Zan Bill: give things their real name

The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
Condividi questo articolo

A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened.

About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun - was catalysing the attention of public opinion. The centre-left had voted compactly in favour, something that was not repeated when the bill reached the Senate for final approval. The truth is that most women deputies, and men, as some of them (including Stefano Fassina) later acknowledged, did not really understand what they were approving. Convinced that they were voting for a law against hate crimes against homosexuals and transsexuals, they had not understood that the real core of the law was gender identity, the first step in the direction of self-id.

In Italy there is a law in force, 164/82, not dissimilar to the English Gender Recognition Act, which regulates the path to "sex change", a path that ends with a court ruling. This law has been updated over the years by a series of rulings: for example, surgical mutilation is no longer required to obtain a sex change on documents. However, it remains necessary to go through the whole process, with expert opinions and a final ruling. What the Zan bill intended to introduce surreptitiously was self-certification of gender or self-id.

The deputies, we said, had not understood this. Many citizens have not understood it even today. But we radical feminists did, as you can see from the picture above, which is over a year old. The fight has been bare-knuckled, and very hard indeed, particularly on two fronts: 1. to break the silence of the media 2. to talk to the centre-left - the political area of the vast majority among us - to make changes to the text of the bill.

We have achieved the first objective to some extent: with great effort we have managed to "break through", we have done a great job on social media, we have appeared in the newspapers, we have snatched a few passages on TV, we have been heard in the Senate. The second objective, to talk to the proposers, we have completely failed. With very few exceptions, no one has ever wanted to listen to us and discuss with us, from the first signatory Alessandro Zan, to the secretaries of the left-wing parties (PD, M5S, LeU), to the women of those parties.

An insurmountable wall, an absolute deafness, accompanied by misogynistic contempt: you are a retrogressive minority, you do not represent anyone, and so on.

Our objections were well-founded and reasonable: in addition to the rejection of gender identity (art.1), we asked that the law should not be extended to misogynistic hatred - women are not a minority to be protected but the majority of mankind, and feminism had never asked for such a law, especially if it was granted by misogynists in favour of surrogacy and sex work. We demanded that transactivist propaganda be kept out of schools (art. 7) and that freedom of expression be truly guaranteed (art. 4).

We even proposed a return to an earlier bill (Scalfarotto-Annibali) that would have truly guaranteed the protection of homosexual and transsexual people.

Our arguments were taken up and used by right-wing parties and moderates: it was really surprising to hear conservative MPs mention Judith Butler and transhumanism. But, as we have seen, they also made inroads with a small part of the left, who ultimately did not support the bill, which lacked the necessary numbers to proceed through the Senate. This was our victory.

We have a well-founded suspicion that a part of the same proponents wanted to stop the law, which if approved would have opened scenarios really difficult to manage and justify in front of a public opinion largely unfavourable to self-id, but still unaware that the real objective of the bill was that.

And it is a real pity that homosexual and transsexual people did not get the protection they were asking for because of the arrogance of queer transactivism: they are the real homophobes and transphobes.

For us and for all, a lesson: never give up. Today we say this especially to our Spanish and German sisters who are fighting against similar laws. We would never have believed we could do it, with our bare hands, against a universal mainstream in favour of the bill, but we did not let ourselves be discouraged and we achieved our goal, albeit bitterly. And above all, to demand that things be called by their real name. Do not allow a law whose aim is to introduce self-id to be presented as something else, masking the real aim behind more reasonable and agreed proposals.

Whenever you see gender identity mentioned, sharpen your ears, and get ready to fight.

Marina Terragni (RadFem Italy, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Maggio 2022
Aborto: precisamente che cosa vogliono i pro-life?
Oggi a Roma la Manifestazione per la Vita che tornerà a gridare no all'aborto, in attesa della sentenza della Corte Suprema che potrebbe renderlo illegale negli USA. Ma l'abolizione della legge 194 è impensabile, non esiste una maggioranza che la sosterrebbe. Che cosa si chiede allora? Quali sono i veri obiettivi del movimento?
Oggi a Roma si svolgerà la Manifestazione per la Vita. Al netto del terremoto che sta scuotendo il mondo dei cosiddetti pro-life (un buon resoconto lo potete trovare qui), la piazza di oggi è fortemente corroborata dal vento USA e dal fatto che nel giro di poche settimane la Corte Suprema americana potrebbe confermare con sentenza definitiva la messa fuori legge dell'interruzione di gravidanza (ne abbiamo parlato qui). Nel rispetto delle opinioni di tutti, la posizione dei pro-life italiani è […]
Leggi ora
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora