12 Aprile 2021

Zan: la sua legge è anche contro la "misandria" (video)

Condividi questo articolo

Domenica bestiale. Dopo aver appreso che ILGA, la più grande rete Lgbt del mondo (1614 associazioni in 158 Paesi, Italia compresa) in una sua dichiarazione definita abusivamente "femminista" richiede l'abbassamento dell'età del consenso sessuale per le-i minori (vedere qui), ci è toccato sentire l'onorevole Zan affermare che il suo ddl contro l'omobitransfobia eccetera è anche "contro la misandria", termine che non trova alcun corrispettivo nella realtà e che fa parte dell'armamentario dei misogini violenti organizzati. Ecco com'è andata.

____________________________________________________________________________________________________________________

Seguendo una diretta Instagram tra Iacopo Melio e l'on. Zan -che continua a dialogare con tutti tranne che con noi, immeritevoli della sua attenzione, cosa misogina in sé- diretta un po' noiosa come tutte le discussioni in cui ci si fa la ola a vicenda, sono saltata sulla sedia quando ho sentito il parlamentare dire che questa legge può servire anche contro la "misandria".

Vedere qui, da 0.45.

Ora, la "misandria" è un po' come la Pas, Sindrome da Alienazione Parentale, invenzione dei padri separati con il sostegno delle ultradestre, "sindrome" la cui esistenza è sempre stata scientificamente smentita. Cioè la "misandria" fa parte di quell'armamentario verbale violento contro le donne utilizzato abituamente dai Men's Right Activist e dagli Incel (Celibi Involontari, squadristi borderline tra neonazi e suprematisti bianchi, alcuni tra i quali si sono resi protagonisti di vere e proprie stragi, vedere qui).

Sentire "misandria" uscire dalla bocca di un legislatore di sinistra lascia di stucco. Specie se il legislatore sostiene che il suo ddl è "anche" contro la misoginia.

Utilizzare la parola "misandria" è in sé un atto di guerra contro le donne. Molto preoccupante il fatto che l'on. Zan abbia inteso esprimere in questo modo una specie di "pari e patta" tra misoginia (che è tragicamente vera) e "misandria" (che è un'invenzione misogina) per affermare che la sua legge può servire in modo bidirezionale. Come, appunto, se l'odio per le donne avesse un suo naturale contrappeso nell'odio verso gli uomini, e non vivessimo invece in un sistema patriarcale che fa della sottomissione delle donne agli uomini il suo architrave.

L'amica Elvira Reale osserva che quindi l'intera Convenzione di Istanbul sarebbe da abolire per "misandria": in effetti, Erdogan l'ha abolita.

Zan ha anche aggiunto che, paradossalmente, il ddl tutela anche dai crimini d'odio eterofobici (!)

Insomma potrebbe essere intitolato ddl "contro l'omobitransfobia, eterofobia, misoginia, misandria, abilismo e -magari, perché no- disabilismo". Di tutto un po'.

In effetti il testo autorizza questa estensione-confusione parlando di sesso (pertanto femminile e maschile, altri non ne abbiamo), genere (quindi riconducibile al femminile o al maschile), orientamento sessuale (perciò omosessuale, bisessuale ma anche eterosessuale e qualsivoglia altro) oltre che identità di genere, oggetto che nella sua impalpabilità e indefinibilità sta comportando palpabilissimi problemi a tutto il mondo occidentale.

Che Zan abbia usato con tanta nonchalance l'obbrobrioso e misogino "misandria" è segno di un'inconsapevolezza -a volere essere gentili- per niente rassicurante se espressa da chi vuole legiferare su una materia delicata come la sessualità umana. E del resto non può che nascere da un notevole grado di inconsapevolezza un testo così confuso e pericoloso, attesissimo da molti forcaioli che -come si legge spesso nelle chat social- non vedono l'ora di poter denunciare chiunque provi a esprimere un pensiero non esattamente in linea con il nuovo mainstream.

C'è anche il rischio che quel "misandria" possa essere letto come un brutto lapsus calami: l'idea insomma che anche le donne in fondo sono cattivelle con gli uomini -quindi "misandriche"- compresi gli uomini gay, specialmente quando non ti danno sempre ragione, come succede per esempio sull'identità di genere e sull'utero in affitto.

Insomma, le prendiamo da destra e da sinistra come un punching-ball.

Una cosa è sempre più chiara: quel testo fa acqua da tutte le parti.

La legittima richiesta di tutelare le persone omosessuali e transessuali da ogni forma di discriminazione e violenza deve trovare un'altra espressione legislativa.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
22 Aprile 2022
Torna al Senato il ddl Zan. Tale e quale. E noi di nuovo pronte alla lotta. Tale e quale
Irriducibili, Zan e il PD tornano alla carica. Con lo stesso identico testo già caduto al Senato. Vero obiettivo, l'identità di genere e la formazione nelle scuole. E mentre gran parte dell'Occidente -dalla Gran Bretagna alla Svezia, alla Finlandia. all'Australia, alla Florida- arretra sul self-id dopo averne constatato i danni per donne, bambine e bambini, in Italia si intende importare questo prodotto scaduto
Guerra o non guerra, Covid o non Covid, la settimana prossima al Senato, presumibilmente mercoledì 27- il PD ripresenterà il ddl Zan. Tale e quale. Nessuna obiezione è stata considerata, né tanto meno discussa. L'identità di genere -è la cosa a cui si tiene di più, il vero architrave della legge- resta al centro, con la formazione nelle scuole e tutto il resto. Il mondo occidentale arretra dopo avere constatato i danni causati dall'autoidentificazione di genere e dal self-id, a […]
Leggi ora
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
19 Dicembre 2021
"Genere e differenza sessuale. Sguardi e parole in transizione": ciclo di incontri al Circolo della Rosa di Verona. Parte 1, Ballarin e Zamboni
Il Circolo della Rosa di Verona ha organizzato un ciclo di incontri sulle "questioni di genere", anche a partire dai conflitti che si sono manifestati in occasione della discussione del Ddl Zan. Titolo del ciclo: "Genere e differenza sessuale. Sguardi e parole in transizione". "Come Circolo della Rosa" si spiega "abbiamo sentito la necessità di un confronto che renda possibile l’abbandono di logiche di schieramento e inviti all’ascolto, alla condivisione, alla disponibilità ad aprirsi alle ragioni dell’altro/a. Per questo, abbiamo […]
Leggi ora
3 Dicembre 2021
Femministe contro Regione Campania che intende finanziare progetti contro la discriminazione in base all'"identità di genere"
Uscita dalla porta del legislatore con la caduta del ddl Zan, l'"identità di genere" prova a rientrare attraverso molte finestre. Dopo il blitz nella legge sulle Infrastrutture, ora si tenta anche in Campania. Ma il femminismo gender critical risponde. E chiede un'interlocuzione
Con il decreto della  Direzione Generale per le politiche sociali e socio-sanitarie n. 349 del 12/11/2021, pubblicato sul Burc 108 del 15.11.202, la Regione Campania intende finanziare i progetti  di contrasto alla violenza esclusivamente a favore di " vittime di violenza determinata dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere". Non abbiamo nulla contro il sostegno di categorie fragili oppure oggetto di discriminazione. Anzi ci aspettiamo la stessa intenzione verso donne e  bambini, precisando che la violenza sulle donne non può essere iscritta in un repertorio […]
Leggi ora
4 Novembre 2021
Uscita dalla porta, l'identità di genere rientra già dalla finestra
Torna al Senato l'identità di genere, inserita in un emendamento Pd-IV al ddl Infrastrutture. Respinto con il ddl Zan, il concetto ricompare in altre leggi, leggine e regolamenti. Un vero e proprio accerchiamento che prelude a nuovi imminenti tentativi di introdurre l'autocertificazione o self-id. *Ultim'ora: il ddl Infrastrutture sarebbe già legge, approvata proprio questa mattina
Il ddl Zan è inciampato soprattutto -ma non solo- sull'identità di genere, primo passo in direzione della libera autocertificazione di genere o self-id. Ma uscita dalla porta, l'identità di genere prova a rientrare dalla finestra. Anzi, dalle molteplici finestre di leggi, di leggine locali, regolamenti e codici che utilizzeranno comunque il concetto. Un "accerchiamento" che potrebbe consentire un nuovo tentativo di far passare la formula a livello di legislazione nazionale. Del resto la battaglia per l'autocertificazione di genere è in […]
Leggi ora
30 Ottobre 2021
Proyecto de ley Zan: llamando a las cosas por su nombre
El verdadero nombre del proyecto de ley de Zan, bloqueado hace unos días en el Senado, debería haber sido "Proyecto de ley sobre la autocertificación de género" y no contra la homotransfobia. Ese era el verdadero objetivo, la autoidentificación, y por eso la ley se ha estancado. Sacrificar la legítima protección de las personas homosexuales y transexuales a la arrogancia del transactivismo queer.
Un breve comentario, tras archivar el proyecto de ley Zan sobre la homobi-transfobia, destinado principalmente a las hermanas y amigas no italianas que nos piden explicaciones; y a las italianas que aún no tienen claro lo que pasó. Hace más o menos un año, el proyecto de ley de Zan contra la homobiotransfobia fue aprobado en la Cámara de Diputados en medio del silencio y la desatención general. En ese momento, los medios de comunicación ocultaron por completo el debate, […]
Leggi ora