8 Maggio 2021

8 maggio - III Marcia per l'abolizione di prostituzione, pornografia, sfruttamento riproduttivo delle donne e dei ruoli sessuali

Si terrà oggi- in forma virtuale- la terza edizione della Marcia organizzata da Mujeres por la Abolición insieme a un centinaio di gruppi femministi spagnoli e di 12 nazionalità. Dalle 16 diretta Instagram di @radfem_italia
Condividi questo articolo

Più di 90 organizzazioni femministe spagnole e di 12 paesi hanno co-organizzato la III Marcia Abolizionista che si terrà questo sabato 8 maggio. È promossa e organizzata dal 2019 da Mujeres por la Abolición -Donne per l’Abolizione-, chiede l'abolizione di prostituzione, pornografia e sfruttamento riproduttivo (utero in affitto).  La prima edizione si è svolta in presenza, nei quartieri più colpiti dalla prostituzione a Barcellona, con la collaborazione delle compagne francesi e della sopravvissuta Rosen Hicher. Una giornata storica che ha aperto una breccia in Spagna. Ci sono state tensioni con donne prostitute che protestavano per conto dei papponi e con militanti a favore della regolamentazione della prostituzione che lanciavano polvere colorata mentre il corteo attraversava la zona più conflittuale (come si è saputo, pagate-i per farlo). Ma c'è stata anche la gratitudine della cittadinanza. La stampa nazionale, compresi i principali canali televisivi, agenzie e giornali, hanno dato ampiamente notizia dell'iniziativa.

La II Marcia Abolizionista doveva tenersi nelle strade di Madrid il 9 maggio 2020, ma si è dovuta svolgere virtualmente a causa della pandemia. Nonostante questo ha ottenuto un'inattesa partecipazione internazionale nelle reti sociali. Questa seconda edizione si è chiusa con un congresso finale che si è svolto a settembre in modalità virtuale. Tra le relatrici ci sono stati nomi di spicco come Julie Bindel, Gail Dines, Janice Raymond, Ingeborg Kraus, Renate Klein, Raquel Rosario Sánchez e Alika Kinan. In quell'occasione si è tenuto anche un dibattito su abolizione del genere e lavoro, realizzato con la collaborazione di 29 organizzazioni femministe spagnole e internazionali. In conclusione è stata data lettura del Manifesto che ha raccolto migliaia di firme a sostegno.

La terza marcia, questo sabato 8 maggio, avrà lo stesso formato virtuale e si spera che abbia una proiezione internazionale ancora maggiore. Il calcolo della distanza percorsa dalla III Marcia si farà attribuendo un chilometro di strada per ogni interazione nelle reti social. Anche a settembre di quest'anno si svolgerà un Congresso con oratrici del femminismo radicale.

CHI SONO LE MUJERES POR LA ABOLICION

“Mujeres por la Abolición (Donne per l’Abolizione) è un collettivo apartitico di donne da tutta la Spagna
Siamo abolizioniste di prostituzione, utero in affitto, pornografia e genere. Mediante l’organizzazione di conferenze e tramite le nostre reti social, spieghiamo la necessità di sradicare queste istituzioni e pratiche patriarcali.
Appoggiate da altri collettivi abbiamo dato vita alla Prima Marcia Abolizionista di prostituzione e utero in affitto in Spagna. Continueremo a promuovere questo tipo di manifestazioni in piazza (quando le restrizioni COVID lo consentiranno) e sui social media allo scopo di conseguire l'adozione di legislazioni abolizioniste che proteggano e garantiscano i diritti delle donne.
Diffondiamo la teoria femminista con l'obiettivo che la nostra genealogia venga riconosciuta e crei una coscienza sociale sull’oppressione sessuale delle donne e delle bambine in tutto il mondo.
Mujeres por la Abolición nasce nel settembre del 2018. Attualmente contiamo su una comunità virtuale di 30.000 persone nelle seguenti reti sociali:

Twitter: https://twitter.com/MAbolicion
Facebook: https://www.facebook.com/MAbolicion
Instagram: https://www.instagram.com/mabolicion
Web: https://mujeresporlaabolicion.org/

III Marcia Abolizionista 8 maggio 2021

MANIFESTO (in versione originale qui )


III Marcia Abolizionista di prostituzione, pornografia, sfruttamento riproduttivo delle donne e i ruoli sessuali.

Donne per l’Abolizione lancia un appello al movimento femminista e alle organizzazioni civili e dei diritti umani delle donne, affinché aderiscano al presente Manifesto e partecipino alle azioni.
Tutto ciò, in base alle seguenti denunce:

- La prostituzione è una forma di violenza estrema contro le donne e le bambine
, oltre a rappresentare un giro d’affari miliardario internazionale (solo in Spagna crea profitti di oltre 5 milioni di euro al giorno) che trasforma le donne in merce, attraverso il dominio sessuale dell’uomo sulla donna.
Pertanto la prostituzione è ovviamente un’istituzione patriarcale, una pratica che viola i diritti umani, reifica e mercifica il corpo delle donne.
L’abolizione della prostituzione si costruisce con l'eliminazione della domanda e la risoluzione di ciò che la provoca, cioè la disuguaglianza sessuale.
I criminali dell’industria prostituente, i prosseneti e i puttanieri, devono essere perseguiti per legge.

Lottiamo affinchè la legge consideri le donne prostituite come vittime alle quali devono essere forniti gli aiuti integrali indispensabili per recuperare la libertà.

- La pornografia, essendo prostituzione filmata, si inserisce e cresce nello stesso quadro morale, economico e sociale di quest’ultima:
La pornografia non solo si nutre della relazione patriarcale di dominio/sottomissione, ma ne è la condizione essenziale, senza la quale attualmente non sarebbe possibile la sua costruzione.
La pornografia “è reale” in quanto le sue conseguenze sono reali, per cui accettare la violenza insita nella pornografia significa aprire un varco all’accettazione della misoginia in tutti gli aspetti della vita delle donne, di
conseguenza alla normalizzazione della violenza sessuale.
In Spagna esistono pochissimi strumenti per denunciare la violenza di cui sono vittime le donne nel mondo della pornografia, perché l’industria della prostituzione del porno sfugge alla legge che se ne disinteressa (il consumo di materiale pornografico non è regolamentato né punito) lasciando le donne inermi.
Per tutti questi motivi esigiamo una legge abolizionista del sistema della prostituzione che consideri la pornografia come un altro aspetto della stessa, le combatta entrambe e si assicuri che i delinquenti vengano puniti e che le donne vittime vengano protette.

- Un altro aspetto della dominazione patriarcale è l’appropriazione della capacità riproduttiva delle donne:
Una capacità biologica non può essere ceduta a terzi perché non esiste senza la donna nella sua totalità.
La maternità è un fatto biologico le cui implicazioni fisiche e emozionali non possono essere fatte oggetto di contratto.
L’uso delle donne per lo sfruttamento riproduttivo (tristemente noto come utero in affitto) non è una tecnica; noi donne non siamo uno strumento utile ai fini della realizzazione degli altrui desideri di avere discendenti che
condividano la loro genetica.
̚Inoltre sappiamo che l’unico interesse di coloro i quali difendono la regolamentazione “altruistica” è la facilitazione dell’iscrizione anagrafica di bambine e bambini nati all’estero con modalità commerciale.
Non ha senso giuridico né morale che in Spagna lo sfruttamento riproduttivo sia proibito e allo stesso tempo si incentivi l’acquisto di neonati in altri paesi, permettendo “legalizzare” la situazione di un bambino che è un prodotto del delitto di traffico di esseri umani.
Urge una proibizione globale di questa pratica e un maggior coinvolgimento degli organismi internazionali e sovranazionali in difesa dei diritti umani di donne, bambine e bambini.

Infine ci opponiamo al transattivismo e alla sua essenzializzazione dei ruoli sessuali.
I tentativi di giustificare e naturalizzare la situazione di subordinazione che noi donne soffriamo non sono altro che l’ennesimo strumento sociale del patriarcato per sottometterci: i ruoli sessuali.
Il genere è lo strumento educativo che si utilizza per perpetuare e sostenere il patriarcato, attraverso i ruoli differenziati per sesso.
Come femministe radicali NON possiamo concepire che l’oppressione sessuale venga concettualizzata come qualcosa di identitario (NON crediamo nel concetto di “identità di genere” né appoggiamo l’industria medico-farmaceutica che ruota intorno all’idea che i ruoli sessuali siano qualcosa di innato).

- Con questi obiettivi convochiamo quindi la III MARCIA ABOLIZIONISTA di prostituzione, pornografia, sfruttamento riproduttivo e ruoli sessuali, on-line, 8 maggio 2021 e ci aspettiamo che quest’azione abbia una risonanza internazionale.
Ti invitiamo a firmare questo manifesto e ad aiutarci a diffonderlo, giacché questa è una lotta che necessita di tutto il nostro sostegno. Puoi firmarlo qui:


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
12 Aprile 2022
Verso l'abolizione della maternità surrogata: un'antologia e un dibattito
CIAMS pubblica un libro a più voci contro l'utero in affitto e ne discute in un webinar aperto. Intanto in Italia, che si prepara ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in Affitto (a Milano il 21-22 maggio), sono già in discussione due progetti di legge che estendono la punibilità della pratica anche quando realizzata all'estero. Ed è in arrivo una proposta di legge di iniziativa popolare
Mentre in Italia ci prepariamo ad "accogliere" la Fiera dell'Utero in affitto, programmata per il 21.-22 maggio in luogo ancora sconosciuto -si saprà solo all'ultimo- e oltre alle 2 proposte di legge già in discussione in Commissione Giustizia della Camera, proposte che chiedono la punibilità della "maternità surrogata anche se realizzata all'estero, è in preparazione una proposta di legge di iniziativa popolare con raccolta firme per uno stop definitivo alla pratica -vi daremo presto i dettagli- il prossimo 28 aprile […]
Leggi ora
1 Aprile 2022
Generazione Porno
Una giovane donna racconta come il consumo di pornografia ha influenzato la sua sessualità e le sue relazioni, allontanandola dalla verità del suo corpo. Convinta a credere che "il porno sia sesso e il sesso sia porno", l'unico desiderio è quello di compiacere e mostrarsi cool, accettando come normale la violenza maschile
Come nel femminismo di seconda ondata, il tema della sessualità è tornato prepotentemente all'attenzione della ragazze. Praticato intensamente negli anni Settanta, quel territorio è stato successivamente abbandonato per investire energie su altri temi, primo fra tutti quello del lavoro. Nel frattempo la pornografia è dilagata, soprattutto dalla nascita del web in avanti, fino a raggiungere inimmaginabili livelli di diffusione, influenzando pesantemente la libera ricerca del piacere di bambine-i e adolescenti. Se per i maschi i modelli mutuati dalla pornografia consumata […]
Leggi ora
31 Marzo 2022
Carol, uccisa 5 volte
L'assassino, i mass media, un attore comico: l'accanimento sul corpo di Carol Maltesi è stato generale. Un gioco BSDM di massa, uno spettacolino supplementare da morta fatta a pezzi. Uno snuff movie dal vero. Del resto faceva la pornostar. Se l'è cercata
Carol Maltesi, la giovane donna brutalmente ammazzata e fatta a pezzi dal bancario Davide Fontana, è stata uccisa 5 volte. La prima, dall'industria della pornografia -online e poi anche spettacoli dal vivo- da cui la ragazza si era fatta catturare durante il lockdown per potere provvedere a se stessa e al figlio che aveva messo al mondo quando aveva appena vent'anni. La seconda volta dal suo aguzzino, per il quale si va in cerca -al solito- di ragioni: l'ha uccisa […]
Leggi ora
28 Marzo 2022
La sorella di Saviano
Cosa ne penserebbe lo scrittore, che chiede di rottamare vecchia legge Merlin per "regolarizzare" il "sex work", se a prostituirsi fosse una donna a lui cara? Non sa che la prostituzione è quasi solo tratta e la regolarizzazione è una manna per papponi e mafiosi? Non conosce il modello abolizionista,già in vigore in molti Paesi civili? Non sa che quello che lui chiama "lavoro" è enorme sofferenza femminile? Perché riconosce agli uomini il diritto di stuprare a pagamento? Perché non studia e non ascolta le donne prima di parlare? Da dove gli viene tanta misoginia?
Una volta ero in uno studio di registrazione per un dibattito sulla prostituzione. Naturalmente lo si definiva -non io- sex work, il che rendeva tutto più accettabile e moderno. C'era una nota e bellissima prostituta bolognese, una tale che si prostituiva online, si parlava di "assistenza sessuale agli invalidi". Loro così libere e up to date, a me avevano affidato il compito di rappresentare il triste contraltare del moralismo bigotto. Non gli era venuto per niente bene, sono riuscita e […]
Leggi ora
24 Marzo 2022
Cassazione: status di rifugiata una vittima di tratta
Ribaltate le sentenze precedenti che attribuivano alla donna prostituita un tacito consenso: che va escluso, quando c'è violenza fisica e psicologica. Pur se tradotto nel linguaggio neutro del diritto, il lavoro delle donne apre dei varchi
La sentenza 676/2022 della Cassazione ha riconosciuto lo status di rifugiata a una donna vittima di tratta (e prostituita). Nel terzo grado di giudizio è stato ribaltato l’impianto delle sentenze precedenti che attribuivano alla donna un consenso tacito all’esercizio della prostituzione, quindi l’inesistenza di quello stato di necessità che prelude alla concessione dello status di rifugiata (temporaneo, va sottolineato). Si dice infatti che il consenso non può essere considerato tale in una condizione di violenza fisica e psicologica insita nelle […]
Leggi ora