13 Gennaio 2021

“PARITA’ NELLA RIPARTENZA”

Condividi questo articolo

DOCUMENTO PROGRAMMATICO SU DONNE, RIFORME E RECOVERY FUND

DONNE PER LA SALVEZZA- HALF OF IT PRESENTANO I PUNTI SALIENTI DEL MANIFESTO

Il CdM e l’esecutivo stesso in queste ore si sta confrontando sulle misure da inserire nel PNRR del Governo, investimenti che sfruttino al meglio il Recovery fund europeo.

E’ in circolazione un documento dal titolo “Donne per la salvezza - Half of it” che verra’ reso pubblico nelle prossime ore e consegnato ufficialmente al Governo, frutto del confronto tra personalita’ istituzionali, associazioni, esperte ed esperti del mondo economico e statistico, manager, professioniste e professionisti.

L’obiettivo e’ quello di ottenere risorse adeguate per liberare l’occupazione femminile, sia attraverso  risorse europee che attraverso un riordino della spesa nazionale, creando nuove infrastrutture sociali e una vera economia della cura, indicando misure di lungo periodo e riforme immediate che rispondano all’emergenza di richiesta di servizi delle famiglie italiane.

Idee concrete anche su occupazione, formazione, stereotipi di genere, organismi di parita’.

Il Manifesto Donne per la salvezza, che si ispira alla campagna Half of it a livello europeo, entra nel vivo della dialettica con le istituzioni nazionali ed europee. Per questo chiediamo:

-       una valutazione di genere ex ante ed ex post di tutte le misure e gli investimenti che saranno previsti dal PNRR italiano, con una regia di esperte ed esperti presso il MEF;

-   che Il Governo, sulla base delle linee guida europee per l’attuazione del Piano, presenti al Parlamento un modello di governance che identifichi la responsabilità della realizzazione del piano, assicurando il 50% della presenza di donne, garantendo il coordinamento con i Ministeri competenti a livello nazionale e gli altri livelli di governo, monitorando i progressi di avanzamento della spesa; 

-  la copertura del 60%  dei bambini 0-3 anni nei nidi pubblici, fondamentale scelta educativa della scuola dell’infanzia e investimento in istruzione, con uno stanziamento di 8 miliardi di euro e realizzazione degli stessi entro 5 anni

- la creazione sanita’ e assistenza di prossimita’ territoriali per anziani, disabili e non autosufficienti, con una cifra aggiuntiva di almeno 4 miliardi di euro, che non venga distratta da quella della sanita’ gia’ prevista; la creazione delle infrastrutture di cura e’ da realizzarsi entro 5 anni;

-  un forte investimento nei territori su consultori e centri antiviolenza;

-  un cashback sui servizi di cura e assistenza immediato e transitorio per le famiglie italiane. Tale cashback sara’ finanziato tramite lo stanziamento di 1,2 miliardi annui per 5 anni, cifra che andra’ via via riducendosi grazie all’emersione del lavoro nero legato alla cura e all’assistenza e andra’ ad esaurirsi quando la creazione di servizi pubblici di cura e prossimita’ verranno completati. Il cashback sui servizi di cura e assistenza dovra’ mutuare l’esperienza francese dei voucher universali CESU;

-    una straordinaria campagna di assunzioni nei servizi pubblici, grande possibilita’ occupazionale per donne e giovani, occasione per rinnovo delle competenze, nel settore scolastico, dell’assistenza, sanitario, della ricerca, della cultura; i bandi di assunzione assicurino al personale formazione specifica alla digitalizzazione e alla tecnologia, per superare eventuali gap iniziali;

- un rafforzamento significativo della presenza femminile li’ dove e’ piu’ carente e un forte sostegno all’imprenditorialita’ femminile, con affiancamento e formazione delle titolari delle nuove imprese femminili nei primi tre anni di attivita’;

-  una valutazione per una riduzione consistente dei contributi previdenziali per lavoratrici autonome (autonome totali e parziali), che sia compatibile con le esigenze di spesa pubblica e deficit; riconoscimento del diritto alla maternita’ e alla malattia per tutte le categorie professionali autonome, ordinistiche e non;

- l’attivazione di politiche di condivisione del lavoro di cura e della genitorialita’, attraverso interventi globali, prolungando il congedo di paternita’ e ponendo a carico dell’INPS l’anticipo dell’ indennita’ obbligatoria di maternita’, risolvendo cosi’ il problema di liquidita’ delle piccole e medie imprese italiane,  ponendo inoltre il 100% di indennita’ obbligatoria di maternita’ a carico della fiscalita’ generale;

-  che le scuole, in tutti i settori educativi, siano organizzate secondo il modello del tempo pieno su tutto il territorio nazionale; che le ore di educazione civica nelle scuole vengano ampliate, con una attenzione particolare ai valori di uguaglianza e inclusivita’ inseriti nella Costituzione italiana, che aiutino ad abbattere bullismo, violenza, discriminazione di genere, razza, religione o orientamento sessuale. Chiediamo che nelle stesse ore vengano dedicati momenti di formazione sull’educazione finanziaria per studenti e studentesse;

-  che lo Stato riduca sensibilmente le tasse universitarie per le studentesse che scelgano materie scientifiche e tecniche, incoraggiando e detassando anche le imposte per la frequentazione degli ITS, che spesso aprono opportunita’ di lavoro immediate e spendibili; chiediamo inoltre l’introduzione di quote di genere (50%) nei test di ingresso universitari per le materie STEM;

-  politiche attive per il lavoro tengano conto dei nuovi strumenti digitali e favoriscano sempre piu’ orientamento e formazione delle donne anche a distanza, offrendo nuove opportunita’ di occupazione e di acquisizione di competenze tecnico-scientifiche o di indirizzo verso la professionalizzazione del lavoro di cura e assistenza, competenze di cui ci sara’ sempre piu’ bisogno in futuro;

-  l’aggiornamento del Codice delle pari opportunità con la definizione di chiari parametri di rispetto della parità salariale e delle pari opportunità sul luogo di lavoro, con un meccanismo premiante per i datori che rispettano questi principi attraverso consistenti sgravi contributivi e/o fiscali;

- un aggiornamento degli organismi di parita’ esistenti nel nostro Paese, fermi a trent’anni fa, valutando quali strumenti si siano distinti per efficacia nella lotta alle discriminazioni di genere; chiediamo altresi’ uno studio di fattibilita’ sulla semplificazione degli organismi attualmente esistenti, valutando l’eventuale creazione di un organismo di parita’ indipendente dal potere politico, con capacita' sanzionatoria, esterno o interno all’Antitrust;

- introduzione del gender procurement per tutti gli appalti relativi al Recovery fund, con punteggi che premino le imprese che mettono in pratica l’uguaglianza di genere; utilizzo dei fondi del Patrimonio Destinato (€44 miliardi) gestiti da CDP con criteri che richiedano alle imprese destinatarie degli investimenti di impegnarsi a favore della parità di genere in azienda, con specifiche milestone di miglioramento dell'equilibrio di genere nelle posizioni manageriali e di eliminazione del gender pay gap;

Hanno già aderito in queste ore al Manifesto programmatico Donne per la salvezza – Half of it :

Le Contemporanee - Rete per la parità - D.i.Re (Donne in rete contro la violenza) -  Il Giusto Mezzo – Soroptimist International Italia - Fondazione Bellisario - Dateci voce - Fuori quota - GammaDonna - Community Donne 4.0 - EWA -  Differenza Donna - Se Non Ora Quando Libere  - Odiare ti costa - Tlon - Base Italia - M&M “Idee per un Paese migliore” - Fondazione CeRM -  Movimenta - CGIL politiche di genere - UIL coordinamento pari opportunita’

per adesioni: lecontemporanee@gmail.com


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Aprile 2022
Verso l'abolizione della maternità surrogata: un'antologia e un dibattito
CIAMS pubblica un libro a più voci contro l'utero in affitto e ne discute in un webinar aperto. Intanto in Italia, che si prepara ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in Affitto (a Milano il 21-22 maggio), sono già in discussione due progetti di legge che estendono la punibilità della pratica anche quando realizzata all'estero. Ed è in arrivo una proposta di legge di iniziativa popolare
Mentre in Italia ci prepariamo ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in affitto, programmata per il 21.-22 maggio in luogo ancora sconosciuto -si saprà solo all'ultimo- e oltre alle 2 proposte di legge già in discussione in Commissione Giustizia della Camera, proposte che chiedono la punibilità della "maternità surrogata anche se realizzata all'estero, è in preparazione una proposta di legge di iniziativa popolare con raccolta firme per uno stop definitivo alla pratica -vi daremo presto i dettagli- il prossimo 28 aprile […]
Leggi ora
7 Novembre 2021
Storia di una detransitioner di nome Carol
"Ero semplicemente lesbica, ma non lo accettavo". La sua storia dimostra i pericoli di un modello di cura "affermativo di genere" che accetta l'autodiagnosi dei pazienti di essere trans, pratica standard nel campo della medicina transgender americana
Carol aveva sospettava da tempo che la sua vita quotidiana nelle zone rurali della California sarebbe stata più facile se fosse stata un uomo. Eppure era sbalordita da quanto fosse vero. Come donna “butch” (mascolina), (e "non molto sorridente") era stata regolarmente trattata con un leggero disprezzo, dice. Dopo una doppia mastectomia e alcuni mesi di testosterone - che le ha dato peli sul viso e una voce roca - "la gente, i cassieri, tutti, all'improvviso sono diventati così dannatamente […]
Leggi ora
30 Ottobre 2021
Proyecto de ley Zan: llamando a las cosas por su nombre
El verdadero nombre del proyecto de ley de Zan, bloqueado hace unos días en el Senado, debería haber sido "Proyecto de ley sobre la autocertificación de género" y no contra la homotransfobia. Ese era el verdadero objetivo, la autoidentificación, y por eso la ley se ha estancado. Sacrificar la legítima protección de las personas homosexuales y transexuales a la arrogancia del transactivismo queer.
Un breve comentario, tras archivar el proyecto de ley Zan sobre la homobi-transfobia, destinado principalmente a las hermanas y amigas no italianas que nos piden explicaciones; y a las italianas que aún no tienen claro lo que pasó. Hace más o menos un año, el proyecto de ley de Zan contra la homobiotransfobia fue aprobado en la Cámara de Diputados en medio del silencio y la desatención general. En ese momento, los medios de comunicación ocultaron por completo el debate, […]
Leggi ora
30 Ottobre 2021
Zan Bill: give things their real name
The real name of Zan's bill, which was blocked a few days ago in the Senate, should have been the bill on gender self-certification and not against homotransphobia. That was the real objective, the self-id, and that is why the law has stalled. Sacrificing the rightful protection of homosexual and transsexual people to the arrogance of queer transactivism.
A brief comment, after the filing of Zan's bill on homobi-transphobia, mainly intended for the non-Italian sisters and friends who ask us to explain; and for those Italian women who are still unclear about what happened. About a year ago, Zan's bill against homobi-transphobia was approved in the Chamber of Deputies amidst general silence and inattention. At that stage, the media completely obscured the debate, while the ongoing Covid wave - in Italy the vaccination campaign had not yet begun […]
Leggi ora
7 Luglio 2021
COMUNICATO DELLA RETE FEMMINISTA CONTRO IL DDL ZAN #NoncicancelleRete
La tutela delle persone omosessuali e transessuali è una partita diversa da quella dell'identità di genere, che intende ridurre la sessuazione umana all'insignificanza. I due piani vanno tenuti distinti. Al Senato si voti in piena coscienza
La partita del ddl Zan è troppo importante perché venga lasciata ai tatticismi elettoralistici e ai personalismi degli uomini che fanno la politica. In questione, con l’introduzione dell’identità di genere, è un modello di civiltà in cui la sessuazione umana viene ridotta all’insignificanza, questione che riguarda tutte e tutti. Abbiamo indicato la possibilità di tornare al ddl Scalfarotto del 2018 -poi rilanciata da Italia Viva- perché quel testo, nato nel centrosinistra, garantisce la necessaria tutela delle persone omosessuali e transessuali […]
Leggi ora
25 Giugno 2021
Trans Mission: perché questa spinta cambiare genere? Il nuovo film di Jennifer Lahl
La pressione crescente della gender ideology, la colonizzazione delle istituzioni in Occidente, gli effetti deleteri su bambine e bambini, lo smarrimento dei genitori. Un film-inchiesta in streaming gratuito per indagare e arginare il fenomeno
Intervista di Gary Powell a Jennifer Lahl “Le cattive idee generano vittime. Il nostro lavoro al CBC -Center for Bioethics and Culture- è mettere in discussione e criticare questo tipo di idee malsane prima che arrechino danni alle persone”. Questo il messaggio intransigente e inequivocabile di Jennifer Lahl, fondatrice e presidente del CBC, che ha sede in California. Con 25 anni di esperienza come ex-infermiera pediatrica di terapia intensiva, amministratrice ospedaliera e dirigente infermieristico di alto livello, è abituata a […]
Leggi ora