Italian Taliban

Four femicides in 24 hours: Talibans are not only in Afghanistan. Everywhere in the world one sex is oppressing the other, and violence is a function of domination. We cannot consider our Afghan sisters as "us" and "them". The fight for women's freedom is one and the same.
Condividi questo articolo

Four femicides in 24 hours. Four women were killed by men related to them - husbands, fathers, boyfriends, former partners - simply because they were women. A mother and a daughter in Carpiano, near Milan. A wife in the province of Bologna. A girl, killed by her former boyfriend, in Aci Trezza, in the province of Catania.

The details of such events are useless if not to confirm, once again, the inefficacy of the measures of protection: those who should be distanced never really go away, those who are reported get angrier and the warnings raised by women always get ignored.

It is pointless to delve into the lives of the victims and their executioners in search of the 'reasons behind the tragic act' (i.e. possible justifications for the murderer): he was depressed, he was crazy, he had lost his job, he was blinded by jealousy. The outcome of these quests can only produce horrifying headlines like this one from the magazine Corriere della Sera.

Italian Taliban

Read: that man must have been really desperate to kill 'his light', together with his mother - who was not good at keeping house - by shooting her in the head. When you seek for the 'reasons of this tragedy', you are looking for ways to comprehend, find a rationale, put yourself in the killer's shoes, understand him, and induce compassion towards him.

But the rationale is always the same, it is useless to look for something else unless you are determined to avoid facing the truth. The reason is domination, the plan of the fight is this, and only this.

Vanessa Zappalà - 26 years old, killed in Aci Trezza by her former partner Tony Sciuto - had left the man because of his continuous mistreatment. Sciuto - the image at the top is taken from his Facebook profile - killed Vanessa (and then killed himself) because of this. He demanded that she stayed with him allowing him to keep being abusive. He demanded that she stayed with him to let him "be a man" as he understood being a man, for whom the control of women is a must, whereas the loss of control is an unbearable dishonour.

The victim is always a woman who rejects, who shuns domination. These crimes are crimes of honour. The scene is always the same, in an endless loop. Everything else is just a variable outline.

Italian Taliban
Tony Sciuto, murderer of Vanessa Zappalà

In his latest version, released by the police - the man was later found hanged in a cottage not far from the site of the femicide - Sciuto looks like a Taliban: long beard, grim look. A very striking resemblance.

The Taliban explicitly set up the control of women as the cornerstone of their regime and elevate it to a political system. In Taliban's Afghanistan, patriarchy shows itself in its archaic purity and extremism and does not need pretence. This is the face that the regime intends to expose to the world, this is its idea of social order, a bulwark against the terrible disorder of the pre-Islamic Jāhiliyya.

But the logic - control and domination- are the same that we see operating with femicides. The killings of women reveal a self-evident truth. Feminine freedom, female desire, cannot have much of a chance. Every two or three days someone strangles a woman or puts a knife in her belly or a bullet in her head to remind us of this. Rape, mistreatment, violence, harassment, injustice, the attempt to make us disappear, all this is a reminder of that.

Italian Taliban
Vanessa Zappalà - on the left - with her friends

This is why, when we think of the terrible plight of Afghan women, the logic of 'us' and 'them' risks being futile. By fighting for our freedom we are also fighting for theirs. By fighting for their freedom we defend our own.

Italian Taliban
Kabul, 1970s

It is a mistake to think of the Afghan sisters as entirely not free, and of us as absolutely free.

It is important, to be successful, to maintain the perspective of a common plight, that is having to deal every day with one sex who oppresses the other, albeit with different degrees of ferocity.

Marina Terragni

Articolo originale qui
Traduzione di Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Giugno 2022
Dalla Donna Clitoridea alla Donna Anale
Se ti sottrai a quel tipo di sesso allora sei vecchia, repressa e perfino escludente. Perché come insegna il transfemminismo le donne sono solo una minoranza del mondo Lgbtq e devono adeguarsi a pratiche sessuali "paritarie", rinunciando al "privilegio" delle proprie modalità di piacere. E cancellando la verità del proprio corpo e del proprio desiderio. Dunque, cancellando se stesse
Gli uomini italiani sono sempre stati così fissati con il sesso anale? Per la generazione dai 40 in giù il sesso anale, onnipresente nella pornografia, oggi viene imposto alle donne sempre di più anche nella vita reale. Nonostante il gran parlare di sesso e sessualità, il corpo e la sessualità femminile sono più tabù che mai. Le ragazze non si confrontano tra di loro, ognuna è isolata ed è spinta a credere di doversi “sforzare”, perché lo fanno tutte. Anche […]
Leggi ora
16 Aprile 2022
New Jersey. Gravidanze in prigione femminile dopo l'arrivo di "detenute" trans
Due detenute incinte nel carcere femminile del New Jersey dopo l’arrivo di prigionieri transgender. A nulla sono servite le denunce di molestie da parte di uomini che "si identificano" come donne e le proteste delle guardie. L’autodeterminazione di genere pesa come un macigno sul sistema carcerario USA
Due detenute sono rimaste incinte dopo aver avuto rapporti con un prigioniero transgender all’interno dell’unico carcere femminile del New Jersey, l’istituto correzionale “Edna Mahan”. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa il responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento delle Correzioni dello stato. Non è chiaro se le detenute abbiano avuto rapporti con lo stesso detenuto trans-identificato e se intendano portare avanti la gravidanza. I responsabili della prigione, da tempo nell’occhio del ciclone per accuse di abusi, hanno specificato che i […]
Leggi ora
1 Aprile 2022
Generazione Porno
Una giovane donna racconta come il consumo di pornografia ha influenzato la sua sessualità e le sue relazioni, allontanandola dalla verità del suo corpo. Convinta a credere che "il porno sia sesso e il sesso sia porno", l'unico desiderio è quello di compiacere e mostrarsi cool, accettando come normale la violenza maschile
Come nel femminismo di seconda ondata, il tema della sessualità è tornato prepotentemente all'attenzione della ragazze. Praticato intensamente negli anni Settanta, quel territorio è stato successivamente abbandonato per investire energie su altri temi, primo fra tutti quello del lavoro. Nel frattempo la pornografia è dilagata, soprattutto dalla nascita del web in avanti, fino a raggiungere inimmaginabili livelli di diffusione, influenzando pesantemente la libera ricerca del piacere di bambine-i e adolescenti. Se per i maschi i modelli mutuati dalla pornografia consumata […]
Leggi ora
31 Marzo 2022
Che cosa ne pensa Jada?
La disfida tra i due maschi sul palco degli Oscar -lo sbeffeggiatore Chris Rock e il "cavaliere" Will Smith, che ha "vendicato" la moglie presa in giro per sua alopecia- ha fatto il giro del mondo. A lei solo la parte del pomo della discordia. Ma la questione della violenza estetica merita di essere esplorata e questa sarebbe stata un'ottima occasione. Mancata
Lo schiaffo di Will Smith sul palco della notte degli Oscar. Il dibattito -era una gag o faceva sul serio?-. L'agitazione nel backstage. Il pentimento dell'attore, le sue lacrime. Una storia hollywoodiana scandagliata in lungo e in largo. Ma dei sentimenti di Jada Pinkett la moglie di Smith sbeffeggiata da Chris Rock per la sua alopecia patologica, non si è occupato nessuno. Tutte le parole per loro -lo sbeffeggiatore e il cavaliere vendicatore- e nessuna per lei. Ne scrive qui […]
Leggi ora
31 Marzo 2022
Carol, uccisa 5 volte
L'assassino, i mass media, un attore comico: l'accanimento sul corpo di Carol Maltesi è stato generale. Un gioco BSDM di massa, uno spettacolino supplementare da morta fatta a pezzi. Uno snuff movie dal vero. Del resto faceva la pornostar. Se l'è cercata
Carol Maltesi, la giovane donna brutalmente ammazzata e fatta a pezzi dal bancario Davide Fontana, è stata uccisa 5 volte. La prima, dall'industria della pornografia -online e poi anche spettacoli dal vivo- da cui la ragazza si era fatta catturare durante il lockdown per potere provvedere a se stessa e al figlio che aveva messo al mondo quando aveva appena vent'anni. La seconda volta dal suo aguzzino, per il quale si va in cerca -al solito- di ragioni: l'ha uccisa […]
Leggi ora
15 Marzo 2022
Vent'anni di femminicidi a Milano: uno studio
La ricerca, condotta dall'Istituto di Medicina Legale su 200 casi di donne assassinate, individua alcune costanti e vuole contribuire a "porre fine al femminicidio". Anche se la vera soluzione è una sola: la fine del dominio maschile
E' stato pubblicato dalla rivista Science & Justice (volume 62-2, marzo 2022, pp. 214-220) lo studio “Vent'anni di femminicidio a Milano: Un'analisi medico-legale retrospettiva” (Twenty years of femicide in Milan: A retrospective medicolegal analysis) (potete leggerlo qui). Lo studio è stato condotto da Lucie Biehler-Gomez, Lidia Maggioni, Stefano Tambuzzi, Alessandra Kustermann, Cristina Cattaneo, il team di ricerca affiliato al Laboratorio di antropologia e odontologia forense (LABANOF) dell'Università degli Studi di Milano e/o al Soccorso violenza sessuale e domestica (SVSeD) del Policlinico […]
Leggi ora