Gravidanze di topi maschi per arrivare al parto maschile umano: esperimento biotech

Attaccare chirurgicamente un ratto femmina incinta al ratto maschio utero-trapiantato, in modo che il suo "sangue gravido" nutra come un elisir la gravidanza maschile. Obiettivo: il business delle gestazioni per trans, definite un "diritto umano"
Condividi questo articolo

A che cosa può servire prendere un topo maschio e un topo femmina, attaccarli chirurgicamente come gemelli siamesi -parabiosi-, collegare i due sistemi circolatori per fare correre il sangue della femmina nel maschio, castrare il maschio, trapiantare un utero nel suo corpo, ingravidare artificialmente la femmina, inserire embrioni anche nell'utero del topo maschio e condurre le due gravidanze fino a parto cesareo di entrambi?

Di sicuro non serve all'obiettivo fare partorire i topi maschi o agnelli maschi o buoi o esemplari maschi di altri mammiferi. Serve invece a sperimentare -con grande sofferenza di queste creature- la possibilità di gravidanza maschile umana.

L'obiettivo è questo -ed è sempre questo dalla notte dei tempi-: prendersi la gravidanza, prendersi la maternità, potere fare finalmente a meno delle donne se non come fornitrici di ovociti e di "sangue gravido", a quanto pare un vero elisir per il maschio gestante. E serve ovviamente a costruire un ottimo business destinato alle persone trans MtF o semplicemente a qualunque uomo voglia vivere l'esperienza della gravidanza per feticismo autoginefilo.

L'esperimento è stato condotto in Cina da Rongjia Zhang e Yuhuan Liu, non è stato ancora sottoposto a peer review e compare in preprint sul sito Biorxiv. Si chiama A rat model of male pregnancy, Modello di gravidanza maschile nel ratto. Si potrebbe anche semplicemente chiamare Invidia dell'utero, la sacra coppa, il Graal di sempre.

Nello studio si legge tra l'altro:

"Abbiamo costruito un modello di gravidanza maschile di ratto con una strategia in quattro fasi: una coppia parabiotica eterosessuale è stata inizialmente prodotta unendo chirurgicamente un ratto maschio castrato e un ratto femmina. Il trapianto di utero (UTx) è stato quindi eseguito sul parabiont maschio 8 settimane dopo. Dopo il recupero gli embrioni allo stadio di blastocisti sono stati trapiantati nell'utero innestato del parabiont maschio e nell'utero nativo del parabiont femminile. Il taglio cesareo è stato eseguito al giorno embrionale (ED) 21.5.

La parabiosi è un modello sperimentale che può collegare chirurgicamente due animali e condividere il loro microambiente sanguigno attraverso l'anastomosi... per ottenere il microambiente simil-femminile mediante scambio sanguigno... per osservare lo sviluppo embrionale nell'utero innestato nel parabionte maschio sotto esposizione a sangue gravido.

Il ratto femmina selezionato è stato usato per due diversi ruoli: come donatore di utero; come parabionte femminile per la chirurgia della parabiosi eterosessuale. Prima degli interventi di parabiosi al maschio sono stati rimossi i testicoli, l'epididimo, la prostata ventrale destra e le vescicole seminali.

Un totale di 842 embrioni allo stadio di blastocisti sono stati trasferiti a 46 coppie parabiotiche eterosessuali al giorno embrionale (ED) 4.5 (562 embrioni trasferiti a parabionti femmine e 280 embrioni trasferiti a parabionti maschi). A ED 18.5 è stata eseguita una laparotomia esplorativa per osservare lo sviluppo degli embrioni trasferiti. Abbiamo scoperto che 169 (30,07%) embrioni si sono sviluppati normalmente in uteri nativi di parabionti femminili a 18,5 ED, mentre solo 27 (9,64%) embrioni si sono sviluppati normalmente in uteri innestati di parabionti maschili.

Abbiamo quindi dedotto che gli embrioni trapiantati possono svilupparsi normalmente in uteri innestati di parabionti maschi solo quando i parabionti femminili concepiscono e forniscono l'esposizione del sangue gravido ai parabionti maschili. 

Abbiamo costruito un modello di gravidanza maschile nel ratto e abbiamo scoperto che gli embrioni allo stadio di blastocisti trapiantati possono svilupparsi fino alla maturità in uteri innestati di parabionti maschili se i parabionti maschili sono esposti al sangue in gravidanza da parabionti femminili. Il tasso di successo dell'intero esperimento è stato molto basso, ma 10 cuccioli hanno potuto essere partoriti da parabionti maschi mediante taglio cesareo e sviluppati fino all'età adulta. Inoltre, abbiamo trovato due nuovi fenomeni nel nostro modello di gravidanza maschile nel ratto. 

In primo luogo, durante il taglio cesareo a ED 21,5 sono stati osservati feti morti anormali solo negli uteri innestati di parabionti maschi. Considerando che non sono state riscontrate anomalie durante la laparotomia a ED 18,5, è stato dedotto che la morte anormale dei feti nei parabionti maschi è iniziata nella fase avanzata dello sviluppo embrionale (approssimativamente a ED 18,5-21,5). Rimane sconosciuto se questo fenomeno sia peculiare della gravidanza maschile nei mammiferi. In secondo luogo, solo gli embrioni esposti al sangue gravido di parabionti femmine possono svilupparsi normalmente nei parabionti maschi, suggerendo che il normale sviluppo degli embrioni nei mammiferi maschi si basa su un meccanismo che può essere indotto dall'esposizione al sangue gravido piuttosto che dall'esposizione al sangue femminile.

Gravidanze di topi maschi per arrivare al parto maschile umano: esperimento biotech

Per una parte del movimento transgender e altri programmi per la creazione di nuove strutture familiari la gravidanza maschile è una questione di diritti umani. Come si legge nel Journal of Medical Ethics:

Dal punto di vista della giustizia esiste l'imperativo morale di garantire un accesso equo all'UTx [trapianto uterino]. Gli argomenti contro la fornitura di UTx a donne geneticamente XY [transgender] che non siano correlati alla sicurezza e all'efficacia dovrebbero essere valutati attentamente per affrontare la potenziale discriminazione contro le donne geneticamente XY intese come gruppo sociale.

Quindi una questione di "giustizia sociale" legittimerebbe questo genere di ricerche perché si ritiene assolutamente inaccettabile che a una persona che decide la transizione dal maschile al femminile -con adattamenti cosmetici del suo corpo, che resta in ogni caso un corpo XY e non potrà mai essere un corpo XX- possano essere precluse le esperienze femminili della gestazione, del parto e della maternità.

Mentre a quanto pare non crea alcun problema etico il fatto che le donne vengano intese come fornitrici di ovociti, di uteri e perfino di "sangue gravido". In sostanza, corpi femminili liberamente parassitati da corpi maschili. Resta da capire in che modo e con quali dispositivi si potrebbe realizzare questa trasfusione continuativa di sangue femminile in un corpo maschile.

Trasfusioni quotidiane? Vampirizzazioni? Commercio di sangue? Le donne bisognose potranno pensare di farsi mettere incinte per poter vendere il proprio sangue gravido surrogato, oltre agli ovociti e all'utero?

C'è anche il problema di avere procurato una grave sofferenza ad animali inermi senza alcuna giustificata e impellente ragione se non il possibile business.

Come nota l'intelligente amica che mi ha segnalato l'esperimento, se invocassimo la difesa dei diritti animali avremmo probabilmente più chance di fermare questo orrore di quante ne avremmo se chiedessimo di considerare i diritti delle donne -e quelli di bambine e bambini-, mai così poco considerati in tempi moderni come in questo doloroso fine-patriarcato.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Il "regalo" del sindaco Beppe Sala al Pride
D'ora in poi a Milano verranno registrati in automatico gli atti di nascita dei figli di "coppie omogenitoriali", compresi quelli nati da utero in affitto. Anche se la legge e successive sentenze condannano fermamente la pratica e indicano la strada dell'adozione per il genitore "intenzionale". Ma l'anagrafe è di competenza dello Stato, e non delle amministrazioni locali. E i milanesi non sono mai stati interpellati a riguardo: tutte le criticità di una decisione unilaterale e molto glam che potrebbe presentare anche profili di incostituzionalità
“Abbiamo riavviato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali”: le parole con cui il sindaco Beppe Sala ha annunciato il suo personale “regalo” al Pride hanno inizialmente ingenerato qualche confusione. Infatti i figli nati “in Italia” per iniziativa -e giocoforza non “da”- coppie omogenitoriali sono solo i figli di donne unite con altre donne. I figli delle coppie di uomini nascono in Canada, in California o in altre nazioni mete di turismo procreativo, ma in Italia no […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
Come hanno fatto a vincere la guerra contro Roe
Non avere trasformato la Roe v. Wade in legge è stato l'errore capitale della sinistra americana, a cominciare da Barack Obama. L'aborto era una questione del tutto secondaria per i liberal assorbiti dalle trans-politics, che hanno passato gli anni a cancellare la parola "donna" rinominandola come "mestruatore" e "portatore di utero", anziché occuparsi dei diritti delle donne
Come hanno fatto i pro-life americani a vincere la guerra contro la sentenza Roe v. Wade? Nell’articolo di cui vi presentiamo ampli stralci la giornalista Sarah Ditum spiega come l’incuria e l’arroganza dei democratici hanno involontariamente aiutato a riportare indietro di 50 anni i diritti delle donne in America. "Quando è diventato certo che il diritto all'aborto delle donne americane sarebbe stato revocato? La sentenza della Corte Suprema secondo la quale "Roe era terribilmente sbagliata fin dall'inizio" è trapelata quasi due mesi fa, […]
Leggi ora
25 Giugno 2022
Elezioni di midterm negli USA: dopo la sentenza sull'aborto le donne saranno decisive?
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti in una quasi-guerra civile? Il voto di novembre sarà il primo banco di prova. Le donne potrebbero costituire il nucleo forte di quel fronte moderato che negli USA non riesce a trovare espressione politica
Che cosa faranno ora le donne americane? Vincerà la solidarietà tra loro, come ha sempre vinto in Italia riguardo all'aborto, tenendo insieme le cattoliche e le agnostiche, le donne di sinistra e quelle di destra in difesa della legge 194/78? O si accomoderanno negli schieramenti contrapposti, per descrivere con un eufemismo la quasi-guerra civile in corso negli Stati Uniti? Le elezioni di midterm a novembre, che vedevano favoriti i repubblicani, saranno il primo banco di prova: quante elettrici, sia pure […]
Leggi ora