6 Marzo 2021

Da sottoscrivere subito, in tempo per 8 marzo! Dalle donne di tutto il mondo al Senato Usa: non approvate l'Equality Act! L'"identità di genere" ci cancella

Condividi questo articolo
Una lettera da firmare subito! (andrà consegnata l'8 marzo).
Negli Stati Uniti l'Equality Act, già passato alla Camera dei Rappresentanti, sta per essere approvato al Senato. Come Feminist Post vi ha più volte raccontato, l'Equality Act, fortemente voluto dall'amministrazione Biden, sostituisce di fatto il concetto di "sesso" con quello di "identità di genere", cancellando donne, ragazze e bambine e rendendo l'essere donna una "scelta" a disposizione degli uomini.
Declaration on Women's Sex-Based Rights, che conta una rete di 15 mila aderenti in tutto il mondo -e di cui RadFem Italia è referente italiana- rivolge una lettera-appello a Charles Schumer, U.S. Senate Majority Leader, segnalando che l'Equality Act così come è configurato, se approvato costituirebbe un pericoloso riferimento per le legislazioni di tutto il mondo.
Vi ricordiamo che la legge Zan contro l'omobitransfobia già approvata alla Camera e in attesa di essere discussa al Senato, introduce allo stesso modo il concetto di "identità di genere" in Italia. Si tratta dunque di una lobby mondiale che in azione coordinata lavora per la cancellazione di bambine, ragazze e donne per sostituire il sesso femminile con l'"identità di genere" nelle legislazioni nazionali e internazionali.
Ecco perché questa lettera al Senato americano va sottoscritta dal maggior numero, e va sottoscritta SUBITO! WHRC intende consegnarla nella giornata di 8 marzo, unitamente a un progetto di legge alternativo: l'Equality for All Act.
Potete sottoscriverla cliccando qui . E' un'azione molto importante, partecipa anche tu e condividi il più possibile!
(scrollando si può leggere il testo della lettera in inglese e in italiano)


Da sottoscrivere subito, in tempo per 8 marzo! Dalle donne di tutto il mondo al Senato Usa: non approvate l'Equality Act! L'"identità di genere" ci cancella 

Dear signatories to the Declaration on Women's Sex-Based Rights,
As many of you know, the U.S. Equality Act is currently before the U.S. Senate, and might come up for a final vote at any time. WHRC USA has been in contact with the office of the U.S. Senate Majority Leader, Charles Schumer, the highest ranking official in the U.S. Congress. WHRC has an opportunity to weigh in on the global impacts of this bill. WHRC USA has drafted the message below to Senator Schumer. We are looking for as many signatories as possible to sign it, but we have to act fast.
If you want to sign, please click here 
https://docs.google.com/forms/d/1A_V3Kt5NOsDP2Z_KO58zqthljU1nVa6dvX5hDzljKiI/edit
and complete the two-question survey for name and country.
If you wish to sign, please do so by 5 p.m. EST (Washington D.C.) on Sunday 7 March. WHRC USA is hoping to submit this to the Majority Leader's office on Monday 8 March (International Women's Day).
In sisterhood, 
Jo Brew and Kara Dansky
WHRC

The Honorable Charles Schumer
Majority Leader
United States Senate

Dear Senator Schumer,
We represent women all around the world and we are writing to share our concerns with the U.S. Equality Act as it is currently drafted. The Declaration on Women's Sex-Based Rights has been signed by over 15,000 individuals all over the world, approximately 2000 of whom live in the U.S. Its intent is to protect women and girls globally by ensuring that sex is maintained as a discrete category in numerous areas in the law. We encourage you to read its provisions.

Our understanding is that the current version of the U.S. Equality Act, which passed in the House of Representatives earlier this year, would redefine the word sex to include "gender identity" throughout U.S. Civil Rights Law. "Gender identity," which the Equality Act defines in a circular fashion with reference to "gender-related identity, appearance, mannerisms, or other gender-related characteristics," is, in practice, the mechanism by which individuals may claim the identity of the opposite sex. It has no basis in material reality.

Although the enactment of the Equality Act would only affect U.S. women directly, we are terrified of the impact that such enactment is likely to have globally. Our governments look to your government for leadership, expertise, and guidance. Already, we are seeing the word sex being redefined to include "gender identity" in laws throughout the U.K., the European Union, Australia, Canada, and New Zealand. These laws have had devastating impacts on the lives of women and girls, including the rapes of vulnerable women in prison, the inclusion of men in women's spaces such as locker rooms and changing rooms, and the inclusion of men in women's sports. This situation will only get worse if this law passes in the U.S., and similar laws are likely to extend to other geographic areas as well.

We understand that the U.S. chapter of the Women's Human Rights Campaign (WHRC) has shared with you information about the alternative they have proposed, the Equality for All Act. This bill is in alignment with the Declaration on Women's Sex-Based Rights, and we strongly urge you to consider introducing it in the U.S. Senate.

Thank you so much for your time and consideration. Women and girls all over the world are depending on your leadership.


Onorevole Senatore Schumer,

rappresentiamo donne in tutto il mondo e le scriviamo per condividere le nostre preoccupazioni riguardo allo U.S. Equality Act così come è attualmente redatto. La Dichiarazione sui diritti delle donne basati sul sesso è stata firmata da oltre 15.000 persone in tutto il mondo, circa 2000 delle quali vivono negli Stati Uniti. Il suo intento è proteggere le donne e le ragazze a livello globale assicurando che il sesso sia mantenuto come una categoria distinta in numerose aree delle legislazioni: la invitiamo a leggere quello che dispone.

Da quello che capiamo l'attuale versione della legge sull'uguaglianza degli Stati Uniti, approvata alla Camera dei rappresentanti all'inizio di quest'anno, ridefinirebbe la parola sesso per includere "identità di genere" in tutta la legislazione sui diritti civili degli Stati Uniti. "Identità di genere", che l'Equality Act definisce in modo tautologico riferendosi a "identità, aspetto, comportamento o altre caratteristiche legate al genere" è in pratica il meccanismo mediante il quale gli individui possono rivendicare l'identità del sesso opposto, cosa che non trova alcuna base nella realtà materiale.

Sebbene l'emanazione dell'Equality Act riguarderebbe direttamente solo le donne statunitensi, è terrificante l'impatto che potrebbe avere a livello globale. I nostri governi guardano al governo Usa come modello di leadership, competenza e guida. Stiamo già assistendo alla ridefinizione della parola sesso per includere "identità di genere" nelle leggi di Regno Unito, Unione Europea, Australia, Canada e Nuova Zelanda. Queste leggi hanno avuto un impatto devastante sulla vita di donne e ragazze, inclusi stupri di donne vulnerabili in carcere, inclusione di uomini negli spazi femminili come spogliatoi e spogliatoi e inclusione degli uomini negli sport femminili. Questa situazione peggiorerà se la legge verrà approvata negli Stati Uniti, ed è probabile che leggi simili si estendano anche ad altre aree geografiche.

Sappiamo che la sezione statunitense di Women's Human Rights Campaign (WHRC) vi ha già sottoposto un'alternativa, l'Equality for All Act. Questo disegno di legge è in linea con la Dichiarazione sui Diritti delle Donne basati sul Sesso, e vi esortiamo vivamente a considerare di introdurlo nel Senato degli Stati Uniti. Grazie mille per il suo tempo e la sua considerazione.

Le donne e le ragazze di tutto il mondo dipendono dalla sua leadership.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
9 Gennaio 2023
Credevo che mio figlio -4 anni- fosse trans: mi sbagliavo
Madre lesbica e “vera credente” del culto queer accompagna e autorizza il suo bambino a identificarsi come femmina. Finché non comprende di avere sbagliato a causa dell’ideologia. Piangendo sul suo errore oggi ha intrapreso un percorso di “guarigione” insieme a lui che è tornato a dirsi maschio. Una testimonianza illuminante
Ero una vera credente.Ero un’attivista per la giustizia sociale prima ancora che il movimento per la giustizia sociale prendesse il sopravvento nel mondo. Ero in prima linea ad introdurre il concetto di intersezionalità in organizzazioni progressiste e a convincere la gente a condividere i suoi pronomi. Io e i miei amici ci sentivamo quelli “cool”, l’avanguardia di un’opera rivoluzionaria che avrebbe cambiato il mondo, che avrebbe raggiunto quella che le persone all’interno del movimento per la giustizia sociale chiamano “liberazione […]
Leggi ora
8 Gennaio 2023
Anche l’Olanda frena sui "bambini trans"
Lo studio del 2006 su cui si fonda il cosiddetto “protocollo olandese” esportato in tutto il mondo-la somministrazione di bloccanti della pubertà ai minori con comportamento non conforme al sesso di nascita- fu finanziato dall’azienda farmaceutica che produce i blocker, ed è stato più volte screditato. Come in UK, Svezia, Finlandia, anche in quel Paese oggi si chiede uno stop a queste “terapie” che causano seri danni alla salute
Si chiama “protocollo olandese” il trattamento di bambini con disforia di genere con bloccanti della pubertà. E si basa su un unico studio del 2006 che introduce il concetto del “cambio di sesso per bambini transgender” e che sarebbe stato finanziato da Ferring Pharmaceuticals, l'azienda che commercializza la triptorelina, il farmaco con cui viene fermato il naturale sviluppo di bambine e bambini. Lo rivela un reportage del giornalista Jan Kuitenbrouwer e del sociologo Peter Vasterman pubblicato recentemente sul NRC Handelsblad, […]
Leggi ora