25 Aprile 2021

Grillo e la madre in Processo per stupro: stesse parole, differenza assoluta

Condividi questo articolo

L'effetto shock di Processo per stupro, film del 1979 realizzato da sei programmiste, filmaker e registe Rai (Loredana Rotondo, Rony Daopulo, Paola De Martis, Annabella Miscuglio, Maria Grazia Belmonti, Anna Carini) fu forse paragonabile solo al terremoto prodotto dal caso Franca Viola, ragazza siciliana che nel 1966 aveva rifiutato il matrimonio riparatore con il suo stupratore dopo la fujitina a cui era stata costretta. La violenza maschile drammaticamente sotto i riflettori.

Di Processo per stupro in cui, come disse l'avvocata Tina Lagostena Bassi legale della ragazza "la violenza della giustizia si mostrò uguale a quella degli stupratori", sono rimasti solo alcuni spezzoni (vedere qui). Sul Corriere della Sera di ieri Gianantonio Stella mette a confronto le parole della madre di uno degli imputati in quel processo e le parole di Beppe Grillo in difesa del figlio accusato di violenza sessuale. A parte le cadenze dialettali, quelle parole sono quasi sovrapponibili:

"Mi fijo nun ha fatto niente de male" aveva detto la donna. "Nun l'ha ammazzata, sta ragazza. Mi fijo è annato a divertisse. Certo che je piaceva pure a lei d'annà a divertisse... Se voleva divertì, se no nun ce annava con mi fijo, che aveva moglie e un fijo e lei lo sapeva".

Stella osserva che a 43 anni di distanza gli argomenti sono gli stessi: la vittima che diventa l'imputata, colpevole di mentire (si è divertita, c'era il consenso) e di voler rovinare la vita a bravi ragazzi o padri di famiglia. E che a quanto pare la storia non ci ha insegnato nulla.

In realtà tra la difesa disperata di quella madre e le urla di Grillo le differenze sono importanti anche se le parole sono le stesse. La madre fa ciò che le è stato comandato di fare in difesa dell'onore del figlio e della famiglia. Il suo amore è certo straziante, ma qui c'è un movimento autosessista: dimenticare che il proprio corpo è lo stesso corpo della ragazza stuprata, mantenersi sorda a ogni risonanza tra sé e lei -sua figlia simbolica-, cancellarsi insieme a lei in ossequio e in supporto a quella sessualità maschile ingovernabile, rendersi strumento efficace del dominio come le hanno insegnato a fare, sanzionare la ragazza che invece si sta sottraendo a quel compito. Se non sei una donna è difficile capire.

Grillo si muove invece in modo lineare nella genealogia maschile, non c'è bisogno di alcuna torsione, difendendo il figlio difende se stesso e la "naturale" sessualità degli uomini. Le posture sono del tutto diverse.

Ancora: quella madre si aggrappa disperatamente alla cronista, forse è l'unica occasione che avrà nella vita per fare sentire la sua voce e per dire cose che -chissà, chi potrà mai saperlo- le avveleneranno il sangue. Finirà probabilmente lei stessa vittima di quello stupro. La voce di Grillo invece risuona dappertutto e da sempre, è roboante e si rivolge a una sterminata e consolidata audience politica e mediatica per dare la propria unilaterale versione di un fatto privato, indicando al pubblico sprezzo una ragazza per la quale, fosse stata sua figlia, in modo altrettanto roboante avrebbe chiesto giustizia.

Sono differenze importanti, mi pare.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
3 Giugno 2021
Un femminicida di nome Lorena
Le Canarie approvano una legge che consente l'autocertificazione di genere. E solo due giorni dopo un assassino alla sbarra per avere abusato e ucciso la cugina, si dichiara donna per scampare le aggravanti per reato sessuale. Ed essere detenuto in un carcere femminile. Un caso che scuote la Spagna
Le femministe avvisavano da tempo. E sta succedendo. Da mesi il femminismo spagnolo sta facendo un grande lavoro di informazione sulla cosiddetta “Ley Trans” che introduce l’auto-determinazione di “genere” -inteso al posto del sesso- senza un percorso di transizione e accompagnamento psicologico, proposta di Irene Montero, Ministra De Igualdad di Podemos. Madrid ha chiarito che la proposta non è sostenuta dal governo centrale e ne ha preso le distanze, come dichiarato dalla vicepremier Carmen Calvo, PSOE. Giusto due settimane fa, […]
Leggi ora
1 Giugno 2021
Nel ddl Zan un'arma in più per gli uomini violenti
La legge è anche contro la "misandria", continua a ripetere Zan, usando un termine inventato dai maschi violenti. Grave rischio per le donne: che nei tribunali, non bastasse la PAS, si troverebbero accusate dagli ex e dai loro legali di un nuovo falso reato
Tra le critiche del femminismo al ddl Zan, oltre alla questione centrale dell'identità di genere, vi è anche l'inclusione della misoginia tra i comportamenti sanzionabili come crimini d'odio. Nel testo non compare il termine "misoginia", ma quello di "sesso". Per la precisione si parla di "Misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità". Chi ha seguito da vicino la redazione del testo saprà […]
Leggi ora
31 Maggio 2021
Ero la ragazza più veloce del Connecticut. Finché non ho dovuto gareggiare con uomini
Un silenzio omertoso copre lo scandalo dell'invasione degli sport femminili da parte degli "ultracorpi" maschili. Ma finalmente alcune atlete, destinate a sicura sconfitta, cominciano a parlare
Anna Vanbellinghen è un'atleta belga -sollevamento pesi- e alle prossime Olimpiadi di Tokyo dovrà affrontare tra le sue competitor anche il neozelandese Laurel Hubbard, primo atleta olimpico trans. Vanbellinghen dice che avere qualche chance con Hubbard è impossibile, che questa faccenda è "un brutto scherzo" per le atlete. E' la prima tra le olimpioniche rompere il silenzio, e finora l'unica. Vanbellinghen comprende che le atlete trans devono poter gareggiare e si augura che si trovi una soluzione, ma non può […]
Leggi ora
29 Maggio 2021
Come Stonewall sta sacrificando i diritti dei gay. Per fare affari
Perché Stonewall, la più grande organizzazione per i diritti di gay e lesbiche, si è fatta colonizzare dalla lobby transgender, arrivando a perseguitare quelle-i per cui era nata? Perché è un ottimo business. Follow the money!
Tumultuoso cambio di vento in UK, culla dell'arcobaleno Lgbtq+. Dopo il duro attacco a Stonewall da parte di uno dei suoi fondatori, Matthew Parris, un'altra voce fortemente critica, quella del giornalista e saggista gay Douglas Murray. Che denuncia la campagna persecutoria della storica associazione proprio contro i gay e le lesbiche, per tutelare i cui diritti era nata nel 1989. Oggi, dice Murray, Stonewall è un comitato d'affari al servizio della lobby trans per intercettare fiumi di soldi e giustificare […]
Leggi ora