La diretta Zan-Fedez

Lettera di una giovane femminista a Zan e al Pd

Condividi questo articolo

Con ogni mezzo (social, email) abbiamo cercato di interloquire con Alessandro Zan, primo firmatario del ddl sull'omobitransfobia, misoginia e abilismo già approvato alla Camera e in attesa di esame al Senato. Lo abbiamo invitato a partecipare a un confronto Zoom per esporgli le nostre ragioni e ascoltare le sue. Gli abbiamo proposto interviste da pubblicare sulla stampa quotidiana. Zan non ha mai dato il minimo cenno di riscontro e questo è piuttosto grave per un parlamentare eletto che per legiferare correttamente sarebbe tenuto a verificare i suoi convincimenti su una questione tanto importante, ascoltando ciò che ne hanno da dire le sue concittadine: ignorare le donne, non dare importanza a quello che hanno da dire è il primo sprezzo misogino, ed è preoccupante che questo sprezzo venga manifestato proprio da chi -unilateralmente- ha deciso che la "sua" legge costituisca un presidio anche contro la misoginia. Zan ha scelto di confrontarsi solo con chi gli assicuri a priori di non contrastarlo, organizzando un grand tour con influencer, cantanti, sex-columnist di PlayBoy e personaggi dello showbitz che, come abbiamo potuto constatare, non conoscono davvero il testo del ddl.

Nessun riscontro fin qui nemmeno dal Partito Democratico e in particolare dalle donne di quel partito, ripetutamente e prioritariamente interpellate, nonostante il nuovo segretario Enrico Letta abbia indicato nell'apertura e nell'ascolto un tratto imprescindibile del "suo" Pd. Questa è la lettera che una giovane femminista radicale ha voluto indirizzare ad Alessandro Zan e al Partito Democratico.

___________________________________________________________________________________________________________________

Vorrei fare un appello a chi in questo momento sta supportando il #ddlZan organizzando dirette e petizioni sui social. Soprattutto vorrei lanciare questo messaggio ad Alessandro Zan del Partito Democratico, relatore del ddl.

Ho seguito la sua diretta con Fedez e ho riscontrato molta disonestà da parte sua perchè nonostante lei abbia ragione a sottolineare l’importanza di questo ddl e abbia ragione a dire che ci sono moltissime fake news che circolano, ha trascurato di citare il fatto che non tutte le critiche che sono arrivate a questo ddl vengano dalla destra sovranista Italiana o da esponenti di partiti politici omofobi. Lei ha detto, e cito, chi non vuole questa legge pensa ancora che le persone omosessuali e transessuali siano persone sbagliate e da correggere”. Ma questo non è vero e lei lo sa bene.

C’è una parte di Italia che sta chiedendo da mesi di essere ascoltata, una parte di Italia fatta prevalentemente di donne, di femministe, che chiedono ad Alessandro Zan e, più in generale, al Partito Democratico di essere ascoltate e di poter condividere un dibattito circa le critiche e le modifiche che, in quanto donne, vorremmo apportare al ddl. A detta vostra questa è una legge che dovrebbe tutelare anche le donne, perciò mi sembra il minimo accettare di intavolare una discussione anche con noi. Eppure quando - insieme a Marina Terragni- abbiamo chiesto di essere ascoltate, richiedendo la possibilità di confrontarci tramite dibattito pubblico con Alessandro Zan, siamo state ignorate.

Io faccio parte di RadFem Italia, un’associazione di donne femministe che si occupa di femminismo radicale e che combatte contro l’oppressione del patriarcato e per distruggere la misoginia, che in Italia è incredibilmente normalizzata - basti pensare ai numeri di femminicidi quotidiani. Ma mi ritrovo anche negli ideali di tante altre associazioni femministe italiane come ad esempio ArciLesbica o l'UDI - Unione Donne in Italia. Ho conosciuto tantissime donne che in questo momento si sentono minacciate da ciò che potrebbe accadere se il ddl Zan venisse approvato così com’è.

Noi non siamo la destra sovranista e omofoba italiana, noi non siamo Giorgia Meloni, Simone Pillon o Matteo Salvini. Siamo donne che quotidianamente combattono per altre donne, per chi non ha voce, e pretendiamo che venga dato ascolto anche a noi, o che almeno si provi a creare un dibattito civile. Ci sono diversi punti che riteniamo vadano modificati nel ddl ma, principalmente, ci preoccupa il concetto di identità di genere. Da mesi continuiamo a ribadire che il concetto alla base dell’ideologia dell’identità di genere sia incredibilmente nocivo per le donne, eppure continuiamo ad essere ignorate.

Nel ddl Zan l’identità di genere è definita come «l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione». Questo presuppone che l’essere donna non dipenda dall’appartenenza ad un sesso bensì sia relegato ad una sensazione, al “sentirsi donna”. Ma asserire che la donna sia una concezione diversa dalla sua contingenza biologica minimizza i miliardi di donne vittime di maschilismo, misoginia e patriarcato nel mondo: siamo nel 2021 e, ad oggi, esistono ancora aborti selettivi ai danni di bambine, escissione della clitoride, prostituzione, sessualizzazione e oggettificazione del corpo femminile, stupro correttivo, spose bambine, discriminazioni sul lavoro per via della maternità eccetera.

Nessuno sa in quale “identità di genere” si identificassero queste donne o bambine stuprate, violate, infibulate, abortite e uccise; l'unico loro peccato è stato quello di essere nate con l’organo genitale femminile. È su questa base puramente biologica che, per millenni, le donne sono state e sono ancora ritenute inferiori. La donna non è colei che si sente donna perché performa gli stereotipi creati dalla società - stereotipi dannosi specialmente per noi donne in una società patriarcale come quella Italiana. Non è donna chi si mette il rossetto, chi indossa una gonna, chi gioca con le Barbie o chi si sente donna perché ha piacere a fare queste cose. Questi sono stereotipi sessisti, stereotipi di genere.

All’interno di queste dinamiche di stereotipi di genere, la donna è soggiogata dal ruolo che le è stato imposto. Il sesso biologico non ci impone obblighi né ruoli: quei ruoli vengono dipinti intorno al sesso e per liberarsene bisogna riconoscerli per gli strumenti patriarcali che sono. Non esiste cervello, hobby, passione, colore, orientamento sessuale, tratto caratteriale che sia intrinsecamente femminile o maschile. Questi sono costrutti che vengono tramandati dalla nascita, sono taciti accordi sociali. Dunque inserire la validità legale di un termine come “identità di genere” crea un precedente ed è dannoso per le donne poiché il genere - a differenza del sesso - è un concetto socio-culturale, un costrutto che si riferisce all'insieme di norme imposte dall'esterno, da stereotipi appunto.

In una società priva di stereotipi di genere e di caselle culturali dati al sesso di appartenenza non ci sarebbe la necessità di identificarsi in un altro sesso o in un’ipotetica identità di genere perché la società sarebbe paritaria nei confronti di donne e uomini senza attribuire stereotipi di genere a nessun sesso. Chiediamo che queste considerazioni, e molte altre, vengano tenute in considerazione e che ci venga dato spazio per un dibattito costruttivo che tenga conto di quello che le donne hanno da dire su questo ddl, senza voler minare i sacrosanti diritti che questo ddl si pone di tutelare, ovvero combattere omofobia, transfobia, abilismo e misoginia. Per favore, ascoltateci.

Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
9 Settembre 2022
Elizabeth, l'ultima matriarca
La regina scomparsa ha saputo esercitare il proprio potere in modo così abile da renderlo invisibile. Un'influenza profonda che non ha mai prodotto contraccolpi. Sapienza, ferreo senso del dovere, pragmatismo, controllo emotivo e nessun narcisismo: questi i tratti di una sovranità che ne fanno un modello di autorità femminile
Gaby Hinsliff per The Guardian Ferma tutti gli orologi. Stacca il telefono. Per una volta, i versi di apertura della poesia di WH Auden, Funeral Blues, sembrano adatti al momento. Piaccia o meno, gran parte della vita pubblica si fermerà nei giorni di lutto mentre le emittenti sospendono i loro programmi e si prepara il funerale di stato. Per quanto possa essere stato prevista da tempo, la morte della monarca che ha regnato più a lungo nella storia britannica è un momento […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora