24 atletas italianas han emprendido acciones legales contra ultracuerpos masculinos en sus deportes

Las deportistas -entre las que se encuentran Cristina Sanulli y Denise Neumann, derrotadas por el "transfemenino" Valentina Petrillo- denunciaron que se les priva de competiciones justas, en violación del Código de Igualdad de Oportunidades. Y escribieron al ministro Bonetti y al subsecretario Vezzali. Hasta ahora no han recibido respuesta.
Condividi questo articolo

Ante la proximidad de los Juegos Olímpicos y Paralímpicos de Tokio en julio, los medios de comunicación han empezado a mostrar imágenes de competiciones de mujeres en las que participan -y casi siempre ganan- atletas nacidas como hombres. Gracias a las directrices elaboradas por un grupo exclusivamente masculino del Comité Olímpico Internacional, que establecen como único criterio la autoidentificación con la "identidad de género femenina" y la disminución del nivel de testosterona.

Las imágenes de estos cuerpos altos y musculosos, con un armazón que a pesar de los pechos, los monos rosas, el lápiz de labios y el esmalte de uñas rojo sigue siendo inconfundiblemente masculino, saltan a la vista y están abriendo un debate sobre la legitimidad de permitir que los atletas masculinos que se identifican como mujeres compitan con las mujeres.

Ante la evidente ventaja de los "ultracuerpos" masculinos en el deporte femenino, gran parte del público se ha preguntado: ¿en qué están pensando las atletas? ¿Por qué no se rebelan en masa?

De hecho, los informativos deportivos italianos han dado gran relevancia a la historia de Valentina Petrillo, "la primera atleta transexual que se presenta para clasificarse para Tokio 2020" (ver aquí y aquí), pero las mujeres deportistas han sido invisibilizadas, con pocas excepciones.

A pesar de este bloqueo de la prensa, las atletas italianas se han rebelado y han expresado su indignación, no abandonando las competiciones, sino por medios legales, al verse privadas de una competición justa.

La abogada y campeona italiana de atletismo Mariuccia Fausta Quilleri representa a 24 atletas femeninas que han firmado una petición en la que solicitan que se permita a los atletas transgénero nacidos en el sexo masculino competir en pruebas exclusivamente femeninas fuera de la competición.

Los atletas discuten en primer lugar la falta de base científica -así como la falta de validez legal- de las directrices del COI, como han demostrado numerosos estudios, entre los cuales el más completo es quizás el de la Dra. Emma Hilton y el Dr. Tommy Lundberg publicado en "Sports Medicine" (ver aquí).

Además, afirman que la admisión de cuerpos masculinos en las competiciones femeninas constituye una violación del artículo 1 del Código de Igualdad de Oportunidades entre hombres y mujeres, que -escribe el abogado Quilleri- "obliga al respeto absoluto, inviolable e indispensable de la individualidad física femenina".

La petición se envió el 3 de mayo al presidente de la Federación Italiana de Atletismo, Stefano Mei, a la ministra de Igualdad de Oportunidades, Elena Bonetti, y a la subsecretaria de Estado responsable del deporte, Valentina Vezzali. Después de más de un mes, ninguna de estas autoridades ha respondido todavía.

Entre las atletas que han firmado la petición también se encuentran Cristina Sanulli y Denise Neumann, que compitieron con Petrillo en los campeonatos italianos máster de Arezzo en octubre de 2020 -véanlas en la foto inicial- y que dijeron al periodista que las entrevistó que sentían que "no competían en igualdad de condiciones" (ver aquí).

Sanulli y Neumann siguieron entrenando y compitiendo, y en los campeonatos italianos en pista cubierta de Ancona, en marzo de 2021, tuvieron la oportunidad de una revancha. En la carrera de 200 metros en pista cubierta, Cristina Sanulli consiguió, a pesar de su menor estatura y su cuerpo femenino, superar a Petrillo en velocidad y quedó primera, y Valentina segunda, a pesar de contar con todas las ventajas técnicas que proporciona un cuerpo que ha experimentado la pubertad masculina: la zancada más larga, el corazón, los pies y los pulmones más grandes, un mayor consumo máximo de oxígeno por contracción muscular (VO2máx), unos tendones más fuertes, y mucho más.

 Aquí, el directo que hicimos el viernes 11 de junio con Mariuccia Fausta Quilleri y Cristina Sanulli para hablar de la petición y de sus experiencias directas.

Maria Celeste

Traducido al castellano por Mavi.

Artículo original publicado aquí el 7 de junio.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
22 Aprile 2022
Torna al Senato il ddl Zan. Tale e quale. E noi di nuovo pronte alla lotta. Tale e quale
Irriducibili, Zan e il PD tornano alla carica. Con lo stesso identico testo già caduto al Senato. Vero obiettivo, l'identità di genere e la formazione nelle scuole. E mentre gran parte dell'Occidente -dalla Gran Bretagna alla Svezia, alla Finlandia. all'Australia, alla Florida- arretra sul self-id dopo averne constatato i danni per donne, bambine e bambini, in Italia si intende importare questo prodotto scaduto
Guerra o non guerra, Covid o non Covid, la settimana prossima al Senato, presumibilmente mercoledì 27- il PD ripresenterà il ddl Zan. Tale e quale. Nessuna obiezione è stata considerata, né tanto meno discussa. L'identità di genere -è la cosa a cui si tiene di più, il vero architrave della legge- resta al centro, con la formazione nelle scuole e tutto il resto. Il mondo occidentale arretra dopo avere constatato i danni causati dall'autoidentificazione di genere e dal self-id, a […]
Leggi ora
16 Aprile 2022
New Jersey. Gravidanze in prigione femminile dopo l'arrivo di "detenute" trans
Due detenute incinte nel carcere femminile del New Jersey dopo l’arrivo di prigionieri transgender. A nulla sono servite le denunce di molestie da parte di uomini che "si identificano" come donne e le proteste delle guardie. L’autodeterminazione di genere pesa come un macigno sul sistema carcerario USA
Due detenute sono rimaste incinte dopo aver avuto rapporti con un prigioniero transgender all’interno dell’unico carcere femminile del New Jersey, l’istituto correzionale “Edna Mahan”. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa il responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento delle Correzioni dello stato. Non è chiaro se le detenute abbiano avuto rapporti con lo stesso detenuto trans-identificato e se intendano portare avanti la gravidanza. I responsabili della prigione, da tempo nell’occhio del ciclone per accuse di abusi, hanno specificato che i […]
Leggi ora