La diretta Zan-Fedez

Lettera di una giovane femminista a Zan e al Pd

Condividi questo articolo

Con ogni mezzo (social, email) abbiamo cercato di interloquire con Alessandro Zan, primo firmatario del ddl sull'omobitransfobia, misoginia e abilismo già approvato alla Camera e in attesa di esame al Senato. Lo abbiamo invitato a partecipare a un confronto Zoom per esporgli le nostre ragioni e ascoltare le sue. Gli abbiamo proposto interviste da pubblicare sulla stampa quotidiana. Zan non ha mai dato il minimo cenno di riscontro e questo è piuttosto grave per un parlamentare eletto che per legiferare correttamente sarebbe tenuto a verificare i suoi convincimenti su una questione tanto importante, ascoltando ciò che ne hanno da dire le sue concittadine: ignorare le donne, non dare importanza a quello che hanno da dire è il primo sprezzo misogino, ed è preoccupante che questo sprezzo venga manifestato proprio da chi -unilateralmente- ha deciso che la "sua" legge costituisca un presidio anche contro la misoginia. Zan ha scelto di confrontarsi solo con chi gli assicuri a priori di non contrastarlo, organizzando un grand tour con influencer, cantanti, sex-columnist di PlayBoy e personaggi dello showbitz che, come abbiamo potuto constatare, non conoscono davvero il testo del ddl.

Nessun riscontro fin qui nemmeno dal Partito Democratico e in particolare dalle donne di quel partito, ripetutamente e prioritariamente interpellate, nonostante il nuovo segretario Enrico Letta abbia indicato nell'apertura e nell'ascolto un tratto imprescindibile del "suo" Pd. Questa è la lettera che una giovane femminista radicale ha voluto indirizzare ad Alessandro Zan e al Partito Democratico.

___________________________________________________________________________________________________________________

Vorrei fare un appello a chi in questo momento sta supportando il #ddlZan organizzando dirette e petizioni sui social. Soprattutto vorrei lanciare questo messaggio ad Alessandro Zan del Partito Democratico, relatore del ddl.

Ho seguito la sua diretta con Fedez e ho riscontrato molta disonestà da parte sua perchè nonostante lei abbia ragione a sottolineare l’importanza di questo ddl e abbia ragione a dire che ci sono moltissime fake news che circolano, ha trascurato di citare il fatto che non tutte le critiche che sono arrivate a questo ddl vengano dalla destra sovranista Italiana o da esponenti di partiti politici omofobi. Lei ha detto, e cito, chi non vuole questa legge pensa ancora che le persone omosessuali e transessuali siano persone sbagliate e da correggere”. Ma questo non è vero e lei lo sa bene.

C’è una parte di Italia che sta chiedendo da mesi di essere ascoltata, una parte di Italia fatta prevalentemente di donne, di femministe, che chiedono ad Alessandro Zan e, più in generale, al Partito Democratico di essere ascoltate e di poter condividere un dibattito circa le critiche e le modifiche che, in quanto donne, vorremmo apportare al ddl. A detta vostra questa è una legge che dovrebbe tutelare anche le donne, perciò mi sembra il minimo accettare di intavolare una discussione anche con noi. Eppure quando - insieme a Marina Terragni- abbiamo chiesto di essere ascoltate, richiedendo la possibilità di confrontarci tramite dibattito pubblico con Alessandro Zan, siamo state ignorate.

Io faccio parte di RadFem Italia, un’associazione di donne femministe che si occupa di femminismo radicale e che combatte contro l’oppressione del patriarcato e per distruggere la misoginia, che in Italia è incredibilmente normalizzata - basti pensare ai numeri di femminicidi quotidiani. Ma mi ritrovo anche negli ideali di tante altre associazioni femministe italiane come ad esempio ArciLesbica o l'UDI - Unione Donne in Italia. Ho conosciuto tantissime donne che in questo momento si sentono minacciate da ciò che potrebbe accadere se il ddl Zan venisse approvato così com’è.

Noi non siamo la destra sovranista e omofoba italiana, noi non siamo Giorgia Meloni, Simone Pillon o Matteo Salvini. Siamo donne che quotidianamente combattono per altre donne, per chi non ha voce, e pretendiamo che venga dato ascolto anche a noi, o che almeno si provi a creare un dibattito civile. Ci sono diversi punti che riteniamo vadano modificati nel ddl ma, principalmente, ci preoccupa il concetto di identità di genere. Da mesi continuiamo a ribadire che il concetto alla base dell’ideologia dell’identità di genere sia incredibilmente nocivo per le donne, eppure continuiamo ad essere ignorate.

Nel ddl Zan l’identità di genere è definita come «l’identificazione percepita e manifestata di sé in relazione al genere, anche se non corrispondente al sesso, indipendentemente dall’aver concluso un percorso di transizione». Questo presuppone che l’essere donna non dipenda dall’appartenenza ad un sesso bensì sia relegato ad una sensazione, al “sentirsi donna”. Ma asserire che la donna sia una concezione diversa dalla sua contingenza biologica minimizza i miliardi di donne vittime di maschilismo, misoginia e patriarcato nel mondo: siamo nel 2021 e, ad oggi, esistono ancora aborti selettivi ai danni di bambine, escissione della clitoride, prostituzione, sessualizzazione e oggettificazione del corpo femminile, stupro correttivo, spose bambine, discriminazioni sul lavoro per via della maternità eccetera.

Nessuno sa in quale “identità di genere” si identificassero queste donne o bambine stuprate, violate, infibulate, abortite e uccise; l'unico loro peccato è stato quello di essere nate con l’organo genitale femminile. È su questa base puramente biologica che, per millenni, le donne sono state e sono ancora ritenute inferiori. La donna non è colei che si sente donna perché performa gli stereotipi creati dalla società - stereotipi dannosi specialmente per noi donne in una società patriarcale come quella Italiana. Non è donna chi si mette il rossetto, chi indossa una gonna, chi gioca con le Barbie o chi si sente donna perché ha piacere a fare queste cose. Questi sono stereotipi sessisti, stereotipi di genere.

All’interno di queste dinamiche di stereotipi di genere, la donna è soggiogata dal ruolo che le è stato imposto. Il sesso biologico non ci impone obblighi né ruoli: quei ruoli vengono dipinti intorno al sesso e per liberarsene bisogna riconoscerli per gli strumenti patriarcali che sono. Non esiste cervello, hobby, passione, colore, orientamento sessuale, tratto caratteriale che sia intrinsecamente femminile o maschile. Questi sono costrutti che vengono tramandati dalla nascita, sono taciti accordi sociali. Dunque inserire la validità legale di un termine come “identità di genere” crea un precedente ed è dannoso per le donne poiché il genere - a differenza del sesso - è un concetto socio-culturale, un costrutto che si riferisce all'insieme di norme imposte dall'esterno, da stereotipi appunto.

In una società priva di stereotipi di genere e di caselle culturali dati al sesso di appartenenza non ci sarebbe la necessità di identificarsi in un altro sesso o in un’ipotetica identità di genere perché la società sarebbe paritaria nei confronti di donne e uomini senza attribuire stereotipi di genere a nessun sesso. Chiediamo che queste considerazioni, e molte altre, vengano tenute in considerazione e che ci venga dato spazio per un dibattito costruttivo che tenga conto di quello che le donne hanno da dire su questo ddl, senza voler minare i sacrosanti diritti che questo ddl si pone di tutelare, ovvero combattere omofobia, transfobia, abilismo e misoginia. Per favore, ascoltateci.

Angela Tacchini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora