12 Febbraio 2021

La tenerezza delle ragazze per "i due papà"

Condividi questo articolo

Qualche tempo fa sul blog “Papà per scelta” un video con due bambini e i loro due padri che facevano gli auguri di Natale via Skype alla loro“mamma surrogata” (belly-mummy) oltreceano. Tutto perfetto, bambini sorridenti, padri premurosi, casa natalizia, doni, la belly-mummy, la mamma-pancia in collegamento con i suoi figli e il marito: una “grande famiglia allargata”, recita la chiusura del video.

Molti commenti esprimono perplessità per questa narrazione di assoluta felicità: non basta certo Skype a sanare la ferita della separazione dalla madre. Altri invece edificano un muro di solidarietà verso i due uomini, soprattutto da parte di giovani donne.

Perché le ragazze empatizzano così facilmente con i committenti di utero in affitto, soprattutto se gay? Perché invece nessuna empatia nei confronti dei bambini a cui è stata tolta la madre, né della donna che ha ceduto il proprio corpo –immancabilmente in cambio di denaro- per la gestazione e il parto, elogiata anzi per la sua “libera scelta”?  

Gli argomenti razionali non trovano spazio nella discussione, la solidarietà di molte ragazze verso i “due padri” appare istintiva, viscerale, indiscutibile. Si tratta almeno in parte di un automatismo: i diritti rivendicati dal mondo LGBTQ+ non possono essere contrastati, soprattutto se sei moderno, progressista e di sinistra. Chi lo fa è di destra, e quindi per principio ogni discussione è troncata sul nascere.

Ma sicuramente c’è altro –ed è poi la questione principale-: le difficoltà delle giovani donne con l’idea della maternità. Il piano è quello della maternità simbolica più che quello delle madri reali, le donne che ci hanno messo al mondo, che ci hanno cresciuto e magari ci sono ancora accanto nella vita di tutti i giorni. Magari per nostra fortuna abbiamo avuto una madre “sufficientemente buona” (Donald Winnicott), il più delle volte fortunatamente va così. Ma non vogliamo né possiamo identificarci in lei, difficoltà che cresce di generazione in generazione, anche se le madri reali delle ventenni di oggi sono sicuramente diverse da quelle di chi ha vissuto il Femminismo negli anni 70.

Chi è madre oggi è stata figlia dal ’68 in poi, ha assorbito e vissuto una forte idea di libertà, di solito ha studiato, lavora, ha una vita sessuale molto più attiva e consapevole. Un salto enorme rispetto alle madri della generazione precedente. Eppure per le figlie di queste donne lo stereotipo della madre oppressa e perdente continua a essere molto vivo. Ed è in parte giustificato dalla solitudine e dalla fatica che hanno visto, dalla mancanza di aiuti, dalle delusioni sentimentali a cui hanno assistito, dalla scarsa considerazione sociale per il ruolo materno che hanno osservato. La vita reale è fatta di donne che abbandonano definitivamente il lavoro dopo il secondo figlio e anche al primo parto, con l’amarezza e la frustrazione di dipendere da altri per tirare avanti. Come aspettarsi dunque che le ragazze vedano nella maternità modelli positivi di autorealizzazione?

La madre “surrogata” invece è un modello di “autoimprenditorialità” femminile, una che usa la maternità a proprio vantaggio, non la subisce come destino obbligato ma la sceglie come fonte di reddito e dà la possibilità a nuove famiglie, davvero diverse, davvero libere e moderne, di realizzare i propri progetti. Di lei non si vedono le fatiche fisiche e psicologiche, i rischi per la salute né lo stato di bisogno –piccolo o grande- che l’ha spinta a prestare il proprio corpo e a separarsi dalla creatura. Si tratta di una che ha scelto, che esercita un proprio “diritto”, che è madre ma non lo è, o meglio lo è in modo moderno e “per altri” che non potrebbero esserlo, nel caso dei gay perché sono maschi. Le argomentazioni non sono così lontane da quelle che vengono utilizzate per difendere il diritto a vendere il proprio corpo in prostituzione: lì è “sex work”, qui è “mother work”.

Da questi argomenti manca la consapevolezza dei corpi che appaiono disincarnati e smaterializzati. In fondo la Gpa è solo una "tecnica" altamente medicalizzata: spermatozoi che fecondano ovuli ceduti per denaro da una giovane donna portatrice di un ottimo fenotipo (bella, con un alto QI e un buon livello di istruzione), sottoposta allo scopo a una rischiosa terapia ormonale e a un doloroso prelievo chirurgico. E poi l’embrione impiantato in un altro corpo anch’esso normalmente destinato a scomparire dalla scena, privo di particolari qualità genetiche. Anche questo corpo sottoposto a terapie ormonali per accogliere la gravidanza “innaturale”, un corpo che pare non soffrire mai, né rischiare l’aborto spontaneo (il “prodotto del concepimento” è geneticamente del tutto estraneo a quello della donna), né una gravidanza anomala, né correre pericoli al momento del parto. Niente sangue, niente dolore, nessuna sporcizia. In buona parte dei casi il bambino viene fatto nascere in maniera “pulita” con taglio cesareo programmato. Un corpo-macchina che non sente (come quello alienato delle donne prostituite), non palpita, non urla. Niente viscere, sangue, lacrime. 

Forse solo una domanda potrebbe turbare le certezze di queste ragazze: tu doneresti i tuoi ovociti? E perché allora non lo fai, se ti pare un atto di grande generosità? La legge lo consente. E un’altra: la legislazione italiana vieta la maternità surrogata, ma è già capitato –anche in Italia- che un Tribunale consentisse una gestazione per altri: che cosa ti impedisce di metterti a disposizione?

Francesca Cirelli e Anna Perenna


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
14 Gennaio 2023
UK: il servizio sanitario fa marcia indietro sui servizi per la "maternità transgender" dopo la rivolta delle ostetriche
Lottare serve: in Gran Bretagna levatrici e infermiere si ribellano all’annunciata apertura di corsi e reparti dedicati a gravidanza e parto di persone “trans e non binarie”. E l’NHS stoppa l’iniziativa. Intanto negli USA si parla di trapianto di utero tra viventi: donne donatrici a vantaggio di uomini che desiderano vivere "esperienze fisiologiche femminili". Il vecchio sogno patriarcale di sempre: prendere il posto delle donne. Oggi agito dai neopatriarchi T
Lottare serve. La rivolta di ostetriche e infermiere ha sventato il piano del Servizio Sanitario Nazionale inglese (NHS) di organizzare servizi dedicati alla "maternità transgender". Il 16 dicembre scorso era apparso un annuncio per reclutare personale per gestire la formazione delle "persone trans e non binarie che partoriscono" in 40 servizi di maternità dell'NHS, annuncio che ha provocato l’immediata reazione di addette al settore. Un gruppo di circa 300 infermiere, ostetriche e psicologhe ha scritto una lettera aperta a Lizzie […]
Leggi ora
31 Dicembre 2022
Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto
Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico. La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da […]
Leggi ora
21 Dicembre 2022
Un esposto contro Beppe Sala
Il sindaco di Milano ha deciso unilateralmente di registrare gli atti di nascita dei figli "di coppie omogenitoriali", compresi i nati da utero in affitto, pratica che in Italia è un reato e che anche l'Europa stigmatizza come sfruttamento. Di fronte al rifiuto di ogni confronto politico la Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile si rivolge alla magistratura perché valuti un'eventuale violazione della legge: l'anagrafe, infatti, è di stretta competenza dello Stato centrale
Lo scorso 2 luglio 2022 in occasione del Gay Pride il sindaco di Milano Beppe Sala annunciava pubblicamente dal palco della manifestazione di avere “da ieri riattivato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali. È con grande gioia che ho firmato ieri io personalmente nel mio ufficio” aggiungendo che “Milano vuole essere la capitale dei diritti e dei doveri!”. La pratica dell’utero in affitto -o gestazione per altri- non può essere a nessun titolo considerata un diritto. […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora