Raccontare le molestie sessuali

Una partecipatissima ricerca realizzata dall'Università Milano-Bicocca e raccontata in un libro a cura di Chiara Volpato indaga a fondo sul tema, rivelando che i molestatori sono in gran parte dei casi uomini conosciuti che fanno parte della cerchia familiare, amicale e lavorativa. Che le molestie rinnovano e rafforzano il dispositivo del dominio. E che -come avviene per la violenza sessuale- il meccanismo dell'autocolpevolizzazione da parte delle vittime è una costante dei loro vissuti
Condividi questo articolo

Il libro Raccontare le molestie sessuali. Un’indagine empirica" a cura di Chiara Volpato (Rosenberg & Sellier, 2023) nasce dall’esigenza espressa da molte studentesse e alcuni studenti dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca di indagare a fondo il fenomeno delle molestie sessuali. Chiara Volpato, docente di Psicologia sociale presso il suddetto Ateneo ha accolto con entusiasmo la proposta.

Raccontare le molestie sessuali

L’equipe di ricerca ha preparato un questionario che è stato distribuito all’interno dell’Università ed il primo dato emerso è stato l’altissimo e inaspettato numero di risposte ricevute: 1500 testimonianze provenienti per la quasi totalità da donne. Esse costituiscono infatti il 94,65% di chi ha raccolto l’invito a narrare un episodio personalmente subito. 69 le denunce da parte di uomini.

1500 risposte per chi fa ricerca è un numero estremamente elevato perché, come dichiarato da Volpato “solitamente sono poche le persone che rispondono ai questionari”. Ma in questo caso no, le risposte sono state numerosissime e dettagliate perché l’opportunità di raccontare una molestia subita si è rivelato essere importante, una violazione a cui finalmente dare voce.

La narrativa dominante ci ha abituato a considerare la molestia sessuale come un fatto eccezionale, qualcosa che avviene al di fuori dell’ordinaria amministrazione a opera di un uomo incappucciato in una via isolata e buia.

Le storie raccontate dalle studentesse e dalle ricercatrici dell’Università ci parlano, viceversa, di molestie che avvengono nella quotidianità della vita da parte di persone conosciute che fanno parte dell’ambito familiare o di quello lavorativo.

Vengono riportate molestie che si sostanziano in palpeggiamenti subiti in discoteca piuttosto che in metropolitana, ricordi di infanzia, quando un amico di famiglia ha tentato un approccio sessuale, atteggiamenti denigratori da parte del proprio superiore sul posto di lavoro perché sono state rifiutate le sue avances.

Dalla lettura delle narrazioni colpisce soprattutto l’iniziale spaesamento della vittima, la quale che sia bambina o adulta non comprende nell’immediato la violenza subita, sente che qualcosa di sbagliato le è stato fatto ma per prima cosa mette in discussione sé stessa chiedendosi: “è stata colpa mia? Ho dato modo di intendere che ero interessata a quell’uomo? Ero vestita troppo succinta?” per poi arrivare solo in un secondo momento, dopo anni a volte, a comprendere di aver subito un abuso.

E’ davvero impressionante e triste notare infatti come le ragazze nel raccontare l’episodio descrivano quasi sempre come erano vestite. Rileva l’autrice che “emerge il bisogno, non sempre consapevole, di difendersi dall’accusa di aver provocato la molestia con il proprio abbigliamento, un’accusa antica, patriarcale, sessista”.

A ciò si aggiunge la tendenza del molestatore a de-umanizzare la vittima ponendo in essere atteggiamenti denigratori e trattandola alla stregua di un animale, una preda o “un inutile pezzo di carne da passarsi”.

La ricerca ha messo in luce inoltre un altro lato oscuro delle molestie, ossia gli effetti sul benessere psicofisico di chi le subisce. Più del 97% delle/dei rispondenti infatti ha riportato conseguenze psicologiche negative a seguito di questi episodi.

Le molestie provocano un aumento dei livelli di ansia e depressione portando chi le vive a interiorizzare lo sguardo oggettivante dei molestatori e a percepirsi come un mero oggetto sessuale.

Il testo non è interessante solo per i dati empirici raccolti ma anche per la riflessione che viene indotta a dalla lettura dei numeri che riguardano le molestie di strada, fatti che l’opinione pubblica persevera nel considerare “innocue bravate” ma che nella realtà sono l’espressione della dominazione maschile sulla donna: la sottomissione della donna nello spazio pubblico, l’oggettivizzazione del suo corpo che può essere toccato senza il suo consenso.

Solo lo sviluppo di una consapevolezza concreta sul problema da parte della società può far sì che si arrivi allo sradicamento del dominio patriarcale nelle relazioni tra uomini e donne. Perché ci sia questa presa di coscienza civile occorre che a leggere testi come questo siano soprattutto gli uomini, mentre alla presentazione del libro a Vicenza su un pubblico di 100 persone gli uomini erano 4, tra cui un titolare della libreria.

Testo e immagini di Chiara Parolin


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
11 Gennaio 2024
Bambini stupratori: rapporto shock in UK
In Gran Bretagna 18 stupri al giorno vengono commessi da minori sui loro coetanei: nel 2022 questi casi sono stati 15 mila quasi sempre a opera di giovanissimi maschi. Un rapporto della polizia britannica dimostra come il libero accesso alla pornografia violenta online sta normalizzando i comportamenti sessuali criminali in Inghilterra e in tutti gli altri Paesi occidentali
Da anni segnaliamo i danni psicologici e materiali prodotti su un'intera generazione dal libero accesso alla pornografia violenta online, consumata da bambini e bambine a partire dai 7 anni ma anche molto prima: gli stupri di gruppo commessi dai minori sono solo la punta dell'iceberg di questo fenomeno drammatico che oggi è stato analizzato e quantificato da uno studio delle polizia britannica. Su questo tema potete trovare articoli precedenti qui, qui, qui, qui, qui e qui. Siamo state quasi solo […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
15 Dicembre 2023
Processi e stupri
Le domande poste in aula alla presunta vittima di violenza sessuale da parte di Ciro Grillo e compagni ricordano molto i toni dei legali della difesa nel famoso “Processo per stupro” del 1979. La formidabile arringa di Tina Lagostena Bassi, avvocata di parte civile in quel procedimento, spiega perché queste modalità di interrogatorio erano -e restano- inaccettabili. Riascoltiamola
Vale la pena di rileggersi ed eventualmente riascoltare -il pluripremiato film Processo per stupro, 1979*, potete rivederlo qui in versione integrale- la formidabile arringa dell'avvocata Tina Lagostena Bassi, legale di parte civile in difesa di una giovane donna stuprata da 4 uomini che l'avevano attirata in una villa di Nettuno con il pretesto di un'offerta di lavoro. Il processo si concluse con una condanna ma gli imputati beneficiarono della libertà condizionale. Vale la pena di riascoltare quell'arringa perché nelle parole […]
Leggi ora
12 Novembre 2023
Israele 7 ottobre: appello perché venga riconosciuto come femminicidio di massa
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Leggi ora
30 Ottobre 2023
Questa Storia deve finire
La guerra non è un’invenzione delle donne. La guerra ci riduce a prede e ci rende cose mute. Posizionarci -di qua o di là- non ci dà pace. Pace non è l’intervallo tra una guerra e l’altra. Pace non è inermità ma forza attiva che regola le relazioni e dirime i conflitti. Esigiamo che i figli ribelli riconoscano l’autorità della madre e si sottraggano all’obbligo dei gesti di dominio e di sopraffazione
“La guerra è stata da sempre l'attività specifica del maschio e il suo modello di comportamento virile”. Carla Lonzi, Manifesto di Rivolta Femminile, 1970 La guerra non è una nostra invenzione e non è nostra invenzione quella forma disperata di guerra che è il terrorismo. Posizionarci -di qua o di là- non ci dà pace, ci disorienta e ci divide, ma non ci è consentito altro movimento se non cercare rifugio in un’impossibile estraneità. Ci riconosciamo con dolore nelle “nemiche”. […]
Leggi ora
11 Ottobre 2023
Solo donne? Non si può più
Fra 10 giorni -il 21 ottobre- l’UDI Emilia Romagna potrebbe essere cancellata dal registro del Terzo Settore a meno che non accetti di iscrivere anche uomini. Così la sinistra aggredisce gli spazi politici femminili -a cominciare dalla storica associazione legata alla Resistenza- in nome dell’”inclusività” transfemminista promossa dal PD. Un rischio enorme per tutto il femminismo. Non possono averla vinta
Gli spazi delle donne sotto attacco. Non solo quelli fisici -spogliatoi, sport, case rifugio, reparti ospedalieri, carceri- ma anche quelli simbolici e politici. Se non ammetti anche persone di sesso maschile, chiudi e sparisci. Incredibile ed esemplare quello che sta capitando a UDI, Unione Donne in Italia, associazione storica attiva da quasi 80 anni storicamente legata alla sinistra. Molte delle UDI emiliano-romagnole sono a rischio di imminente cancellazione dal RUNTS, registro unico nazionale del Terzo Settore, semplicemente per il fatto […]
Leggi ora