7 Aprile 2021

Donne in lotta per la salute di bambine e bambini

Condividi questo articolo

Mentre sabato 10 aprile a Vancouver si terrà una manifestazione non-partisan contro la transizione di bambine e bambini e in sostegno al padre incarcerato (vedi qui) per essersi espresso contro la terapia ormonale somministrata alla figlia di 14 anni, in Uk The Times torna nuovamente sui rischi per la salute dei minori "non conformi" trattati con puberty blocker, dopo migliaia di terapie disastrosamente somministrate, vedere qui (terapie autorizzate anche in Italia, ma nel nostro Paese quasi tutti i media e la politica ignorano il problema).

Le donne hanno grandi meriti in questa lotta per il risk disclosure: il femminismo gender critical tiene al centro della sua attenzione anche i corpi delle bambine e dei bambini.


L'allarme per gli impatti sulla salute della somministrazione di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati ai giovani alle prese con l'identità di genere ha spinto a chiedere una revisione del loro uso in Scozia.

Il National Institute for Health and Care Excellence (Nice) ha affermato che gli studi esistenti sui farmaci erano stati effettuati su campioni troppo piccoli e "soggetti a pregiudizi e confusione".

C'è anche una ricerca pubblicata dal British Medical Journal che ha descritto come i bambini in terapia con bloccanti della pubertà alla fine del trattamento, all'età di 16 anni, hanno subito una crescita ridotta in altezza e forza ossea.

Lo Scottish Intercollegiate Guidelines Network (Sign), che fornisce consulenza clinica al NHS, è stato invitato a una revisione degli studi, per la preoccupazione che ai bambini di otto anni possano essere prescritti questi farmaci.

"Dovrebbe essere uno scandalo nazionale, speriamo che le prossime elezioni costringeranno i nostri politici a riflettere sulle loro responsabilità e che si fermi immediatamente questo esperimento medico, in attesa di una revisione completa" ha affermato Trina Budge, che dirige For Women Scotland.

Una donna preoccupata a cui è stato detto che sua figlia stava soffrendo di disforia di genere, ha detto: “Le conclusioni sono piuttosto schiaccianti e dimostrano che si tratta di una sperimentazione. Chiunque può suggerire un problema a Sign perché approfondisca, quindi chiederò loro di dare un'occhiata alla recensione di Nice ".

I bloccanti della pubertà, noti scientificamente come analoghi dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), sono prescritti ad giovani con disforia di genere - angoscia causata da una discrepanza tra il genere "percepito" e il proprio sesso alla nascita. Agiscono sul cervello per bloccare l'aumento degli ormoni sessuali - estrogeni e testosterone - che accompagna la pubertà.

Gli effetti dei farmaci sono stati propagandati in Scozia come "completamente reversibili", ma lo scorso anno l'NHS Greater Glasgow e Clyde hanno ritirato il loro opuscolo sulla disforia di genere e si sono scusati dopo una protesta secondo la quale i potenziali effetti a lungo termine non erano stati chiariti.

I risultati di Nice, pubblicati la scorsa settimana, sono stati commissionati dall'NHS England in supporto a uno studio indipendente di Hilary Cass, consulente pediatrico, sui servizi di identità di genere per bambini e giovani.

Sono stati esaminati diciannove studi separati, fra cui nove che hanno esaminato l'impatto dei bloccanti della pubertà sulla disforia, sui problemi di salute mentale - come depressione, rabbia e ansia - e sulla qualità della vita dei destinatari. Nice, che fornisce indicazioni e consigli per migliorare l'assistenza sanitaria e sociale, ha affermato: "La qualità delle prove alla base di questi risultati offre una certezza molto bassa". Ha rilevato che anche le prove sull'efficacia clinica e sulla sicurezza degli ormoni cross-sex erano di qualità "molto bassa", aggiungendo: "Qualsiasi potenziale beneficio degli ormoni che affermano il genere deve essere valutato rispetto al profilo di sicurezza a lungo termine in gran parte sconosciuto di questi trattamenti nei bambini e negli adolescenti con disforia di genere".

Nessuna delle due revisioni include raccomandazioni ed entrambe costituiscono un consiglio, piuttosto che una guida formale.

A febbraio, tuttavia, uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha avvertito che i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni a cui sono stati prescritti bloccanti della pubertà hanno sperimentato una crescita ridotta in altezza e forza ossea al termine del trattamento all'età di 16 anni. I risultati si basavano su uno studio di 44 bambini trattati presso il Tavistock and Portman NHS Trust, che gestisce un servizio per l'identità di genere.

Lo scorso dicembre, in una causa intentata da Keira Bell contro il Tavistock e il Portman NHS Trust, l'Alta Corte ha stabilito che i minori di 16 anni potevano acconsentire ai bloccanti della pubertà solo se davvero in grado di "comprendere la natura del trattamento". Ma con una mossa che probabilmente annulla in parte quella sentenza, il mese scorso il tribunale ha deciso che i genitori possono consentire che i loro figli ricevano bloccanti della pubertà senza richiedere l'approvazione dei giudici.

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
27 Giugno 2022
New England Journal of Medicine: il divieto di aborto è una catastrofe sanitaria
La prestigiosa rivista lancia l'allarme: saranno soprattutto le donne povere e di colore a pagare il prezzo della sentenza della Corte Suprema, ricacciate ad abortire nella clandestinità con gravi rischi per la loro salute. Anche la pillola del giorno dopo e perfino la spirale potrebbero essere vietati e perseguiti come mezzi abortivi
La decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti in Dobbs v. Jackson Women's Health Organization rappresenta uno straordinario capovolgimento (...) Eppure non era inaspettato. Nel lungo e doloroso preludio alla decisione, molti stati hanno gravemente limitato l'accesso all'assistenza sanitaria riproduttiva. La foglia di fico che copriva queste restrizioni era che l'aborto indotto era una procedura pericolosa che richiedeva una regolamentazione più severa per proteggere la salute delle donne che cercavano tale assistenza. I fatti smentiscono questa falsa retorica.  Gli ultimi dati disponibili negli Stati Uniti […]
Leggi ora