12 Marzo 2021

Spagna: le donne di sinistra si ribellano -finalmente!- al transcult di Podemos e rompono con il partito e la Ley Trans

Condividi questo articolo

Mentre la sinistra italiana, donne comprese, subisce silenziosamente Cirinnismo e Boldrinismo e relativo transcult (proprio di questi giorni la notizia di un appello la Casa Internazionale delle donne di Roma a sostegno di Monica Cirinnà sindaca, vedere qui), le militanti della sinistra spagnola, Podemos e Izquierda Unida, si rivoltano in massa contro la Ley Trans (vedere qui) proposta dalla ministra dell'Igualdad del loro stesso partito, Irene Montero, la Cirinnà locale (il Psoe ha sempre contrastato la legge), denunciando "l'imposizione" di idee "diametralmente opposte agli interessi delle donne" senza alcun dibattito interno e solidarizzando con il fronte femminista che si raccoglie in Contra Borrado. Ricordiamo che la Ley Trans intende introdurre in Spagna l'autocertificazione di genere (self-id) e che nello stesso spirito in Italia la Legge Zan contro l'omobitransfobia, già approvata alla Camera con il sostegno unanime del centrosinistra (donne comprese) tiene al centro l'identità di genere, ignorando le argomentazioni contrarie esposte dal femminismo (potete leggerle qui): tutto il mondo è paese. Le militanti della sinistra spagnola siano d'esempio per le italiane.


Attiviste di Podemos e Izquierda Unida hanno firmato due documenti critici nei confronti della Ley Trans proposta dal Ministero dell'Uguaglianza (in capo a Irene Montero, Podemos, ndr) in cui denunciano che il progetto non è stato sottoposto a dibattito interno e impone concetti e idee "diametralmente contrari agli interessi delle donne".

Il documento di Podemos, firmato da circa 1.700 esponenti, militanti e membri della formazione viola, dichiara "preoccupazione" per la Ley Trans, il cui testo "non è stato discusso in nessun organo del partito, né con la base". Come si denuncia, a livello governativo Podemos "ha imposto una posizione unica e inemendabile", motivo per cui "si esige" un dibattito "pubblico e interno", e che si considerino "le prese di posizione di addetti ai lavori di diverse discipline" che si occupano della questione.

"Dire che 'i diritti non si discutono' è una forma di autoritarismo inaccettabile in qualunque organizzazione democratica che non possiamo condividere o permettere" sentenzia il testo intitolato "In Podemos ci sono anche le femministe".

LA LEY TRANS "DISTRUGGE STORICHE RIVENDICAZIONI FEMMINISTE".

Tra i primi firmatari la responsabile del Femminismo di Podemos a Ponferrada, María Páramo; la responsabile del Femminismo di Podemos ad Avila, Lucía Spínola, consiglieri comunali come Colmenarejo (Madrid), Alberic (Valencia) o Pasaia (Guipúzcoa) o l'esponente del Circolo statale del Femminismo e militante del partito Mar Benavent. Benavent ha lamentato che oltre a nessun dibattito il progetto della Ley Trans ha visto la luce "senza le garanzie di legge" necessarie, onde non doversi confrontare con i diritti di altre categorie.

Questa legge "distrugge storiche rivendicazioni femministe", ha detto Benavent in un'intervista a Onda Cero, e ha aggiunto che nel momento in cui si solleva "qualsiasi obiezione o dubbio" a riguardo si viene bollati come "transfobici": "Quando si viene accusati di transfobia, il dialogo è finito"ha lamentato.

Il documento spiega che "molte femministe" hanno aderito a Podemos "con la ferma speranza di vedere rappresentate le nostre rivendicazioni storiche oltre alla protezione dei nostri diritti". Che si sa bene che "l'oppressione" è "basata sul sesso con cui veniamo al mondo, realtà biologica osservabile e verificabile che non possiamo ignorare o distorcere se la nostra intenzione è davvero quella di ottenere la liberazione delle donne".

"Sappiamo che il genere è una costruzione sociale che funziona come lo strumento che permette, sostiene e perpetua questa oppressione, e che solo la sua abolizione ci permetterà di rompere con la struttura patriarcale che ci mantiene subordinate e vulnerabili" continua il documento delle donne di Podemos. Quindi le teorie che "arrivano a contraddire ciò che è stato affermato in più di tre secoli di lotta femminista non solo non hanno nulla a che vedere con le posizioni e gli obiettivi della nostra agenda, ma rallentano e indeboliscono il nostro progresso".

"Abbiamo chiaro che l'irruzione delle teorie queer nei nostri spazi costituiscono una chiara manovra di entrismo che mira a disarticolare la nostra lotta, depoliticizzando e indebolendo la nostra forza collettiva, facendo del pensiero magico e dell'individualismo più puro le armi per manipolare a piacimento la realtà" continua il comunicato, affermando che non ci si può permettere "di mettere in dubbio che siamo noi, le donne, a costituire il soggetto politico del Femminismo".

Le firmatarie chiedono che il movimento femminista non diventi "un sacco in cui tenere cose che non hanno niente a che vedere con la sua ragione d'essere e che si scontrano frontalmente con i suoi obiettivi" e che si sia "ferme e decise" di fronte a situazioni come quelle denunciate.

LA LEY TRANS E'"INAMMISSIBILE" SULL'INFANZIA

Per quanto riguarda l'infanzia, le firmatarie considerano "inammissibile" che si cerchi di "mascherare come protezione i veri e propri maltrattamenti" che si fondano sui "postulati sostenuti dall'irrazionalità queer" difesa dalla Ministta dell'Uguaglianza.

"Orientare i minori verso procedure ormonali e chirurgiche, impedire il libero sviluppo della loro personalità, perpetuare stereotipi sessisti è qualcosa che non possiamo tollerare" afferma il manifesto in relazione ai bambini.

Pertanto, le firmatarie del documento chiedono che il ministero guidato da Irene Montero "prenda in considerazione" la posizione "espressa sia dalle molte pensatrici femministe che da numerose organizzazioni" visto che finora, si rammaricano, le loro richieste di incontro sono state "ignorate", cosa che considerano "irrispettosa e irresponsabile".

NO ANCHE DA IZQUIERDA UNIDA

Anche le militanti di Izquierda Unida hanno pubblicato un manifesto in termini molto simili.
Con il titolo "Retake Feminism" le attiviste del partito si oppongono alla "svolta ideologica che le politiche istituzionali stanno prendendo sulle questioni femministe". "Come coalizione abbiamo sofferto prima la scomparsa dell'Area delle Donne, quindi l'espulsione del Partito Femminista e, più recentemente, la proposta di legge di 'autoidentificazione di genere' nota come Ley Trans" si spiega nel testo.

Per quanto riguarda la Ley Trans, si lamenta che il progetto sia stato presentato pubblicamente in modo "molto superficiale", "senza un approfondito dibattito", senza prendere in considerazione tutti i soggetti sociali né approfondire le questioni giuridiche.

"Il progetto di legge brandito dalla ministra dell'Igualdad, che consideriamo un simbolo dell'ingresso di queste politiche neoliberali nella sfera politica della sinistra, non solo non migliora la difesa dei diritti delle persone transgender, ma anzi favorisce la "cancellazione" di queste persone, degli LGB e delle donne in generale" avvertono le firmatarie.

Si afferma inoltre che dalla storica agenda storica abolizionista del movimento femminista, che riguarda prostituzione, pornografia, maternità surrogata e gender, si è passati a difendere "certi postulati dell'ideologia normativa neoliberale e gender" che "non hanno niente a che vedere" con quelli di Izquierda Unida e delle coalizioni di cui fa parte.

Il manifesto richiede una riflessione "profonda e onesta" e il coinvolgimento di "tutte le parti" nel dibattito. Le firmatarie chiudono la dichiarazione opponendosi a "queste nuove politiche che si impadroniscono della lotta femminista e la disarticolano".

PODEMOS: "I DIRITTI TRANS SONO DIRITTI UMANI".

Interpellato su questi documenti, Podemos ha risposto di avere votato "in numerose occasioni" al suo interno a sostegno dei diritti umani che includono i diritti delle persone trans
: così la co-portavoce della formazione viola Isa Serra riguardo al testo firmato dalle esponenti del suo stesso partito. Anche se, dice, "rispetta l'opinione di queste donne" nei "congressi interni" e nel programma elettorale si è votato in questo modo. "Credo che in numerose occasioni il partito nel suo insieme ha votato a favore dei diritti umani" ha detto. "Il nostro manifesto elettorale è chiaro su questo, e i diritti delle persone trans sono diritti umani".

(l'articolo originale qui, traduzione di Cecilia Salas)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Ottobre 2022
Le Iraniane stanno lottando anche per noi
Le donne in Iran sono oppresse, violate e uccise proprio per i loro corpi di donne. E la loro rivolta potrebbe liberare tutte e tutti. E' pronto l'Occidente woke dell'identità di genere e della "libertà di velo" a comprendere e sostenere questa rivoluzione che soffia anche per noi? Donna, vita, libertà
Nell’incerto e perennemente mutevole assetto geopolitico del nostro tempo, nel mezzo di un’agenda politica globale che da destra a sinistra dimentica le donne tradendo, seppur in modi differenti, l’esclusività femminile e la ricchezza della differenza sessuale, la lotta delle donne iraniane ha un che di epico, di commovente. L’uccisione di Mahsa Amini dimostra quanto la questione del “velo come libertà” sia la quintessenza della disonestà intellettuale, della fallacia logica, di un’annosa bugia. Alla ventiduenne Mahsa il desiderio di “sentire il […]
Leggi ora
27 Settembre 2022
Il femminismo e la destra
In risposta a Julie Bindel, che considera il muro eretto dalla sinistra transattivista ma anche i rischi di un'alleanza con la destra: in Italia la novità storica -una donna di destra premier, Giorgia Meloni- complica ulteriormente il quadro. Che fare allora? Quello che sta capitando in Spagna sull'orribile Ley Trans forse indica una strada buona per tutte
Julie Bindel e Harvey Jeni prendono il toro per le corna: visto che da troppo tempo con la sinistra non c'è possibilità di dialogo, il femminismo radicale e gender critical può guardare a destra senza correre rischi? Tema che in Italia abbiamo ben presente e che ha agitato tutta la campagna elettorale conclusasi con la vittoria schiacciante di una donna di destra, Giorgia Meloni, che non si è mai dichiarata femminista. Il fatto che oggi la destra in Italia sia […]
Leggi ora
24 Settembre 2022
SPAGNA: SOCIALISTE CONTRO LA LEY TRANS
A differenza delle loro omologhe italiane del PD e della sinistra schierate per la libera identità di genere, le progressiste spagnole rompono con le politiche transattiviste del PSOE in difesa delle donne e dei bambini. Nel loro manifesto gli ottimi argomenti contro quella che, se approvata, potrebbe essere la peggiore legge transattivista del mondo
Rompendo con il suo partito, il PSOE, e lanciando un segnale alle donne di sinistra europee, generalmente schierate in difesa del dirittismo transattivista, la Federación de Mujeres Progresistas lancia un coraggioso manifesto contro la Ley Trans voluta dalla maggioranza di governo in Spagna (PSOE e Podemos) e in via di approvazione con iter d'urgenza, senza un effettivo dibattito parlamentare né un'ampia discussione pubblica. L'iniziativa nasce anche in risposta alla clamorosa rottura tra il femminismo storico spagnolo -riunito nel cartello Contraborrado- […]
Leggi ora
14 Settembre 2022
Forse l'identità di genere non esiste
Se a dubitare è la biologa Anna Fausto-Sterling, la prima a parlarne negli anni Novanta, ispiratrice di Judith Butler e fondatrice delle gender theory, allora forse siamo a un clamorosissimo e definitivo giro di boa. Fermate le leggi trans prima che sia troppo tardi!
Se Judith Butler è The Queen of Gender, Anna Fausto-Sterling è la sua dea: zoologa, biologa e docente di gender study -oggi alla Brown University- partendo dalla rara condizione genetica dell'intersessualità nei primi anni Novanta è stata la prima ad attaccare il concetto di binarietà sessuale, sostenendo che la sessualità è uno spettro e che si possono individuare almeno 5 sessi ("ma dai, non era mica una teoria, ero ironica, era solo una provocazione" ha detto in seguito. Ma invano). […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora