Scritture a ostacoli: "Vietato scrivere" di Joanna Russ

Condividi questo articolo

Originaria del Bronx, ebrea, lesbica, femminista radicale, Joanna Russ (1937-2011) studia alla Cornell con Nabokov, insegna alla Washington University, negli anni Sessanta comincia a pubblicare racconti brevi, seguono saggi e romanzi, fra i quali si distingue The female man (1975) tradotto in italiano nel 1989 con lo stesso titolo.

Al tempo del college, quando matura in lei il bisogno di scrivere, si rende conto di non avere nessuna esperienza di vita, si sente inadeguata, pensa di non poter rientrare nella Grande Letteratura, sceglie dunque, consapevolmente, di scrivere cose di cui nessuno sa nulla, sceglie la fantascienza. Di questa ammissione di inadeguatezza, filo conduttore di Vietato scrivere. Come soffocare la scrittura delle donne, (Società per l’enciclopedia delle donne 2021, How to Suppress Women’s Writing, 1983), l’autrice si serve per setacciare il vasto campo della letteratura, con qualche incursione nelle altre arti, al fine di costruire una gabbia interpretativa che smascheri il tentativo, mai finito, di impedire alle donne di sentirsi ed essere considerate scrittrici a pieno titolo.

Consapevole dei limiti dell’indagine l’autrice restringe il campo alla sfera anglosassone e a una scelta soggettiva di riferimenti; auspica tuttavia, con spirito aperto al contributo di tutte, che altre continuino la sua opera di smascheramento. Si parte dunque dal divieto di istruzione per le donne, forma esplicita di proibizione elusa soltanto in casi rarissimi da casati illuminati; dal divieto formale, raggiunta l’istruzione obbligatoria per tutti, si passa al divieto informale di cui la Russ si impegna a rivelare le trappole, prime su tutte, e fin troppo evidenti, la povertà e la mancanza di tempo. Vale ricordare che anche le donne del ceto medio sono state, troppo a lungo e spesso ancora lo sono, economicamente alla mercé del marito.

Ma entriamo nel vivo dell’insidia, quella sottile, introiettata dalla coscienza di ognuna. La disincentivazione viene perpetrata da padri, amici, fratelli, editori, potenziali colleghi, tutti invitano l’aspirante scrittrice a rientrare nel proprio alveo per non rendersi ridicola, per non esporsi, nessuno è interessato ai loro argomenti considerati residuali, molti di loro sono in malafede. Le scrittrici si percepiscono scisse fra desiderio e destino, non possono essere perfette in entrambi, talvolta scelgono l’unica perfezione possibile, quella della morte, come Sylvia Plath.

La negazione dell’agency, ossia della autorialità della scrittrice percorre Ottocento e Novecento con la potenza di un diserbante. Se non si può dimostrare che non è stata lei a scrivere si suggerisce che sia stato il fratello o il marito, o l’uomo che è in lei, si sospetta che si sia virilizzata, oppure viene giudicata in quanto donna, non in quanto scrittrice. Che una donna scriva è giudicato sconveniente perché parla di questioni ritenute “confessionali”, cioè immorali, molte scelgono pseudonimi maschili. La svalutazione del mondo esperienziale femminile ha come obiettivo quello di confermare la centralità dell’azione maschile che costituisce l’unico canone autorevole. La falsa categorizzazione tende a sminuire la scrittrice, a spingerla ai margini, tacciandola di regionalismo se parla della sua terra, trattandola da caso isolato, minoritaria, egocentrica, ignorante. L’ha scritto lei ma come lei non c’è nessuno, l’ha scritto lei me ne ha scritto uno solo, l’ha scritto lei ma ha una rilevanza limitata e di un unico tipo, e via dicendo. E. M. Forster dichiara che Virginia Woolf non è una grande scrittrice perché non ha a cuore nessuna grande causa.

Espunte dalle antologie, dalle enciclopedie, dalla saggistica letteraria, dai manuali universitari, compaiono qua e là con citazioni parziali delle loro opere, senza alcun legame fra loro, spuntate dal nulla. L’isolamento e l’anomalia, come nel caso della Dickinson, sono ricondotti alla mancanza di un’istruzione formale e alla sospetta eccentricità. Nel migliore dei casi vengono considerate intuitive, incapaci di intelligenza e apprendimento, di razionalità, prive di modelli cui attingere.

Vietato scrivere è una miniera di citazioni con cui percorrere secoli di attestazioni di inferiorità che declinano la scrittura delle donne. Per chi sta intraprendendo o ha intrapreso questo percorso il saggio di Joanna Russ è un viatico; pubblicato trent’anni fa, il libro resta un giubbotto antiproiettile in grado di intercettare le forme insidiose del divieto informale, della disincentivazione, solo in parte attutite, oggi, dal potere delle lettrici di condizionare il mercato scegliendo di leggere donna. Ma il dilemma iniziale di Joanna Russ, di poter entrare a far parte della Grande Letteratura, resta tutt’ora intatto.

Eliana Bouchard



Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
27 Dicembre 2022
L'abolizione globale del sesso
La legge appena approvata in Scozia che sostituisce il sesso con la libera scelta del genere. Quella in via di approvazione in Spagna. E il progetto della Germania. Nel suo articolo su Newsweek Kara Dansky mette in guardia sul self-id anche gli Stati Uniti. Ma da Gran Bretagna, Svezia, Finlandia arrivano segnali in netta controtendenza: la partita è ancora tutta da giocare
Il 22 dicembre è stato un giorno nero per il femminismo gender critical: nonostante le vivaci proteste fuori dal Parlamento la Scozia ha approvato la legge che consente l'autoidentificazione di genere o self-id -senza eccezione per gli autori di reati sessuali che potranno liberamente accedere, identificandosi come donne, agli spazi femminili. Anche in Spagna la Ley Trans che ha un impianto molto simile ha superato il primo step alla Camera Bassa e si avvia nelle prossime settimane verso l'approvazione definitiva […]
Leggi ora
13 Dicembre 2022
Magie di JK Rowling! Che nella trans-Scozia apre un centro antiviolenza PER SOLE DONNE
A Edimburgo non c'era più -pazzesco!- un solo rifugio antiviolenza che non fosse accessibile anche a uomini che si dichiarano donne. E il principale centro è diretto da un transessuale. A sorpresa la scrittrice fonda e finanzia uno spazio rigorosamente for women only. Sfidando le politiche trans-filiche della premier Nicola Sturgeon. E venendo incontro ai reali bisogni delle vittime di violenza
Vi abbiamo raccontato più volte dell'impegno di JK Rowling per i diritti delle donne in Scozia, dove la premier Nicola Sturgeon spinge per far approvare una legge che introdurrebbe un "super self-ID" (vedere qui), una liberissima identità di genere. L'anno scorso, ancora prima della discussione sulla legge, aveva fatto scandalo la nomina di un transessuale, Mridul Wadhwa, come amministratore delegato del principale rifugio anti-violenza di Edimburgo, che naturalmente avrebbe accolto anche uomini che "si identificano come donne" in quello che […]
Leggi ora
7 Dicembre 2022
Dire addio alla "bellezza" femminile per abolire la libera identità di genere?
Se non si abbatteranno gli stereotipi che esprimono la femminilità il transgenderismo non sarà mai battuto. Travestendosi "da donne" come fetish masochistico gli uomini danno corpo a tutto il loro odio e partecipano all'oppressione del sesso dominato. Il femminismo di Terza Ondata che celebra pornografia e prostituzione come libere scelte collabora con il dominio maschile. Un talk di Sheila Jeffreys per Women's Declaration International
Qualche giorno fa la femminista radicale e gender critical Sheila Jeffreys ha tenuto un talk per Women’s Declaration International (WDI) dal titolo: "Non possiamo salvare il gender e abolire il transgenderismo”. Secondo Jeffreys finché non ci libereremo degli stereotipi della femminilità e dai tradizionali canoni di bellezza, la lotta contro la libera identità di genere sarà destinata a fallire. Anche sul tema della bellezza il femminismo è sempre stato un campo di battaglia, e continua a esserlo: una dialettica tra […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora