Zan Bill: give things their real name

The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
Condividi questo articolo

A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened.

About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun - was catalysing the attention of public opinion. The centre-left had voted compactly in favour, something that was not repeated when the bill reached the Senate for final approval. The truth is that most women deputies, and men, as some of them (including Stefano Fassina) later acknowledged, did not really understand what they were approving. Convinced that they were voting for a law against hate crimes against homosexuals and transsexuals, they had not understood that the real core of the law was gender identity, the first step in the direction of self-id.

In Italy there is a law in force, 164/82, not dissimilar to the English Gender Recognition Act, which regulates the path to "sex change", a path that ends with a court ruling. This law has been updated over the years by a series of rulings: for example, surgical mutilation is no longer required to obtain a sex change on documents. However, it remains necessary to go through the whole process, with expert opinions and a final ruling. What the Zan bill intended to introduce surreptitiously was self-certification of gender or self-id.

The deputies, we said, had not understood this. Many citizens have not understood it even today. But we radical feminists did, as you can see from the picture above, which is over a year old. The fight has been bare-knuckled, and very hard indeed, particularly on two fronts: 1. to break the silence of the media 2. to talk to the centre-left - the political area of the vast majority among us - to make changes to the text of the bill.

We have achieved the first objective to some extent: with great effort we have managed to "break through", we have done a great job on social media, we have appeared in the newspapers, we have snatched a few passages on TV, we have been heard in the Senate. The second objective, to talk to the proposers, we have completely failed. With very few exceptions, no one has ever wanted to listen to us and discuss with us, from the first signatory Alessandro Zan, to the secretaries of the left-wing parties (PD, M5S, LeU), to the women of those parties.

An insurmountable wall, an absolute deafness, accompanied by misogynistic contempt: you are a retrogressive minority, you do not represent anyone, and so on.

Our objections were well-founded and reasonable: in addition to the rejection of gender identity (art.1), we asked that the law should not be extended to misogynistic hatred - women are not a minority to be protected but the majority of mankind, and feminism had never asked for such a law, especially if it was granted by misogynists in favour of surrogacy and sex work. We demanded that transactivist propaganda be kept out of schools (art. 7) and that freedom of expression be truly guaranteed (art. 4).

We even proposed a return to an earlier bill (Scalfarotto-Annibali) that would have truly guaranteed the protection of homosexual and transsexual people.

Our arguments were taken up and used by right-wing parties and moderates: it was really surprising to hear conservative MPs mention Judith Butler and transhumanism. But, as we have seen, they also made inroads with a small part of the left, who ultimately did not support the bill, which lacked the necessary numbers to proceed through the Senate. This was our victory.

We have a well-founded suspicion that a part of the same proponents wanted to stop the law, which if approved would have opened scenarios really difficult to manage and justify in front of a public opinion largely unfavourable to self-id, but still unaware that the real objective of the bill was that.

And it is a real pity that homosexual and transsexual people did not get the protection they were asking for because of the arrogance of queer transactivism: they are the real homophobes and transphobes.

For us and for all, a lesson: never give up. Today we say this especially to our Spanish and German sisters who are fighting against similar laws. We would never have believed we could do it, with our bare hands, against a universal mainstream in favour of the bill, but we did not let ourselves be discouraged and we achieved our goal, albeit bitterly. And above all, to demand that things be called by their real name. Do not allow a law whose aim is to introduce self-id to be presented as something else, masking the real aim behind more reasonable and agreed proposals.

Whenever you see gender identity mentioned, sharpen your ears, and get ready to fight.

Marina Terragni (RadFem Italy, WHRC Italy)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora