11 Aprile 2021

ILGA, cartello mondiale Lgbtq+, chiede l'abbassamento dell'età del consenso sessuale per le-i minori. E chiama abusivamente la sua richiesta "femminista"

Condividi questo articolo

A 25 anni dalla Conferenza Mondiale sulle Donne di Pechino, ILGA -la più grande rete globale Lgbtq+- ne propone un "aggiornamento" (con inclusione di identità di genere e tutte le cose che già sappiamo e su cui non ci dilunghiamo qui, Feminist Post ne sta parlando da sempre in lungo e in largo) ma soprattutto con la richiesta di abbassare l'età del consenso sessuale per le-i minori.

L'età del consenso sessuale è diversa tra nazione e nazione: per esempio in Italia è sorprendentemente bassa, 14 anni, in UK sale a 16, negli Usa, con differenza tra stato e stato, si arriva a 18 anni. Ma il documento prodotto da ILGA è mondiale e, come potete leggere, propone di "eliminare tutte le leggi che puniscono o criminalizzano le relazioni omosessuali, l'affermazione di genere (...) o che limitano l'esercizio dell'autonomia del corpo, incluse le leggi che limitano il consenso legale degli adolescenti" (vedere punto 14 a).

ILGA, cartello mondiale Lgbtq+, chiede l'abbassamento dell'età del consenso sessuale per le-i minori. E chiama abusivamente la sua richiesta "femminista"

Immediata la reazione di Lgb Alliance, organizzazione omosessuale che fuoriuscendo dal cartello di Stonewall ha voluto sottrarsi all'imperatività del transcult: "This is confusing. The ILGA Declaration signed by Stonewall does call for an end to legal restrictions on adolescents’ consent to sex. UN & WHO do define adolescence as age 10-19. If you now regret having endorsed this policy, please clarify" (Questo crea confusione. La Dichiarazione di ILGA sottoscritta da Stonewall chiede la fine delle restrizioni legali per il consenso sessuale degli adolescenti. Le Nazioni Unite e l'Organizzazione Mondiale della Sanità definiscono adolescenza l'età tra i 10 e i 19 anni. Se non volete ritrovarvi pentiti per avere sostenuto questa proposta politica, per favore chiarite".

Anche il femminismo gender critical si sta mobilitando contro questa proposta. A maggior ragione per il fatto che la Dichiarazione di ILGA è presentata come "femminista" (Feminist Declaration, vedere qui), ed è questo l'altro punto sconcertante del documento.

Mai, in nessun luogo al mondo, nessun gruppo o associazione femminista ha iscritto nelle proprie agende politiche la richiesta di abbassare l'età del consenso sessuale dei minori. Questa richiesta può piacere ai predatori sessuali, non alle femministe. L'abbassamento dell'età del consenso sessuale dei minori non può essere quindi definito un obiettivo femminista e ascritto alle femministe. Obiettivo femminista, semmai -sempre più urgente- è proteggere i corpi delle bambine e dei bambini che le donne hanno messo al mondo da abusi sessuali, farmacologici e chirurgici e dall'indottrinamento pressante da parte dei transattivisti queer che in tutto il mondo occidentale chiedono di poter entrare nelle scuole, e sempre più spesso ci entrano già comodamente, Italia compresa, per svolgere il loro lavoro di propaganda confusiva sull'identità di genere, sull'utero in affitto e su tutti gli altri temi dell'umbrella TRA.

Quindi nessuna Dichiarazione che chieda l'abbassamento del consenso sessuale dei minori può essere definita "femminista" se non abusivamente. Utilizzare il femminismo come foglia di fico per coprire e promuovere interessi maschili -in questo specifico caso, gli interessi di maschi abusanti- è una pratica inaccettabile e ormai abituale.

Anche il ddl Zan contro l'omobitransfobia (che, è bene precisarlo, non ha nulla a che vedere con questa ignobile richiesta di ILGA), ricorre alla tattica di promuoversi come femminista, definendosi "anche" contro la misoginia, senza che nessun gruppo o associazione femminista in Italia (NESSUNA) lo abbia mai richiesto e consentito. Quindi senza rispettare l'autodeterminazione delle donne.

Molte organizzazioni italiane fanno parte di ILGA. Sarebbe auspicabile che queste organizzazioni chiarissero se sostengono questo obiettivo o invece se ne prendono le distanze.

Ecco le organizzazioni italiane in ILGA (va precisato che ILGA ha recentemente chiesto l'espulsione di Arcilesbica per le sue posizioni gender critical non allineate).

  • ARCO Associazione Ricreativa Circoli omosessuali
  • Antinoo Arcigay Napoli
  • ArciLesbica
  • ArciLesbica Bologna
  • Arcigay Catania
  • Arcigay Frida Byron Ravenna
  • Arcigay Gioconda Reggio Emilia
  • Arcigay Il Cassero
  • Arcigay La Fenice
  • Arcigay Marcella di Folco Salerno
  • Arcigay Nazionale
  • Arcigay Palermo
  • Arcigay Piacenza
  • Arcigay Pisa
  • Arcigay Roma Gruppo Ora
  • Arcigay Varese LGBTI
  • Associazione Genitori di Omosessuali AGEDO
  • Associazione InformaGay
  • Associazione Omosessuale Articolo Tre di Palermo
  • Associazione Quore
  • Associazione Radicale Certi Diritti
  • Avvocatura per I diritti LGBTI - Rete Lenford
  • CUBE - Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica
  • Center for the Defense and Promotion of Human Rights
  • Centro Risorse LGBTI
  • Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
  • Circomassimo - Associazione gay e lesbica / Arcigay Ferrara
  • Comitato Provinciale Arcigay Bergamo Cives
  • Comitato Provinciale Matthew Shepard - Arcigay Modena
  • Comitato provinciale Arcigay Alan Mathison Turing - Arcigay Rimini
  • Comitato provinciale Arcigay CIG - Milano
  • Coordinamento Torino Pride LGBT
  • D.E.L.O.S.
  • Di Gay Project
  • Diversity
  • Excellence & Diversity by GLBT Executives
  • Famiglie Arcobaleno
  • Fondazione FUORI
  • Fondazione Genere Identità Cultura
  • Gender x
  • Human Rights Awareness
  • Intersexioni
  • Ireos - Centro Servizi Autogestito Comunita Queer
  • Lambda - Associazione Amici della Fondazione Sandro Penna
  • Lieviti - Bisessuali, Pansessuali e Queer Italiani
  • M.I.A. Arcigay Imperia
  • MIGRABO LGBTI
  • MIT Movimento Identità Trans
  • Municipality of Venice - LGBT Cultural Policies Dept.
  • Omphalos
  • PLUS Onlus
  • Rain Arcigay Caserta onlus
  • Rete Genitori Rainbow

MARINA TERRAGNI

aggiornamento 14.04.21:

si leggono in alcuni articoli di stampa internazionale dichiarazioni di vari esponenti di ILGA che smentiscono la notizia. La cosa migliore sarebbe una nota formale in cui ILGA fornisca una corretta interpretazione del testo della Dichiarazione là dove si afferma, al punto 14:

a. Eliminate all laws and policies that punish or criminalize same-sex intimacy, gender affirmation, abortion, HIV transmission non-disclosure and exposure, or that limit the exercise of bodily autonomy, including laws limiting legal capacity of adolescents


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
9 Marzo 2022
Sei gender critical? Negli USA non entri
Il Global Respect Act, progetto di legge all'esame del Congresso americano, vieterebbe il visto d'ingresso a chiunque si sia reso responsabile di atti discriminatori nei confronti delle persone Lgbtq, o abbia indotto tali atti in terzi. Basterà dunque non aderire alla gender ideology e pensare -come noi pensiamo- che il sesso è reale per non poter più entrare negli Stati Uniti
Un mondo impazzito. A Est un dittatore brutale invade un paese confinante, nel West la deriva ideologica produce mostri. Se con la novità scozzese del super self-id pensavamo di aver raggiunto il top della gender ideology -la richiesta di poter intervenire sull'atto di nascita per cambiare a piacimento il sesso originario, nascondendolo definitivamente, e per poter dire di essere nati donne anche se si è uomini a tutti gli effetti-, bene, ci sbagliavamo. Negli USA si sono spinti oltre. Una […]
Leggi ora
8 Marzo 2022
8 marzo 2022 - 8 marzo 2023: agenda per un anno di femminismo
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica: sono i temi su cui ci impegneremo nei prossimi mesi, raccontati in un incontro che potrete vedere qui. Per prendere parte al lavoro, scrivete a radfemitaliarfi@gmail.com
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica. Questi alcuni dei temi affrontati nel corso dell'incontro a cui hanno preso parte Alessandra Bocchetti, Monica Ricci Sargentini, Veronica Tamborini, Manuela Ulivi, Ilaria Baldini, Luana Zanella, Daniela Dioguardi, Marina Terragni, Assuntina Morresi, Elvira Reale. Sono gli obiettivi del lavoro politico dei prossimi mesi: se qualcuna fosse interessata a prendere parte a questo lavoro, scegliendo uno […]
Leggi ora
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
4 Febbraio 2022
Ragazze che amano Drusilla
La signora chic non esiste davvero. E' solo un personaggio en travesti, anche se con una sua biografia e un suo stile. Ma in quanto "donna per scelta" e non per destino, piace molto alle giovani e viene considerata un modello di femminilità. Anche se è un uomo.
Ieri sera Drusilla Foer ha affiancato con grande successo Amadeus al festival di Sanremo, con il solito corollario di gossip per stuzzicare la curiosità dei telespettatori. Gianluca Gori, il bravissimo attore che dà vita a Drusilla, non è trans, né non binary e nemmeno una drag queen, ma perpetua la tradizione degli spettacoli en travesti di cui Paolo Poli è stato caposcuola. Il personaggio pare vivere vita propria rispetto all’attore che lo interpreta, ha una propria biografia da raccontare (nascita, […]
Leggi ora
29 Gennaio 2022
Uk. Dici che nessun bambino nasce nel corpo sbagliato? In galera!
Jennifer Swayne, femminista di Newport -Galles- è stata arrestata per crimine d'odio transfobico. Aveva affisso adesivi e manifesti con slogan tipo "no agli uomini nelle carceri femminili" e "gli esseri umani non cambiano mai sesso". La polizia ha perquisito la sua abitazione, sequestrando un libro critico verso la transizione dei minori. "E' il mio pensiero a essere sotto accusa" dice lei "non quello che ho fatto"
La femminista gallese Jennifer Swayne è stata arrestata a Newport per crimine d'odio transfobico, con l'accusa di danneggiamento criminale e affissioni abusive. La polizia aveva ricevuto segnalazione di materiale "offensivo" distribuito in giro per la città. Swayne è stata accusata di aver diffuso messaggi "anti-transgender". Si è difesa dicendo che gli adesivi e i poster da lei affissi non erano contro i transgender ma semplicemente a sostegno delle donne. Fair Cop, associazione che si batte in difesa della libertà di […]
Leggi ora