Storia di una detransitioner di nome Carol

"Ero semplicemente lesbica, ma non lo accettavo". La sua storia dimostra i pericoli di un modello di cura "affermativo di genere" che accetta l'autodiagnosi dei pazienti di essere trans, pratica standard nel campo della medicina transgender americana
Condividi questo articolo

Carol aveva sospettava da tempo che la sua vita quotidiana nelle zone rurali della California sarebbe stata più facile se fosse stata un uomo. Eppure era sbalordita da quanto fosse vero. Come donna “butch” (mascolina), (e "non molto sorridente") era stata regolarmente trattata con un leggero disprezzo, dice.

Dopo una doppia mastectomia e alcuni mesi di testosterone - che le ha dato peli sul viso e una voce roca - "la gente, i cassieri, tutti, all'improvviso sono diventati così dannatamente amichevoli".

Eppure Carol si sentì presto infelice come uomo trans. All'inizio, il testosterone che ha iniziato a iniettarsi a 34 anni ha sollevato il suo umore e i suoi livelli di energia. Ma dopo due anni ha cominciato a soffrire di terribili effetti collaterali. L'atrofia vaginale e uterina (che può causare la rottura e il sanguinamento dei tessuti) era "estremamente dolorosa". I suoi livelli di colesterolo erano aumentati e aveva le palpitazioni. Divenne anche così ansiosa che iniziò ad avere attacchi di panico.

Quindi ha preso gli antidepressivi e hanno funzionato. "Mi si è come accesa una lampadina", dice. “Era così, avevo bisogno degli antidepressivi; non avevo bisogno di cambiare sesso”: Si è resa conto che la sua disforia di genere, la sensazione dolorosa di trovarsi nel corpo sbagliato, non l'ha resa un uomo.

Quasi tre anni fa, dopo quattro anni da trans, Carol è diventata una "detransitioner": qualcuno che ha preso ormoni sessuali incrociati o ha subito un intervento chirurgico, o entrambi, prima di rendersi conto che era un errore. La sua esperienza illustra i pericoli di un modello di cura "affermativo del genere" che accetta l'autodiagnosi dei pazienti di essere trans, ormai pratica standard nel campo della medicina transgender americana.

Nessuno sa quanti detransitioner ci siano, ma prove aneddotiche e l'aumento delle adesioni a gruppi online suggeriscono che il numero sta crescendo rapidamente. Un recente sondaggio condotto da Lisa Littman, medico e ricercatore, su 100 detransitioner (69 dei quali donne), ha rilevato che la maggioranza riteneva di non aver ricevuto una valutazione adeguata prima del trattamento. Quasi un quarto ha affermato che l'omofobia o la difficoltà ad accettare di essere gay li ha portati alla transizione; il 38% ha ritenuto che la propria disforia di genere fosse causata da traumi, abusi o problemi di salute mentale.

Carol crede che le radici della sua disforia di genere risiedano nella sua infanzia. Un'educazione che è stata sia fanaticamente religiosa che abusiva ha portato a casa due messaggi dannosi. Uno era l'importanza dei "ruoli di genere rigidi" che le donne erano lì per servire; erano meno degli uomini”. La furia infinita di sua madre per il fatto che Carol non si piegasse a questa nozione di femminilità, che includeva indossare solo vestiti ("Non camminavo nemmeno come una ragazza", qualunque cosa significasse") significava che era cresciuta credendo che il suo modo di essere donna fosse in qualche modo "tutto sbagliato". L'altro messaggio era che l'omosessualità era “un abominio”.

La "rivelazione" di Carol è arrivata, come descrive in modo divertente quando, a 16 anni, ha sviluppato una "forte cotta" per l'agente immobiliare donna di sua madre. Realizzare ha provocato un crollo (anche se all'epoca non lo chiamava così). Per prima cosa ha “digiunato e pregato Dio di portare via tutto questo”. Poi ha iniziato a bere molto e ad avere storie di una notte con gli uomini "nella speranza che qualcosa scattasse". Quando ha fatto coming out all'età di 20 anni, molti dei suoi parenti l'hanno esclusa dalle riunioni di famiglia.

Fu nei suoi primi vent'anni, quando molte lesbiche nella sua cerchia sociale ("quasi sempre quelle butch iniziarono a identificarsi come uomini trans che iniziò a pensare: "Deve essere così! Questo è ciò che non va in me! ” Ma le è stato detto che doveva vivere da uomo per sei mesi prima di essere approvata per il trattamento e il pensiero di usare il bagno degli uomini era intollerabile. A questo punto, aveva incontrato la donna che sarebbe diventata sua moglie e aveva trovato una certa stabilità.

Ma era ancora profondamente infelice. "Mi sono solo sentita sbagliata", dice. "Ero disgustata di me stessa, e se arriva una bella risposta e dice, questo risolverà il problema, indovina cosa farai?" A metà dei 30 anni, non aveva più bisogno di vedere un terapeuta per farsi prescrivere il testosterone. (Planned Parenthood utilizza un modello di "consenso informato" in 35 stati, il che significa che i pazienti trans non hanno bisogno della nota di un terapeuta.) Eppure Carol ha visto un terapeuta perché voleva "farlo bene". Il terapeuta non ha esplorato il suo trauma infantile, ma l'ha incoraggiata a provare il testosterone. Mesi dopo, a Carol è stato tolto il seno.

La detransizione è stata la cosa più difficile che abbia fatto, dice. Era così terrorizzata e si vergognava che ci volle un anno per togliere il testosterone. Con suo sollievo, i suoi livelli di colesterolo sono tornati alla normalità in pochi mesi. Ha ancora dei peli sul viso e una voce profonda. La sua mastectomia “è come una perdita qualsiasi: si dissipa ma non scompare mai del tutto”.

Ora trascorre molto tempo a fare campagne per far ascoltare le storie di altri detransitioner. Questo non è un lavoro facile. I detransitioner schietti vengono spesso diffamati. Un medico di medicina di genere ha criticato l'uso del termine "detransitioner", dicendo, con straordinaria crudeltà, "non significa davvero nulla". Lo studio del dottor Littman ha rilevato che solo il 24% dei detransitioner ha detto ai propri medici che la transizione non ha funzionato. Questo può aiutare a spiegare perché alcuni respingono il fenomeno.

Carol si preoccupa per le ragazze che stanno assumendo bloccanti della pubertà per evitare di diventare donne, possibilità che avrebbe volentieri evitato. E si preoccupa per le lesbiche butch che vengono incoraggiate a considerare che in realtà sono uomini eterosessuali. Ora considera questo omofobo. “Mia moglie mi ha detto di recente che durante la transizione l’ha accettato per due mesi prima di rendersi conto che era pazzesco. E aveva ragione. Le è stato detto che sua moglie era davvero un uomo, quindi che era bisessuale o etero. Era una stronzata ”

Questo articolo è apparso nella sezione degli Stati Uniti dell'edizione cartacea con il titolo "Ritratto di un detransitioner ”

Testo originale qui, traduzione di Laura De Barbieri


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora