Zan Bill: give things their real name

The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
Condividi questo articolo

A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened.

About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun - was catalysing the attention of public opinion. The centre-left had voted compactly in favour, something that was not repeated when the bill reached the Senate for final approval. The truth is that most women deputies, and men, as some of them (including Stefano Fassina) later acknowledged, did not really understand what they were approving. Convinced that they were voting for a law against hate crimes against homosexuals and transsexuals, they had not understood that the real core of the law was gender identity, the first step in the direction of self-id.

In Italy there is a law in force, 164/82, not dissimilar to the English Gender Recognition Act, which regulates the path to "sex change", a path that ends with a court ruling. This law has been updated over the years by a series of rulings: for example, surgical mutilation is no longer required to obtain a sex change on documents. However, it remains necessary to go through the whole process, with expert opinions and a final ruling. What the Zan bill intended to introduce surreptitiously was self-certification of gender or self-id.

The deputies, we said, had not understood this. Many citizens have not understood it even today. But we radical feminists did, as you can see from the picture above, which is over a year old. The fight has been bare-knuckled, and very hard indeed, particularly on two fronts: 1. to break the silence of the media 2. to talk to the centre-left - the political area of the vast majority among us - to make changes to the text of the bill.

We have achieved the first objective to some extent: with great effort we have managed to "break through", we have done a great job on social media, we have appeared in the newspapers, we have snatched a few passages on TV, we have been heard in the Senate. The second objective, to talk to the proposers, we have completely failed. With very few exceptions, no one has ever wanted to listen to us and discuss with us, from the first signatory Alessandro Zan, to the secretaries of the left-wing parties (PD, M5S, LeU), to the women of those parties.

An insurmountable wall, an absolute deafness, accompanied by misogynistic contempt: you are a retrogressive minority, you do not represent anyone, and so on.

Our objections were well-founded and reasonable: in addition to the rejection of gender identity (art.1), we asked that the law should not be extended to misogynistic hatred - women are not a minority to be protected but the majority of mankind, and feminism had never asked for such a law, especially if it was granted by misogynists in favour of surrogacy and sex work. We demanded that transactivist propaganda be kept out of schools (art. 7) and that freedom of expression be truly guaranteed (art. 4).

We even proposed a return to an earlier bill (Scalfarotto-Annibali) that would have truly guaranteed the protection of homosexual and transsexual people.

Our arguments were taken up and used by right-wing parties and moderates: it was really surprising to hear conservative MPs mention Judith Butler and transhumanism. But, as we have seen, they also made inroads with a small part of the left, who ultimately did not support the bill, which lacked the necessary numbers to proceed through the Senate. This was our victory.

We have a well-founded suspicion that a part of the same proponents wanted to stop the law, which if approved would have opened scenarios really difficult to manage and justify in front of a public opinion largely unfavourable to self-id, but still unaware that the real objective of the bill was that.

And it is a real pity that homosexual and transsexual people did not get the protection they were asking for because of the arrogance of queer transactivism: they are the real homophobes and transphobes.

For us and for all, a lesson: never give up. Today we say this especially to our Spanish and German sisters who are fighting against similar laws. We would never have believed we could do it, with our bare hands, against a universal mainstream in favour of the bill, but we did not let ourselves be discouraged and we achieved our goal, albeit bitterly. And above all, to demand that things be called by their real name. Do not allow a law whose aim is to introduce self-id to be presented as something else, masking the real aim behind more reasonable and agreed proposals.

Whenever you see gender identity mentioned, sharpen your ears, and get ready to fight.

Marina Terragni (RadFem Italy, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
9 Settembre 2022
Elizabeth, l'ultima matriarca
La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Gaby Hinsliff per The Guardian Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono. Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato. Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora