6 Marzo 2021

Da sottoscrivere subito, in tempo per 8 marzo! Dalle donne di tutto il mondo al Senato Usa: non approvate l'Equality Act! L'"identità di genere" ci cancella

Condividi questo articolo
Una lettera da firmare subito! (andrà consegnata l'8 marzo).
Negli Stati Uniti l'Equality Act, già passato alla Camera dei Rappresentanti, sta per essere approvato al Senato. Come Feminist Post vi ha più volte raccontato, l'Equality Act, fortemente voluto dall'amministrazione Biden, sostituisce di fatto il concetto di "sesso" con quello di "identità di genere", cancellando donne, ragazze e bambine e rendendo l'essere donna una "scelta" a disposizione degli uomini.
Declaration on Women's Sex-Based Rights, che conta una rete di 15 mila aderenti in tutto il mondo -e di cui RadFem Italia è referente italiana- rivolge una lettera-appello a Charles Schumer, U.S. Senate Majority Leader, segnalando che l'Equality Act così come è configurato, se approvato costituirebbe un pericoloso riferimento per le legislazioni di tutto il mondo.
Vi ricordiamo che la legge Zan contro l'omobitransfobia già approvata alla Camera e in attesa di essere discussa al Senato, introduce allo stesso modo il concetto di "identità di genere" in Italia. Si tratta dunque di una lobby mondiale che in azione coordinata lavora per la cancellazione di bambine, ragazze e donne per sostituire il sesso femminile con l'"identità di genere" nelle legislazioni nazionali e internazionali.
Ecco perché questa lettera al Senato americano va sottoscritta dal maggior numero, e va sottoscritta SUBITO! WHRC intende consegnarla nella giornata di 8 marzo, unitamente a un progetto di legge alternativo: l'Equality for All Act.
Potete sottoscriverla cliccando qui . E' un'azione molto importante, partecipa anche tu e condividi il più possibile!
(scrollando si può leggere il testo della lettera in inglese e in italiano)


Da sottoscrivere subito, in tempo per 8 marzo! Dalle donne di tutto il mondo al Senato Usa: non approvate l'Equality Act! L'"identità di genere" ci cancella 

Dear signatories to the Declaration on Women's Sex-Based Rights,
As many of you know, the U.S. Equality Act is currently before the U.S. Senate, and might come up for a final vote at any time. WHRC USA has been in contact with the office of the U.S. Senate Majority Leader, Charles Schumer, the highest ranking official in the U.S. Congress. WHRC has an opportunity to weigh in on the global impacts of this bill. WHRC USA has drafted the message below to Senator Schumer. We are looking for as many signatories as possible to sign it, but we have to act fast.
If you want to sign, please click here 
https://docs.google.com/forms/d/1A_V3Kt5NOsDP2Z_KO58zqthljU1nVa6dvX5hDzljKiI/edit
and complete the two-question survey for name and country.
If you wish to sign, please do so by 5 p.m. EST (Washington D.C.) on Sunday 7 March. WHRC USA is hoping to submit this to the Majority Leader's office on Monday 8 March (International Women's Day).
In sisterhood, 
Jo Brew and Kara Dansky
WHRC

The Honorable Charles Schumer
Majority Leader
United States Senate

Dear Senator Schumer,
We represent women all around the world and we are writing to share our concerns with the U.S. Equality Act as it is currently drafted. The Declaration on Women's Sex-Based Rights has been signed by over 15,000 individuals all over the world, approximately 2000 of whom live in the U.S. Its intent is to protect women and girls globally by ensuring that sex is maintained as a discrete category in numerous areas in the law. We encourage you to read its provisions.

Our understanding is that the current version of the U.S. Equality Act, which passed in the House of Representatives earlier this year, would redefine the word sex to include "gender identity" throughout U.S. Civil Rights Law. "Gender identity," which the Equality Act defines in a circular fashion with reference to "gender-related identity, appearance, mannerisms, or other gender-related characteristics," is, in practice, the mechanism by which individuals may claim the identity of the opposite sex. It has no basis in material reality.

Although the enactment of the Equality Act would only affect U.S. women directly, we are terrified of the impact that such enactment is likely to have globally. Our governments look to your government for leadership, expertise, and guidance. Already, we are seeing the word sex being redefined to include "gender identity" in laws throughout the U.K., the European Union, Australia, Canada, and New Zealand. These laws have had devastating impacts on the lives of women and girls, including the rapes of vulnerable women in prison, the inclusion of men in women's spaces such as locker rooms and changing rooms, and the inclusion of men in women's sports. This situation will only get worse if this law passes in the U.S., and similar laws are likely to extend to other geographic areas as well.

We understand that the U.S. chapter of the Women's Human Rights Campaign (WHRC) has shared with you information about the alternative they have proposed, the Equality for All Act. This bill is in alignment with the Declaration on Women's Sex-Based Rights, and we strongly urge you to consider introducing it in the U.S. Senate.

Thank you so much for your time and consideration. Women and girls all over the world are depending on your leadership.


Onorevole Senatore Schumer,

rappresentiamo donne in tutto il mondo e le scriviamo per condividere le nostre preoccupazioni riguardo allo U.S. Equality Act così come è attualmente redatto. La Dichiarazione sui diritti delle donne basati sul sesso è stata firmata da oltre 15.000 persone in tutto il mondo, circa 2000 delle quali vivono negli Stati Uniti. Il suo intento è proteggere le donne e le ragazze a livello globale assicurando che il sesso sia mantenuto come una categoria distinta in numerose aree delle legislazioni: la invitiamo a leggere quello che dispone.

Da quello che capiamo l'attuale versione della legge sull'uguaglianza degli Stati Uniti, approvata alla Camera dei rappresentanti all'inizio di quest'anno, ridefinirebbe la parola sesso per includere "identità di genere" in tutta la legislazione sui diritti civili degli Stati Uniti. "Identità di genere", che l'Equality Act definisce in modo tautologico riferendosi a "identità, aspetto, comportamento o altre caratteristiche legate al genere" è in pratica il meccanismo mediante il quale gli individui possono rivendicare l'identità del sesso opposto, cosa che non trova alcuna base nella realtà materiale.

Sebbene l'emanazione dell'Equality Act riguarderebbe direttamente solo le donne statunitensi, è terrificante l'impatto che potrebbe avere a livello globale. I nostri governi guardano al governo Usa come modello di leadership, competenza e guida. Stiamo già assistendo alla ridefinizione della parola sesso per includere "identità di genere" nelle leggi di Regno Unito, Unione Europea, Australia, Canada e Nuova Zelanda. Queste leggi hanno avuto un impatto devastante sulla vita di donne e ragazze, inclusi stupri di donne vulnerabili in carcere, inclusione di uomini negli spazi femminili come spogliatoi e spogliatoi e inclusione degli uomini negli sport femminili. Questa situazione peggiorerà se la legge verrà approvata negli Stati Uniti, ed è probabile che leggi simili si estendano anche ad altre aree geografiche.

Sappiamo che la sezione statunitense di Women's Human Rights Campaign (WHRC) vi ha già sottoposto un'alternativa, l'Equality for All Act. Questo disegno di legge è in linea con la Dichiarazione sui Diritti delle Donne basati sul Sesso, e vi esortiamo vivamente a considerare di introdurlo nel Senato degli Stati Uniti. Grazie mille per il suo tempo e la sua considerazione.

Le donne e le ragazze di tutto il mondo dipendono dalla sua leadership.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
6 Marzo 2024
Scandalo WPATH: le "terapie" per i minori con disforia sono improvvisate e prescritte senza reale consenso
La World Professional Transgender Health è considerata la principale autorità scientifica e medica globale sulla “medicina di genere”: negli ultimi decenni i suoi standard di cura hanno plasmato le linee guida, le politiche e le pratiche di governi, associazioni mediche, sistemi sanitari pubblici e cliniche private in tutto il mondo, compresa l'OMS. Ma alcuni documenti trapelati rivelano la negligenza nei riguardi di bambini -compresi minori con gravi disturbi psichici- sottoposti a trattamenti improvvisati, senza tenere conto delle conseguenze a lungo termine e senza la certezza che avessero chiaro quello che stavano facendo
La notizia riesce a sconvolgere perfino chi lotta da tempo contro la terapia affermativa -bloccanti della pubertà, ormoni e chirurgia- per i minori non conformi al genere, come lo psicoanalista David Bell che ha denunciato lo scandalo alla Tavistock Clinic di Londra: "Anche per me il contenuto di questi file è scioccante e inquietante" ha dichiarato. "I file suggeriscono che alcuni membri del WPATH sono consapevoli che le cure che affermano il genere a volte causano danni molto gravi e […]
Leggi ora