La diretta Zan-Fedez

Lettera di una giovane femminista a Zan e al Pd

Condividi questo articolo

Con ogni mezzo (social, email) abbiamo cercato di interloquire con Alessandro Zan, primo firmatario del ddl sull'omobitransfobia, misoginia e abilismo già approvato alla Camera e in attesa di esame al Senato. Lo abbiamo invitato a partecipare a un confronto Zoom per esporgli le nostre ragioni e ascoltare le sue. Gli abbiamo proposto interviste da pubblicare sulla stampa quotidiana. Zan non ha mai dato il minimo cenno di riscontro e questo è piuttosto grave per un parlamentare eletto che per legiferare correttamente sarebbe tenuto a verificare i suoi convincimenti su una questione tanto importante, ascoltando ciò che ne hanno da dire le sue concittadine: ignorare le donne, non dare importanza a quello che hanno da dire è il primo sprezzo misogino, ed è preoccupante che questo sprezzo venga manifestato proprio da chi -unilateralmente- ha deciso che la "sua" legge costituisca un presidio anche contro la misoginia. Zan ha scelto di confrontarsi solo con chi gli assicuri a priori di non contrastarlo, organizzando un grand tour con influencer, cantanti, sex-columnist di PlayBoy e personaggi dello showbitz che, come abbiamo potuto constatare, non conoscono davvero il testo del ddl.

Nessun riscontro fin qui nemmeno dal Partito Democratico e in particolare dalle donne di quel partito, ripetutamente e prioritariamente interpellate, nonostante il nuovo segretario Enrico Letta abbia indicato nell'apertura e nell'ascolto un tratto imprescindibile del "suo" Pd. Questa è la lettera che una giovane femminista radicale ha voluto indirizzare ad Alessandro Zan e al Partito Democratico.

___________________________________________________________________________________________________________________

Vorrei fare un appello a chi in questo momento sta supportando il #ddlZan organizzando dirette e petizioni sui social. Soprattutto vorrei lanciare questo messaggio ad Alessandro Zan del Partito Democratico, relatore del ddl.

Ho seguito la sua diretta con Fedez e ho riscontrato molta disonestà da parte sua perchè nonostante lei abbia ragione a sottolineare l’importanza di questo ddl e abbia ragione a dire che ci sono moltissime fake news che circolano, ha trascurato di citare il fatto che non tutte le critiche che sono arrivate a questo ddl vengano dalla destra sovranista Italiana o da esponenti di partiti politici omofobi. Lei ha detto, e cito, chi non vuole questa legge pensa ancora che le persone omosessuali e transessuali siano persone sbagliate e da correggere”. Ma questo non è vero e lei lo sa bene.

C’è una parte di Italia che sta chiedendo da mesi di essere ascoltata, una parte di Italia fatta prevalentemente di donne, di femministe, che chiedono ad Alessandro Zan e, più in generale, al Partito Democratico di essere ascoltate e di poter condividere un dibattito circa le critiche e le modifiche che, in quanto donne, vorremmo apportare al ddl. A detta vostra questa è una legge che dovrebbe tutelare anche le donne, perciò mi sembra il minimo accettare di intavolare una discussione anche con noi. Eppure quando - insieme a Marina Terragni- abbiamo chiesto di essere ascoltate, richiedendo la possibilità di confrontarci tramite dibattito pubblico con Alessandro Zan, siamo state ignorate.

Io faccio parte di RadFem Italia, un’associazione di donne femministe che si occupa di femminismo radicale e che combatte contro l’oppressione del patriarcato e per distruggere la misoginia, che in Italia è incredibilmente normalizzata - basti pensare ai numeri di femminicidi quotidiani. Ma mi ritrovo anche negli ideali di tante altre associazioni femministe italiane come ad esempio ArciLesbica o l'UDI - Unione Donne in Italia. Ho conosciuto tantissime donne che in questo momento si sentono minacciate da ciò che potrebbe accadere se il ddl Zan venisse approvato così com’è.

Noi non siamo la destra sovranista e omofoba italiana, noi non siamo Giorgia Meloni, Simone Pillon o Matteo Salvini. Siamo donne che quotidianamente combattono per altre donne, per chi non ha voce, e pretendiamo che venga dato ascolto anche a noi, o che almeno si provi a creare un dibattito civile. Ci sono diversi punti che riteniamo vadano modificati nel ddl ma, principalmente, ci preoccupa il concetto di identità di genere. Da mesi continuiamo a ribadire che il concetto alla base dell’ideologia dell’identità di genere sia incredibilmente nocivo per le donne, eppure continuiamo ad essere ignorate.

Nel ddl Zan l’identità di genere è definita come «l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione». Questo presuppone che l’essere donna non dipenda dall’appartenenza ad un sesso bensì sia relegato ad una sensazione, al “sentirsi donna”. Ma asserire che la donna sia una concezione diversa dalla sua contingenza biologica minimizza i miliardi di donne vittime di maschilismo, misoginia e patriarcato nel mondo: siamo nel 2021 e, ad oggi, esistono ancora aborti selettivi ai danni di bambine, escissione della clitoride, prostituzione, sessualizzazione e oggettificazione del corpo femminile, stupro correttivo, spose bambine, discriminazioni sul lavoro per via della maternità eccetera.

Nessuno sa in quale “identità di genere” si identificassero queste donne o bambine stuprate, violate, infibulate, abortite e uccise; l'unico loro peccato è stato quello di essere nate con l’organo genitale femminile. È su questa base puramente biologica che, per millenni, le donne sono state e sono ancora ritenute inferiori. La donna non è colei che si sente donna perché performa gli stereotipi creati dalla società - stereotipi dannosi specialmente per noi donne in una società patriarcale come quella Italiana. Non è donna chi si mette il rossetto, chi indossa una gonna, chi gioca con le Barbie o chi si sente donna perché ha piacere a fare queste cose. Questi sono stereotipi sessisti, stereotipi di genere.

All’interno di queste dinamiche di stereotipi di genere, la donna è soggiogata dal ruolo che le è stato imposto. Il sesso biologico non ci impone obblighi né ruoli: quei ruoli vengono dipinti intorno al sesso e per liberarsene bisogna riconoscerli per gli strumenti patriarcali che sono. Non esiste cervello, hobby, passione, colore, orientamento sessuale, tratto caratteriale che sia intrinsecamente femminile o maschile. Questi sono costrutti che vengono tramandati dalla nascita, sono taciti accordi sociali. Dunque inserire la validità legale di un termine come “identità di genere” crea un precedente ed è dannoso per le donne poiché il genere - a differenza del sesso - è un concetto socio-culturale, un costrutto che si riferisce all'insieme di norme imposte dall'esterno, da stereotipi appunto.

In una società priva di stereotipi di genere e di caselle culturali dati al sesso di appartenenza non ci sarebbe la necessità di identificarsi in un altro sesso o in un’ipotetica identità di genere perché la società sarebbe paritaria nei confronti di donne e uomini senza attribuire stereotipi di genere a nessun sesso. Chiediamo che queste considerazioni, e molte altre, vengano tenute in considerazione e che ci venga dato spazio per un dibattito costruttivo che tenga conto di quello che le donne hanno da dire su questo ddl, senza voler minare i sacrosanti diritti che questo ddl si pone di tutelare, ovvero combattere omofobia, transfobia, abilismo e misoginia. Per favore, ascoltateci.

Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
22 Gennaio 2023
Nasce in Francia Femelliste, piattaforma gender critical "sorella"
Molestate, insultate, sbeffeggiate, minacciate: le femministe francesi hanno raccolto e catalogato gli attacchi subiti per anni dai transattivisti. E hanno dato vita a un sito di informazione e formazione contro la dittatura dell’ideologia transgender
Il nome del sito è un gioco di parole poco traducibile in italiano. Le creatrici del sito informano che è stato già usato da femministe animaliste come Posie Parker, Nicole Roelens e il collettivo Boucherie Abolition (Abolizione delle Macellerie). Farebbe pensare all'antispecismo, in realtà è di più e sotto certi aspetti un po' diverso. "Femelle" in francese indica infatti la femmina dell'animale (per quella umana si ricorre allo stesso vocabolo di donna, femme). Poiché si battono per i diritti sessuali […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora