21 Marzo 2021

La Turchia esce dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza maschile. Per le donne un colpo durissimo

Condividi questo articolo

La Turchia abbandona la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica, nota come Convenzione di Istanbul e ratificata per la prima volta (2011) proprio in quel Paese.

Un colpo durissimo per le cittadine turche: quasi ogni giorno del 2020 una donna è morta per mano di un uomo, senza contare le 170 morti sospette. Stessi ritmi nei primi 65 giorni del 2021, una settantina di femminicidi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità almeno il 40 per cento delle donne turche è vittima di violenza del partner rispetto a una media europea del 25 per cento. La Turchia detiene anche il primato delle giornaliste incarcerate. Quello della violenza misogina in Turchia è quindi una questione di primissimo piano.

L'abbandono della Convenzione, che è stata sottoscritta da 34 nazioni europee e costituisce uno strumento indispensabile per la lotta contro la violenza maschile, è stata annunciata con un decreto-golpe del presidente Recep Tayyip Erdoğan accolto con favore dal governo conservatore che ritiene pericoloso il trattato per il avere introdotto il "principio uguaglianza "di genere" ma anche per il fatto di promuovere l'omosessualità, introducendo la non-discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale" (Reuters).

Per il partito al governo (Akp) la Convenzione danneggerebbe infatti l'unità familiare e incoraggerebbe il divorzio, oltre a includere riferimenti che possono essere strumentalizzati dalla comunità Lgbtq. Secondo la nota di Associated Press chi attacca la Convenzione sostiene che "il trattato promuove l'omosessualità tramite l'uso di categorie come "genere", "orientamento sessuale" e "identità di genere" che costituiscono una minaccia per le famiglie turche".

In verità la Convenzione di Istanbul non ha nulla a che vedere con il concetto di identità di genere così come è inteso oggi nelle rivendicazioni Lgbtq, ovvero "libera scelta del genere indifferentemente dal sesso di nascita" (self-id). Anche nella discussione italiana sulla legge Zan si è fatto riferimento alla Convenzione per difendere il concetto di "identità di genere": ma questa interpretazione è assolutamente forzata.

All'art. 4 della Convenzione si dice che "L’attuazione delle disposizioni (...) deve essere garantita senza alcuna discriminazione fondata sul sesso, sul genere (...) sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere". Ma nel 2011, quando fu steso il testo del trattato, con "identità di genere" ci si riferiva alla libertà delle donne dagli stereotipi di genere, ovvero al non-obbligo a conformare i propri comportamenti ai ruoli assegnati alla femminilità tradizionale, e non a rivendicazioni queer.

Il senso della Convenzione di Istanbul dunque non può essere in alcun modo equivocato. In ogni passaggio del testo "genere" è inteso come "genere femminile" ed è sempre associato alle donne, fuori da ogni dubbio. Fin dal preambolo si sostiene che "il raggiungimento dell’uguaglianza di genere de jure e de facto è un elemento chiave per prevenire la violenza contro le donne"; si parla della "natura strutturale della violenza contro le donne, in quanto basata sul genere". All'art. 3 comma d è scritto "l'’espressione “violenza contro le donne basata sul genere” designa qualsiasi violenza diretta contro una donna in quanto tale". E via dicendo (tutto il testo lo trovate qui).

L'identità di genere com'è intesa oggi (self-id) non ha perciò nulla a che vedere con la Convenzione di Istanbul, che non può essere strumento delle gender politics e base per rivendicazioni Lgbtq.

Forzare la Convenzione in questo senso danneggia le donne.

La Convenzione è delle donne. E il prezzo dell'uscita della Turchia sarà pagato dalle donne.

Ecco le manifestazioni femministe di ieri

Marina Terragni

Aggiornamento, 22 marzo: come vedete lo stesso presidente Erdogan spiega con la strumentalizzazione della Convenzione di Istanbul da parte degli Lgbtq+ la sua decisione di abbandonare il trattato -decisione che resta in ogni caso intollerabile e che peggiorerà la condizione delle donne in Turchia-. L'interpretazione forzata e opportunistica della parola genere come "libera identità di genere" ha offerto il pretesto a Erdogan per archiviare la Convenzione presumibilmente con il consenso almeno di parte della popolazione. Questo ha procurato in grave danno alle donne, per le quali la Convenzione era stata pensata.

Solo Feminist Post ha proposto da subito questa lettura dei fatti.

Turchia, Convenzione Istanbul manipolata da comunità gay´

(ANSA) - ROMA, 22 MAR - «Come è noto, la Turchia è stata la prima firmataria della Convenzione di Istanbul, dimostrando un forte impegno nella lotta contro tutte le forme di violenza e nella protezione della condizione delle donne nella società. Inizialmente la Convenzione di Istanbul ha mirato a promuovere il rafforzamento dei diritti delle donne, che però in seguito è stata manipolata da un settore che sta cercando di normalizzare l'omosessualità, incompatibile con i valori sociali e familiari della Turchia. La decisione di recedere dal contratto della Turchia si basa su questi motivi». Lo dichiara in una nota la Presidenza di Ankara, dopo il ritiro unilaterale dal documento del Consiglio d'Europa contro la violenza di genere.

«La Turchia non è l'unico Paese a nutrire serie preoccupazioni sulla Convenzione di Istanbul. Sei membri dell'Unione europea (Bulgaria, Ungheria, Repubblica Ceca, Lettonia, Lituania e Slovacchia) non hanno ratificato la Convenzione di Istanbul. Anche la Polonia ha preso provvedimenti per ritirarsi dalla Convenzione, citando il tentativo dei gruppi omosessuali di imporre le proprie idee sul genere a tutta la società. La decisione di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul della Repubblica di Turchia non significa in nessun modo che si sta rinunciando a proteggere le donne. La Turchia, anche se si ritira dalla Convenzione, non rinuncerà mai alla lotta contro la violenza domestica», prosegue la nota di Ankara.

«Il nostro Presidente Recep Tayyip Erdogan ribadisce fortemente il fatto che la Turchia continuerà a salvaguardare la sicurezza e i diritti di tutte le donne e sottolinea il fatto che la lotta contro la violenza contro le donne sarà una priorità dell'agenda del governo con la politica di tolleranza zero», aggiunge il comunicato, sottolineando che «la Turchia adotterà ulteriori misure per migliorare l'efficacia delle misure esistenti contro la violenza domestica e la violenza contro le donne nell'ambito del piano d'azione sui diritti umani annunciato all'inizio di marzo».(ANSA). 

YLL-AMB 22-MAR-21 17:29 NNNN


Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario e non gode di alcun finanziamento.

Se pensi che nostro lavoro sia utile per la tua vita, grazie se potrai sostenerci. Anche il più piccolo contributo è prezioso! Grazie!

Invia a ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora
6 Agosto 2022
California, transificio di bambine/i
Lo stato americano si propone come meta di turismo "sanitario" per le/i minori che non riescono ad accedere alla transizione nel luogo in cui vivono. Esautorando i genitori e sollevando gli operatori da ogni rischio di causa in caso di successivi "pentimenti". Intanto in UK, dopo la chiusura della Tavistock, occhi puntati su una clinica scozzese dove il modello sperimentale (bloccanti della pubertà e chirurgia) continua a essere applicato
Negli Stati Uniti è in corso una vera e propria guerra sull’ideologia dell’identità di genere e la sua promozione nelle scuole. Una “guerra culturale” che vede contrapposte le élite, che finanziano e promuovono la gender ideology, e la gente comune che vi si oppone (vedere qui il caso Disney). Mentre Biden fin dal primo giorno ha fatto molte concessioni legislative all’attivismo trans a livello federale, i repubblicani hanno intercettato lo scontento della cittadinanza con diverse contro-leggi a livello statale, come […]
Leggi ora
28 Luglio 2022
Argentina: stop al linguaggio neutro nelle scuole
E' stato il primo paese a introdurre l’auto-identificazione di genere. Dieci anni dopo è tra i primi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole in quanto "nemmeno così inclusivo: crea una barriera per i bambini con difficoltà di apprendimento”
Nel 2012 l’Argentina è stato il primo paese al mondo a introdurre il self-id o auto-identificazione di genere nel suo ordinamento giuridico. Dieci anni dopo è uno dei primi paesi a vietare il linguaggio neutro nelle scuole. Come insegnano le madri del femminismo radicale e del pensiero della differenza, il neutro è uno specchietto per le allodole che di fatto riporta al centro il punto di vista maschile. Se l’illusione del neutro salta meno all’occhio nella lingua inglese, è subito […]
Leggi ora
6 Luglio 2022
Maya Forstater, licenziata per aver detto che il sesso non si può cambiare, vince in tribunale: fu discriminazione
Decisiva per il femminismo gender critical in tutto il mondo la vittoria di Maya, ricercatrice che perse il suo lavoro per un tweet in cui scriveva che il sesso biologico è immutabile e che le donne hanno diritti basati sul sesso. La Gran Bretagna ribadisce il diritto a criticare l'identità di genere: minacce e accuse di transfobia sono illegittime. "Un'ulteriore prova" dice Forstater "che il vento sta cambiando". La sentenza definitiva del tribunale del lavoro ha anche condannato a un risarcimento la società che non ha rinnovato il contratto alla ricercatrice, cofondatrice di Sex Matters. Un trionfo su tutta la linea
Un anno fa, giugno 2021, Feminist Post ha pubblicato un articolo sul caso di Maya Forstater, la ricercatrice britannica il cui contratto di lavoro non fu rinnovato dal suo datore di lavoro per aver espresso delle opinioni critiche sul concetto di identità di genere ed aver riaffermato l’importanza dei diritti delle donne fondati sul sesso. L’articolo si chiudeva ricordando ai lettori e alle lettrici che il caso di Maya non era ancora concluso e, anche se la sentenza d'appello del […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora