17 Marzo 2021

Elliot Page, trans-eroe celebrato dai media di tutto il mondo

Condividi questo articolo

Time ha dedicato la sua ultima cover a Elliot Page (già Ellen). "Sono del tutto quello che sono" dice. Pallido, emaciato, i tratti già induriti dal trattamento ormonale, il torace appiattito da una doppia mastectomia, l'aria non esattamente felice -speriamo che il seguito della vita gli vada meglio- Elliot racconta la sofferenza di aver dovuto subire l'iperfemminilizzazione imposta da Hollywood. Dice che già a 9 anni si sentiva un ragazzo e che è stata dura dover accettare i ruoli che le proponevano.

Della sofferenza di Elliot non si può dubitare: nessuno si farebbe mutilare e si imbottirebbe di farmaci se non pensasse che questa è la strada per stare meglio. Forse se i copioni non l'avessero obbligato a stereotipi così rigidi sarebbe stato tutto più facile. Speriamo che funzioni e che Elliot si assesti presto in questo nuovo equilibrio.

Il problema non è Elliot. Il problema semmai è Time, che lo celebra come eroe, collaborando alla costruzione della narrazione liberal, promossa con determinazione dall'amministrazione Biden, che fa dell'essere T il paradigma della libertà umana (criminalizzando e perseguendo quando non perseguitando ogni altro punto di vista, vedi qui).

Il problema sono Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media che fanno festa per la sua transizione. C'è ben poco da festeggiare, quando ti capita una cosa simile. C'è poco da glitterare. La disforia di genere è una disgrazia. Non si tratta affatto di una condizione umana invidiabile. Anche se non ti fai chirurgizzare, anche se non ti sottoponi a vita a terapie farmacologiche pesanti e rischiose, la tua vita T può essere molto complicata. Non c'è nessuna ragione per celebrare questo disturbo, per quanto depatologizzato, come un'affascinante avventura esistenziale.

Chi conosce persone transessuali sa benissimo che potendo scegliere avrebbero volentieri fatto a meno di affrontare questo calvario. Chi conosce transessuali anziane-i, magari costrette-i a sospendere la terapia ormonale a causa di effetti iatrogeni insostenibili in età avanzata, e quindi a vedere il proprio corpo tornare penosamente conforme al sesso di nascita (nel caso delle trans MtF, ad esempio, dover sopportare calvizie, pseudo-vagina e uretra che si richiudono e altri effetti) sa che c'è ben poco da idealizzare e glitterare.

Il fatto è che se Time, Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media stappano lo champagne, rappresentando la condizione T come "favolosa", ci saranno migliaia di ragazzine determinate a sfuggire "la casa in fiamme" (vedere qui) del diventare donne scegliendo la transizione (in 8 casi su 10 oggi si tratta di transizioni FtM). Bambine spesso afflitte da problemi psichiatrici -in particolare disturbi dello spettro autistico, disturbi dell'alimentazione e così via, vedere qui- indotte a leggere la propria sofferenza come "essere nate nel corpo sbagliato" e a implorare i bloccanti della pubertà per non dover affrontare la naturale transizione in un corpo di donna.

Elliot Page, trans-eroe celebrato dai media di tutto il mondo

Il fatto è che se Time, Rolling Stone, People, Il Corriere della Sera e tutti gli altri media continuano a oscurare notizie come quelle della sentenza Keira Bell, del fenomeno in crescita delle ragazze detransitioner (vedere qui), di tutte quelle che ci sono passate per poi rendersi conto di avere fatto o di essere state indotte con una diagnosi frettolosa a una scelta sbagliata e che invece avrebbero avuto bisogno di amore, supporto, comprensione, di essere aiutate ad accettare la propria omosessualità, e anche di lotta politica per la libertà femminile (vedi qui) e per la libera significazione di sé come donne contro i cosiddetti stereotipi di genere -non di bisturi e testosterone, che questi stereotipi li rafforzano- ebbene, se i media fanno questo si assumono una pesante responsabilità.

Fate un giro per Feminist Post e troverete tutte queste notizie metodicamente oscurate dall'informazione mainstream.

Dateci una mano a diffondere questa consapevolezza, a supportare efficacemente bambine e ragazze. E a continuare nel nostro lavoro totalmente volontario e a mani nude, anche con un piccolo contributo economico.

Marina Terragni

Inviate a ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
16 Aprile 2022
New Jersey. Gravidanze in prigione femminile dopo l'arrivo di "detenute" trans
Due detenute incinte nel carcere femminile del New Jersey dopo l’arrivo di prigionieri transgender. A nulla sono servite le denunce di molestie da parte di uomini che "si identificano" come donne e le proteste delle guardie. L’autodeterminazione di genere pesa come un macigno sul sistema carcerario USA
Due detenute sono rimaste incinte dopo aver avuto rapporti con un prigioniero transgender all’interno dell’unico carcere femminile del New Jersey, l’istituto correzionale “Edna Mahan”. Lo ha dichiarato in una conferenza stampa il responsabile delle relazioni esterne del Dipartimento delle Correzioni dello stato. Non è chiaro se le detenute abbiano avuto rapporti con lo stesso detenuto trans-identificato e se intendano portare avanti la gravidanza. I responsabili della prigione, da tempo nell’occhio del ciclone per accuse di abusi, hanno specificato che i […]
Leggi ora
10 Aprile 2022
USA: il capitalismo woke minaccia la democrazia
Emblematico il caso della Disney super-gay friendly, in rivolta contro la nuova legge della Florida che ostacola l'insegnamento sull'identità di genere nelle scuole. La gran parte delle aziende americane è pro Lgbtq, e prepara scioperi e rappresaglie contro la volontà popolare che va in un'altra direzione. Una vera e propria lotta di classe di CEO e manager contro la maggioranza dei cittadini: l'illuminante saggio di Darel E. Paul. Imperdibile
Schwa, bagni gender neutral, teorie queer, intersezionalità, “transfemminismo” pro industria dello sfruttamento sessuale, tutti i “problemi da primo mondo” che stanno a cuore al mondo del politicamente corretto vanno al di là della politica della destra/sinistra. Sono le manifestazioni di un nuovo potere economico che gli esperti chiamano “capitalismo woke”. Vi presentiamo la sintesi di “Il capitale woke nel XXI secolo”, un saggio di Darel E. Paul, professore di scienze politiche al prestigioso Williams College, che esamina la questione del […]
Leggi ora