La diretta Zan-Fedez

Lettera di una giovane femminista a Zan e al Pd

Condividi questo articolo

Con ogni mezzo (social, email) abbiamo cercato di interloquire con Alessandro Zan, primo firmatario del ddl sull'omobitransfobia, misoginia e abilismo già approvato alla Camera e in attesa di esame al Senato. Lo abbiamo invitato a partecipare a un confronto Zoom per esporgli le nostre ragioni e ascoltare le sue. Gli abbiamo proposto interviste da pubblicare sulla stampa quotidiana. Zan non ha mai dato il minimo cenno di riscontro e questo è piuttosto grave per un parlamentare eletto che per legiferare correttamente sarebbe tenuto a verificare i suoi convincimenti su una questione tanto importante, ascoltando ciò che ne hanno da dire le sue concittadine: ignorare le donne, non dare importanza a quello che hanno da dire è il primo sprezzo misogino, ed è preoccupante che questo sprezzo venga manifestato proprio da chi -unilateralmente- ha deciso che la "sua" legge costituisca un presidio anche contro la misoginia. Zan ha scelto di confrontarsi solo con chi gli assicuri a priori di non contrastarlo, organizzando un grand tour con influencer, cantanti, sex-columnist di PlayBoy e personaggi dello showbitz che, come abbiamo potuto constatare, non conoscono davvero il testo del ddl.

Nessun riscontro fin qui nemmeno dal Partito Democratico e in particolare dalle donne di quel partito, ripetutamente e prioritariamente interpellate, nonostante il nuovo segretario Enrico Letta abbia indicato nell'apertura e nell'ascolto un tratto imprescindibile del "suo" Pd. Questa è la lettera che una giovane femminista radicale ha voluto indirizzare ad Alessandro Zan e al Partito Democratico.

___________________________________________________________________________________________________________________

Vorrei fare un appello a chi in questo momento sta supportando il #ddlZan organizzando dirette e petizioni sui social. Soprattutto vorrei lanciare questo messaggio ad Alessandro Zan del Partito Democratico, relatore del ddl.

Ho seguito la sua diretta con Fedez e ho riscontrato molta disonestà da parte sua perchè nonostante lei abbia ragione a sottolineare l’importanza di questo ddl e abbia ragione a dire che ci sono moltissime fake news che circolano, ha trascurato di citare il fatto che non tutte le critiche che sono arrivate a questo ddl vengano dalla destra sovranista Italiana o da esponenti di partiti politici omofobi. Lei ha detto, e cito, chi non vuole questa legge pensa ancora che le persone omosessuali e transessuali siano persone sbagliate e da correggere”. Ma questo non è vero e lei lo sa bene.

C’è una parte di Italia che sta chiedendo da mesi di essere ascoltata, una parte di Italia fatta prevalentemente di donne, di femministe, che chiedono ad Alessandro Zan e, più in generale, al Partito Democratico di essere ascoltate e di poter condividere un dibattito circa le critiche e le modifiche che, in quanto donne, vorremmo apportare al ddl. A detta vostra questa è una legge che dovrebbe tutelare anche le donne, perciò mi sembra il minimo accettare di intavolare una discussione anche con noi. Eppure quando - insieme a Marina Terragni- abbiamo chiesto di essere ascoltate, richiedendo la possibilità di confrontarci tramite dibattito pubblico con Alessandro Zan, siamo state ignorate.

Io faccio parte di RadFem Italia, un’associazione di donne femministe che si occupa di femminismo radicale e che combatte contro l’oppressione del patriarcato e per distruggere la misoginia, che in Italia è incredibilmente normalizzata - basti pensare ai numeri di femminicidi quotidiani. Ma mi ritrovo anche negli ideali di tante altre associazioni femministe italiane come ad esempio ArciLesbica o l'UDI - Unione Donne in Italia. Ho conosciuto tantissime donne che in questo momento si sentono minacciate da ciò che potrebbe accadere se il ddl Zan venisse approvato così com’è.

Noi non siamo la destra sovranista e omofoba italiana, noi non siamo Giorgia Meloni, Simone Pillon o Matteo Salvini. Siamo donne che quotidianamente combattono per altre donne, per chi non ha voce, e pretendiamo che venga dato ascolto anche a noi, o che almeno si provi a creare un dibattito civile. Ci sono diversi punti che riteniamo vadano modificati nel ddl ma, principalmente, ci preoccupa il concetto di identità di genere. Da mesi continuiamo a ribadire che il concetto alla base dell’ideologia dell’identità di genere sia incredibilmente nocivo per le donne, eppure continuiamo ad essere ignorate.

Nel ddl Zan l’identità di genere è definita come «l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione». Questo presuppone che l’essere donna non dipenda dall’appartenenza ad un sesso bensì sia relegato ad una sensazione, al “sentirsi donna”. Ma asserire che la donna sia una concezione diversa dalla sua contingenza biologica minimizza i miliardi di donne vittime di maschilismo, misoginia e patriarcato nel mondo: siamo nel 2021 e, ad oggi, esistono ancora aborti selettivi ai danni di bambine, escissione della clitoride, prostituzione, sessualizzazione e oggettificazione del corpo femminile, stupro correttivo, spose bambine, discriminazioni sul lavoro per via della maternità eccetera.

Nessuno sa in quale “identità di genere” si identificassero queste donne o bambine stuprate, violate, infibulate, abortite e uccise; l'unico loro peccato è stato quello di essere nate con l’organo genitale femminile. È su questa base puramente biologica che, per millenni, le donne sono state e sono ancora ritenute inferiori. La donna non è colei che si sente donna perché performa gli stereotipi creati dalla società - stereotipi dannosi specialmente per noi donne in una società patriarcale come quella Italiana. Non è donna chi si mette il rossetto, chi indossa una gonna, chi gioca con le Barbie o chi si sente donna perché ha piacere a fare queste cose. Questi sono stereotipi sessisti, stereotipi di genere.

All’interno di queste dinamiche di stereotipi di genere, la donna è soggiogata dal ruolo che le è stato imposto. Il sesso biologico non ci impone obblighi né ruoli: quei ruoli vengono dipinti intorno al sesso e per liberarsene bisogna riconoscerli per gli strumenti patriarcali che sono. Non esiste cervello, hobby, passione, colore, orientamento sessuale, tratto caratteriale che sia intrinsecamente femminile o maschile. Questi sono costrutti che vengono tramandati dalla nascita, sono taciti accordi sociali. Dunque inserire la validità legale di un termine come “identità di genere” crea un precedente ed è dannoso per le donne poiché il genere - a differenza del sesso - è un concetto socio-culturale, un costrutto che si riferisce all'insieme di norme imposte dall'esterno, da stereotipi appunto.

In una società priva di stereotipi di genere e di caselle culturali dati al sesso di appartenenza non ci sarebbe la necessità di identificarsi in un altro sesso o in un’ipotetica identità di genere perché la società sarebbe paritaria nei confronti di donne e uomini senza attribuire stereotipi di genere a nessun sesso. Chiediamo che queste considerazioni, e molte altre, vengano tenute in considerazione e che ci venga dato spazio per un dibattito costruttivo che tenga conto di quello che le donne hanno da dire su questo ddl, senza voler minare i sacrosanti diritti che questo ddl si pone di tutelare, ovvero combattere omofobia, transfobia, abilismo e misoginia. Per favore, ascoltateci.

Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
3 Agosto 2022
Operaia sì. Ministra no. Donna nemmeno
Se c’è una cosa su cui i politici italiani sono tutti d’accordo è la cancellazione delle donne, a partire dal linguaggio. Mentre la sinistra "progressista" ci cancella con asterischi e schwa -lingua finto-inclusiva che riporta tutto al maschile- la destra rifiuta di usare il femminile per le donne di autorità nelle istituzioni. Ma la parole sono importanti perché fanno realtà
Incredibilmente -e con voto segreto, scelleratamente concesso dalla presidente Casellati- qualche giorno fa il Senato ha respinto l'emendamento Maiorino che autorizzava a chiamare le donne delle istituzioni con il loro nome. Questione che ha una profonda rilevanza politica. Sono molti i poeti che nel corso dei secoli si sono avvalsi di licenze poetiche, ovvero intenzionali errori grammaticali, metrici e sintattici con l'intenzione di sottolineare un concetto o alterare la sonorità del componimento. Il 27 luglio 2022 a palazzo Madama è […]
Leggi ora
29 Luglio 2022
UK. Settimana nera per il trans-patriarcato glitterato: chiusa la Tavistock, gender clinic per bambini. E Allison Bailey vince in tribunale: fu discriminata per le sue opinioni gender critical
L'ideologia dell'identità di genere sotto attacco in UK: il servizio sanitario nazionale ordina la chiusura della clinica delle transizioni pediatriche e indica la strada delle terapie psicologiche. E Allison Bailey vince la causa al tribunale del lavoro con il sostegno di JK Rowling: il datore di lavoro condannato a risarcirla per averla messa "sotto inchiesta" a causa delle sue opinioni gender critical. Su suggerimento di Stonewall, che ne esce con la reputazione a pezzi
CHIUDE TAVISTOCK, CLINICA DELLE TRANSIZIONI PER MINORI: L’APPROCCIO "AFFERMATIVO" (FARMACI E CHIRURGIA) E' PERICOLOSO PER LE/I GIOVANI PAZIENTI La notizia è clamorosa: il servizio sanitario nazionale britannico (NHS) ha ordinato la chiusura della clinica di genere Tavistock & Portman per non aver saputo garantire la sicurezza dei piccoli pazienti, per la maggior parte ragazze (articolo integrale qui). La clinica è stata accusata da più parti di avere avviato frettolosamente molte minori, buona parte delle quali affette di disturbi dello spettro […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
25 Luglio 2022
Campo aperto, liste chiuse
L'occhio di tigre non vuole vedere che tu puoi riassemblare e ricombinare lo schieramento quanto vuoi, ma se le facce e i nomi restano gli stessi sei molto poco credibile. E se l'unico obiettivo riconoscibile dal più dell'elettorato è sbarrare la strada all'avversaria politica -per una volta una donna, il che rende tutto ancora più surreale- le probabilità di successo non sono molte
Lavori in corso per la costruzione del grande rassemblement o campo aperto (quello largo è stato dismesso). La discussione è solo tra uomini (con la parziale eccezione di Emma Bonino) e il cemento che tiene insieme il progetto di coalizione è "fermare Meloni": di programmi politici si discute poco, e che cosa possano avere in comune Calenda, Fratoianni e Di Maio è tutto da capire. Osservatori e sociologi della politica si sgolano a far notare che costruire un progetto "contro" […]
Leggi ora