7 Aprile 2021

Donne in lotta per la salute di bambine e bambini

Condividi questo articolo

Mentre sabato 10 aprile a Vancouver si terrà una manifestazione non-partisan contro la transizione di bambine e bambini e in sostegno al padre incarcerato (vedi qui) per essersi espresso contro la terapia ormonale somministrata alla figlia di 14 anni, in Uk The Times torna nuovamente sui rischi per la salute dei minori "non conformi" trattati con puberty blocker, dopo migliaia di terapie disastrosamente somministrate, vedere qui (terapie autorizzate anche in Italia, ma nel nostro Paese quasi tutti i media e la politica ignorano il problema).

Le donne hanno grandi meriti in questa lotta per il risk disclosure: il femminismo gender critical tiene al centro della sua attenzione anche i corpi delle bambine e dei bambini.


L'allarme per gli impatti sulla salute della somministrazione di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati ai giovani alle prese con l'identità di genere ha spinto a chiedere una revisione del loro uso in Scozia.

Il National Institute for Health and Care Excellence (Nice) ha affermato che gli studi esistenti sui farmaci erano stati effettuati su campioni troppo piccoli e "soggetti a pregiudizi e confusione".

C'è anche una ricerca pubblicata dal British Medical Journal che ha descritto come i bambini in terapia con bloccanti della pubertà alla fine del trattamento, all'età di 16 anni, hanno subito una crescita ridotta in altezza e forza ossea.

Lo Scottish Intercollegiate Guidelines Network (Sign), che fornisce consulenza clinica al NHS, è stato invitato a una revisione degli studi, per la preoccupazione che ai bambini di otto anni possano essere prescritti questi farmaci.

"Dovrebbe essere uno scandalo nazionale, speriamo che le prossime elezioni costringeranno i nostri politici a riflettere sulle loro responsabilità e che si fermi immediatamente questo esperimento medico, in attesa di una revisione completa" ha affermato Trina Budge, che dirige For Women Scotland.

Una donna preoccupata a cui è stato detto che sua figlia stava soffrendo di disforia di genere, ha detto: “Le conclusioni sono piuttosto schiaccianti e dimostrano che si tratta di una sperimentazione. Chiunque può suggerire un problema a Sign perché approfondisca, quindi chiederò loro di dare un'occhiata alla recensione di Nice ".

I bloccanti della pubertà, noti scientificamente come analoghi dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), sono prescritti ad giovani con disforia di genere - angoscia causata da una discrepanza tra il genere "percepito" e il proprio sesso alla nascita. Agiscono sul cervello per bloccare l'aumento degli ormoni sessuali - estrogeni e testosterone - che accompagna la pubertà.

Gli effetti dei farmaci sono stati propagandati in Scozia come "completamente reversibili", ma lo scorso anno l'NHS Greater Glasgow e Clyde hanno ritirato il loro opuscolo sulla disforia di genere e si sono scusati dopo una protesta secondo la quale i potenziali effetti a lungo termine non erano stati chiariti.

I risultati di Nice, pubblicati la scorsa settimana, sono stati commissionati dall'NHS England in supporto a uno studio indipendente di Hilary Cass, consulente pediatrico, sui servizi di identità di genere per bambini e giovani.

Sono stati esaminati diciannove studi separati, fra cui nove che hanno esaminato l'impatto dei bloccanti della pubertà sulla disforia, sui problemi di salute mentale - come depressione, rabbia e ansia - e sulla qualità della vita dei destinatari. Nice, che fornisce indicazioni e consigli per migliorare l'assistenza sanitaria e sociale, ha affermato: "La qualità delle prove alla base di questi risultati offre una certezza molto bassa". Ha rilevato che anche le prove sull'efficacia clinica e sulla sicurezza degli ormoni cross-sex erano di qualità "molto bassa", aggiungendo: "Qualsiasi potenziale beneficio degli ormoni che affermano il genere deve essere valutato rispetto al profilo di sicurezza a lungo termine in gran parte sconosciuto di questi trattamenti nei bambini e negli adolescenti con disforia di genere".

Nessuna delle due revisioni include raccomandazioni ed entrambe costituiscono un consiglio, piuttosto che una guida formale.

A febbraio, tuttavia, uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha avvertito che i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni a cui sono stati prescritti bloccanti della pubertà hanno sperimentato una crescita ridotta in altezza e forza ossea al termine del trattamento all'età di 16 anni. I risultati si basavano su uno studio di 44 bambini trattati presso il Tavistock and Portman NHS Trust, che gestisce un servizio per l'identità di genere.

Lo scorso dicembre, in una causa intentata da Keira Bell contro il Tavistock e il Portman NHS Trust, l'Alta Corte ha stabilito che i minori di 16 anni potevano acconsentire ai bloccanti della pubertà solo se davvero in grado di "comprendere la natura del trattamento". Ma con una mossa che probabilmente annulla in parte quella sentenza, il mese scorso il tribunale ha deciso che i genitori possono consentire che i loro figli ricevano bloccanti della pubertà senza richiedere l'approvazione dei giudici.

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
22 Aprile 2022
Torna al Senato il ddl Zan. Tale e quale. E noi di nuovo pronte alla lotta. Tale e quale
Irriducibili, Zan e il PD tornano alla carica. Con lo stesso identico testo già caduto al Senato. Vero obiettivo, l'identità di genere e la formazione nelle scuole. E mentre gran parte dell'Occidente -dalla Gran Bretagna alla Svezia, alla Finlandia. all'Australia, alla Florida- arretra sul self-id dopo averne constatato i danni per donne, bambine e bambini, in Italia si intende importare questo prodotto scaduto
Guerra o non guerra, Covid o non Covid, la settimana prossima al Senato, presumibilmente mercoledì 27- il PD ripresenterà il ddl Zan. Tale e quale. Nessuna obiezione è stata considerata, né tanto meno discussa. L'identità di genere -è la cosa a cui si tiene di più, il vero architrave della legge- resta al centro, con la formazione nelle scuole e tutto il resto. Il mondo occidentale arretra dopo avere constatato i danni causati dall'autoidentificazione di genere e dal self-id, a […]
Leggi ora
7 Aprile 2022
Boris Johnson: No ai corpi maschili negli sport femminili
In seguito ad una lettera all’Unione Ciclistica Internazionale che definisce discriminatorie le regole sull’inclusione degli atleti transgender, Boris Johnson dichiara che le “trans women”, ovvero uomini nati biologicamente maschi, non dovrebbero competere negli sport femminili e che le donne hanno diritto a spazi dedicati solo a loro.
Lo sport femminile “inclusivo” dei nati maschi è attualmente oggetto di un dibattito infuocato sui media inglesi, anche in vista delle prossime elezioni nazionali (maggio 2022). Avevano già fatto scalpore le scandalose vittorie di Lia Thomas in America, ma il prospettarsi di un caso simile in Gran Bretagna ha alzato l’attenzione delle atlete e delle donne tutte, e ha costretto anche il premier Boris Johnson a pronunciarsi sul tema. In questo caso è stata efficace la protesta delle atlete, espressa […]
Leggi ora
2 Aprile 2022
Biden: sì agli ormoni per bambine e bambini
Diversamente da Svezia, Finlandia, Uk, Australia, paesi pionieri che visti i danni causati dai farmaci sui minori con disforia di genere tornano alla priorità della terapia psicologica, gli USA spingono sulla farmacologizzazione immediata. E la chiamano "diritto dei bambini", dicendo che ogni altro approccio è "discriminatorio"
Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha diffuso un documento in cui appoggia l’approccio “affermativo” alla transizione dei minori, che prevede la prescrizione immediata di farmaci bloccanti della pubertà e ormoni a bambine e bambini che si dichiarano a disagio con il proprio genere, saltando la valutazione psicologica per non ritardare in alcun modo la medicalizzazione. Abigail Shrier ha dato la notizia su Twitter (vedere qui). Ancora una volta l’amministrazione Biden si è dimostrata controcorrente rispetto a paesi pionieri dell’identità di genere, […]
Leggi ora
1 Aprile 2022
Generazione Porno
Una giovane donna racconta come il consumo di pornografia ha influenzato la sua sessualità e le sue relazioni, allontanandola dalla verità del suo corpo. Convinta a credere che "il porno sia sesso e il sesso sia porno", l'unico desiderio è quello di compiacere e mostrarsi cool, accettando come normale la violenza maschile
Come nel femminismo di seconda ondata, il tema della sessualità è tornato prepotentemente all'attenzione della ragazze. Praticato intensamente negli anni Settanta, quel territorio è stato successivamente abbandonato per investire energie su altri temi, primo fra tutti quello del lavoro. Nel frattempo la pornografia è dilagata, soprattutto dalla nascita del web in avanti, fino a raggiungere inimmaginabili livelli di diffusione, influenzando pesantemente la libera ricerca del piacere di bambine-i e adolescenti. Se per i maschi i modelli mutuati dalla pornografia consumata […]
Leggi ora