12 Maggio 2021

L'amministrazione Biden cancella donne e ragazze

Senza alcun dibattito pubblico e contro l'opinione della maggioranza degli americani, il presidente Joe Biden sta procedendo d'imperio a sostituire la parola "sesso" con "identità di genere" in tutti gli atti e i documenti amministrativi, con grave impatto sulla vita di donne e ragazze. In tutto il mondo liberal e progressisti perseguono questo stesso obiettivo al servizio della trans-lobby
Condividi questo articolo

Sta succedendo. È brutto come appare e nessuno dovrebbe avere dubbi. Tutto ciò che Janice Raymond aveva predetto nel 1979 si è avverato. Tutto ciò che vedete pubblicato sul blog 11th Hour è realtà. Non si tratta affattoomplottismo.

Il primo giorno in cui è entrato in carica il presidente Biden ha firmato l'ordine esecutivo 13988 sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o dell'orientamento sessuale. Molti di noi, me compresa, presumevano ingenuamente che questo avrebbe significato che entro 100 giorni le agenzie federali avrebbero presentato regole per la notifica e il dibattito pubblico, come richiesto dalla legge sulla procedura amministrativa. Niente di tutto questo è successo. L'amministrazione ha meticolosamente cancellato il sesso come categoria significativa in tutto il diritto amministrativo federale, senza preavviso o possibilità di discuterne.

A febbraio, il Dipartimento per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) ha emesso un promemoria annunciando che avrebbe reinterpretato la parola sesso per includervi "identità di genere" nella legislazione sugli alloggi degli Stati Uniti. Questo significa la fine di qualsiasi alloggio per sole donne, inclusi rifugi contro la violenza domestica e dormitori universitari, perché il promemoria copre "quasi tutti gli alloggi, inclusi alloggi privati, alloggi pubblici e alloggi che ricevono finanziamenti federali ", secondo il sito web dell'HUD .

A marzo, il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha annunciato che il divieto di discriminazione sulla base del sesso del Titolo IX sarà interpretato come un divieto anche per la discriminazione sulla base della "identità di genere". Ciò significa la fine degli sport femminili e femminili in tutte le istituzioni finanziate dal governo federale.

Nei giorni scorsi il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha annunciato di aver presentato una norma finale al Registro federale spiegando che avrebbe interpretato la parola sesso per includere "identità di genere" nella valutazione delle denunce di discriminazione relative alla fornitura di assistenza sanitaria ai sensi l'Affordable Care Act (ACA). Ciò significa che le donne non saranno autorizzate a richiedere cure ginecologiche alle donne in qualsiasi struttura sanitaria che riceve dollari federali.

Tutto questo senza preavviso o opportunità di pubblica discussione.

Nel frattempo, il Dipartimento della salute e dei servizi umani sta mentendo apertamente al popolo americano. La sezione 1557 dell'Affordable Care Act è codificata (ovvero scritta nel codice ufficiale degli Stati Uniti) al numero 42 USC 18116. Sul suo sito web, il Dipartimento afferma : "La sezione 1557 proibisce la discriminazione sulla base di razza, colore, origine nazionale, sesso (compreso l'orientamento sessuale e identità di genere), età o disabilità nei programmi o attività sanitari coperti. 42 USC § 18116 (a) ". Questo è palesemente falso. 42 USC 18116 (a) non fa alcuna menzione di "identità di genere".

Tutte queste agenzie stanno facendo riferimento alla sentenza della Corte Suprema in Bostock v. Clayton County che ha dichiarato che le persone non possono essere discriminate sulla base della “situazione di transgender” nel mondo del lavoro (titolo VII), per giustificare la completa cancellazione del sesso come categoria significativa in tutto il diritto degli Stati Uniti, nonostante l'espressa insistenza della Corte Suprema sul fatto che la sua sentenza fosse limitata al contesto lavorativo. Nella sua decisione, la Corte ha dichiarato:

"I datori di lavoro temono che la nostra decisione vada oltre il Titolo VII ad altre leggi federali o statali che vietano la discriminazione sessuale. E, in base al titolo VII stesso, dicono che bagni, spogliatoi etc separati per sesso non saranno più accettabili dopo la nostra decisione odierna. Ma non ci poniamo questi obiettivi legislativi; non abbiamo approfondito il contraddittorio sul significato dei loro termini, e oggi non pregiudichiamo alcuna questione riguardo al genere. Anche nel titolo VII non si pretende di parlare di bagni, spogliatoi o qualsiasi altra cosa del genere. L'unica questione che ci siamo posti è se un datore di lavoro che licenzia qualcuno semplicemente perché omosessuale o transgender abbia discriminato quell'individuo "a causa del suo sesso".

Bostock è stata una cattiva sentenza per donne e ragazze, e molte femministe statunitensi lo hanno detto fin da quando è stata pubblicata nel giugno 2020. Uno dei motivi per i quali cui Bostock è stata negativa per donne e ragazze è il fatto di avere garantito che lo "status di transgender" venga equiparato al sesso nella protezione legale (senza mai spiegare cosa significhi "status di transgender"). Un altro motivo è che molte di noi (a ragione, come stiamo vedendo) avevano predetto che sarebbe stata usata per giustificare l'annullamento del sesso attraverso la legge federale.

Ad aprile, la sezione statunitense della Women's Human Rights Campaign (WHRC USA) ha inviato una lettera , firmata da quasi 1500 donne in tutto il mondo, alla Casa Bianca. In questa lettera abbiamo affermato:

"Noi sottoscritte donne di tutto il mondo siamo inorridite e disgustate dal feroce assalto ai diritti, alla privacy e alla sicurezza delle donne e delle ragazze realizzato con l'"Ordine esecutivo sulla prevenzione e la lotta alla discriminazione sulla base dell'identità di genere o Orientamento sessuale "e dagli sviluppi successivi, come illustrato di seguito. Questa ingiustizia avrà conseguenze a livello globale.

Chiunque, ovunque, è invitata a inviare quella lettera alla Casa Bianca utilizzando la sua pagina di contatto in qualsiasi momento (non è necessario essere residenti negli Stati Uniti)... Sentiti libera di dire al mio Presidente che ti opponi all'annullamento di donne e ragazze in tutto il diritto degli Stati Uniti e all'impatto che le sue azioni avranno su donne e ragazze, a livello globale"

In precedenza, l'8 marzo, WHRC USA aveva presentato questa stessa lettera al leader della maggioranza al Senato Charles Schumer, anch'essa firmata da circa 1500 donne in tutto il mondo, implorandolo di non portare il cosiddetto Equality Act al Senato. Il 16 marzo WHRC USA ha presentato questa testimonianza davanti alla Commissione Giudiziaria del Senato, spiegando perché ci opponevamo all'Equality Act così come è stato nscritto. Abbiamo ricevuto conferma scritta che la testimonianza è stata fornita a tutti i membri del Comitato. Siamo state liete di apprendere che il Senato non ha agito sulla legge sull'uguaglianza. Ma ora è chiaro che l'Amministrazione sta facendo per fiat esecutivo ciò che il Senato non ha fatto per via legislativa. Tutto senza alcun input da parte del popolo americano.

Il Women's Liberation Front ha condotto sondaggi dimostrando che la maggioranza del popolo americano sostiene la protezione degli spazi dello stesso sesso. La nostra amministrazione lo sa, ma non se ne cura.

Di nuovo, spero davvero di sbagliarmi su tutto questo e se mi sto sbagliando che qualcuno me lo dica. Nel frattempo mi limito a ribadire: “Mr. President, quanto tempo ancora le donne dovranno aspettare per la loro libertà? ". Sto ancora aspettando.

Kara Dansky

articolo originale qui


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora