24 Gennaio 2021

La parità secondo Biden: il diritto degli uomini di dirsi donne (e di vincere in tutti gli sport femminili)

Condividi questo articolo

E Kamala? Niente da dire?


"Sui social le donne hanno espresso sollievo per la fine dell'era Trump. Anche i canadesi hanno pubblicato immagini di Kamala Harris e Jill Biden in abiti che rappresentano il progresso. Nessuna vera femminista indosserebbe un abito nero e una cravatta rossa, del resto. Ciò di cui l'America ha bisogno ora sono quei toni-gioiello.

Non riesco a capire quale trauma abbiamo subito vedendo un egomaniaco twittare se stesso nella prigione di Internet ... Semmai ci ha offerto lo spunto per 4 anni di post progressisti dedicati. Ora di cosa si parlerà?

In ogni caso sono contenta che tutta questa divisione e polarizzazione sia finalmente finita. Sia i canadesi sia gli americani dovranno unirsi per trovare qualcosa di nuovo con cui distrarsi. Forse questa volta sarà la sorveglianza di massa e la fine della libertà di parola? Aspetta, no, ne ho una buona: la fine dello sport femminile e delle protezioni basate sul sesso?

La prima cosa che ha fatto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden il giorno dopo il suo insediamento è stata la firma di 15 ordini esecutivi , tra cui il rientro nell'accordo sul clima di Parigi e l'inversione di una politica che blocca i finanziamenti statunitensi per i programmi all'estero qualora legati all'aborto. Non male. Ha anche emanato l' obbligo di mascherine su tutto il territorio federale, nonché su autobus, aerei e treni.

Ma la coraggiosa Sfida dei 100 giorni in mascherina (oh divertente! È come un gioco!) non è stata l'unica decisione che ci ha permesso di tirare un respiro di sollievo. Biden ha anche firmato un ordine esecutivo per attuare alcuni aspetti dell'Equality Act , il che suona come una grande cosa, a meno che tu non sia una donna che nel 2021 sperava nell'uguaglianza ai sensi della legge. Scusa, Karen. L'uguaglianza non fa per te. Rimettiti la mascherina.

L'ordinanza garantisce che "gli statuti federali che riguardano la discriminazione sessuale proibiscono la discriminazione sulla base dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere" e aggira il noioso processo legislativo normalmente richiesto per approvare una legge

Ma hey, stiamo parlando di uguaglianza, ragazzi. E chi mai voterebbe contro! Per quanto ne so, la democrazia significa solo che altre persone possono decidere cosa è bene per te. Quelli che votano contro le cose che non sono "buone" sono fascisti.

Perché non ci si inganni credendo che un "atto di parità" potesse riguardare almeno in parte la lotta alla discriminazione basata sul sesso, visto che le donne sono la metà della popolazione che ha trascorso gli ultimi 100 anni a lottare per la parità di diritti ai sensi della legge, ci viene ricordato che il nostro status di "donna" è importante solo se sei quel tipo di donna che è un uomo.

L'Equality Act delle origini, introdotto nel 1974 da Bella Abzug, cercava in effetti di vietare la discriminazione sulla base del sesso (oltre che dell'orientamento sessuale e dello stato civile) ma come tutti ora sappiamo, grazie ai fact-checker di Twitter, gli esseri umani sono andati ben oltre il sesso. Oggi siamo una massa di amorfi "loro" (theys) i cui diritti sono determinati dal tipo di porno che preferiamo.

L' Equality Act del 1974 non è diventato legge ed è stato reintrodotto in varie forme nel corso degli anni fino oggi, quando l'uguaglianza è ancora necessaria, ma non per le pollastrelle.

Oggi la cosa importante per garantire l'uguaglianza è che a mediocri atleti maschi sia permesso di competere contro ragazze e donne per non dover convivere con la loro mediocrità maschile. In quanto tale questa "Legge sull'uguaglianza" garantisce che gli individui non possano essere discriminati sulla base della loro "identità di genere". Il che suona bene, perché nessuno dovrebbe essere discriminato: ma in questo caso usiamo il termine "discriminazione" per difendere il diritto degli uomini di rivendicare di essere donne e di essere trattati come tali.

Potresti chiederti perché gli uomini vorrebbero essere trattati come "donne". Bene: per cominciare, per avere la garanzia che non sarà loro negato l'accesso all'aborto nel caso in cui dovessero rimanere allucinatoriamente incinti. Ma ci sono anche altri buoni motivi. Uno dei quali è che se questi uomini si trovassero accusati di violenza sessuale potrebbero evitare di essere rinchiusi in prigione con un gruppo di tizi violenti. Giusto. Nessuno lo vuole. Il problema è che, come "donne", questi uomini ora hanno il diritto di essere incarcerati in strutture femminili, il che significa che le detenute saranno soggette a quella violenza maschile con cui nessuno vuole avere a che fare. Sembra ingiusto, vero? Peccato, Karen! Questa è l'uguaglianza!

La cosa davvero importante in questo atto di parità, tuttavia, è creare un campo di gioco a livello dei maschi che non sono atleti abbastanza bravi da competere con altri atleti maschi. È più giusto per loro competere contro donne che a causa della loro biologia non sono forti o veloci come gli atleti maschi. In effetti i corpi delle donne sono diversi da quelli maschili, ma non ci è più permesso di spiegare in che modo, visto che la realtà materiale non è molto educata e la scortesia uccide.

Gli uomini ora non solo possono accedere legalmente alle strutture femminili - inclusi bagni, e spogliatoi - ma come "donne" possono anche vincere competizioni sportive, gare, borse di studio e riconoscimenti precedentemente riservati a ragazze e donne. Riconoscimenti che meritano pienamente, perché la cosa più difficile per riuscire a essere una donna è essere maschio.

A ottobre Biden ci ha promesso che avrebbe promulgato l' Equality Act durante i suoi primi 100 giorni da presidente. È un bravo ragazzo (ecco perché hai votato per lui, giusto?) E i bravi ragazzi mantengono le loro promesse. Quindi, ha mantenuto. Niente di tutto questo è stata una sorpresa, e ora possiamo tutti celebrare questo coraggioso nuovo mondo, sollevato dal peso del libero pensiero.

Personalmente sono sollevata per il fatto che gli americani non abbiano più un pazzo come presidente! Immagina se il leader del tuo Paese credesse che i maschi possono diventare donne grazie a una semplice dichiarazione, e quindi promulgasse una legge su questo! LOL!".

Meghan Murphy, giornalista e femminista gender critical e fondatrice di Feminist Current

(traduzione di Marina Terragni).

L'articolo originale qui.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora