15 Marzo 2021

Caso Sarah Everhard: sempre più donne uccise da uomini, ma il femminismo liberale pensa ai diritti maschili e trans

Condividi questo articolo

Mai quanto in questi giorni le donne italiane dovrebbero sentirsi vicine a quelle britanniche: il femminicidio di Sarah Everard, 33enne rapita e uccisa per la cui morte è già stato arrestato un poliziotto, Wayne Couzens, ha fatto traboccare il vaso dell'oppressione, degli abusi e delle violenze maschili ai danni di donne e ragazze di tutte le età (il numero dei femminicidi in UK è simile a quello italiano: in media una donna uccisa perché donna ogni tre giorni).

I resti di Sarah sono stati rinvenuti a circa 60 chilometri da Londra, e la sua fine racconta che cosa può capitarti, nel 2021, se sei donna e osi camminare per strada quando è buio. La veglia di sabato sera nella piazza di Clapham Common, a sud di Londra, si è trasformata in una protesta quando gli agenti della polizia hanno richiamato la folla al rispetto delle norme anti-Covid per poi obbligare a sgomberare. Le donne presenti hanno replicato di avere paura a tornare a casa da sole.

Caso Sarah Everhard: sempre più donne uccise da uomini, ma il femminismo liberale pensa ai diritti maschili e trans
Sarah Everard

“Vergognatevi”, “Lasciatele stare”, “Arrestate voi stessi” urlavano le manifestanti agli agenti che ammanettavano brutalmente e arrestavano donne che non intendevano eseguire gli ordini (le immagini qui). Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha espresso tutta la sua preoccupazione per il comportamento della polizia e ha promesso l'apertura di un'inchiesta.

Caso Sarah Everhard: sempre più donne uccise da uomini, ma il femminismo liberale pensa ai diritti maschili e trans
L'ultima immagine di Sarah Everard prima di essere rapita e uccisa da un poliziotto

Il caso di Sarah ha fatto traboccare il vaso: il governo inglese dovrà rivalutare le sue leggi e le su politiche antiviolenza. Ma il primo passo è già un passo falso: una consultazione lanciata per quantificare la violenza su donne e ragazze si rivolge alle donne “di ogni genere”. Un termine, “genere”, che rischia di rendere vana qualsiasi lotta per la libertà femminile. Abbiamo già visto lo sconcertante 8 marzo italiano, le manifestazioni “femministe” di Non Una di Meno (vedere qui), talmente femministe da essere condotte da uomini, fino al punto di zittire con metodi squadristi donne impegnate a levare la propria voce contro prostituzione, pornografia e utero in affitto.

Il femminismo liberale italiano si mostra volontariamente cieco e complice del patriarcato. La lotta è per la moltiplicazione dei generi, per l'affermazione di teorie, come la "libera identità di genere" e il "libero sex work, che non hanno nulla a che vedere con i diritti delle donne. Si difendono i diritti degli uomini e delle persone transgender ricorrendo a tesi indimostrate: la più gettonata è che le persone transgender sono le più oppresse al mondo, quando le cronache e le statistiche narrano tutto il contrario (vedere qui)

Sono le donne gli esseri umani più in pericolo nel mondo, sono le donne ad aver bisogno urgente di misure che difendano la loro dignità di esseri umani adulti di sesso femminile, lavoratrici, madri.

Tra un femminicidio e l’altro, tra un licenziamento per maternità e l’altro, tra uno stupro e l’altro, tra un caso di abusi/molestie e l’altro, il femminismo liberale si ostina a intercettare l’oppressione in luoghi dove semplicemente non esiste. E le donne, purtroppo, ancora una volta vengono lasciate da sole. Ignorate, dimenticate, vittime di un susseguirsi di violenza e di misoginia che non accenna ad arrestarsi.

Va riconosciuto: al di là di tutti gli “not all men” che girano vorticosi sui social network, i peggiori nemici delle donne, come ancora una volta ci dimostra il femminicidio di Sarah Everard, restano gli uomini.

Giorgia Garda


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
31 Marzo 2022
Carol, uccisa 5 volte
L'assassino, i mass media, un attore comico: l'accanimento sul corpo di Carol Maltesi è stato generale. Un gioco BSDM di massa, uno spettacolino supplementare da morta fatta a pezzi. Uno snuff movie dal vero. Del resto faceva la pornostar. Se l'è cercata
Carol Maltesi, la giovane donna brutalmente ammazzata e fatta a pezzi dal bancario Davide Fontana, è stata uccisa 5 volte. La prima, dall'industria della pornografia -online e poi anche spettacoli dal vivo- da cui la ragazza si era fatta catturare durante il lockdown per potere provvedere a se stessa e al figlio che aveva messo al mondo quando aveva appena vent'anni. La seconda volta dal suo aguzzino, per il quale si va in cerca -al solito- di ragioni: l'ha uccisa […]
Leggi ora
15 Marzo 2022
Vent'anni di femminicidi a Milano: uno studio
La ricerca, condotta dall'Istituto di Medicina Legale su 200 casi di donne assassinate, individua alcune costanti e vuole contribuire a "porre fine al femminicidio". Anche se la vera soluzione è una sola: la fine del dominio maschile
E' stato pubblicato dalla rivista Science & Justice (volume 62-2, marzo 2022, pp. 214-220) lo studio “Vent'anni di femminicidio a Milano: Un'analisi medico-legale retrospettiva” (Twenty years of femicide in Milan: A retrospective medicolegal analysis) (potete leggerlo qui). Lo studio è stato condotto da Lucie Biehler-Gomez, Lidia Maggioni, Stefano Tambuzzi, Alessandra Kustermann, Cristina Cattaneo, il team di ricerca affiliato al Laboratorio di antropologia e odontologia forense (LABANOF) dell'Università degli Studi di Milano e/o al Soccorso violenza sessuale e domestica (SVSeD) del Policlinico […]
Leggi ora
8 Marzo 2022
8 marzo 2022 - 8 marzo 2023: agenda per un anno di femminismo
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica: sono i temi su cui ci impegneremo nei prossimi mesi, raccontati in un incontro che potrete vedere qui. Per prendere parte al lavoro, scrivete a radfemitaliarfi@gmail.com
Maternità, lavoro, utero in affitto, identità di genere, transizione delle/dei minori, salute delle donne, violenza maschile, prostituzione, politica ed elezioni, donne a Sud, transizione ecologica. Questi alcuni dei temi affrontati nel corso dell'incontro a cui hanno preso parte Alessandra Bocchetti, Monica Ricci Sargentini, Veronica Tamborini, Manuela Ulivi, Ilaria Baldini, Luana Zanella, Daniela Dioguardi, Marina Terragni, Assuntina Morresi, Elvira Reale. Sono gli obiettivi del lavoro politico dei prossimi mesi: se qualcuna fosse interessata a prendere parte a questo lavoro, scegliendo uno […]
Leggi ora
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
10 Novembre 2021
Canada: allarme sulle violenze maschili nei carceri femminili
Heather Mason, ex-detenuta e attivista per i diritti delle donne, racconta a RT News la realtà delle donne che nelle carceri subiscono abusi e violenze sessuali da parte di uomini "transgender" con il corpo maschile intatto in cella insieme a loro. Ecco le loro lettere
Nel 2017, mentre il movimento #MeToo esplodeva in tutto il mondo occidentale, il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dato spontaneamente e senza preavviso il via libera al trasferimento di detenuti maschi che si definiscono donne nelle prigioni federali femminili del Canada. Le detenute nelle carceri canadesi sono a rischio di violenza da parte di detenuti di sesso maschile che si identificano come donne, ma nessuno è disposto a discutere la questione per paura di essere etichettato come transfobico. Il […]
Leggi ora
24 Agosto 2021
Italian Taliban
Four femicides in 24 hours: Talibans are not only in Afghanistan. Everywhere in the world one sex is oppressing the other, and violence is a function of domination. We cannot consider our Afghan sisters as "us" and "them". The fight for women's freedom is one and the same.
Four femicides in 24 hours. Four women were killed by men related to them - husbands, fathers, boyfriends, former partners - simply because they were women. A mother and a daughter in Carpiano, near Milan. A wife in the province of Bologna. A girl, killed by her former boyfriend, in Aci Trezza, in the province of Catania. The details of such events are useless if not to confirm, once again, the inefficacy of the measures of protection: those who should […]
Leggi ora