19 Marzo 2021

Milwaukee, USA: giudice minorile -e promotore di spettacoli di drag queen per bambini- indagato per pedofilia

Condividi questo articolo

Il giudice del Tribunale dei Minori della contea di Milwaukee Brett Blomme, sostenuto dal Fondo per la vittoria LGBTQ+ per la sua nomina, è stato arrestato con sette capi di imputazione per possesso di pornografia infantile. Brett Blomme, 37 anni, è anche l'ex-presidente della Cream City Foundation, organizzazione LGBTQ + nota per promuovere Drag Queen Story Hour, eventi in cui uomini travestiti in abiti femminili leggono favole ai bambini (ne vengono realizzati anche in Italia, qui un evento patrocinato dal Comune di Roma, qui un altro organizzato dalla Cgil di Catania, ndr)

Le accuse contro Brett Blomme sono gravi. Ogni singola accusa di pornografia infantile comporta una pena detentiva obbligatoria da un minimo di 3 anni a un massimo di 15 anni di carcere. Dopo aver trascorso una notte in carcere, Blomme è stato rilasciato con obbligo di firma, che impone di non utilizzare i social o servizi di condivisione di file e di avere contatti senza supervisione con i bambini, a eccezione dei suoi. Brett Blomme è sposato con un uomo e ha due figli adottivi.

La denuncia penale contro Blomme precisa che sull'app di messaggistica Kik sono stati caricati fino a 27 immagini e video di minori vittime di abusi sessuali. L'indirizzo di questi caricamenti è stata individuato a casa di Blomme e del marito a Cottage Grove, nella contea di Dane. Secondo la denuncia, il Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati ha informato gli investigatori sull'utente Kik "DomMasterbb" che era sospettato di possedere e condividere materiale pedopornografico. Gli investigatori hanno quindi collegato l'account Kik a Blomme tramite le sue e-mail personali e di lavoro.

Sostenuto dai democratici

Brett Blomme è stato scelto dal sindaco democratico di Milwaukee Tom Barret come candidato per il Milwaukee County Circuit Court. Barret ha esortato il collega democratico e governatore del Wisconsin Tony Evers a sostenere il ​​nome di Blomme per l'apertura del Milwaukee Country Circuit Court nel 2019 e ha parlato della sua relazione ventennale con Brett Blomme, ma il governatore Evers non lo ha nominato per la posizione in campo. Finché, nel 2020, Brett Blomme ha vinto le elezioni del ramo 5 del tribunale della contea di Milwaukee, il primo uomo apertamente gay eletto nella carica.

L'elezione di Brett Blomme non sarebbe stata possibile senza una serie di riconoscimenti a suo favore, la stragrande maggioranza dei quali da parte dei democratici. Nella sua campagna Blomme si è descritto come "alternativa progressista" al suo avversario. Per avviare la sua campagna, Brett Blomme ha enumerato gli appoggi di una serie di funzionari eletti, avvocati e leader della comunità, il più importante dei quali è il senatore dello stato democratico del Wisconsin Tim Carpenter.

Il successivo importante sostegno a Blomme è venuto dal rappresentante democratico del Congresso degli Stati Uniti per il quarto distretto del Congresso del Wisconsin Gwen Moore. Moore ha appoggiato Blomme con tutto il cuore, dicendo: "Sostengo Brett perché, come me, si impegna a rendere Milwaukee un posto migliore per tutti noi. È un ex-difensore civico che ha dedicato la sua carriera alla lotta per la giustizia e l'equità. Unisciti a me nel sostenere Brett Blomme per il Milwaukee County Circuit Court-Branch 5, il 18 febbraio. Brett è il cambiamento di cui abbiamo bisogno per ripristinare il nostro sistema di giustizia penale".

Un altro importante sostegno per Brett Blomme è arrivato dal LGBTQ Victory Fund, organizzazione nazionale fondata nel 1991 dedicata esclusivamente ad aumentare il numero di persone apertamente LGBTQ elette in cariche pubbliche. Il passato di Blomme già presidente di un'organizzazione LGBTQ+ come Creamy City Foundation ha ulteriormente rafforzato le sue credenziali come campione delle persone LGBTQ.

Brett Blomme ha anche ricevuto l'approvazione dei media locali di Milwaukee, il più importante dei quali è Shepard Express. Il comitato editoriale del giornale ha appoggiato Brett Blomme menzionado il suo "forte impegno al servizio della nostra comunità, compreso il suo lavoro con le organizzazioni non profit".

Un passato scomodo?

Brett Blomme era CEO della Creamy City Foundation, organizzazione LGBTQ + che organizza le controverse `` Drag Queen Story Hour per bambini nelle biblioteche pubbliche a Milwaukee e dintorni, e nel giugno del 2017 ha lasciato, poco prima di essere eletto giudice. L'informazione non è facilmente accessibile. Questo perché quando è uscita la notizia dell'arresto di Blomme per pornografia infantile sono state cancellate varie pagine web online che legavano Brett Blomme alla Creamy City Foundation. Il profilo LinkedIn di Blomme è stato eliminato, resta solo uno screenshot che conferma il suo ruolo di CEO della Creamy City Foundation esistente.

Milwaukee, USA: giudice minorile -e promotore di spettacoli di drag queen per bambini- indagato per pedofilia

Blomme ha sostenuto posizioni molto progressiste su genere e sesso, e ha scritto articoli su argomenti come "La formazione di competenze transculturali". Diversi comunicati stampa dello stesso Brett Blomme lo descrivono come CEO della Creamy City Foundation (vedere qui) quindi non ci sono dubbi riguardo al suo ruolo. Qui il link della pagina web About della Creamy City Foundation che parla di Brett Blomme come Past President e CEO della Creamy City Foundation.

Ora che sono stati resi noti i gravi reati di Blomme per il possesso di numerose immagini pedopornografiche, sorgono molte domande sulle sue attività presso la Creamy City Foundation. In qualità di CEO Blomme supervisionava diversi eventi, tra cui Drag Queen Story Hour, con molti bambini presenti. Se Blomme sarà condannato, si solleveranno seri dubbi sulla sicurezza dei bambini durante questi eventi, e su come un sospetto pedofilo sia stato incaricato di organizzarli.

T. Waraich

(l'articolo originale qui, traduzione di Marina Terragni)


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
2 Dicembre 2021
Pedofilo olandese vende bambole sessuali con sembianze di neonati e bambini. Dicendo che sono "terapeutiche"
Secondo Bram Joosten e altri produttori di oggetti simili, le orripilanti bambole "penetrabili" e torturabili servirebbero a ridurre gli abusi reali. E' l'esatto contrario. Le baby sex-doll incrementano la pedofilia e "desensibilizzano" rispetto al danno che si produce abusando delle piccole e dei piccoli. Ripugnante
" Attenzione: Questa ricerca contiene contenuti inquietanti relativi a temi riguardanti la pedofilia. Tutte le foto in questo articolo sono state censurate da 4W, e le informazioni saranno trasmesse alle autorità per la loro revisione (vedi nota alla fine dell'articolo per i dettagli).La discrezione dei lettori è apprezzata. Un commerciante olandese che vende bambole sessuali con le sembianze di bambini e neonati pubblicizza gli inquietanti oggetti come "terapeutici per i pedofili" e ospita forum dove uomini malati - alcuni dei […]
Leggi ora
3 Giugno 2021
Un femminicida di nome Lorena
Le Canarie approvano una legge che consente l'autocertificazione di genere. E solo due giorni dopo un assassino alla sbarra per avere abusato e ucciso la cugina, si dichiara donna per scampare le aggravanti per reato sessuale. Ed essere detenuto in un carcere femminile. Un caso che scuote la Spagna
Le femministe avvisavano da tempo. E sta succedendo. Da mesi il femminismo spagnolo sta facendo un grande lavoro di informazione sulla cosiddetta “Ley Trans” che introduce l’auto-determinazione di “genere” -inteso al posto del sesso- senza un percorso di transizione e accompagnamento psicologico, proposta di Irene Montero, Ministra De Igualdad di Podemos. Madrid ha chiarito che la proposta non è sostenuta dal governo centrale e ne ha preso le distanze, come dichiarato dalla vicepremier Carmen Calvo, PSOE. Giusto due settimane fa, […]
Leggi ora
1 Aprile 2021
Il femminismo e la legge Zan
In queste ore il mondo Lgbtq+ è mobilitato per chiedere alla Commissione Giustizia del Senato di calendarizzare il ddl Zan contro l'omobitransfobia, la misoginia e l'abilismo, ddl già approvato alla Camera. Arcilesbica ha elaborato alcune proposte di emendamenti senza i quali, dice, "si rischiano gravi guasti". Queste, in sintesi, le proposte rivolte alle-i senatrici-ori del centrosinistra. • nelle definizioni all’art.1, usare i termini chiari di “sesso, stereotipi di genere, orientamento sessuale, transessualità”, invece che le attuali ambiguità (sesso, genere, orientamento […]
Leggi ora
30 Marzo 2021
Basta censura nelle università! Prof gender critical in lotta per la libertà di parola
"Vi è un'ostinazione in me che non tollera di lasciarsi intimidire dalla volontà altrui. Il mio coraggio insorge a ogni tentativo di farmi paura". Jane Austen, Orgoglio e Pregiudizio, 1813 Un terremoto sta scuotendo le università anglosassoni. A provocarlo professoresse gender critical che denunciano, rischiando la carriera, la perdita di libertà accademica e il clima intimidatorio nel discutere sesso, genere e identità di genere. «Il movimento dell’identità di genere sta cancellando la libertà di parola delle persone e la libertà accademica di chiunque non […]
Leggi ora
29 Marzo 2021
Perché media, aziende e pubblicità sostengono il Queer
Salvo rare eccezioni, i media oscurano regolarmente ogni notizia che possa creare problemi al business transumano e al queer, target che gode di grandissima attenzione positiva. Qualche esempio. Silenzio globale pressoché assoluto sulla sentenza Keira Bell in UK, che ha introdotto l’obbligo a rivolgersi a un tribunale per somministrare i puberty blocker a bambine e bambini: proprio lo stesso giorno (!) invece il sistema mediatico di tutto il mondo festeggia la transizione hollywoodiana di Ellen-Elliot Page. Dure lotte per fare […]
Leggi ora