7 Aprile 2021

Donne in lotta per la salute di bambine e bambini

Condividi questo articolo

Mentre sabato 10 aprile a Vancouver si terrà una manifestazione non-partisan contro la transizione di bambine e bambini e in sostegno al padre incarcerato (vedi qui) per essersi espresso contro la terapia ormonale somministrata alla figlia di 14 anni, in Uk The Times torna nuovamente sui rischi per la salute dei minori "non conformi" trattati con puberty blocker, dopo migliaia di terapie disastrosamente somministrate, vedere qui (terapie autorizzate anche in Italia, ma nel nostro Paese quasi tutti i media e la politica ignorano il problema).

Le donne hanno grandi meriti in questa lotta per il risk disclosure: il femminismo gender critical tiene al centro della sua attenzione anche i corpi delle bambine e dei bambini.


L'allarme per gli impatti sulla salute della somministrazione di bloccanti della pubertà e ormoni sessuali incrociati ai giovani alle prese con l'identità di genere ha spinto a chiedere una revisione del loro uso in Scozia.

Il National Institute for Health and Care Excellence (Nice) ha affermato che gli studi esistenti sui farmaci erano stati effettuati su campioni troppo piccoli e "soggetti a pregiudizi e confusione".

C'è anche una ricerca pubblicata dal British Medical Journal che ha descritto come i bambini in terapia con bloccanti della pubertà alla fine del trattamento, all'età di 16 anni, hanno subito una crescita ridotta in altezza e forza ossea.

Lo Scottish Intercollegiate Guidelines Network (Sign), che fornisce consulenza clinica al NHS, è stato invitato a una revisione degli studi, per la preoccupazione che ai bambini di otto anni possano essere prescritti questi farmaci.

"Dovrebbe essere uno scandalo nazionale, speriamo che le prossime elezioni costringeranno i nostri politici a riflettere sulle loro responsabilità e che si fermi immediatamente questo esperimento medico, in attesa di una revisione completa" ha affermato Trina Budge, che dirige For Women Scotland.

Una donna preoccupata a cui è stato detto che sua figlia stava soffrendo di disforia di genere, ha detto: “Le conclusioni sono piuttosto schiaccianti e dimostrano che si tratta di una sperimentazione. Chiunque può suggerire un problema a Sign perché approfondisca, quindi chiederò loro di dare un'occhiata alla recensione di Nice ".

I bloccanti della pubertà, noti scientificamente come analoghi dell'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH), sono prescritti ad giovani con disforia di genere - angoscia causata da una discrepanza tra il genere "percepito" e il proprio sesso alla nascita. Agiscono sul cervello per bloccare l'aumento degli ormoni sessuali - estrogeni e testosterone - che accompagna la pubertà.

Gli effetti dei farmaci sono stati propagandati in Scozia come "completamente reversibili", ma lo scorso anno l'NHS Greater Glasgow e Clyde hanno ritirato il loro opuscolo sulla disforia di genere e si sono scusati dopo una protesta secondo la quale i potenziali effetti a lungo termine non erano stati chiariti.

I risultati di Nice, pubblicati la scorsa settimana, sono stati commissionati dall'NHS England in supporto a uno studio indipendente di Hilary Cass, consulente pediatrico, sui servizi di identità di genere per bambini e giovani.

Sono stati esaminati diciannove studi separati, fra cui nove che hanno esaminato l'impatto dei bloccanti della pubertà sulla disforia, sui problemi di salute mentale - come depressione, rabbia e ansia - e sulla qualità della vita dei destinatari. Nice, che fornisce indicazioni e consigli per migliorare l'assistenza sanitaria e sociale, ha affermato: "La qualità delle prove alla base di questi risultati offre una certezza molto bassa". Ha rilevato che anche le prove sull'efficacia clinica e sulla sicurezza degli ormoni cross-sex erano di qualità "molto bassa", aggiungendo: "Qualsiasi potenziale beneficio degli ormoni che affermano il genere deve essere valutato rispetto al profilo di sicurezza a lungo termine in gran parte sconosciuto di questi trattamenti nei bambini e negli adolescenti con disforia di genere".

Nessuna delle due revisioni include raccomandazioni ed entrambe costituiscono un consiglio, piuttosto che una guida formale.

A febbraio, tuttavia, uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha avvertito che i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni a cui sono stati prescritti bloccanti della pubertà hanno sperimentato una crescita ridotta in altezza e forza ossea al termine del trattamento all'età di 16 anni. I risultati si basavano su uno studio di 44 bambini trattati presso il Tavistock and Portman NHS Trust, che gestisce un servizio per l'identità di genere.

Lo scorso dicembre, in una causa intentata da Keira Bell contro il Tavistock e il Portman NHS Trust, l'Alta Corte ha stabilito che i minori di 16 anni potevano acconsentire ai bloccanti della pubertà solo se davvero in grado di "comprendere la natura del trattamento". Ma con una mossa che probabilmente annulla in parte quella sentenza, il mese scorso il tribunale ha deciso che i genitori possono consentire che i loro figli ricevano bloccanti della pubertà senza richiedere l'approvazione dei giudici.

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
13 Ottobre 2022
Boldrini sbaglia
In nome della bigenitorialità e di un paritarismo ideologico la parlamentare PD propone una modifica dell'art. 37 della Costituzione che parla della relazione tra la madre e il figlio come meritevole di "speciale protezione". Sarebbe un gran regalo "costituzionale" alla lobby dei padri separati sostenuta in particolare dalla Lega. E accrescerebbe i rischi per madri e bambini
Laura Boldrini annuncia la sua intenzione di depositare immediatamente in Parlamento una serie di proposte che chiama "pacchetto diritti". Tra queste, l'idea di una modifica dell'art. 37 della Costituzione in cui si afferma che "La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione". L'intento di Boldrini è […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
30 Settembre 2022
Il padre di Giorgia
Stigmatizzato anche da sinistra il volgare attacco di Rula Jebreal che fa ricadere su Meloni le colpe di un padre inaffidabile e assente. Assenza che piuttosto può offrire una chiave di lettura alla sua ascesa politica fino al controllo di un partito maschile. E anche la sua attenzione al tema della maternità
Nel suo volgare attacco, stigmatizzato da destra e da sinistra, Rula Jebreal sostiene -sulla base di uno scoop della stampa spagnola- che "il padre della Meloni è un famigerato trafficante di droga/criminale condannato che ha scontato una pena in una prigione" quando lei "afferma che i richiedenti asilo sono criminali che vogliono sostituire i bianchi" (sempre per la cronaca, Meloni ha annunciato che querelerà Jebreal per averle attribuito questa dichiarazione). La leader della destra non ha mai fatto mistero dell'abbandono […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora