24 Maggio 2021

Finlandia. Minori con disforia di genere, nuove linee guida: più aiuto psicologico, meno ormoni

Le terapie psicologiche, per anni stigmatizzate come terapie di conversione, in Finlandia tornano a essere la prima opzione per bambine-i con disforia di genere. Brusca frenata sugli ormoni ai minori in molti Paesi occidentali. E in Italia?
Condividi questo articolo

Molte tra le nazioni pioniere nel trattamento ormonale di bambine-i per avviarli alla transizione stanno rivedendo le loro linee guida. In Svezia non si potranno più trattare farmacologicamente i minori di 16 anni, in UK, dopo l'importante sentenza sul caso Keira Bell -vedi qui- serve l'ok di un tribunale, in Finlandia si tornano a privilegiare i trattamenti psicoterapeutici, per approdare alla terapia ormonale solo come extrema ratio. In Italia l'uso dei bloccanti della pubertà su bambine-i è consentito con semplice diagnosi medica e senza l'intervento di un tribunale. Non si conoscono al momento i dati sul numero dei minori trattati. Presumibilmente, come nel resto dei Paesi occidentali, si tratta prevalentemente di bambine -7-8 casi su 10- che si identificano come maschi.

Ci sono molte differenze nelle linee guida finlandesi rispetto a come attualmente le cliniche canadesi stanno trattando la disforia di genere. In Canada, infatti, continua la pressione per "velocizzare" la transizione medica. La Finlandia, invece, promuove come prima linea d'azione interventi psicoterapeutici non invasivi. Nessun intervento chirurgico è permesso per minori sotto i 18 anni e la terapia ormonale si inizia solo se si accerta che "l'identitificazione nell'altro sesso è di natura permanente e causa grave disforia". Quando si decidono le misure di trattamento, ci si deve assicurare che la disforia associata all'identità di genere sia persistente da almeno da 2 anni e che la persona possa descrivere coerentemente come la disforia sia dannosa per sè nelle situazioni quotidiane, nella sua vita sociale o nella sua carriera professionale, causando una sofferenza significativa. Le misure di trattamento che modificano il corpo per essere più congruente con l'identità di genere della persona possono essere eseguite se la persona può ragionevolmente giustificarne la necessità ed è consapevole dei rischi associati.

Il “Council for Choices in Health Care” (COHERE Finland) - che lavora in collaborazione con il Ministero degli Affari Sociali e della Salute e che si occupa di emettere raccomandazioni sui servizi che dovrebbero essere inclusi nella sanità pubblica - è stato incaricato di creare un gruppo di esperti per valutare le linee guida cliniche riguardanti il trattamento medico per le persone con disforia di genere e la capacità delle persone di accedere al sistema sanitario finanziato pubblicamente per tale trattamento.

COHERE ha dichiarato che "il problema di salute è la disforia di genere, la variazione dell'identità di genere in quanto tale non è un problema di salute. La raccomandazione è focalizzata sul trattamento della disforia di genere e quindi anche la gravità della disforia è stata definita e anche i prerequisiti per essere in grado di diagnosticare la disforia di genere e per essere trattati. [...] In Finlandia non abbiamo una legislazione che dia alla persona il diritto di decidere quali servizi può ottenere dall'assistenza sanitaria finanziata pubblicamente. Ci deve essere una base medica sia per la diagnosi che per il trattamento". 

COHERE ha presentato tre report: il primo chiarisce i ruoli dei diversi fornitori di assistenza sanitaria in una situazione in cui un minore è incerto sulla sua identità di genere, il secondo report si concentra sul fornire raccomandazioni generali per il trattamento delle persone transgender adulte ed, infine, una terza pubblicazione da raccomandazioni per il trattamento della disforia di genere relativa alle persone non binarie e alle persone con identità di genere diverse da quelle di sesso opposto.

In tutti i report viene specificato che per migliorare l'allocazione appropriata delle risorse sanitarie e garantire la tempestività del processo diagnostico e di trattamento, qualsiasi valutazione del bisogno di assistenza psichiatrica e psicosociale, e qualsiasi trattamento ritenuto necessario, dovrebbe essere organizzato prima che la persona sia indirizzata alla clinica centralizzata di ricerca, in modo che il periodo di valutazione possa essere iniziato. È giustificato dal punto di vista medico inviare le persone alle cliniche di ricerca multiprofessionali dell'HUS (Helsinki University Hospital) e del TAYS (Tampere University Hospital) se soddisfano i seguenti criteri: la persona ha un conflitto di genere significativo e prolungato che causa una sofferenza identificabile in modo dannoso nelle situazioni quotidiane; la persona è stata sottoposta a diagnosi e trattamento di possibili sintomi psichiatrici concomitanti e la loro continuazione durante e dopo il trattamento, se necessario, è stata accertata; è confermato che la persona ha le condizioni psicologiche e una capacità funzionale sufficiente per una valutazione impegnativa.

Ci sono inoltre indicazioni specifiche sviluppate per il trattamento dei bambini: i trattamenti chirurgici non fanno parte dei metodi di trattamento della disforia causata dai conflitti di genere nei minori; l’inizio e il monitoraggio dei trattamenti ormonali devono essere centralizzati presso le cliniche di ricerca sull'identità di genere dell'HUS e del TAYS. Sulla base di un esame approfondito e caso per caso, l'inizio di interventi ormonali che modificano le caratteristiche sessuali può essere preso in considerazione prima che la persona abbia compiuto 18 anni solo se si può accertare che la sua identità come l'altro sesso è di natura permanente e causa una grave disforia. Inoltre, deve essere confermato che il giovane sia in grado di comprendere il significato dei trattamenti irreversibili e i benefici e gli svantaggi associati alla terapia ormonale a vita, e che non vi siano controindicazioni. Se un giovane (minorenne o maggiorenne) che soffre di ansia legata al genere ha sperimentato o sta sperimentando contemporaneamente sintomi psichiatrici che richiedono cure mediche specializzate, una valutazione dell'identità di genere può essere presa in considerazione se la necessità di tale valutazione continua dopo che gli altri sintomi psichiatrici sono cessati e lo sviluppo dell'adolescente procede normalmente.

Per coloro che non sono ancora entrati nella pubertà e hanno sperimentato sintomi di ansia persistente legata al conflitto di genere e/o all'identificazione come l'altro sesso, possono essere inviati per una visita di consultazione al gruppo di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS. Se ad un bambino prima dell'inizio della pubertà viene diagnosticata un'esperienza persistente di identificazione come l'altro sesso e mostra sintomi di ansia legata al genere, che aumenta in gravità nella pubertà, il bambino può essere guidato all'inizio della pubertà al gruppo di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS per una valutazione della necessità di un trattamento per sopprimere la pubertà. Sulla base di queste valutazioni, il trattamento di soppressione della pubertà può essere iniziato caso per caso, dopo un'attenta considerazione e appropriati esami diagnostici, se le indicazioni mediche per il trattamento sono presenti e non ci sono controindicazioni. I giovani che invece hanno già superato la pubertà possono essere inviati alla clinica di ricerca sull'identità di genere dei minori al TAYS o HUS per studi approfonditi sull'identità di genere se la variazione dell'identità di genere e la relativa disforia non riflettono la temporanea ricerca di identità tipica della fase di sviluppo dell'adolescenza e non si placano una volta che il giovane ha avuto l'opportunità di riflettere sulla sua identità, ma piuttosto la sua identità e lo sviluppo della personalità sembrano essere stabili.

Articolo originale qui, traduzione di Angela Tacchini

Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Maggio 2022
Femminista norvegese rischia 3 anni di carcere per avere detto che un uomo non può essere madre
Christine Ellington, referente per la Norvegia di WDI, indagata dalla polizia per crimine d'odio nei confronti di tale Jentoft che si dice "lesbica". E che ha denunciato, con il sostegno di Amnesty International. Oggi dirsi donna è possibile per tutti. Tranne che per le donne
Mentre Netflix è sotto attacco transattivista per avere trasmesso lo stand-up dell’attore Ricky Gervais, che ha osato ironizzare sulle “donne con il pene”, in Norvegia si scherza molto meno. Christina Ellington, rappresentante di WDI (Women’s Declaration International) è indagata dalla polizia e rischia 3 anni di galera per avere twittato che i maschi non possono essere lesbiche e per avere detto in tv a  tale Jentoft, maschio che si identifica come una donna lesbica: "Tu sei un uomo. Non puoi essere […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora