12 Gennaio 2021

Donne "conforto" per soldati: anche le Ciociare attendono giustizia

Condividi questo articolo

Stesa sui cuscini sventrati, ancora giovane, con la gonna alzata fino al viso, un viso di cenere incorniciato da bei capelli neri. I neri, grandi e grossi, si lavoravano metodicamente quella donna aperta a forza, ora silenziosa e inerte, che aveva da molto tempo smesso di lamentarsi sotto le violente spinte. Nessuna tregua tra un uomo e l’altro. Erano più di cento, con i pantaloni abbassati e la verga in mano, in attesa del loro turno. Un ufficiale se ne stava vicino alla porta”. (da Les Eaux Mortes di Frédéric Jacques Temple, soldato dell’esercito francese).

La notizia è di questi giorni: dopo un processo durato 8 anni un tribunale Coreano ha condannato il Giappone a risarcire 12 donne rapite durante la Seconda Guerra Mondiale e costrette a prostituirsi per le truppe nipponiche.

Una sentenza storica, dopo contenziosi fra i due paesi durati decenni: molte delle protagoniste di questi orrori sono morte, altre sono ormai molto anziane, ma non si sono mai arrese nella loro richiesta di giustizia, di un riconoscimento da parte del governo giapponese per il male loro inflitto, costrette a fare da “conforto” ai combattenti di una guerra non voluta dalle donne. La tenacia di queste anziane, che per anni hanno protestato di fronte all’Ambasciata giapponese, è stata unanimamente sostenuta dal popolo coreano che si è stretto attorno alle proprie figlie e sorelle, le ha ascoltate nel loro dolore e ha rilanciato la loro rabbia.

I soldi non riporteranno indietro la lancetta del tempo, non restituiranno la giovinezza a queste donne, violata in modo immondo, ma costituiranno un riconoscimento del torto subito individuandone gli autori, i colpevoli.

Felici per questa storica sentenza, noi italiane non possiamo fare a meno di andare con la memoria a tante nostre sorelle ancora più sfortunate delle coreane perché inascoltate e rivittimizzate, le vittime delle “Marocchinate” ciociare del maggio 1944.

La resistenza dei tedeschi all’avanzata delle truppe alleate era stata particolarmente tenace nel Frusinate, e il comando francese concesse ai goumiers, soldati di origine marocchina che combattevano in prima linea, il “diritto” di saccheggio nelle campagne intorno a Cassino. Le fonti parlano di 11.000 uomini provenienti dalle colonie nordafricane, che per 50 ore si resero responsabili di massacri inenarrabili, soprattutto verso le donne di tutte le età, bambine e anziane, orrendamente stuprate. Furono massacrati anche gli uomini che cercarono di reagire, il parroco del paesino di Esperia fu orrendamente martirizzato.

Dopo questo bagno di sangue, il silenzio, la vergogna, la rimozione di quanto avvenuto, le malattie, la sifilide, le gravidanze nascoste, gli aborti, i bambini abbandonati, la malattia mentale di chi non riuscì a tornare alla vita e impazzì per l’orrore.

Era un problema di donne, l’inevitabile prezzo da pagare alla Storia decisa e fatta dagli uomini. Nell’euforia del Dopoguerra, con i nuovi scenari politici e le nuove alleanze, i “liberatori” non potevano essere raccontati come macellai e assassini. Il dramma di migliaia di povere contadine fu velocemente silenziato per "pudore". Chi ci riuscì si buttò alle spalle l’orrore, si trasferì a Roma nascondendo l'accaduto come non fosse mai successo. Bisognava sposarsi , tornare ad una vita “perbene”, interi nuclei familiari lasciarono i paesi nativi, dove tutti sapevano, dove tutti avevano visto.

Lo Stato non aiutò queste donne, non furono mai riconosciuti danni morali, non furono equiparate alle vittime di guerra. Solo misere pensioncine a fronte di valutazioni medico-fiscali umilianti, colpevolizzanti, impietose. Servivano testimoni, denunce alle pubbliche autorità, lungaggini burocratiche. Cose di donne, di poco conto. E poi il silenzio, non parlare, non dire, nascondere. I libri di Storia tacciono di questa “vergogna” ricaduta sulle spalle di chi l'aveva subita, la politica della rimozione fa la sua parte.

Di quegli anni rimane tuttavia il ricordo della deputata del PCI Maria Maddalena Rossi, Presidente dell’UDI, Madre Costituente, che la notte del 7 aprile 1952 (sic!) riuscì a fare calendarizzare un’interrogazione parlamentare sugli imperdonabili ritardi negli aiuti, nei risarcimenti, nell’assistenza sanitaria alle vittime delle “marocchinate” del 1944: 60 mila nella sola provincia di Frosinone le richieste di indennità e risarcimenti, e di queste solo una minima parte era stata evasa, con interventi sporadici, inefficaci, colpevolizzanti verso chi aveva vissuto un’esperienza che era stata “peggio della morte”.

Un anno prima molte di queste donne, contadine scese apposta dalle montagne, erano giunte a Pontecorvo per parlare, raccontare il loro dramma, ma le pubbliche autorità cercarono di bloccare l’incontro (indetto dalla stessa Rossi), perché “contrario alla Pubblica Moralità”. Erano in 500, giunte da tutto il Basso Lazio, donne umili, che mai avrebbero immaginato di dover raccontare in pubblico un orrore che le aveva accomunate tutte.

Ma il sottosegretario Tessitori rispose che si trattava di un lutto come un altro, come quello di chi aveva perso un marito, un figlio al fronte. “Come si vede che Ella non è una donna!” - rispose la deputata Rossi.

Cinque anni dopo Alberto Moravia scrisse uno dei suoi capolavori, La Ciociara, reso succesivamente immortale dal film diretto da Vittorio De Sica con una straordinaria Sophia Loren che vinse un Oscar per questa magistrale interpretazione.

E poi? E poi chi è sopravvissuta si è arrangiata come poteva. Chi è riuscita a rifarsi una vita, chi è morta nel frattempo, di dolore, di pazzia, per le conseguenze fisiche delle violenze, per la sifilide, come sono morti i figli di quegli orrori, abortiti, abbandonati, uccisi appena nati, o essi stessi minati nella salute. Qualche soldo è arrivato, poca roba, elemosine dalla Francia che sul tema ha sempre avuto una linea negazionista (sostenuta oltre che dagli storici, perfino da cardinali emeriti come Eugéne Tisserant), e pochi soldi dallo Stato italiano, che ha sempre negato i danni morali di questa tragedia.

Da dramma mondiale le marocchinate sono state via via ridimensionate a un fatto nazionale, locale, privato. Un ricordo sempre più flebile finito nel dimenticatoio della Storia e ignorato dalle giovani generazioni, che al di fuori della Ciociaria non ne hanno mai sentito parlare, né in famiglia né a scuola.

Nel frattempo le leggi sono cambiate, in Italia dal 1996 lo stupro è reato contro la persona e non più contro la morale, mentre dopo gli orrori della Guerra dei Balcani questi “incidenti di guerra” sono ormai ascritti alla categoria di crimini contro l’umanità.

E’ solo dello scorso anno il riconoscimento di danni morali, dopo 75 anni, a una vittima delle Marocchinate del 1944. Una data storica, a cui sono seguiti azioni di rivalsa contro il Governo Francese di cui ancora non si hanno aggiornamemti: è amaro che la notizia sia stata data solo dagli organi di informazione locali e dalla stampa di destra, che soprattutto a Roma ha fatto di questa tragedia uno dei propri cavalli di battaglia, cosa che ha paradossalmente contribuito a rendere ancora più tabù una pagina di storia che tutti dovrebbero conoscere.

Quali sono dunque le differenze tra la storica sentenza coreana, che si è diffusa ovunque nel mondo e il destino delle donne ciociare? Sono nella parola.

Lì è stata data voce al dolore, alla vergogna di chi viene rivittimizzata, non creduta: lì l’orrore è stato di fatto condiviso da un intero Paese, le donne sono state accompagnate per decenni di fronte all’Ambasciata nipponica a chiedere conto delle responsabilità. Quelle donne sono state trattate come sorelle, madri e nonne di tutti, e quando il dolore trova voce diventa qualcosa di diverso da prima, diventa forza, rabbia, dignità, coraggio.

In Italia invece è stato fatto pochissimo se si escludono l’impegno politico della Madre Costituente Rossi e quello artistico di Moravia, De Sica e Loren, e un fatto collettivo è diventato privato, privatissimo, silenzioso e lacerante, è diventato un rimosso, un tabù. Le pochissime iniziative pubbliche che si sono susseguite, da alcuni anni in qua, sono state sostenute quasi esclusivamente dalle destre.

Prendiamo spunto dalla storica sentenza coreana per ricordare alle più giovani la vicenda accaduta all’epoca delle nostre nonne. Storie di donne, storie (non più) di poco conto.  

Qui il link agli atti parlamentari dell’interrogazione promossa da Maria Maddalena Rossi il 7 aprile 1952.

Anna Perenna


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
31 Gennaio 2022
Francia: non assecondi la transizione di tuo figlio? Te lo togliamo
La legge appena approvata "contro le terapie di conversione" prevede la perdita della potestà genitoriale per chi resiste alla "nuova identità di genere" di figlie e figli. E fino a 3 anni di carcere e pesanti sanzioni per gli specialisti che tentino un approccio psicologico, non assecondando l'immediata transizione del minore. Vince l'ideologia transattivista che cancella con la medicalizzazione le naturali incertezze sessuali che accompagnano infanzia e adolescenza
In Francia i genitori che mettono in discussione la “transizione” e l’identità di genere dei figli minori potranno perdere la potestà genitoriale La nuova legge -detta orwellianamente “contro le terapie di conversione”- prevede tre anni di reclusione e una multa di 45.000 euro per i professionisti che non obbediscono alla volontà dei minori. Le famiglie che si oppongono potrebbero perdere la potestà genitoriale. Di fatto, una legge-cavallo di Troia per inserire l’ideologia dell’identità di genere nell'ordinamento giuridico. Il caso Robert Hoogland, padre […]
Leggi ora
2 Novembre 2021
Francia: il transfemminismo esclude le donne critiche del genere dalla marcia antiviolenza
Nous Tous pretende di comandare le piazze francesi in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. E centinaia di femministe radicali sottoscrivono una petizione contro la colonizzazione queer e la definizione di Terf, che le espone al rischio di violenza verbale e anche fisica
Le questioni di identità di genere hanno ormai preso il sopravvento nel dibattito femminista. Nella storia dell'umanità, nessun'altra lotta è progredita così rapidamente, con così tante risorse e così tanta visibilità come il movimento queer, o transattivismo, che da una decina d'anni avanza richieste a favore delle persone transgender. Ambientalisti, antispecisti o semplici attivisti di sinistra, nessuno è immune dall’avanzata del transattivismo. Tuttavia, l'attivismo più colpito da questo problema è quello della lotta per i diritti delle donne, al punto […]
Leggi ora
21 Settembre 2021
Ormoni ai bambini: non possiamo più tacere. Appello-denuncia di intellettuali francesi contro "la grave deriva"
Una cinquantina tra medici, psichiatri, pensatori, femministe si ribella alla "morsa ideologica sul corpo dei bambini" e alla mitologia del minore transgender. Un giorno, spiegano, potremmo pentirci di avere taciuto di fronte a questo "furto dell'infanzia", uno scandalo medico ed etico
Come abbiamo già raccontato (vedere qui) in molti Paesi occidentali si registra una brusca frenata di fronte alle transizioni dei minori, nonostante la recente sentenza "pilatesca" sul caso Keira Bell in UK (vedere qui). Un ulteriore segnale arriva dalla Francia: insieme all'Observatoire des discours idéologiques sur l'enfant et l'adolescent, gruppo di professionisti e ricercatori sull'infanzia (medici, psichiatri, psicoanalisti, avvocati, magistrati, insegnanti della scuola pubblica, filosofi, sociologi, ecc.) una cinquantina di personalità di quel Paese protesta contro il discorso sull'"autodeterminazione" dei […]
Leggi ora
12 Giugno 2021
Perché permettere a uomini di competere con le donne? Lettera al Comitato Olimpico
Le Olimpiadi di Tokyo saranno le prime in cui atleti uomini che dicono di “sentirsi donne” parteciperanno nelle categorie femminili, in ossequio all'ideologia dell'identità di genere. L'ex-campionessa di atletica Linda Blade scrive al COI e al popolo giapponese: meritate giochi olimpici onorevoli
Le Olimpiadi di Tokyo 2020 – questa la denominazione ufficiale nonostante il rinvio – saranno le prime in cui parteciperanno nelle categorie femminili atleti uomini che dicono di “sentirsi donne”, autorizzati dal COI in ossequio all’ideologia dell’identità di genere. In Giappone, governato quasi ininterrottamente dagli anni ‘50 dal partito conservatore e pronatalista LDP (Liberal Democratic Party o Jimintō) la situazione riguardo al transumanesimo è diversa da quella dei Paesi occidentali. Gli attivisti dell’identità di genere però sono presenti, ben organizzati […]
Leggi ora
3 Giugno 2021
Un femminicida di nome Lorena
Le Canarie approvano una legge che consente l'autocertificazione di genere. E solo due giorni dopo un assassino alla sbarra per avere abusato e ucciso la cugina, si dichiara donna per scampare le aggravanti per reato sessuale. Ed essere detenuto in un carcere femminile. Un caso che scuote la Spagna
Le femministe avvisavano da tempo. E sta succedendo. Da mesi il femminismo spagnolo sta facendo un grande lavoro di informazione sulla cosiddetta “Ley Trans” che introduce l’auto-determinazione di “genere” -inteso al posto del sesso- senza un percorso di transizione e accompagnamento psicologico, proposta di Irene Montero, Ministra De Igualdad di Podemos. Madrid ha chiarito che la proposta non è sostenuta dal governo centrale e ne ha preso le distanze, come dichiarato dalla vicepremier Carmen Calvo, PSOE. Giusto due settimane fa, […]
Leggi ora