4 Gennaio 2021

Danno irreparabile: la nuova violenza contro bambine e ragazze

Condividi questo articolo

Abigail Shrier è una giornalista free lance, negli ultimi tempi ha scritto principalmente per il Wall Street Journal. L'idea per il suo libro Irreversible Damage: The Transgender Craze Seducing Our Daughters (Regnery Publishing, tra i migliori libri dell'anno secondo The Times e The Sunday Times), saggio che analizza l'aumento superiore al 3000 per cento della disforia di genere tra le ragazze adolescenti, le è nata dopo aver scritto un articolo sulla nuova normativa di diversi Stati USA che impone al personale sanitario l'uso del genere richiesto dai pazienti (The Transgender Language War) per non rischiare serie conseguenze giudiziarie.

Il titolo -Danno irreparabile: la pazzia transgender che seduce le nostre figlie-riassume le conclusioni dell'autrice dopo 18 mesi di indagine: attraverso molteplici interviste, il confronto con medici e psicoterapeuti, l'esame dei protocolli seguiti dal sistema sanitario e dal sistema scolastico americano, Shrier ha potuto evidenziare che per le ragazze di questo decennio l'arrivo dell'adolescenza è un'esperienza assai più traumatica rispetto al passato. Il tipico sentimento di inadeguatezza e di malessere che dovrebbe essere considerato fisiologico e prodromico alla crescita e la ricerca di omologazione tra i pari, non vengono letti come un passaggio necessario di trasformazione verso l'età adulta, ma come un disagio prodotto dalla condizione oggi più di moda, la “disforia di genere”. Se una ragazza non si accetta, non si piace e vorrebbe nascondere la femminilità incipiente è perchè in realtà è un maschio intrappolato nel corpo (femminile) sbagliato, convinzione spesso maturata in totale autonomia dalle minori grazie ad Internet ed al gruppo di amiche che soffrono degli stessi “sintomi”. La transizione di genere è vista come la panacea per tutti i mali adolescenziali perchè porta con sé il successo e l'approvazione sociale del politicamente corretto, nella vita di tutti i giorni e sui social media.

Shrier osserva anche che il sistema sanitario e quello scolastico, anziché aiutare le ragazze autodiagnosticatesi “disforiche” a riflettere, supportandole e fornendo strumenti per affrontare il malessere, l'ansia, la depressione e riconciliarle con il loro corpo e con il loro sesso biologico, legittimano all'inverosimile l’“autodeterminazione” delle adolescenti e le avviano infallibilmente alla transizione. Prima con ricorso ai bloccanti della pubertà, poi con gli ormoni del sesso opposto e infine con i trattamenti chirurgici (mastectomia, isterectomia ed altri), senza tenere conto del fatto che un adolescente non è in grado di autodeterminarsi e che tutti i trattamenti sopra citati, a cominciare dai bloccanti della pubertà, hanno effetti irreversibili e provocano danni irreparabili. I genitori che non sposano anima e corpo la scelta della figlia adolescente vengono esautorati dal sistema e spesso vengono allontanati dalle stesse figlie.

Il circolo vizioso si è affermato nel corso dell'ultimo decennio, ma oggi si cominciano a sentire le voci di coloro che avviate a tale percorso si sono pentite e hanno “detransizionato”, tornando ad affermare il proprio sesso biologico, seppure con conseguenze fisiche ormai irreversibili e persino mutilazioni. Dalla narrazione puntuale e fattuale di Shrier emerge una situazione terrificante, che genera in qualsiasi genitore un senso di paura e impotenza. Ciò che sta fornendo carburante a questo grottesco ed orrorifico sistema sono interessi economici e politici, travestiti da meritevole accettazione della diversità a 360 gradi.

Shrier suggerisce ai genitori di non cedere, di lottare, di farsi supportare dalle molte associazioni che stanno nascendo per contrastare il sistema politicamente corretto di accettazione dell’“autodeterminazione” delle adolescenti, nella speranza che la voce della molte ragazze che hanno detransizionato si faccia sentire sempre più forte, e finalmente cambi l'approccio medico, scolastico e politico a questa “pazzia”.

Purtroppo siamo ancora lontani. Molte voci si sono levate contro Abigail Shrier – il libro è stato definito transfobico, è stato rimosso temporaneamente dalle vendite da Target ed è stata persino promossa una raccolta firme perchè fosse rimosso anche da Amazon (senza contare le proteste dei lavoratori di Spotify quando la piattaforma ha ospitato il podcast di una intervista alla Shrier). Ma il saggio è ancora in vendita, le interviste sono disponibili, il dibattito sta infiammando le pagine del web e nonostante la mobilitazione di forze per mettere a tacere la sirena di allarme che ha suonato, il suo suono si sente ancora, e sempre più forte.

La Crissy


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
12 Aprile 2022
Verso l'abolizione della maternità surrogata: un'antologia e un dibattito
CIAMS pubblica un libro a più voci contro l'utero in affitto e ne discute in un webinar aperto. Intanto in Italia, che si prepara ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in Affitto (a Milano il 21-22 maggio), sono già in discussione due progetti di legge che estendono la punibilità della pratica anche quando realizzata all'estero. Ed è in arrivo una proposta di legge di iniziativa popolare
Mentre in Italia ci prepariamo ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in affitto, programmata per il 21.-22 maggio in luogo ancora sconosciuto -si saprà solo all'ultimo- e oltre alle 2 proposte di legge già in discussione in Commissione Giustizia della Camera, proposte che chiedono la punibilità della "maternità surrogata anche se realizzata all'estero, è in preparazione una proposta di legge di iniziativa popolare con raccolta firme per uno stop definitivo alla pratica -vi daremo presto i dettagli- il prossimo 28 aprile […]
Leggi ora
2 Aprile 2022
Biden: sì agli ormoni per bambine e bambini
Diversamente da Svezia, Finlandia, Uk, Australia, paesi pionieri che visti i danni causati dai farmaci sui minori con disforia di genere tornano alla priorità della terapia psicologica, gli USA spingono sulla farmacologizzazione immediata. E la chiamano "diritto dei bambini", dicendo che ogni altro approccio è "discriminatorio"
Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha diffuso un documento in cui appoggia l’approccio “affermativo” alla transizione dei minori, che prevede la prescrizione immediata di farmaci bloccanti della pubertà e ormoni a bambine e bambini che si dichiarano a disagio con il proprio genere, saltando la valutazione psicologica per non ritardare in alcun modo la medicalizzazione. Abigail Shrier ha dato la notizia su Twitter (vedere qui). Ancora una volta l’amministrazione Biden si è dimostrata controcorrente rispetto a paesi pionieri dell’identità di genere, […]
Leggi ora
1 Aprile 2022
Generazione Porno
Una giovane donna racconta come il consumo di pornografia ha influenzato la sua sessualità e le sue relazioni, allontanandola dalla verità del suo corpo. Convinta a credere che "il porno sia sesso e il sesso sia porno", l'unico desiderio è quello di compiacere e mostrarsi cool, accettando come normale la violenza maschile
Come nel femminismo di seconda ondata, il tema della sessualità è tornato prepotentemente all'attenzione della ragazze. Praticato intensamente negli anni Settanta, quel territorio è stato successivamente abbandonato per investire energie su altri temi, primo fra tutti quello del lavoro. Nel frattempo la pornografia è dilagata, soprattutto dalla nascita del web in avanti, fino a raggiungere inimmaginabili livelli di diffusione, influenzando pesantemente la libera ricerca del piacere di bambine-i e adolescenti. Se per i maschi i modelli mutuati dalla pornografia consumata […]
Leggi ora