Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo

Il dimorfismo sessuale è il più grosso ostacolo al progetto transumano. Ecco perché si battaglia tanto sull'identità di genere che ci slega dalla realtà dei nostri corpi sessuati. E in tutto l'Occidente le legislazioni promuovono il desexing. Il fronte di lotta è questo
Condividi questo articolo

L'identità di genere è il perno dell’ombrello transumano di cui fanno parte utero in affitto, commercio di gameti umani, gravidanze trans, ormonizzazione dei bambini, ibridazione tra le specie e via dicendo. Gran parte di questi temi ruota intorno alla questione della sessuazione umana e della riproduzione. Che cosa c’entra tutto questo con la giusta richiesta di tutela delle persone omosessuali e transessuali?

Nel suo best seller Il capitalismo della sorveglianza, Shoshana Zuboff chiarisce che il vero obiettivo delle grandi aziende Big Tech -Google, Facebook etc-  non è tanto scrutare i nostri comportamenti quanto piuttosto influenzarli e modificarli per massimizzare i profitti.

A quanto pare lavorare sui comportamenti non basta più: anche i nostri corpi vanno modificati per le ragioni del profitto. I social ci fanno sentire liberi, e anche la guerra contro il corpo viene venduta come libertà.

L’obiettivo è l’individuo neutro, precario assoluto, sciolto da ogni legame, perfino quello con il proprio corpo, consumatore e produttore fungibile secondo le necessità del mercato. La sessuazione umana è un grosso ostacolo per questo progetto.

Ma il transumanesimo non è affatto un destino ineluttabile, non è affatto vero che, come si dice, è solo questione di tempo.

Si tratta piuttosto una proposta di civiltà sulla quale tutte e tutti abbiamo il diritto di esercitare le nostre scelte.

Noi femministe siamo dalla parte di un neoumanesimo a radice femminile, in cui il corpo, le relazioni e la dipendenza tra i viventi sostituiscano l’illusione dell’individuo sciolto da ogni legame, con tutto ciò che ne consegue.

Di questi temi abbiamo il diritto, anzi il dovere di discutere per tutto il tempo necessario, senza frette elettoralistiche.

Se si ha fretta di avere una legge contro l’omotransfobia, un testo come il ddl Scalfarotto-Annibali va benissimo, e troverebbe di sicuro una maggioranza. Per tutto il resto, a cominciare dall’identità di genere, dobbiamo poter discutere con calma e per tutto il tempo che serve.

IL TRANSUMANESIMO NEL BEL MEZZO DEL SALOTTO "IDENTITA' DI GENERE"

di JENNIFER BILEK

C'è un fantasma che fluttua intorno all'istituzionalizzazione globale dell'"identità di genere". Di che cosa si tratta? Che cosa sta succedendo? Vediamo che qualcosa che sta capitando, ma non riusciamo a capirlo. Perché questi cambiamenti catapultati nelle culture occidentali, promossi da grandi capitali e governi?

Questo fantasma ha un nome: Transumanesimo. È la questione innominata nel bel mezzo del salotto dell'"identità di genere", che non riusciamo ad affrontare fino in fondo. Tutti i tentacoli dei cambiamenti che trasformano la società, operati in nome del genere, nascono da questo fantasma, da questa cosa che ci rifiutiamo di nominare e affrontare.

Il transumanesimo è il fronte sul quale resistere se vogliamo fermare la decostruzione della nostra specie. Noi, come esseri umani, siamo sessualmente dimorfici e l'"identità di genere" sta decostruendo il sesso. La "Gender Identity" ha molte diverse declinazioni, ma la maggior parte di noi guarda i particolari e non vede l'insieme. Dobbiamo guardare quello che "identità di genere" produce, più che a quello che significa. Distrugge il sesso come categoria significativa e sta letteralmente desessualizzando bambini e giovani . Questo è il punto. È così che viene utilizzato da coloro che forzano la cultura per normalizzare la dissociazione dalla nostra realtà sessuata.

L'accettazione del desexing del corpo umano è oggetto di investimento di miliardari del settore farmaceutico e tecnologico, come Martine Rothblatt , una transessuale-transumanista, e Jennifer Pritzker , un'altra transessuale che con la sua famiglia detiene enormi investimenti nel complesso medico industriale. Tim Gill della ONG LGBT Gill Foundation sta guidando la normalizzazione della dissociazione corporea a livello globale attraverso l'"identità di genere" e investe in tecnologia e intelligenza artificiale. Jon Stryker, erede della fortuna medica di Stryker, guida il progetto dell'identità di genere o dissociazione corporea in tutto il mondo con l'ONG LGBT Arcus Foundation, da lui fondata.

Questi uomini sono tutti profondamente legati alle ONG globali LGBT che all'insegna dei diritti umani stanno guidando la dissociazione del corpo nelle nostre culture, smantellando il dimorfismo sessuale e promuovendo una molteplicità di sessi. Questo non significa che tutti questi uomini si conoscano e lavorino all'unisono, anche se la maggior parte lo fa. Significa che appartengono a una classe che detiene il potere finanziario, hanno investimenti nelle industrie tecnologiche e farmaceutiche e sono consapevoli di ciò che porta profitti a questi settori.

La dottoressa Heather Brunskell Evans , filosofa accademica nel Regno Unito, ha recentemente citato un rapporto pubblicato da Gendered Intelligence (GI), gruppo della lobby globale "transgender", che sostiene che i bambini dovrebbero essere liberi di manipolare le loro caratteristiche sessuali. GI afferma che la libertà dei bambini e dei giovani sta nello “ smantellare il potere culturalmente attribuito al biologico. Questa è un'affermazione affascinante. Il messaggio di GI sembra chiaro: la realtà biologica del sesso è un costrutto sociale che ha troppo potere.

Un rapporto del Ministero della Difesa del Regno Unito pubblicato di recente descrive in dettaglio i progressi del potenziamento umano, non solo per quanto riguarda la Difesa ma anche per le nostre vite come esseri umani. “Il potenziamento umano può avere un impatto su ogni aspetto della nostra vita e persino cambiare il significato di ciò che significa essere umani. Potrebbe cambiare i concetti filosofici, i nostri sistemi di credenze e le strutture etiche e legali in modi che siamo in grado di prevedere".

Non sono forse i cambiamenti a cui stiamo assistendo nella nuova industria del genere, rappresentata come un movimento per i diritti umani? Quanto ai bloccanti della pubertà, farmaci i cui effetti causano danni irreversibili, la strategia di genere afferma: "È importante che i bambini e i giovani ... possano sperimentare, cambiare idea, provare nuovi stili, esprimersi". Stanno chiaramente sostenendo che i bambini devono avere carta bianca nella scelta di modificare le loro caratteristiche sessuali e di usare sostanze pericolose per farlo.

Le leggi vengono rapidamente adattate in molti paesi contemporaneamente, aiutate dalle ONG LGBT e dalle organizzazioni "transgender" , per apportare modifiche legali che consentano la depatologizzazione della disincarnazione.

Identità di genere, porta d'ingresso al transumanesimo
Cartellone affisso in una scuola italiana

Un'americana, Martine Rothblatt , ha tenuto una conferenza in Canada nel 2016, sulla necessità che i "transumanisti tecnologici" creino un apparato politico paragonabile al WPATH (World Professional Association of Transgender Health), che validerà socialmente i "transumanisti tecnologici". Rothblatt ha creato il primo quadro giuridico per la costruzione del genere in tutto il mondo. Ha lavorato al progetto sul genoma umano a livello delle Nazioni Unite e per la NASA. Possiede una società biofarmaceutica, ha creato una religione della disincarnazione e ha costruito un robot di sua moglie.

Rothblatt ha scritto e parlato dei cambiamenti dell'umanità che decostruiranno il dimorfismo sessuale per almeno una generazione. Egli paragona il dimorfismo sessuale all'apartheid sudafricano ed è legato al ramo d'affari da 3,6 trilioni di dollari dell'organizzazione LGBT globale OutLeadership . Ha scritto sul futuro tecnologico della riproduzione in cui gli esseri umani, con l'ausilio della tecnologia, non avranno bisogno di accoppiarsi.

Il presidente Biden ha recentemente approvato un altro disegno di legge in cui "l'identità di genere" prevarrà sui diritti delle donne basati sul sesso. Il nostro linguaggio è già cambiato per cancellare la nostra realtà sessuata. Possibile che Biden non capisca cosa sta facendo? Obama, aiutato finanziariamente per la campagna elettorale dai Pritzker -sotto i quali Biden è stato vicepresidente- è diventato il primo presidente a usare la parola "transgender" in un discorso sullo stato del sindacato. Obama ha convocato un incontro speciale per studenti "transgender" alla Casa Bianca, nel 2015, guadagnandosi il titolo di "Trans President".

Che il presidente degli Stati Uniti faccia questo per una minuscola parte della popolazione di bambini che hanno disforia corporea legata ai loro genitali è assurdo, così come le leggi che passano in tutto il mondo che consentono agli uomini di rivendicare di percepirsi donne. Così come sono un'assurdità le nuove corporazioni per dipendenti di banche globali che hanno disforia sul proprio sesso. È folle che si celebrino feste di castrazione per giovani e che Mastercard abbia creato una carta di credito per coloro che si dissociano dalla loro realtà sessuata. Non è solo importante, ma è imperativo nominare questa follia, invece che sostenere la premessa di una terza categoria di umani che non sono maschi o femmine e per i quali la società viene riorganizzata.

L'unica cosa chiara è che la gente viene preparata a enormi cambiamenti dell'umanità e che le leggi vengono cambiate per supportare i cambiamenti in arrivo.

Questa evoluzione forzata della nostra specie è alle porte. Dobbiamo capire che l'identità di genere è una facciata per normalizzare il desexing della nostra specie in direzione di una fusione con la tecnologia ben più complessa di quanto abbiamo visto finora. Dobbiamo avere il coraggio di affrontare il transumanesimo nel bel mezzo del salotto dell'“identità di genere” o rischiamo di venire cambiati per sempre.

articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora