Zan Bill: give things their real name

The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
Condividi questo articolo

A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened.

About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun - was catalysing the attention of public opinion. The centre-left had voted compactly in favour, something that was not repeated when the bill reached the Senate for final approval. The truth is that most women deputies, and men, as some of them (including Stefano Fassina) later acknowledged, did not really understand what they were approving. Convinced that they were voting for a law against hate crimes against homosexuals and transsexuals, they had not understood that the real core of the law was gender identity, the first step in the direction of self-id.

In Italy there is a law in force, 164/82, not dissimilar to the English Gender Recognition Act, which regulates the path to "sex change", a path that ends with a court ruling. This law has been updated over the years by a series of rulings: for example, surgical mutilation is no longer required to obtain a sex change on documents. However, it remains necessary to go through the whole process, with expert opinions and a final ruling. What the Zan bill intended to introduce surreptitiously was self-certification of gender or self-id.

The deputies, we said, had not understood this. Many citizens have not understood it even today. But we radical feminists did, as you can see from the picture above, which is over a year old. The fight has been bare-knuckled, and very hard indeed, particularly on two fronts: 1. to break the silence of the media 2. to talk to the centre-left - the political area of the vast majority among us - to make changes to the text of the bill.

We have achieved the first objective to some extent: with great effort we have managed to "break through", we have done a great job on social media, we have appeared in the newspapers, we have snatched a few passages on TV, we have been heard in the Senate. The second objective, to talk to the proposers, we have completely failed. With very few exceptions, no one has ever wanted to listen to us and discuss with us, from the first signatory Alessandro Zan, to the secretaries of the left-wing parties (PD, M5S, LeU), to the women of those parties.

An insurmountable wall, an absolute deafness, accompanied by misogynistic contempt: you are a retrogressive minority, you do not represent anyone, and so on.

Our objections were well-founded and reasonable: in addition to the rejection of gender identity (art.1), we asked that the law should not be extended to misogynistic hatred - women are not a minority to be protected but the majority of mankind, and feminism had never asked for such a law, especially if it was granted by misogynists in favour of surrogacy and sex work. We demanded that transactivist propaganda be kept out of schools (art. 7) and that freedom of expression be truly guaranteed (art. 4).

We even proposed a return to an earlier bill (Scalfarotto-Annibali) that would have truly guaranteed the protection of homosexual and transsexual people.

Our arguments were taken up and used by right-wing parties and moderates: it was really surprising to hear conservative MPs mention Judith Butler and transhumanism. But, as we have seen, they also made inroads with a small part of the left, who ultimately did not support the bill, which lacked the necessary numbers to proceed through the Senate. This was our victory.

We have a well-founded suspicion that a part of the same proponents wanted to stop the law, which if approved would have opened scenarios really difficult to manage and justify in front of a public opinion largely unfavourable to self-id, but still unaware that the real objective of the bill was that.

And it is a real pity that homosexual and transsexual people did not get the protection they were asking for because of the arrogance of queer transactivism: they are the real homophobes and transphobes.

For us and for all, a lesson: never give up. Today we say this especially to our Spanish and German sisters who are fighting against similar laws. We would never have believed we could do it, with our bare hands, against a universal mainstream in favour of the bill, but we did not let ourselves be discouraged and we achieved our goal, albeit bitterly. And above all, to demand that things be called by their real name. Do not allow a law whose aim is to introduce self-id to be presented as something else, masking the real aim behind more reasonable and agreed proposals.

Whenever you see gender identity mentioned, sharpen your ears, and get ready to fight.

Marina Terragni (RadFem Italy, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora