Approfondimenti

Nascere da “madre surrogata” morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato

Può essere stato d’ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per […]