21 Febbraio 2021

Clara e le altre, uccise da uomini: l'analisi di Recalcati ci porta fuori strada

Condividi questo articolo

Poiché era certa che sarebbe finita così, Clara Ceccarelli, uccisa con trenta coltellate a Genova dall'ex- che la torturava da oltre un anno, due settimane fa era andata a pagarsi il funerale. Non voleva mettere nei guai il figlio e il vecchio padre. E' stata iper-responsabile. E' stata forte e ha pensato a tutti. Voleva, come si dice, lasciare le cose a posto. Questo è l'orrore in cui Clara ha vissuto. La sua terribile solitudine, la sua rassegnazione. Sapeva che nessuno l'avrebbe aiutata.

Clara e le altre, uccise da uomini: l'analisi di Recalcati ci porta fuori strada

Da inizio anno Clara è la 13a donna uccisa da un uomo perché era una donna, intesa come cosa da possedere o di cui disfarsi.


Qualche giorno fa La Repubblica ha videointervistato lo psicoanalista Massimo Recalcati sul tema della violenza maschile (potete vederlo qui). La sua analisi ci porta fuori strada. Meglio: continua inutilmente a percorrere la stessa strada. Ecco alcune tra le cose che ha detto.

"La violenza sulle donne è razzismo, colpisce la donna come luogo dell'Altro come succede per l'ebreo, il nero, l'omosessuale... Le donne incarnano il carattere irriducibile della differenza. Come l'ebreo sono incarnazione della libertà. Sopprimere la donna è sopprimere la libertà".

E' esattamente l'inverso. Il dominio degli uomini sulle donne (Recalcati non usa mai questa parola, dominio) è la mossa originaria. Razzismo, antisemitismo e omofobia vengono dopo il sessismo e traggono ispirazione da quel modello. Trapela dalle parole di Recalcati l'irriducibile propensione a guardare alle donne come a una minoranza, una delle tante (dall'elenco manca la disabilità, ma ci ha pensato la legge Zan). Non si rinuncia a questo sguardo. Gli ebrei, i neri e gli omosessuali meritano certamente giustizia, nell'ottica di Recalcati, e così le donne. Ma intendere le donne come una delle molte minoranze è un disastro simbolico che riproduce le condizioni in cui si radica la violenza. Le donne sono la maggioranza degli umani, l'ontogenesi conferma il primato dell'essere umano femmina. Le differenze sono due, la donna non ne ha l'esclusiva. Non è lei a essere differente da un umano prevalente, il maschio. Esiste la differenza maschile e quella femminile. Il punto di vista di Recalcati resta fallogocentrico.

"Che la donna sia libertà si vede dall'abbigliamento. Per l'uomo l'abbigliamento è la divisa, la donna ha un rapporto più creativo e generativo. Non c'è l'uniforme della donna, la donna eccede ogni uniforme. C'è un primato del fallo, un ingombro mentale che si esprime nella competizione, nella performance. La donna è sgombra dal fallo, sgombra da questo peso, è più libera... è un'eccezione rispetto alla serie maschile".

Di nuovo: si pone una normalità -sia pure per criticarla: la noia della divisa maschile, l'ingombro pesante del fallo- da cui il femminile eccede. Eccoci di nuovo in pieno fallogocentrismo: il maschile come norma umana, il femminile come eccentrico, come eccezione, e via dicendo. In fondo a questa strada c'è l'abietto materno di cui ha parlato Julia Kristeva, c'è l'essere donna come condizione ontologicamente marginale per quanto qui magnificata come migliore e perfino invidiabile. Il meccanismo si riproduce intatto, pur con le migliori intenzioni. Nulla su quel movimento invidioso per la capacità femminile di dare la vita su cui si è edificata l'immane costruzione patriarcale. Su quel sentirsi espulso con il proprio corpo di uomo dalla genealogia femminile. Sul furioso divide et impera -il corpo e lo spirito, la carne e la mente, la forma e la sostanza, la natura e l'umanità- per cambiare le regole del gioco e produrre un rovesciamento: sarà lei a essere espulsa e a dovere restare fuori. Il climax è in quella teoria dell'invidia del pene che rovescia l'invidia per l'utero e che inaugura solennemente la fine del patriarcato. Quel sentimento invidioso noi donne non lo conosciamo: la perversione del dominio da parte degli uomini, quella sì, la conosciamo tutte.

"Arginare la violenza è come apprendere una lingua... strappare la lingua è l'essenziale della violenza maschile, privare della parola... Si dovrebbe imparare dai poeti. Ci vuole un'educazione sentimentale... I problemi arrivano quando il corpo sessuale si separa dall'amore. Farei leggere i poeti, la grande letteratura".

Anche qui un rovesciamento. Casomai è la lingua del dominio che viene appresa. La prima lingua di ogni uomo e ogni donna è quella pazientemente insegnata dalla madre. Poco dopo lo svezzamento e l'individuazione, il piccolo maschio viene iniziato al patto tra uomini che si fonda sull'abbandono della lingua materna e sul disprezzo-dominio delle donne, a cominciare dalla madre amata. Non basta leggere i poeti, nemmeno l'Amor Cortese. La rieducazione e il decondizionamento del maschio violento non funzionano se non come comode alternative alla pena. Il problema, la questione maschile, è quell'identità baricentrata sul dominio. La sfida è potere essere uomini tradendo il patto e rinunciando a quel dispositivo. La violenza è solo una funzione del dominio invidioso, serve a riaffermarlo, è la punta dell'iceberg. L'iceberg è il dominio.

"Nella violenza maschilista c'è sempre un impulso paradossalmente pedagogico: insegnare alla donna come deve essere donna... in cambio di una supposta identità (conferita alla donna, ndr) si esercita un potere sulla donna".

In verità l'identità in gioco è quella maschile, non quella femminile. Nell'intento pedagogico della violenza (in parole povere: nel darle una lezione) è l'identità maschile che si riafferma come incapace di strutturarsi su qualcosa di diverso dal dominio e dal furto di potenza femminile.

In conclusione: le considerazioni di Recalcati offrono un buon saggio di come funziona il fallogocentrismo, che nella sua versione "buona" (di quei bravi ragazzi di cui parla Meghan Murphy) riammette nel sistema ciò che per potersi fondare aveva dovuto escludere e deve continuare a escludere, in una specie di loop senza fine. Insomma, qui vediamo all'opera un fallogocentrismo inclusivo.

Le domande a cui ogni uomo orripilato dalla violenza maschile oggi è chiamato a rispondere sono queste: che cosa sono, se rinuncio al dominio? che cosa metto al suo posto? come sto in piedi, senza? e come scamperò la punizione da parte degli altri uomini per avere tradito il patto?

Marina Terragni

Aggiornamento: non attendevo risposte da Massimo Recalcati. Anche nel senso che non ne sentivo il bisogno. Immaginavo che avrebbe ignorato. Ma a quanto pare la stizza per quello che ho scritto -per la precisione: che mi ero permessa di scrivere- è stata tale da produrre questo formidabile acting out

Clara e le altre, uccise da uomini: l'analisi di Recalcati ci porta fuori strada

Molte tra le sue follower sbigottite gli hanno chiesto ragione di questo aforisma apodittico, a metà strada tra un motto dei Baci Perugina e uno sfogo Mra, ma non c'è stato verso. Di più: il prof. Recalcati ha dato seguito alla sua stizza bloccando e bannando a destra e a manca sulla sua pagina Facebook (ne dà ottimamente conto qui Monica Ricci Sargentini).

Ne va dedotto che: il femminismo è suo, se lo gestisce lui e te lo spiega lui: si chiama mansplaining ed è fenomeno noto. E che c'è il buon femminismo -quello che piace a lui- e c'è il "femminismo ideologico", quello che non gli fa la ola.

Di più: Recalcati parla a me ma lo fa in modo obliquo, e sprezzantemente non mi nomina. Ovvero non mi riconosce. Come direbbe lui, mi strappa la lingua. Ma sempre come dice lui strappare la lingua è l'essenziale della violenza maschile, privare della parola. Però, sempre come dice lui nella videointervista, oggi le donne parlano. Soprattutto quando si tratta di dire che cos'è una donna, faccenda di cui si intendono.

In effetti, io sono una donna, una femminista, e parlo.


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Novembre 2023
Israele 7 ottobre: appello perché venga riconosciuto come femminicidio di massa
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Le donne vittime dell’attacco di Hamas non sono state uccise come tutti gli altri civili: sono state esposte nude, stuprate, brutalizzate, umiliate, decapitate, i loro corpi bruciati e fatti a pezzi. “Volevamo sporcarle” dicono i terroristi. La violenza contro queste donne risponde alla definizione di femminicidio di massa: dalla Francia una petizione alle ONG internazionali
Leggi ora
12 Luglio 2023
Mettere in guardia le figlie è politica
Contro violenza sessuale e stupri si continua a invocare l’educazione dei giovani uomini. Mentre insegnare alle giovani donne come proteggersi e dare l’allarme sulla sessualizzazione precoce e sui rischi legati all’abuso di sostanze è giudicato discriminatorio e rivittimizzante. Ogni madre sente di doverlo fare ma viene colpevolizzata per questo
Se femminismo è “partire da sé” è da me che voglio partire, da quello che ho provato dopo l'orribile uccisione della giovane Michelle a Primavalle (nella foto) vedendo due donne inalberare cartelli (fatti a regola d’arte in qualche tipografia professionale, non a pennarello su cartoncino bristol) dove si ribadiva in modo perentorio, che non sono le ragazze a dover essere protette, ma i maschi a dover essere educati. Mantra che ci viene ripetuto in ogni caso di stupro, l'appello a […]
Leggi ora
19 Giugno 2023
Raccontare le molestie sessuali
Una partecipatissima ricerca realizzata dall'Università Milano-Bicocca e raccontata in un libro a cura di Chiara Volpato indaga a fondo sul tema, rivelando che i molestatori sono in gran parte dei casi uomini conosciuti che fanno parte della cerchia familiare, amicale e lavorativa. Che le molestie rinnovano e rafforzano il dispositivo del dominio. E che -come avviene per la violenza sessuale- il meccanismo dell'autocolpevolizzazione da parte delle vittime è una costante dei loro vissuti
Il libro “Raccontare le molestie sessuali. Un’indagine empirica" a cura di Chiara Volpato (Rosenberg & Sellier, 2023) nasce dall’esigenza espressa da molte studentesse e alcuni studenti dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca di indagare a fondo il fenomeno delle molestie sessuali. Chiara Volpato, docente di Psicologia sociale presso il suddetto Ateneo ha accolto con entusiasmo la proposta. L’equipe di ricerca ha preparato un questionario che è stato distribuito all’interno dell’Università ed il primo dato emerso è stato l’altissimo e inaspettato numero […]
Leggi ora
13 Maggio 2023
Nelle norme contro la violenza sulle donne si parli di sesso e non di "identità di genere": lettera aperta al Parlamento Europeo
La violenza contro le donne non si potrà contrastare se i testi di leggi e trattati non faranno chiaramente riferimento al sesso e non al “genere”. Ci uniamo a gruppi femministi e gender critical in un appello ai parlamentari europei che si esprimeranno sulla proposta antiviolenza della Commissione: scrivete chiaramente nel testo che le donne e le ragazze sono le persone di sesso femminile e non lasciate alcuno spiraglio alla gender ideology
Anche noi abbiamo sottoscritto la lettera alla Commissione europea sulla lotta alla violenza contro le donne e agli abusi domestici redatta da WORIADS, coalizione di cittadine-i gender critical che ha l’obbiettivo di informare e sensibilizzare le istituzioni europee sui pericoli dell’identità di genere. La lettera chiede che le norme europee sulla violenza contro le donne riconoscano chiaramente la categoria del sesso biologico. Riportiamo a seguire il testo completo che sarà inviato ai membri del Parlamento Europeo che si esprimeranno sulla […]
Leggi ora
27 Marzo 2023
La violenza è strutturale al transfemminismo?
Paola Pieri, del gruppo MaternaMente, racconta la violenza che ha subito a Firenze da parte di trans attivisti
Testo di Paola Pieri, del gruppo MaternaMente. Giovedì scorso, 23 marzo, mi reco di fronte all’ospedale di Careggi, qui a Firenze, dove si teneva un piccolo presidio indetto da “Resistenze al nanomondo”, presente Silvia Guerini, autrice del libro “Dal corpo neutro al cyborg postumano, riflessioni critiche all’ideologia gender”. Presidio indetto in tal luogo perché è dove vengono gestiti, nel reparto di endocrinologia, decine di minorenni e non, con “disforia di genere”, trattati con bloccanti della pubertà, ormoni e altro previsto […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora