Storia di una detransitioner di nome Carol

"Ero semplicemente lesbica, ma non lo accettavo". La sua storia dimostra i pericoli di un modello di cura "affermativo di genere" che accetta l'autodiagnosi dei pazienti di essere trans, pratica standard nel campo della medicina transgender americana
Condividi questo articolo

Carol aveva sospettava da tempo che la sua vita quotidiana nelle zone rurali della California sarebbe stata più facile se fosse stata un uomo. Eppure era sbalordita da quanto fosse vero. Come donna “butch” (mascolina), (e "non molto sorridente") era stata regolarmente trattata con un leggero disprezzo, dice.

Dopo una doppia mastectomia e alcuni mesi di testosterone - che le ha dato peli sul viso e una voce roca - "la gente, i cassieri, tutti, all'improvviso sono diventati così dannatamente amichevoli".

Eppure Carol si sentì presto infelice come uomo trans. All'inizio, il testosterone che ha iniziato a iniettarsi a 34 anni ha sollevato il suo umore e i suoi livelli di energia. Ma dopo due anni ha cominciato a soffrire di terribili effetti collaterali. L'atrofia vaginale e uterina (che può causare la rottura e il sanguinamento dei tessuti) era "estremamente dolorosa". I suoi livelli di colesterolo erano aumentati e aveva le palpitazioni. Divenne anche così ansiosa che iniziò ad avere attacchi di panico.

Quindi ha preso gli antidepressivi e hanno funzionato. "Mi si è come accesa una lampadina", dice. “Era così, avevo bisogno degli antidepressivi; non avevo bisogno di cambiare sesso”: Si è resa conto che la sua disforia di genere, la sensazione dolorosa di trovarsi nel corpo sbagliato, non l'ha resa un uomo.

Quasi tre anni fa, dopo quattro anni da trans, Carol è diventata una "detransitioner": qualcuno che ha preso ormoni sessuali incrociati o ha subito un intervento chirurgico, o entrambi, prima di rendersi conto che era un errore. La sua esperienza illustra i pericoli di un modello di cura "affermativo del genere" che accetta l'autodiagnosi dei pazienti di essere trans, ormai pratica standard nel campo della medicina transgender americana.

Nessuno sa quanti detransitioner ci siano, ma prove aneddotiche e l'aumento delle adesioni a gruppi online suggeriscono che il numero sta crescendo rapidamente. Un recente sondaggio condotto da Lisa Littman, medico e ricercatore, su 100 detransitioner (69 dei quali donne), ha rilevato che la maggioranza riteneva di non aver ricevuto una valutazione adeguata prima del trattamento. Quasi un quarto ha affermato che l'omofobia o la difficoltà ad accettare di essere gay li ha portati alla transizione; il 38% ha ritenuto che la propria disforia di genere fosse causata da traumi, abusi o problemi di salute mentale.

Carol crede che le radici della sua disforia di genere risiedano nella sua infanzia. Un'educazione che è stata sia fanaticamente religiosa che abusiva ha portato a casa due messaggi dannosi. Uno era l'importanza dei "ruoli di genere rigidi" che le donne erano lì per servire; erano meno degli uomini”. La furia infinita di sua madre per il fatto che Carol non si piegasse a questa nozione di femminilità, che includeva indossare solo vestiti ("Non camminavo nemmeno come una ragazza", qualunque cosa significasse") significava che era cresciuta credendo che il suo modo di essere donna fosse in qualche modo "tutto sbagliato". L'altro messaggio era che l'omosessualità era “un abominio”.

La "rivelazione" di Carol è arrivata, come descrive in modo divertente quando, a 16 anni, ha sviluppato una "forte cotta" per l'agente immobiliare donna di sua madre. Realizzare ha provocato un crollo (anche se all'epoca non lo chiamava così). Per prima cosa ha “digiunato e pregato Dio di portare via tutto questo”. Poi ha iniziato a bere molto e ad avere storie di una notte con gli uomini "nella speranza che qualcosa scattasse". Quando ha fatto coming out all'età di 20 anni, molti dei suoi parenti l'hanno esclusa dalle riunioni di famiglia.

Fu nei suoi primi vent'anni, quando molte lesbiche nella sua cerchia sociale ("quasi sempre quelle butch iniziarono a identificarsi come uomini trans che iniziò a pensare: "Deve essere così! Questo è ciò che non va in me! ” Ma le è stato detto che doveva vivere da uomo per sei mesi prima di essere approvata per il trattamento e il pensiero di usare il bagno degli uomini era intollerabile. A questo punto, aveva incontrato la donna che sarebbe diventata sua moglie e aveva trovato una certa stabilità.

Ma era ancora profondamente infelice. "Mi sono solo sentita sbagliata", dice. "Ero disgustata di me stessa, e se arriva una bella risposta e dice, questo risolverà il problema, indovina cosa farai?" A metà dei 30 anni, non aveva più bisogno di vedere un terapeuta per farsi prescrivere il testosterone. (Planned Parenthood utilizza un modello di "consenso informato" in 35 stati, il che significa che i pazienti trans non hanno bisogno della nota di un terapeuta.) Eppure Carol ha visto un terapeuta perché voleva "farlo bene". Il terapeuta non ha esplorato il suo trauma infantile, ma l'ha incoraggiata a provare il testosterone. Mesi dopo, a Carol è stato tolto il seno.

La detransizione è stata la cosa più difficile che abbia fatto, dice. Era così terrorizzata e si vergognava che ci volle un anno per togliere il testosterone. Con suo sollievo, i suoi livelli di colesterolo sono tornati alla normalità in pochi mesi. Ha ancora dei peli sul viso e una voce profonda. La sua mastectomia “è come una perdita qualsiasi: si dissipa ma non scompare mai del tutto”.

Ora trascorre molto tempo a fare campagne per far ascoltare le storie di altri detransitioner. Questo non è un lavoro facile. I detransitioner schietti vengono spesso diffamati. Un medico di medicina di genere ha criticato l'uso del termine "detransitioner", dicendo, con straordinaria crudeltà, "non significa davvero nulla". Lo studio del dottor Littman ha rilevato che solo il 24% dei detransitioner ha detto ai propri medici che la transizione non ha funzionato. Questo può aiutare a spiegare perché alcuni respingono il fenomeno.

Carol si preoccupa per le ragazze che stanno assumendo bloccanti della pubertà per evitare di diventare donne, possibilità che avrebbe volentieri evitato. E si preoccupa per le lesbiche butch che vengono incoraggiate a considerare che in realtà sono uomini eterosessuali. Ora considera questo omofobo. “Mia moglie mi ha detto di recente che durante la transizione l’ha accettato per due mesi prima di rendersi conto che era pazzesco. E aveva ragione. Le è stato detto che sua moglie era davvero un uomo, quindi che era bisessuale o etero. Era una stronzata ”

Questo articolo è apparso nella sezione degli Stati Uniti dell'edizione cartacea con il titolo "Ritratto di un detransitioner ”

Testo originale qui, traduzione di Laura De Barbieri


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
11 Novembre 2022
Iranian Beauty
In Iran la bellezza femminile diventa la leva di una vera rivoluzione: niente di simile alla mortificazione-mercificazione dei corpi che in Occidente viene propagandata come libertà. La lotta per poter essere donne rivela l'ipocrisia del queer
Sono ormai quasi due mesi che è iniziata la rivolta delle ragazze iraniane contro il velo, un'onda incontenibile che ogni giorno produce di nuove immagini, nuovi contenuti, una ventata di aria fresca rispetto a certe narrazioni sulle donne nel mondo islamico, ma anche uno specchio che rivela quanto di artefatto ci sia dietro tante parole d’ordine politicamente corrette del femminismo intersezionale o transfemminismo. Primo: il velo non è una libera scelta né tantomeno quell'empowerment femminista su cui ci bombarda da […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
6 Ottobre 2022
"Distruggi i diritti delle donne": JK Rowling contro la premier scozzese e la sua legge trans
Come in Spagna anche in Scozia il femminismo combatte contro una legge voluta dalla prima ministra Nicola Sturgeon che introduce l'autodeterminazione di genere senza alcuna diagnosi medica e abbassando a 16 anni l'età per l'accesso. E anche stavolta l'autrice di Harry Potter è al fianco delle donne, delle bambine e dei bambini
JK Rowling si fotografa con una maglietta che dice: "Nicola Sturgeon, distruttrice dei diritti delle donne" per sostenere le donne che protestano davanti al parlamento scozzese contro la controversa legge di riforma del riconoscimento di genere voluta dalla Prima Ministra scozzese. Le attiviste di For Women Scotland (Scozia per le donne) si sono riunite questa mattina davanti al Parlamento scozzese per una manifestazione contro il disegno di legge promosso da Sturgeon, che renderebbe più facile l’autodeterminazione di genere –lo abbiamo […]
Leggi ora
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
1 Ottobre 2022
Ragazze che si tolgono il seno
La propaganda transattivista invita le bambine a disagio con le proprie forme femminili a comprimere il seno con apposite fasce (binder), primo passo verso la mastectomia finale. La stessa violenza misogina della tradizionale "stiratura del seno" praticata in Africa. In UK l'associazione di beneficienza Mermaids -finanziata con fondi pubblici- sotto accusa per aver inviato fasce ad adolescenti contro il parere dei genitori
La stiratura del seno (breast ironing) è un'orribile pratica tuttora in uso in alcune regioni dell'Africa, in particolare nel Camerun. Si tratta della distruzione della mammelle delle adolescenti prodotta con strumenti arroventati -vecchi ferri da stiro, spatole, sassi o conchiglie- e in genere praticata dalle donne adulte della famiglia. Lo scopo è rendere le ragazze meno attraenti per sottrarle a stupri e gravidanze precoci che potrebbero infangare l'onore del gruppo familiare. La pratica causa gravi danni alla salute delle adolescenti, […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora