19 Aprile 2021

Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

Condividi questo articolo

Vi avevamo già raccontato (vedere qui) dei quasi 300 detenuti californiani che stanno chiedendo di essere trasferiti nelle carceri femminili in base alla nuova legge del Senato, il SB132, che consente a chiunque "si identifichi" come donna -a prescindere dal fatto di avere genitali maschili- di scontare la pena fra le donne. L'applicazione della nuova norma sta sconquassando il sistema carcerario dello Stato americano e terrorizzando le detenute, costrette a condividere spazi angusti con sedicenti "donne", talora sex offender che minacciano la loro sicurezza. I diritti degli uomini, transgender o meno, vengono sempre prima di quelli delle donne, e questa è una legge che non cambia mai. Qui le lettere, scritte su fogli di quaderno, di due detenute che chiedono di non dover subire questa pena ulteriore e ingiusta. Ecco l'"identità di genere" in azione.

_____________________________________________________________________________________________________________

Egregi presidente Durbin e senatore Grassley, il mio nome è Amie Ichicawa.

Sono la fondatrice della organizzazione no profit Woman II Woman e rappresento 1300 detenute ed ex-detenute della California. Scrivo per evidenziare che se passerà l’Equality Act metterà in pericolo non solo le donne detenute, ma tutte le donne a livello nazionale. Lo so perché sono stata in prigione e quello che sta succedendo nelle prigioni della California come risultato del SB132, la legge del Senato “The Transgender Respect, Agency, and Dignity Act” che è la versione a livello carcerario dell’Equality Act. 

Ciò che stanno già sperimentando le donne nelle prigioni statali è lo state estendendo a livello nazionale. Le scappatoie per aggirare la legge si nascondono dietro un linguaggio ingannevole, ma sono alla luce del sole per chiunque cerchi di manipolarla in modo da avere accesso diretto a possibili vittime.

A prima vista sembrano misure importanti e progressiste per il sistema carcerario. Chi vuole negare a qualcuno rispetto e uguaglianza? Le stesse persone che hanno scritto queste leggi, senza considerare minimamente una delle parti più dimenticate e facilmente sacrificabili della società americana - le donne detenute. Ai transgender incarcerati e alle persone di genere non conforme vengono chiesti pronomi e titoli all’ingresso. Quando io sono stata registrata in prigione mi è stato detto che ero semplicemente X37739. Adesso loro possono scegliere dove stare: “Concedere celle singole, ospitare la persona con un'altra a sua scelta, o spostare chi rappresenta una minaccia dai luoghi da cui potrebbe accedere alla persona che ha espresso preoccupazioni per la propria sicurezza”. 

In questo modo i predatori dentro il sistema carcerario hanno accesso diretto a chi ha espresso problemi di sicurezza, la donna, le cui migliaia di preoccupazioni sono ignorate. Tutte in carcere si trovano faccia a faccia col pericolo ogni giorno. Questa non è uguaglianza. Le richieste di trasferimento si stanno accumulando e nessuna di queste riguarda uomini transgender che vogliono andare in un carcere maschile. Le richieste non possono essere rifiutate per non attuare discriminazioni che riguardano: 1. l’anatomia della persona detenuta, inclusi -ma non limitata a -i suoi genitali o altre caratteristiche fisiche 2. l’orientamento sessuale della persona detenuta.
Questo significa che un uomo che potenzialmente manipola il sistema presentandosi come persona non binaria o di genere non conforme ha tutto il diritto di scontare la sua pena in un carcere femminile. Mentre state leggendo c’è uno stupratore violento e seriale in un carcere della California che ha completamente smesso la terapia ormonale e vive apertamente da uomo in una struttura femminile. Persino uno stupratore violento merita più diritti e più considerazione per la sua sicurezza della comunità delle detenute. 

La maggior parte delle donne detenute soffrono di PTSD, post traumatic stress disorder, hanno una lunga storia di abusi fisici, sessuali e mentali oltre ad aver avuto relazioni che le hanno danneggiate. Queste donne non solo stanno scontando le pene che gli sono state inflitte, ma anche la pena aggiuntiva di vivere costantemente nella paura che uno dei nuovi compagni di cella possa essere una di quelle persone che abusa della nuova legge.

Il carcere femminile ha un layout completamente diverso da quello maschile. Nel braccio femminile le donne sono ospitate in unità con quattro corridoi. Ogni corridoio ha 8 stanze. Ogni stanza ha 4 letti a castello, un wc, due lavabi e una doccia. Wc e docce non hanno porte. Ci sono dei divisori che coprono solo la parte centrale del corpo lasciando scoperti sotto e sopra.  Ci si fa la doccia e ovviamente si va in bagno in cella. Non c’è modo di evitare di esporsi ai compagni di cella che se ne abbia o meno l’intenzione. Ci sono  celle da due persone con docce alla fine di ciascun corridoio. I wc sono alla testa del letto. Non c’è nessuna separazione tra letto e wc. Sommare a queste condizioni già di per sé dure altre attività quotidiane come fare una doccia alla presenza di qualcuno con genitali diversi è un'enorme omissione da parte dei legislatori per la sicurezza e della salute mentale delle donne.

Le carceri hanno raggiunto la capienza massima. Ci sono atti che dimostrano che nel 2020 il carcere femminile della California funzionava al 131,7% della capacità. Questa è una forma di punizione aggiuntiva, un’assoluta e intenzionale indifferenza nei confronti delle donne. Il mio team riceve nuove informazioni ogni giorno da donne che hanno completamente perso fiducia nel sistema, che vivono nella paura e che si chiedono come potranno difendersi quando le cose si metteranno male. Si sentono tradite perché non sono state coinvolte nelle discussioni e nei sondaggi sul SB132. Le donne sono escluse dalla protezione promessa dal Department of Corrections con le formule verbose usate dal SB132 che rispecchia l’Equality Act. 

Ciò che sta accadendo nelle carceri femminili della California è la cancellazione dei diritti delle donne. Si comincia dal livello più basso della società rimuovendo i diritti delle donne che sono state dimenticate. Questo è ciò che succederà nell’intero stato quando la legge passerà così come è. 

Grazie per l’attenzione e l’opportunità di condividere le preoccupazioni della mia comunità e di dare voce a chi non ne ha. Vi prego di leggere le lettere allegate A e B di donne detenute che spiegano cosa sta succedendo a causa della legge.
Con rispetto, Amie Ichicawa Fondatrice di Woman II Woman

Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

LETTERA A

Il mio nome è Danielle F., sono detenuta nel CIW (California Institution for Women). Non condivido la legge 132 del Senato scritta dal senatore Scott Weiner e firmata irresponsabilmente dal governatore Newson. Non la condivido. Ho paura di questa cosa. Sono una vittima di violenza domestica e stupro. Che succederà se uno di questi sex offenders che hanno il pene ci violenta? Chiedo che vengano fatte delle revisioni al SB132 che rispondano a queste serie preoccupazioni sulla sicurezza. Grazie per il vostro tempo.

Cordialmente, Danielle F, 1822

Uomini nelle carceri femminili: le lettere delle detenute californiane

LETTERA B
A chi di competenza
Il mio nome è Heather Knauff, WF 7697. Sono detenuta nel CWI. Non sono d’accordo con la legge del Senato 132 scritta dal senatore Scott Weiner e firmata irresponsabilmente dal Governatore Newson che dice che la legge supporterà la comunità CDCR di detenuti transgender, non binari e intersex. Questo permetterà ai sex offenders di sfruttare le donne che sono svantaggiate fisicamente rispetto agli uomini. Condividiamo degli spazi molto ristretti cioè con privacy e protezione limitata. Permettere questo è oltraggioso e non etico. Ci sono già uomini che sono diventati donne che sono tornate a essere uomini per sfruttare questo sistema debole che abbandona la popolazione delle donne già svantaggiate a soffrire ancora di più a causa dei sex offender.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
20 Luglio 2021
Le carceri femminili Californiane prevedono gravidanze di donne costrette ad essere alloggiate con gli uomini.
Nuove risorse per la gravidanza e preservativi gratuiti sono apparsi nel carcere femminile della California centrale (Central California Women's Facility, CCWF) in preparazione all'ondata di trasferimenti di uomini secondo la nuova legge sull'"identità di genere".
Le donne incarcerate nella più grande prigione femminile della California descrivono la situazione come "il peggiore degli incubi" dopo l'introduzione di nuove risorse per la gravidanza negli ambulatori medici del CCWF. Le nuove risorse sono una tacita ammissione, da parte dei funzionari del carcere, che le donne dovrebbero aspettarsi di essere violentate quando sono alloggiate in prigione con gli uomini, laddove ogni rapporto sessuale che coinvolga detenute è considerato non consensuale per default all'interno del sistema. Nuovi manifesti apparsi recentemente […]
Leggi ora
30 Giugno 2021
In cella con uomini che si definiscono donne: essere detenute in Canada
Perfino il CAEFS, nato per migliorare le condizioni delle detenute con figli, si converte al transcult e lavora a vantaggio dei prigionieri uomini che si identificano come donne. Accusando di transfobia chiunque provi a riportare l'attenzione sulle problematiche femminili
di Barbara Kay Per cinque decenni, grazie al femminismo, la reputazione e la considerazione delle donne sono progressivamente cresciute. Dopo molto tempo ci è finalmente stato riconosciuto il giusto rispetto. Successivamente, però, gli ideologi del genere hanno decretato che gli uomini che si identificano come donne siano donne a tutti gli effetti e con tutti i diritti che ne conseguono. Sorprendentemente, senza demordere, in nome dell'"inclusione", le nostre élite culturali e politiche hanno aderito a questa lapalissiana falsità. Così, nell'ultimo […]
Leggi ora
3 Giugno 2021
Un femminicida di nome Lorena
Le Canarie approvano una legge che consente l'autocertificazione di genere. E solo due giorni dopo un assassino alla sbarra per avere abusato e ucciso la cugina, si dichiara donna per scampare le aggravanti per reato sessuale. Ed essere detenuto in un carcere femminile. Un caso che scuote la Spagna
Le femministe avvisavano da tempo. E sta succedendo. Da mesi il femminismo spagnolo sta facendo un grande lavoro di informazione sulla cosiddetta “Ley Trans” che introduce l’auto-determinazione di “genere” -inteso al posto del sesso- senza un percorso di transizione e accompagnamento psicologico, proposta di Irene Montero, Ministra De Igualdad di Podemos. Madrid ha chiarito che la proposta non è sostenuta dal governo centrale e ne ha preso le distanze, come dichiarato dalla vicepremier Carmen Calvo, PSOE. Giusto due settimane fa, […]
Leggi ora
1 Giugno 2021
Nel ddl Zan un'arma in più per gli uomini violenti
La legge è anche contro la "misandria", continua a ripetere Zan, usando un termine inventato dai maschi violenti. Grave rischio per le donne: che nei tribunali, non bastasse la PAS, si troverebbero accusate dagli ex e dai loro legali di un nuovo falso reato
Tra le critiche del femminismo al ddl Zan, oltre alla questione centrale dell'identità di genere, vi è anche l'inclusione della misoginia tra i comportamenti sanzionabili come crimini d'odio. Nel testo non compare il termine "misoginia", ma quello di "sesso". Per la precisione si parla di "Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità". Chi ha seguito da vicino la redazione del testo saprà […]
Leggi ora
31 Maggio 2021
Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini
Un silenzio omertoso copre lo scandalo dell'invasione degli sport femminili da parte degli "ultracorpi" maschili. Ma finalmente alcune atlete, destinate a sicura sconfitta, cominciano a parlare
Anna Vanbellinghen è un'atleta belga -sollevamento pesi- e alle prossime Olimpiadi di Tokyo dovrà affrontare tra le sue competitor anche il neozelandese Laurel Hubbard, primo atleta olimpico trans. Vanbellinghen dice che avere qualche chance con Hubbard è impossibile, che questa faccenda è "un brutto scherzo" per le atlete. E' la prima tra le olimpioniche rompere il silenzio, e finora l'unica. Vanbellinghen comprende che le atlete trans devono poter gareggiare e si augura che si trovi una soluzione, ma non può […]
Leggi ora