Zan Bill: give things their real name

The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
Condividi questo articolo

A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened.

About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun - was catalysing the attention of public opinion. The centre-left had voted compactly in favour, something that was not repeated when the bill reached the Senate for final approval. The truth is that most women deputies, and men, as some of them (including Stefano Fassina) later acknowledged, did not really understand what they were approving. Convinced that they were voting for a law against hate crimes against homosexuals and transsexuals, they had not understood that the real core of the law was gender identity, the first step in the direction of self-id.

In Italy there is a law in force, 164/82, not dissimilar to the English Gender Recognition Act, which regulates the path to "sex change", a path that ends with a court ruling. This law has been updated over the years by a series of rulings: for example, surgical mutilation is no longer required to obtain a sex change on documents. However, it remains necessary to go through the whole process, with expert opinions and a final ruling. What the Zan bill intended to introduce surreptitiously was self-certification of gender or self-id.

The deputies, we said, had not understood this. Many citizens have not understood it even today. But we radical feminists did, as you can see from the picture above, which is over a year old. The fight has been bare-knuckled, and very hard indeed, particularly on two fronts: 1. to break the silence of the media 2. to talk to the centre-left - the political area of the vast majority among us - to make changes to the text of the bill.

We have achieved the first objective to some extent: with great effort we have managed to "break through", we have done a great job on social media, we have appeared in the newspapers, we have snatched a few passages on TV, we have been heard in the Senate. The second objective, to talk to the proposers, we have completely failed. With very few exceptions, no one has ever wanted to listen to us and discuss with us, from the first signatory Alessandro Zan, to the secretaries of the left-wing parties (PD, M5S, LeU), to the women of those parties.

An insurmountable wall, an absolute deafness, accompanied by misogynistic contempt: you are a retrogressive minority, you do not represent anyone, and so on.

Our objections were well-founded and reasonable: in addition to the rejection of gender identity (art.1), we asked that the law should not be extended to misogynistic hatred - women are not a minority to be protected but the majority of mankind, and feminism had never asked for such a law, especially if it was granted by misogynists in favour of surrogacy and sex work. We demanded that transactivist propaganda be kept out of schools (art. 7) and that freedom of expression be truly guaranteed (art. 4).

We even proposed a return to an earlier bill (Scalfarotto-Annibali) that would have truly guaranteed the protection of homosexual and transsexual people.

Our arguments were taken up and used by right-wing parties and moderates: it was really surprising to hear conservative MPs mention Judith Butler and transhumanism. But, as we have seen, they also made inroads with a small part of the left, who ultimately did not support the bill, which lacked the necessary numbers to proceed through the Senate. This was our victory.

We have a well-founded suspicion that a part of the same proponents wanted to stop the law, which if approved would have opened scenarios really difficult to manage and justify in front of a public opinion largely unfavourable to self-id, but still unaware that the real objective of the bill was that.

And it is a real pity that homosexual and transsexual people did not get the protection they were asking for because of the arrogance of queer transactivism: they are the real homophobes and transphobes.

For us and for all, a lesson: never give up. Today we say this especially to our Spanish and German sisters who are fighting against similar laws. We would never have believed we could do it, with our bare hands, against a universal mainstream in favour of the bill, but we did not let ourselves be discouraged and we achieved our goal, albeit bitterly. And above all, to demand that things be called by their real name. Do not allow a law whose aim is to introduce self-id to be presented as something else, masking the real aim behind more reasonable and agreed proposals.

Whenever you see gender identity mentioned, sharpen your ears, and get ready to fight.

Marina Terragni (RadFem Italy, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
I record rubati di Petrillo: “Ma vincevo anche da uomo”. È vero? Ecco i fact-checking
Mentre il Comitato Olimpico annuncia un cambio di rotta nelle linee guida sulla partecipazione di corpi maschili negli sport femminili, Valentina nata Fabrizio Petrillo ambisce a partecipare ai Giochi Paralimpici nella categoria femminile. A chi l’accusa di voler vincere facile risponde che vinceva anche prima della transizione. Ma non è così: ecco un’analisi dei tempi di Petrillo e di come sono valutati rispettivamente nella categoria maschile e in quella femminile
Dopo le federazioni internazionali del nuoto, del ciclismo e di altri sport, anche il Comitato Olimpico fa marcia indietro sullo sport “inclusivo” dei corpi maschili negli sport femminili. Francesco Ricci Bitti alla guida dell’ASOIF, l’associazione che riunisce le federazioni internazionali degli sport olimpici estivi, ha annunciato in una recente conferenza il bisogno di rivedere le attuali regole sulla partecipazione degli atleti transgender, soprattutto MtF, uomini che “si identificano come donne”. Francesco Ricci Bitti ha detto: “Secondo l’approccio dei diritti umani […]
Leggi ora