12 Marzo 2021

Spagna: le donne di sinistra si ribellano -finalmente!- al transcult di Podemos e rompono con il partito e la Ley Trans

Condividi questo articolo

Mentre la sinistra italiana, donne comprese, subisce silenziosamente Cirinnismo e Boldrinismo e relativo transcult (proprio di questi giorni la notizia di un appello la Casa Internazionale delle donne di Roma a sostegno di Monica Cirinnà sindaca, vedere qui), le militanti della sinistra spagnola, Podemos e Izquierda Unida, si rivoltano in massa contro la Ley Trans (vedere qui) proposta dalla ministra dell'Igualdad del loro stesso partito, Irene Montero, la Cirinnà locale (il Psoe ha sempre contrastato la legge), denunciando "l'imposizione" di idee "diametralmente opposte agli interessi delle donne" senza alcun dibattito interno e solidarizzando con il fronte femminista che si raccoglie in Contra Borrado. Ricordiamo che la Ley Trans intende introdurre in Spagna l'autocertificazione di genere (self-id) e che nello stesso spirito in Italia la Legge Zan contro l'omobitransfobia, già approvata alla Camera con il sostegno unanime del centrosinistra (donne comprese) tiene al centro l'identità di genere, ignorando le argomentazioni contrarie esposte dal femminismo (potete leggerle qui): tutto il mondo è paese. Le militanti della sinistra spagnola siano d'esempio per le italiane.


Attiviste di Podemos e Izquierda Unida hanno firmato due documenti critici nei confronti della Ley Trans proposta dal Ministero dell'Uguaglianza (in capo a Irene Montero, Podemos, ndr) in cui denunciano che il progetto non è stato sottoposto a dibattito interno e impone concetti e idee "diametralmente contrari agli interessi delle donne".

Il documento di Podemos, firmato da circa 1.700 esponenti, militanti e membri della formazione viola, dichiara "preoccupazione" per la Ley Trans, il cui testo "non è stato discusso in nessun organo del partito, né con la base". Come si denuncia, a livello governativo Podemos "ha imposto una posizione unica e inemendabile", motivo per cui "si esige" un dibattito "pubblico e interno", e che si considerino "le prese di posizione di addetti ai lavori di diverse discipline" che si occupano della questione.

"Dire che 'i diritti non si discutono' è una forma di autoritarismo inaccettabile in qualunque organizzazione democratica che non possiamo condividere o permettere" sentenzia il testo intitolato "In Podemos ci sono anche le femministe".

LA LEY TRANS "DISTRUGGE STORICHE RIVENDICAZIONI FEMMINISTE".

Tra i primi firmatari la responsabile del Femminismo di Podemos a Ponferrada, María Páramo; la responsabile del Femminismo di Podemos ad Avila, Lucía Spínola, consiglieri comunali come Colmenarejo (Madrid), Alberic (Valencia) o Pasaia (Guipúzcoa) o l'esponente del Circolo statale del Femminismo e militante del partito Mar Benavent. Benavent ha lamentato che oltre a nessun dibattito il progetto della Ley Trans ha visto la luce "senza le garanzie di legge" necessarie, onde non doversi confrontare con i diritti di altre categorie.

Questa legge "distrugge storiche rivendicazioni femministe", ha detto Benavent in un'intervista a Onda Cero, e ha aggiunto che nel momento in cui si solleva "qualsiasi obiezione o dubbio" a riguardo si viene bollati come "transfobici": "Quando si viene accusati di transfobia, il dialogo è finito"ha lamentato.

Il documento spiega che "molte femministe" hanno aderito a Podemos "con la ferma speranza di vedere rappresentate le nostre rivendicazioni storiche oltre alla protezione dei nostri diritti". Che si sa bene che "l'oppressione" è "basata sul sesso con cui veniamo al mondo, realtà biologica osservabile e verificabile che non possiamo ignorare o distorcere se la nostra intenzione è davvero quella di ottenere la liberazione delle donne".

"Sappiamo che il genere è una costruzione sociale che funziona come lo strumento che permette, sostiene e perpetua questa oppressione, e che solo la sua abolizione ci permetterà di rompere con la struttura patriarcale che ci mantiene subordinate e vulnerabili" continua il documento delle donne di Podemos. Quindi le teorie che "arrivano a contraddire ciò che è stato affermato in più di tre secoli di lotta femminista non solo non hanno nulla a che vedere con le posizioni e gli obiettivi della nostra agenda, ma rallentano e indeboliscono il nostro progresso".

"Abbiamo chiaro che l'irruzione delle teorie queer nei nostri spazi costituiscono una chiara manovra di entrismo che mira a disarticolare la nostra lotta, depoliticizzando e indebolendo la nostra forza collettiva, facendo del pensiero magico e dell'individualismo più puro le armi per manipolare a piacimento la realtà" continua il comunicato, affermando che non ci si può permettere "di mettere in dubbio che siamo noi, le donne, a costituire il soggetto politico del Femminismo".

Le firmatarie chiedono che il movimento femminista non diventi "un sacco in cui tenere cose che non hanno niente a che vedere con la sua ragione d'essere e che si scontrano frontalmente con i suoi obiettivi" e che si sia "ferme e decise" di fronte a situazioni come quelle denunciate.

LA LEY TRANS E'"INAMMISSIBILE" SULL'INFANZIA

Per quanto riguarda l'infanzia, le firmatarie considerano "inammissibile" che si cerchi di "mascherare come protezione i veri e propri maltrattamenti" che si fondano sui "postulati sostenuti dall'irrazionalità queer" difesa dalla Ministta dell'Uguaglianza.

"Orientare i minori verso procedure ormonali e chirurgiche, impedire il libero sviluppo della loro personalità, perpetuare stereotipi sessisti è qualcosa che non possiamo tollerare" afferma il manifesto in relazione ai bambini.

Pertanto, le firmatarie del documento chiedono che il ministero guidato da Irene Montero "prenda in considerazione" la posizione "espressa sia dalle molte pensatrici femministe che da numerose organizzazioni" visto che finora, si rammaricano, le loro richieste di incontro sono state "ignorate", cosa che considerano "irrispettosa e irresponsabile".

NO ANCHE DA IZQUIERDA UNIDA

Anche le militanti di Izquierda Unida hanno pubblicato un manifesto in termini molto simili.
Con il titolo "Retake Feminism" le attiviste del partito si oppongono alla "svolta ideologica che le politiche istituzionali stanno prendendo sulle questioni femministe". "Come coalizione abbiamo sofferto prima la scomparsa dell'Area delle Donne, quindi l'espulsione del Partito Femminista e, più recentemente, la proposta di legge di 'autoidentificazione di genere' nota come Ley Trans" si spiega nel testo.

Per quanto riguarda la Ley Trans, si lamenta che il progetto sia stato presentato pubblicamente in modo "molto superficiale", "senza un approfondito dibattito", senza prendere in considerazione tutti i soggetti sociali né approfondire le questioni giuridiche.

"Il progetto di legge brandito dalla ministra dell'Igualdad, che consideriamo un simbolo dell'ingresso di queste politiche neoliberali nella sfera politica della sinistra, non solo non migliora la difesa dei diritti delle persone transgender, ma anzi favorisce la "cancellazione" di queste persone, degli LGB e delle donne in generale" avvertono le firmatarie.

Si afferma inoltre che dalla storica agenda storica abolizionista del movimento femminista, che riguarda prostituzione, pornografia, maternità surrogata e gender, si è passati a difendere "certi postulati dell'ideologia normativa neoliberale e gender" che "non hanno niente a che vedere" con quelli di Izquierda Unida e delle coalizioni di cui fa parte.

Il manifesto richiede una riflessione "profonda e onesta" e il coinvolgimento di "tutte le parti" nel dibattito. Le firmatarie chiudono la dichiarazione opponendosi a "queste nuove politiche che si impadroniscono della lotta femminista e la disarticolano".

PODEMOS: "I DIRITTI TRANS SONO DIRITTI UMANI".

Interpellato su questi documenti, Podemos ha risposto di avere votato "in numerose occasioni" al suo interno a sostegno dei diritti umani che includono i diritti delle persone trans
: così la co-portavoce della formazione viola Isa Serra riguardo al testo firmato dalle esponenti del suo stesso partito. Anche se, dice, "rispetta l'opinione di queste donne" nei "congressi interni" e nel programma elettorale si è votato in questo modo. "Credo che in numerose occasioni il partito nel suo insieme ha votato a favore dei diritti umani" ha detto. "Il nostro manifesto elettorale è chiaro su questo, e i diritti delle persone trans sono diritti umani".

(l'articolo originale qui, traduzione di Cecilia Salas)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
10 Novembre 2023
Accademici britannici contro la cancel culture
Il prossimo 20 novembre sarà presentato il London Universities Council for Academic Freedom, ente che riunisce un centinaio di docenti delle maggiori università inglesi con l’intento di lottare contro la censura e il pensiero unico che negli ultimi anni hanno impedito il confronto e la libertà accademica compromettendo la formazione di migliaia di studenti. Nel mirino soprattutto realtà Lgbtq+ come Stonewall che hanno pesantemente influenzato l’istruzione universitaria e superiore. Era ora, and go on!
Come riportato dal The Telegraph oltre un centinaio di accademici provenienti dalle migliori università britanniche hanno unito le forze per fronteggiare la crescente minaccia della cancel culture attraverso la creazione di un nuovo ente dedicato alla libertà accademica. In una pionieristica iniziativa gli studiosi hanno dato vita al "London Universities Council for Academic Freedom" (Consiglio delle università londinesi per la libertà accademica), che coinvolge tutte le istituzioni accademiche della capitale tra cui l'University College London (UCL), il King's College London, […]
Leggi ora
9 Agosto 2023
Spagna: detenuta incinta di compagno di cella trans
L’uomo -corpo maschile intatto e nessuna terapia ormonale- aveva chiesto e ottenuto di essere spostato nel carcere femminile di Alicante perché si “autopercepiva” donna (self-id). La gravidanza di una compagna di cella è il risultato. E la nuova Ley Trans, in vigore dal dicembre 2022, renderà più facili e frequenti questi trasferimenti
Nel Centro Penitenziario di Alicante Cumplimiento, noto come carcere di Fontcalent, un detenuto che si identifica come donna ha messo incinta una compagna di cella. Secondo il racconto confermato da diverse fonti penitenziarie, il detenuto stava scontando da diversi anni una pena nel modulo maschile del carcere, ma durante la sua permanenza ha iniziato a identificarsi come donna. Sui documenti continua a comparire come uomo e non si è mai sottoposto a trattamenti ormonali né tanto meno a interventi chirurgici. […]
Leggi ora
2 Agosto 2023
Sfuggire alla follia trans
“Voglio che si sappia che c’è una speranza. I giovani con ‘disforia di genere’ e le loro famiglie possono essere aiutati con un percorso psicologico” scrive nel suo ultimo libro la psichiatra americana Miriam Grossman. Spiegando nei particolari ed empaticamente la sua proposta terapeutica. E indicando nella propaganda martellante del transcult l’ostacolo più insidioso
Miriam Grossman è una psichiatra statunitense. Quello che segue è un estratto modificato pubblicato da Gender Clinic News del suo nuovo saggio Lost in Trans Nation: A Child Psychiatrist's Guide Out of the Madness. Una lettura molto interessante ed "empatica" soprattutto per quelle famiglie che si trovino ad affrontare il problema di una figlia/o adolescente con "disagio di genere". James sfoggia una barba trasandata. Sarah indossa gonne e non si preoccupa dei pronomi. Taylor vuole parlare del college, non del […]
Leggi ora
28 Giugno 2023
Sui rischi del metodo ROPA
La tecnica a cui ricorre un numero crescente di coppie lesbiche consiste nell’utilizzare l’ovocita dell’una per realizzare un embrione che verrà poi inserito nel grembo dell’altra che condurrà la gravidanza. Una pratica pericolosa fisicamente e psicologicamente sia per le due donne sia per il bambino che nascerà. Ecco perché
Nel nostro recente comunicato Per il vero bene dei bambini abbiamo espresso la nostra preoccupazione per il crescente ricorso da parte di coppie di donne alla tecnica ROPA (Recepción de ovocitos de la pareja) ovvero il trasferimento dell’ovocita fecondato dell’una nel grembo dell’altra che condurrà la gestazione. Per questa presa di posizione abbiamo ricevuto consensi, qualche insulto e tante richieste di informazioni e di fonti. In che cosa consiste il metodo ROPA e quali sono i suoi rischi? Per la […]
Leggi ora
25 Giugno 2023
Spagna: la Ley Trans al centro della campagna elettorale
La popolare Isabel Dìaz Ayuso, neopresidente della regione di Madrid, promette che un eventuale governo di centrodestra cambierà la contestatissima Ley Trans approvata dal governo Sanchez che ha introdotto la liberissima identità di genere. In difesa della Costituzione e soprattutto dei diritti delle donne e dei bambini oltre che della libertà di opinione. Tema decisivo in vista delle elezioni politiche il prossimo 23 luglio
Anche in Spagna i temi della biopolitica sono diventati temi di primaria importanza e stanno giocando un ruolo decisivo in campagna elettorale. In vista delle elezioni politiche del 23 luglio si discute già di cambiare le leggi sull’identità di genere, a meno di 6 mesi dall’approvazione della Ley Trans voluta dall'ex-ministra Irene Montero di Podemos, formazione politica quasi estinta alle ultime elezioni amministrative. La prima a parlarne è stata la neoeletta presidente della Regione di Madrid, Isabel Díaz Ayuso del […]
Leggi ora
30 Maggio 2023
Spagna: anche il sesso woke tra le ragioni della fine di Podemos
Ley Trans. Legge “solo sì è sì” che ha ridotto le pene ai criminali sessuali. E ora anche un Manifesto per l’educazione sessuale per tutt* che mette a rischio la sicurezza di bambine e bambini. Lo spirito è sempre lo stesso: una sessualità queer promossa dalla ministra uscente Irene Montero. Che però a quanto pare elettrici ed elettori non gradiscono. Un’analisi della docente Juana Gallego, femminista colpita dalla cancel culture
Alle elezioni amministrative di ieri in Spagna la sinistra ha rovinosamente perso -come in Italia, del resto. In particolare si è registrata la bruciante sconfitta di Podemos che in molte regioni arriva quasi a estinguersi. Nelle analisi sul voto spagnolo forse non si dà sufficiente rilievo a due leggi-manifesto di Podemos, e in particolare della ministra transfemminista Irene Montero: la legge “Solo sì è sì”, che ha ridotto le pene per i crimini sessuali, e la Ley Trans, che ha […]
Leggi ora