenere la casa- sparandole un colpo in testa. Quando vai in cerca delle "ragioni del tragico gesto" stai cercando appigli per comprendere, trovare una ratio, metterti nei panni dell'assassino, comprenderlo, indurre a compassione nei suoi confronti.

Ma la ratio è sempre una e una sola, inutile mettersi in cerca di altro, a meno che tu non sia determinato a non volerla vedere e a non volerci fare i conti. La ragione è il dominio, il piano della lotta è questo, e solo questo.

Vanessa Zappalà, 26 anni, uccisa ad Aci Trezza dall'ex Tony Sciuto, aveva lasciato l'uomo a causa dei suoi continui maltrattamenti. Lui -in apertura un'immagine tratta dal suo profilo Facebook- l'ha uccisa (e poi si è ucciso) per questo. Pretendeva che rimanesse con lui e si lasciasse maltrattare. Che lo lasciasse essere uomo per come lui intendeva l'essere uomo, per il quale il controllo delle donne è un fatto irrinunciabile, e la perdita del controllo un'onta intollerabile.

La vittima è sempre una donna che scarta, che si sottrae al dominio. Quei delitti sono delitti d'onore. La scena è sempre la stessa, in un loop senza fine. Tutto il resto è solo variabile contorno.

Italian Taliban
Tony Sciuto, assassino di Vanessa Zappalà

Nella sua ultima versione, diffusa dalla polizia -l'uomo è stato poi trovato impiccato in un casolare non lontano dal luogo del femminicidio- Sciuto somiglia a un talebano: barba lunga, sguardo torvo. Somiglianza molto suggestiva.

I taliban esplicitano ed elevano a sistema politico il controllo delle donne come architrave del loro regime. Nell'Afghanistan talebano il patriarcato si mostra nella sua arcaica purezza e radicalità e non ha bisogno di infingimenti. Quella è la faccia che il regime intende esporre al mondo, questa la sua idea di ordine sociale, baluardo contro il terribile disordine delle Jāhiliyya preislamica.

Ma le logiche -controllo, dominio- sono le stesse che vediamo agire nei femminicidi. Le uccisioni delle donne scoperchiano una pentola che non ha mai smesso di ribollire. La libertà femminile, il desiderio femminile non possono avere campo più di tanto. Ogni due o tre giorni qualcuno strangola una donna, o le pianta un coltello nella pancia o una pallottola in testa per ricordarcelo. Stupri, maltrattamenti, violenze, molestie, ingiustizie, il tentativo di farci scomparire ce lo ricordano quotidianamente, in ogni istante della nostra vita.

Italian Taliban
Vanessa Zappalà -a sinistra- con le sue amiche

Per questo, quando pensiamo alla terribile condizione delle donne afghane, la logica del "noi" e "loro" rischia di essere infruttuosa. Lottando per la nostra libertà lottiamo anche per la loro. Lottando per la loro libertà difendiamo la nostra.

Italian Taliban
Kabul, anni Settanta

E' un errore pensare alle sorelle afghane come del tutto non-libere, e a noi come assolutamente libere.

E' importante, per essere efficaci, tenere il punto di una comune condizione, dovere fare i conti ogni giorno con un sesso che ne opprime un altro, sia pure con differenti gradi di ferocia.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
7 Novembre 2022
Belgio, nuova legge sul femminicidio. Da studiare
In Europa la violenza maschile è la principale causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni. Il Belgio si attrezza con una nuova legge che per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche fondate su statistiche ufficiali. Avendo ben presente che la violenza è un dispositivo del dominio maschile
Fermare la strage delle donne. E’ questo il senso della nuova “legge sulla prevenzione e la lotta contro i femminicidi, i delitti basati sul genere e le violenze che li precedono” adottata in prima lettura nel Consiglio dei ministri lo scorso 25 ottobre in Belgio. Depositata dalla Segretaria di Stato per la Parità di Genere, Sarah Schlitz (Ecolo/Verdi), la legge quadro per la prima volta definisce giuridicamente i femminicidi al fine di sviluppare politiche di lotta fondate su statistiche ufficiali. E in […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora