17 Marzo 2021

Elliot Page, trans-eroe celebrato dai media di tutto il mondo

Condividi questo articolo

Time ha dedicato la sua ultima cover a Elliot Page (già Ellen). "Sono del tutto quello che sono" dice. Pallido, emaciato, i tratti già induriti dal trattamento ormonale, il torace appiattito da una doppia mastectomia, l'aria non esattamente felice -speriamo che il seguito della vita gli vada meglio- Elliot racconta la sofferenza di aver dovuto subire l'iperfemminilizzazione imposta da Hollywood. Dice che già a 9 anni si sentiva un ragazzo e che è stata dura dover accettare i ruoli che le proponevano.

Della sofferenza di Elliot non si può dubitare: nessuno si farebbe mutilare e si imbottirebbe di farmaci se non pensasse che questa è la strada per stare meglio. Forse se i copioni non l'avessero obbligato a stereotipi così rigidi sarebbe stato tutto più facile. Speriamo che funzioni e che Elliot si assesti presto in questo nuovo equilibrio.

Il problema non è Elliot. Il problema semmai è Time, che lo celebra come eroe, collaborando alla costruzione della narrazione liberal, promossa con determinazione dall'amministrazione Biden, che fa dell'essere T il paradigma della libertà umana (criminalizzando e perseguendo quando non perseguitando ogni altro punto di vista, vedi qui).

Il problema sono Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media che fanno festa per la sua transizione. C'è ben poco da festeggiare, quando ti capita una cosa simile. C'è poco da glitterare. La disforia di genere è una disgrazia. Non si tratta affatto di una condizione umana invidiabile. Anche se non ti fai chirurgizzare, anche se non ti sottoponi a vita a terapie farmacologiche pesanti e rischiose, la tua vita T può essere molto complicata. Non c'è nessuna ragione per celebrare questo disturbo, per quanto depatologizzato, come un'affascinante avventura esistenziale.

Chi conosce persone transessuali sa benissimo che potendo scegliere avrebbero volentieri fatto a meno di affrontare questo calvario. Chi conosce transessuali anziane-i, magari costrette-i a sospendere la terapia ormonale a causa di effetti iatrogeni insostenibili in età avanzata, e quindi a vedere il proprio corpo tornare penosamente conforme al sesso di nascita (nel caso delle trans MtF, ad esempio, dover sopportare calvizie, pseudo-vagina e uretra che si richiudono e altri effetti) sa che c'è ben poco da idealizzare e glitterare.

Il fatto è che se Time, Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media stappano lo champagne, rappresentando la condizione T come "favolosa", ci saranno migliaia di ragazzine determinate a sfuggire "la casa in fiamme" (vedere qui) del diventare donne scegliendo la transizione (in 8 casi su 10 oggi si tratta di transizioni FtM). Bambine spesso afflitte da problemi psichiatrici -in particolare disturbi dello spettro autistico, disturbi dell'alimentazione e così via, vedere qui- indotte a leggere la propria sofferenza come "essere nate nel corpo sbagliato" e a implorare i bloccanti della pubertà per non dover affrontare la naturale transizione in un corpo di donna.

Elliot Page, trans-eroe celebrato dai media di tutto il mondo

Il fatto è che se Time, Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media continuano a oscurare notizie come quelle della sentenza Keira Bell, del fenomeno in crescita delle ragazze detransitioner (vedere qui), di tutte quelle che ci sono passate per poi rendersi conto di avere fatto o di essere state indotte con una diagnosi frettolosa a una scelta sbagliata e che invece avrebbero avuto bisogno di amore, supporto, comprensione, di essere aiutate ad accettare la propria omosessualità, e anche di lotta politica per la libertà femminile (vedi qui) e per la libera significazione di sé come donne contro i cosiddetti stereotipi di genere -non di bisturi e testosterone, che questi stereotipi li rafforzano- ebbene, se i media fanno questo si assumono una pesante responsabilità.

Fate un giro per Feminist Post e troverete tutte queste notizie metodicamente oscurate dall'informazione mainstream.

Dateci una mano a diffondere questa consapevolezza, a supportare efficacemente bambine e ragazze. E a continuare nel nostro lavoro totalmente volontario e a mani nude, anche con un piccolo contributo economico.

Marina Terragni

Inviate a ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
21 Dicembre 2023
UK: nuove linee guida per i "bambini trans" a scuola
No alla transizione “sociale” per bambine/i delle primarie. Attenta valutazione negli altri gradi per accertare che non vi sia un’influenza “social”. Coinvolgimento dei genitori in ogni decisione. Bagni divisi per sesso. E fine della propaganda Lgbtqai+ che per anni ha gestito quasi in esclusiva i corsi di educazione affettiva e sessuale. Guardare alla svolta nel Regno Unito per non commettere gli stessi errori
Da anni in UK educazione sessuale nelle scuole significa propaganda Lgbtqai+ gestita da organizzazioni come Stonewall e Mermaids. L'epidemia di transizioni tra i minori , spesso favorita dagli istituti scolastici, ha convinto il governo Sunak a intervenire per disciplinare la questione con nuove linee guida. Oggi che anche in Italia si discute di educazione affettiva e sessuale nelle scuole -peraltro uno dei punti principali del fu-ddl Zan- guardare all'esperienza inglese può essere molto utile per non commettere gli stessi errori. […]
Leggi ora