Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo

Il dimorfismo sessuale è il più grosso ostacolo al progetto transumano. Ecco perché si battaglia tanto sull'identità di genere che ci slega dalla realtà dei nostri corpi sessuati. E in tutto l'Occidente le legislazioni promuovono il desexing. Il fronte di lotta è questo
Condividi questo articolo

L'identità di genere è il perno dell’ombrello transumano di cui fanno parte utero in affitto, commercio di gameti umani, gravidanze trans, ormonizzazione dei bambini, ibridazione tra le specie e via dicendo. Gran parte di questi temi ruota intorno alla questione della sessuazione umana e della riproduzione. Che cosa c’entra tutto questo con la giusta richiesta di tutela delle persone omosessuali e transessuali?

Nel suo best seller Il capitalismo della sorveglianza, Shoshana Zuboff chiarisce che il vero obiettivo delle grandi aziende Big Tech -Google, Facebook etc-  non è tanto scrutare i nostri comportamenti quanto piuttosto influenzarli e modificarli per massimizzare i profitti.

A quanto pare lavorare sui comportamenti non basta più: anche i nostri corpi vanno modificati per le ragioni del profitto. I social ci fanno sentire liberi, e anche la guerra contro il corpo viene venduta come libertà.

L’obiettivo è l’individuo neutro, precario assoluto, sciolto da ogni legame, perfino quello con il proprio corpo, consumatore e produttore fungibile secondo le necessità del mercato. La sessuazione umana è un grosso ostacolo per questo progetto.

Ma il transumanesimo non è affatto un destino ineluttabile, non è affatto vero che, come si dice, è solo questione di tempo.

Si tratta piuttosto una proposta di civiltà sulla quale tutte e tutti abbiamo il diritto di esercitare le nostre scelte.

Noi femministe siamo dalla parte di un neoumanesimo a radice femminile, in cui il corpo, le relazioni e la dipendenza tra i viventi sostituiscano l’illusione dell’individuo sciolto da ogni legame, con tutto ciò che ne consegue.

Di questi temi abbiamo il diritto, anzi il dovere di discutere per tutto il tempo necessario, senza frette elettoralistiche.

Se si ha fretta di avere una legge contro l’omotransfobia, un testo come il ddl Scalfarotto-Annibali va benissimo, e troverebbe di sicuro una maggioranza. Per tutto il resto, a cominciare dall’identità di genere, dobbiamo poter discutere con calma e per tutto il tempo che serve.

IL TRANSUMANESIMO NEL BEL MEZZO DEL SALOTTO "IDENTITA' DI GENERE"

di JENNIFER BILEK

C'è un fantasma che fluttua intorno all'istituzionalizzazione globale dell'"identità di genere". Di che cosa si tratta? Che cosa sta succedendo? Vediamo che qualcosa che sta capitando, ma non riusciamo a capirlo. Perché questi cambiamenti catapultati nelle culture occidentali, promossi da grandi capitali e governi?

Questo fantasma ha un nome: Transumanesimo. È la questione innominata nel bel mezzo del salotto dell'"identità di genere", che non riusciamo ad affrontare fino in fondo. Tutti i tentacoli dei cambiamenti che trasformano la società, operati in nome del genere, nascono da questo fantasma, da questa cosa che ci rifiutiamo di nominare e affrontare.

Il transumanesimo è il fronte sul quale resistere se vogliamo fermare la decostruzione della nostra specie. Noi, come esseri umani, siamo sessualmente dimorfici e l'"identità di genere" sta decostruendo il sesso. La "Gender Identity" ha molte diverse declinazioni, ma la maggior parte di noi guarda i particolari e non vede l'insieme. Dobbiamo guardare quello che "identità di genere" produce, più che a quello che significa. Distrugge il sesso come categoria significativa e sta letteralmente desessualizzando bambini e giovani . Questo è il punto. È così che viene utilizzato da coloro che forzano la cultura per normalizzare la dissociazione dalla nostra realtà sessuata.

L'accettazione del desexing del corpo umano è oggetto di investimento di miliardari del settore farmaceutico e tecnologico, come Martine Rothblatt , una transessuale-transumanista, e Jennifer Pritzker , un'altra transessuale che con la sua famiglia detiene enormi investimenti nel complesso medico industriale. Tim Gill della ONG LGBT Gill Foundation sta guidando la normalizzazione della dissociazione corporea a livello globale attraverso l'"identità di genere" e investe in tecnologia e intelligenza artificiale. Jon Stryker, erede della fortuna medica di Stryker, guida il progetto dell'identità di genere o dissociazione corporea in tutto il mondo con l'ONG LGBT Arcus Foundation, da lui fondata.

Questi uomini sono tutti profondamente legati alle ONG globali LGBT che all'insegna dei diritti umani stanno guidando la dissociazione del corpo nelle nostre culture, smantellando il dimorfismo sessuale e promuovendo una molteplicità di sessi. Questo non significa che tutti questi uomini si conoscano e lavorino all'unisono, anche se la maggior parte lo fa. Significa che appartengono a una classe che detiene il potere finanziario, hanno investimenti nelle industrie tecnologiche e farmaceutiche e sono consapevoli di ciò che porta profitti a questi settori.

La dottoressa Heather Brunskell Evans , filosofa accademica nel Regno Unito, ha recentemente citato un rapporto pubblicato da Gendered Intelligence (GI), gruppo della lobby globale "transgender", che sostiene che i bambini dovrebbero essere liberi di manipolare le loro caratteristiche sessuali. GI afferma che la libertà dei bambini e dei giovani sta nello “ smantellare il potere culturalmente attribuito al biologico. Questa è un'affermazione affascinante. Il messaggio di GI sembra chiaro: la realtà biologica del sesso è un costrutto sociale che ha troppo potere.

Un rapporto del Ministero della Difesa del Regno Unito pubblicato di recente descrive in dettaglio i progressi del potenziamento umano, non solo per quanto riguarda la Difesa ma anche per le nostre vite come esseri umani. “Il potenziamento umano può avere un impatto su ogni aspetto della nostra vita e persino cambiare il significato di ciò che significa essere umani. Potrebbe cambiare i concetti filosofici, i nostri sistemi di credenze e le strutture etiche e legali in modi che siamo in grado di prevedere".

Non sono forse i cambiamenti a cui stiamo assistendo nella nuova industria del genere, rappresentata come un movimento per i diritti umani? Quanto ai bloccanti della pubertà, farmaci i cui effetti causano danni irreversibili, la strategia di genere afferma: "È importante che i bambini e i giovani ... possano sperimentare, cambiare idea, provare nuovi stili, esprimersi". Stanno chiaramente sostenendo che i bambini devono avere carta bianca nella scelta di modificare le loro caratteristiche sessuali e di usare sostanze pericolose per farlo.

Le leggi vengono rapidamente adattate in molti paesi contemporaneamente, aiutate dalle ONG LGBT e dalle organizzazioni "transgender" , per apportare modifiche legali che consentano la depatologizzazione della disincarnazione.

Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo
Cartellone affisso in una scuola italiana

Un'americana, Martine Rothblatt , ha tenuto una conferenza in Canada nel 2016, sulla necessità che i "transumanisti tecnologici" creino un apparato politico paragonabile al WPATH (World Professional Association of Transgender Health), che validerà socialmente i "transumanisti tecnologici". Rothblatt ha creato il primo quadro giuridico per la costruzione del genere in tutto il mondo. Ha lavorato al progetto sul genoma umano a livello delle Nazioni Unite e per la NASA. Possiede una società biofarmaceutica, ha creato una religione della disincarnazione e ha costruito un robot di sua moglie.

Rothblatt ha scritto e parlato dei cambiamenti dell'umanità che decostruiranno il dimorfismo sessuale per almeno una generazione. Egli paragona il dimorfismo sessuale all'apartheid sudafricano ed è legato al ramo d'affari da 3,6 trilioni di dollari dell'organizzazione LGBT globale OutLeadership . Ha scritto sul futuro tecnologico della riproduzione in cui gli esseri umani, con l'ausilio della tecnologia, non avranno bisogno di accoppiarsi.

Il presidente Biden ha recentemente approvato un altro disegno di legge in cui "l'identità di genere" prevarrà sui diritti delle donne basati sul sesso. Il nostro linguaggio è già cambiato per cancellare la nostra realtà sessuata. Possibile che Biden non capisca cosa sta facendo? Obama, aiutato finanziariamente per la campagna elettorale dai Pritzker -sotto i quali Biden è stato vicepresidente- è diventato il primo presidente a usare la parola "transgender" in un discorso sullo stato del sindacato. Obama ha convocato un incontro speciale per studenti "transgender" alla Casa Bianca, nel 2015, guadagnandosi il titolo di "Trans President".

Che il presidente degli Stati Uniti faccia questo per una minuscola parte della popolazione di bambini che hanno disforia corporea legata ai loro genitali è assurdo, così come le leggi che passano in tutto il mondo che consentono agli uomini di rivendicare di percepirsi donne. Così come sono un'assurdità le nuove corporazioni per dipendenti di banche globali che hanno disforia sul proprio sesso. È folle che si celebrino feste di castrazione per giovani e che Mastercard abbia creato una carta di credito per coloro che si dissociano dalla loro realtà sessuata. Non è solo importante, ma è imperativo nominare questa follia, invece che sostenere la premessa di una terza categoria di umani che non sono maschi o femmine e per i quali la società viene riorganizzata.

L'unica cosa chiara è che la gente viene preparata a enormi cambiamenti dell'umanità e che le leggi vengono cambiate per supportare i cambiamenti in arrivo.

Questa evoluzione forzata della nostra specie è alle porte. Dobbiamo capire che l'identità di genere è una facciata per normalizzare il desexing della nostra specie in direzione di una fusione con la tecnologia ben più complessa di quanto abbiamo visto finora. Dobbiamo avere il coraggio di affrontare il transumanesimo nel bel mezzo del salotto dell'“identità di genere” o rischiamo di venire cambiati per sempre.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora