Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo

Il dimorfismo sessuale è il più grosso ostacolo al progetto transumano. Ecco perché si battaglia tanto sull'identità di genere che ci slega dalla realtà dei nostri corpi sessuati. E in tutto l'Occidente le legislazioni promuovono il desexing. Il fronte di lotta è questo
Condividi questo articolo

L'identità di genere è il perno dell’ombrello transumano di cui fanno parte utero in affitto, commercio di gameti umani, gravidanze trans, ormonizzazione dei bambini, ibridazione tra le specie e via dicendo. Gran parte di questi temi ruota intorno alla questione della sessuazione umana e della riproduzione. Che cosa c’entra tutto questo con la giusta richiesta di tutela delle persone omosessuali e transessuali?

Nel suo best seller Il capitalismo della sorveglianza, Shoshana Zuboff chiarisce che il vero obiettivo delle grandi aziende Big Tech -Google, Facebook etc-  non è tanto scrutare i nostri comportamenti quanto piuttosto influenzarli e modificarli per massimizzare i profitti.

A quanto pare lavorare sui comportamenti non basta più: anche i nostri corpi vanno modificati per le ragioni del profitto. I social ci fanno sentire liberi, e anche la guerra contro il corpo viene venduta come libertà.

L’obiettivo è l’individuo neutro, precario assoluto, sciolto da ogni legame, perfino quello con il proprio corpo, consumatore e produttore fungibile secondo le necessità del mercato. La sessuazione umana è un grosso ostacolo per questo progetto.

Ma il transumanesimo non è affatto un destino ineluttabile, non è affatto vero che, come si dice, è solo questione di tempo.

Si tratta piuttosto una proposta di civiltà sulla quale tutte e tutti abbiamo il diritto di esercitare le nostre scelte.

Noi femministe siamo dalla parte di un neoumanesimo a radice femminile, in cui il corpo, le relazioni e la dipendenza tra i viventi sostituiscano l’illusione dell’individuo sciolto da ogni legame, con tutto ciò che ne consegue.

Di questi temi abbiamo il diritto, anzi il dovere di discutere per tutto il tempo necessario, senza frette elettoralistiche.

Se si ha fretta di avere una legge contro l’omotransfobia, un testo come il ddl Scalfarotto-Annibali va benissimo, e troverebbe di sicuro una maggioranza. Per tutto il resto, a cominciare dall’identità di genere, dobbiamo poter discutere con calma e per tutto il tempo che serve.

IL TRANSUMANESIMO NEL BEL MEZZO DEL SALOTTO "IDENTITA' DI GENERE"

di JENNIFER BILEK

C'è un fantasma che fluttua intorno all'istituzionalizzazione globale dell'"identità di genere". Di che cosa si tratta? Che cosa sta succedendo? Vediamo che qualcosa che sta capitando, ma non riusciamo a capirlo. Perché questi cambiamenti catapultati nelle culture occidentali, promossi da grandi capitali e governi?

Questo fantasma ha un nome: Transumanesimo. È la questione innominata nel bel mezzo del salotto dell'"identità di genere", che non riusciamo ad affrontare fino in fondo. Tutti i tentacoli dei cambiamenti che trasformano la società, operati in nome del genere, nascono da questo fantasma, da questa cosa che ci rifiutiamo di nominare e affrontare.

Il transumanesimo è il fronte sul quale resistere se vogliamo fermare la decostruzione della nostra specie. Noi, come esseri umani, siamo sessualmente dimorfici e l'"identità di genere" sta decostruendo il sesso. La "Gender Identity" ha molte diverse declinazioni, ma la maggior parte di noi guarda i particolari e non vede l'insieme. Dobbiamo guardare quello che "identità di genere" produce, più che a quello che significa. Distrugge il sesso come categoria significativa e sta letteralmente desessualizzando bambini e giovani . Questo è il punto. È così che viene utilizzato da coloro che forzano la cultura per normalizzare la dissociazione dalla nostra realtà sessuata.

L'accettazione del desexing del corpo umano è oggetto di investimento di miliardari del settore farmaceutico e tecnologico, come Martine Rothblatt , una transessuale-transumanista, e Jennifer Pritzker , un'altra transessuale che con la sua famiglia detiene enormi investimenti nel complesso medico industriale. Tim Gill della ONG LGBT Gill Foundation sta guidando la normalizzazione della dissociazione corporea a livello globale attraverso l'"identità di genere" e investe in tecnologia e intelligenza artificiale. Jon Stryker, erede della fortuna medica di Stryker, guida il progetto dell'identità di genere o dissociazione corporea in tutto il mondo con l'ONG LGBT Arcus Foundation, da lui fondata.

Questi uomini sono tutti profondamente legati alle ONG globali LGBT che all'insegna dei diritti umani stanno guidando la dissociazione del corpo nelle nostre culture, smantellando il dimorfismo sessuale e promuovendo una molteplicità di sessi. Questo non significa che tutti questi uomini si conoscano e lavorino all'unisono, anche se la maggior parte lo fa. Significa che appartengono a una classe che detiene il potere finanziario, hanno investimenti nelle industrie tecnologiche e farmaceutiche e sono consapevoli di ciò che porta profitti a questi settori.

La dottoressa Heather Brunskell Evans , filosofa accademica nel Regno Unito, ha recentemente citato un rapporto pubblicato da Gendered Intelligence (GI), gruppo della lobby globale "transgender", che sostiene che i bambini dovrebbero essere liberi di manipolare le loro caratteristiche sessuali. GI afferma che la libertà dei bambini e dei giovani sta nello “ smantellare il potere culturalmente attribuito al biologico. Questa è un'affermazione affascinante. Il messaggio di GI sembra chiaro: la realtà biologica del sesso è un costrutto sociale che ha troppo potere.

Un rapporto del Ministero della Difesa del Regno Unito pubblicato di recente descrive in dettaglio i progressi del potenziamento umano, non solo per quanto riguarda la Difesa ma anche per le nostre vite come esseri umani. “Il potenziamento umano può avere un impatto su ogni aspetto della nostra vita e persino cambiare il significato di ciò che significa essere umani. Potrebbe cambiare i concetti filosofici, i nostri sistemi di credenze e le strutture etiche e legali in modi che siamo in grado di prevedere".

Non sono forse i cambiamenti a cui stiamo assistendo nella nuova industria del genere, rappresentata come un movimento per i diritti umani? Quanto ai bloccanti della pubertà, farmaci i cui effetti causano danni irreversibili, la strategia di genere afferma: "È importante che i bambini e i giovani ... possano sperimentare, cambiare idea, provare nuovi stili, esprimersi". Stanno chiaramente sostenendo che i bambini devono avere carta bianca nella scelta di modificare le loro caratteristiche sessuali e di usare sostanze pericolose per farlo.

Le leggi vengono rapidamente adattate in molti paesi contemporaneamente, aiutate dalle ONG LGBT e dalle organizzazioni "transgender" , per apportare modifiche legali che consentano la depatologizzazione della disincarnazione.

Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo
Cartellone affisso in una scuola italiana

Un'americana, Martine Rothblatt , ha tenuto una conferenza in Canada nel 2016, sulla necessità che i "transumanisti tecnologici" creino un apparato politico paragonabile al WPATH (World Professional Association of Transgender Health), che validerà socialmente i "transumanisti tecnologici". Rothblatt ha creato il primo quadro giuridico per la costruzione del genere in tutto il mondo. Ha lavorato al progetto sul genoma umano a livello delle Nazioni Unite e per la NASA. Possiede una società biofarmaceutica, ha creato una religione della disincarnazione e ha costruito un robot di sua moglie.

Rothblatt ha scritto e parlato dei cambiamenti dell'umanità che decostruiranno il dimorfismo sessuale per almeno una generazione. Egli paragona il dimorfismo sessuale all'apartheid sudafricano ed è legato al ramo d'affari da 3,6 trilioni di dollari dell'organizzazione LGBT globale OutLeadership . Ha scritto sul futuro tecnologico della riproduzione in cui gli esseri umani, con l'ausilio della tecnologia, non avranno bisogno di accoppiarsi.

Il presidente Biden ha recentemente approvato un altro disegno di legge in cui "l'identità di genere" prevarrà sui diritti delle donne basati sul sesso. Il nostro linguaggio è già cambiato per cancellare la nostra realtà sessuata. Possibile che Biden non capisca cosa sta facendo? Obama, aiutato finanziariamente per la campagna elettorale dai Pritzker -sotto i quali Biden è stato vicepresidente- è diventato il primo presidente a usare la parola "transgender" in un discorso sullo stato del sindacato. Obama ha convocato un incontro speciale per studenti "transgender" alla Casa Bianca, nel 2015, guadagnandosi il titolo di "Trans President".

Che il presidente degli Stati Uniti faccia questo per una minuscola parte della popolazione di bambini che hanno disforia corporea legata ai loro genitali è assurdo, così come le leggi che passano in tutto il mondo che consentono agli uomini di rivendicare di percepirsi donne. Così come sono un'assurdità le nuove corporazioni per dipendenti di banche globali che hanno disforia sul proprio sesso. È folle che si celebrino feste di castrazione per giovani e che Mastercard abbia creato una carta di credito per coloro che si dissociano dalla loro realtà sessuata. Non è solo importante, ma è imperativo nominare questa follia, invece che sostenere la premessa di una terza categoria di umani che non sono maschi o femmine e per i quali la società viene riorganizzata.

L'unica cosa chiara è che la gente viene preparata a enormi cambiamenti dell'umanità e che le leggi vengono cambiate per supportare i cambiamenti in arrivo.

Questa evoluzione forzata della nostra specie è alle porte. Dobbiamo capire che l'identità di genere è una facciata per normalizzare il desexing della nostra specie in direzione di una fusione con la tecnologia ben più complessa di quanto abbiamo visto finora. Dobbiamo avere il coraggio di affrontare il transumanesimo nel bel mezzo del salotto dell'“identità di genere” o rischiamo di venire cambiati per sempre.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
20 Luglio 2022
Dove sta andando la Casa delle Donne di Roma?
"La Casa siamo tutte" recita il bello slogan dello storico enclave di Trastevere. Ma in quello spazio, che è pubblico e dovrebbe essere aperto, l'agibilità è solo transfemminista. E dopo il sostegno acritico al ddl Zan -per fermare i femminicidi!-, il sì all'utero in affitto e al "sex work", ora anche l'inno agli ultracorpi maschili negli sport femminili: forse è il momento che si apra una riflessione
La Casa Internazionale delle Donne di Roma condivide la proposta dell'università della Pennsylvania di nominare Lia Thomas "atleta donna dell'anno". Lia Thomas, di cui abbiamo parlato più volte qui, è la celebre nuotatore che ha sbaragliato più volte le avversarie gareggiando nelle categorie femminili, ma che ha avuto quanto meno il merito di far finalmente esplodere la questione degli ultracorpi maschili negli sport delle donne. Il post condiviso dalla Casa Internazionale delle Donne, un piccolo confusionario trattato di femminismo Intersezionale, […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora