16 Maggio 2021

Trapianto di utero per trans MtF (nati maschi)

Non solo "uomini incinti" (trans FtM, nate donne) come da cover dell'Espresso: recentemente riletti i criteri bioetici per il trapianto di utero. Che potrà essere ricevuto anche da trans MtF, cioè biologicamente maschi. Per una transizione completa
Condividi questo articolo

La copertina dell’ultimo numero de l’Espresso probabilmente appare ai più come una provocazione. Chi segue certa letteratura scientifica, però, sa bene che quanto disegnato è già realtà, e da un pezzo. Gravidanze in donne che si identificano come uomini - FtM, l’acronimo (Female to Male) - come quella disegnata sulla copertina del settimanale- non sono certo una novità: è sufficiente cercare nelle banche dati di settore (Scopus o WOS o Pubmed, per intendersi, riconosciute per le pubblicazioni scientifiche valutate per i concorsi universitari) e consultare la vasta letteratura che emerge.

A puro titolo di esempio, nel 2014 la rivista Obstetric & Gynecology  (dell’ American College of Obstetricians and Gynecologists) pubblicava un articolo titolato Transgender Men Who Experienced Pregnancy After Female-to-Male Gender Transition, relativo a uno studio approvato dalla University of California, San Francisco Committee on Human Research. Venticinque FtM hanno usato testosterone prima della gravidanza e solo per sei di loro non era stata pianificata; la maggior parte ha avuto il figlio dal partner, cinque hanno fatto ricorso a donatori anonimi o da banche del seme, tre da donatori noti, 21 con propri ovociti. Ed è recente la pubblicazione di alcuni studiosi della Rutger Robert Wood Johnson Medical School, New Brunswick, negli USA, sui trattamenti in ambito ostetrico per “transgender men with advanced paternal age”, cioè di FtM con più di 35 anni di età, la cui l’età avanzata viene definita "paterna" ma al tempo stesso si parla di travaglio, parto etc. Non sappiamo quanti siano finora i nati da FtM, ma secondo gli esperti si tratta di numeri in aumento.

D’altra parte da tempo nella letteratura scientifica c’è ampio spazio per la “transgender health” la salute delle persone transgender, che include i trattamenti di preservazione della fertilità, cioè la possibilità di conservare ovociti per FtM e spermatozoi per MtF (Male to Female), raccogliendo i gameti prima della transizione, e la finalità è evidente: poter essere, in futuro, madri genetiche (e anche gestazionali, se non ci si sottoporrà a isterectomia) e padri biologici essendo, rispettivamente, padri e madri sociali e spesso anche anagrafiche. Va ricordato che la possibilità di questi trattamenti è offerta anche agli adolescenti, compresi coloro a cui vengono somministrati i bloccanti della pubertà, a patto ovviamente che si sia raggiunta una sufficiente maturità sessuale: resta un mistero su come un tredicenne possa essere consapevole di tutto ciò, quando esprime il proprio consenso informato a riguardo, come pure restano fortissimi i dubbi sulla reale libertà del consenso dei genitori, chiamati a dare avallo legale a questi percorsi.

E’ ancora a livello di discussione accademica, invece, la possibilità di trapianto di utero a “individui transgender”: la rivista Bioethics ha recentemente pubblicato un articolo il cui autore principale è Jacques Balayla, ginecologo della McGill University, a Montreal, in Canada. Si tratta di uno dei tre firmatari dei "Criteri di Montreal", cioè i criteri etici di riferimento a livello internazionale, per i trapianti di utero. Va detto che il testo è stato aggiornato dai medesimi autori nel 2013, dopo un anno dalla pubblicazione, con alcune aperture di tipo etico al trapianto di utero in uomini o trans, ma confermandone l’esclusione dal punto di vista clinico. Nell’articolo pubblicato quest’anno si riprende il ragionamento etico rileggendo il primo dei Criteri richiesti - Il ricevente è una femmina genetica in età riproduttiva senza controindicazioni mediche al trapianto – perché “la condizione che il paziente sia una femmina genetica intrinsecamente squalifica i transgender, alcune donne non-binarie, gender diverse e cis-gender che hanno un cariotipo non-XX ( “transgender UTx”)”, dove UTx sta per “trapianto di utero”.  

Gli autori dichiarano che finora non sono ci sono stati trapianti di utero su “transgender UTx”, ma nell’articolo sviluppano una serie di argomentazioni per mostrarne l’accettabilità etica, in riferimento ai noti principi bioetici di autonomia, non-maleficenza, beneficenza e giustizia. La Carta di Montreal viene quindi riletta con commenti del tipo “se una persona cis-gender che si identifica come femmina ma che manca di utero può eticamente averne uno, allora il principio di giustizia indica che questa opportunità dovrebbe essere offerta a tutte queste persone, a prescindere dalle circostanze della loro nascita”.  E se la finalità del trapianto di utero secondo la Carta di Montreal è procurare una gravidanza, invocando il principio di beneficenza si può pensare di “rendere disponibile il trapianto di utero a coloro che soffrono di disforia di genere”, purché siano rispettati i criteri di sicurezza clinica. L’UTx potrebbe diventare “parte della chirurgia di riassegnazione di genere”, quindi, come sostenuto anche in precedenti lavori da un team di chirurghi inglesi, citati nell’articolo.

Per finire, alcune considerazioni sulla costruzione dell’eventuale accesso vaginale alla cavità uterina: gli autori hanno comunque sentito la necessità di specificare, a scanso di equivoci, che si tratta di un trattamento applicabile solo a trans-femmine e non per i cis-maschi, questi ultimi chiamati in causa se ipoteticamente fossero interessati a portare avanti una gravidanza senza effettuare la transizione di genere. In poche parole e senza particolare enfasi, ecco nero su bianco dove si vuole andare a parare.

(per gli increduli, nel testo originale: As we mentioned previously, though UTx may well be transitory to void the need for lifelong immune-suppression, the gender re-assignment surgery and orchiectomy needed to ensure the success of UTx are permanent – a consideration that would not appliy to cis-males who would seek to carry pregnancy without transitioning. Indeed the ready convenience of access to the uterine cavity both for embryo transfer and biopsy via the cervix prefers that a transgender patient seeking to become pregnant through UTx should have previously undergone surgical construction of a neo-vagina that may be connected to the transplanted canal and cervix. Such a reality would only apply to trans-females and not cis-males).

Assuntina Morresi


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
21 Giugno 2021
Gravidanze di topi maschi per arrivare al parto maschile umano: esperimento biotech
Attaccare chirurgicamente un ratto femmina incinta al ratto maschio utero-trapiantato, in modo che il suo "sangue gravido" nutra come un elisir la gravidanza maschile. Obiettivo: il business delle gestazioni per trans, definite un "diritto umano"
A che cosa può servire prendere un topo maschio e un topo femmina, attaccarli chirurgicamente come gemelli siamesi -parabiosi-, collegare i due sistemi circolatori per fare correre il sangue della femmina nel maschio, castrare il maschio, trapiantare un utero nel suo corpo, ingravidare artificialmente la femmina, inserire embrioni anche nell'utero del topo maschio e condurre le due gravidanze fino a parto cesareo di entrambi? Di sicuro non serve all'obiettivo fare partorire i topi maschi o agnelli maschi o buoi o […]
Leggi ora
3 Giugno 2021
Un femminicida di nome Lorena
Le Canarie approvano una legge che consente l'autocertificazione di genere. E solo due giorni dopo un assassino alla sbarra per avere abusato e ucciso la cugina, si dichiara donna per scampare le aggravanti per reato sessuale. Ed essere detenuto in un carcere femminile. Un caso che scuote la Spagna
Le femministe avvisavano da tempo. E sta succedendo. Da mesi il femminismo spagnolo sta facendo un grande lavoro di informazione sulla cosiddetta “Ley Trans” che introduce l’auto-determinazione di “genere” -inteso al posto del sesso- senza un percorso di transizione e accompagnamento psicologico, proposta di Irene Montero, Ministra De Igualdad di Podemos. Madrid ha chiarito che la proposta non è sostenuta dal governo centrale e ne ha preso le distanze, come dichiarato dalla vicepremier Carmen Calvo, PSOE. Giusto due settimane fa, […]
Leggi ora
1 Giugno 2021
Nel ddl Zan un'arma in più per gli uomini violenti
La legge è anche contro la "misandria", continua a ripetere Zan, usando un termine inventato dai maschi violenti. Grave rischio per le donne: che nei tribunali, non bastasse la PAS, si troverebbero accusate dagli ex e dai loro legali di un nuovo falso reato
Tra le critiche del femminismo al ddl Zan, oltre alla questione centrale dell'identità di genere, vi è anche l'inclusione della misoginia tra i comportamenti sanzionabili come crimini d'odio. Nel testo non compare il termine "misoginia", ma quello di "sesso". Per la precisione si parla di "Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità". Chi ha seguito da vicino la redazione del testo saprà […]
Leggi ora
31 Maggio 2021
Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini
Un silenzio omertoso copre lo scandalo dell'invasione degli sport femminili da parte degli "ultracorpi" maschili. Ma finalmente alcune atlete, destinate a sicura sconfitta, cominciano a parlare
Anna Vanbellinghen è un'atleta belga -sollevamento pesi- e alle prossime Olimpiadi di Tokyo dovrà affrontare tra le sue competitor anche il neozelandese Laurel Hubbard, primo atleta olimpico trans. Vanbellinghen dice che avere qualche chance con Hubbard è impossibile, che questa faccenda è "un brutto scherzo" per le atlete. E' la prima tra le olimpioniche rompere il silenzio, e finora l'unica. Vanbellinghen comprende che le atlete trans devono poter gareggiare e si augura che si trovi una soluzione, ma non può […]
Leggi ora
29 Maggio 2021
Come Stonewall sta sacrificando i diritti dei gay. Per fare affari
Perché Stonewall, la più grande organizzazione per i diritti di gay e lesbiche, si è fatta colonizzare dalla lobby transgender, arrivando a perseguitare quelle-i per cui era nata? Perché è un ottimo business. Follow the money!
Tumultuoso cambio di vento in UK, culla dell'arcobaleno Lgbtq+. Dopo il duro attacco a Stonewall da parte di uno dei suoi fondatori, Matthew Parris, un'altra voce fortemente critica, quella del giornalista e saggista gay Douglas Murray. Che denuncia la campagna persecutoria della storica associazione proprio contro i gay e le lesbiche, per tutelare i cui diritti era nata nel 1989. Oggi, dice Murray, Stonewall è un comitato d'affari al servizio della lobby trans per intercettare fiumi di soldi e giustificare […]
Leggi ora