28 Dicembre 2020

2020: un anno storico per il femminismo gender critical

Condividi questo articolo

Nel 2020 si sono registrate molte vittorie del buon senso contro follia trans. (...) La maggior parte delle persone concorderà sul fatto che il 2020 è stato un anno schifoso, ma per quelle tra noi che sono in prima linea nelle "guerre TERF" si sono registrati enormi guadagni contro i fascisti di genere incapaci di gioia. Sembra che i germogli verdi della ragione siano finalmente visibili.

Alla fine del 2019 JK Rowling ha twittato il suo sostegno per Maya Forstater, consulente fiscale che aveva perso il lavoro in un think tank dopo aver espresso sui social media la sua opinione, e cioè che gli esseri umani non possono cambiare sesso. Gli "woke" cacciatori di streghe hanno puntato a lungo JK Rowling, che pure in precedenza non aveva sostenuto i diritti delle donne basati sul sesso definendoli una "cosa di mezza età".

A giugno 2020 probabilmente l'autrice di best seller ne ha avuto abbastanza. Non avendo bisogno né dei soldi né dell'approvazione dei monelli brufolosi che avevano giurato di bruciare i suoi libri, Rowling ha risposto alle accuse di "transfobia" con un breve saggio. In 3.600 parole Rowling ha spiegato perché, in quanto donna vittima di violenza domestica, non era così entusiasta dell'idea che gli uomini potessero cambiare legalmente sesso ricorrendo alla formula magica "mi identifico come". Nonostante le minacce di cancellazione e il grande numero di molestie, Rowling si è innalzata come un'eroina della realtà ripetto al mondo fantasy e da incubo dei troll e dei Dissennatori di genere.

L'ideologia dell' "identità di genere" va ben oltre i social media. Ha il sostegno di ONG internazionali, di aziende farmaceutiche e persino delle Nazioni Unite. Ma quest'anno attiviste di base di tutto il mondo si sono unite per combattere contro l'idea che l'identità di genere possa prevalere sulla realtà materiale. La “Dichiarazione sui Diritti delle Donne Basati sul Sesso” è stata redatta da accademiche e attiviste nel Regno Unito, e ora -dalle Bahamas alla Svezia- ci sono gruppi gemelli che respingono l'ideologia transgender. Allo stesso modo l'Alleanza LGB, fondata nel 2019, quest'anno ha colpito il mainstream sfidando la narrativa delle lobby transgender come Stonewall e ispirando realtà simili in tutto il mondo (almeno 14 gruppi nazionali). L'Alleanza LGB sostiene il diritto di essere attratti dallo stesso sesso, cosa che non dovrebbe essere rivoluzionaria nel 2020 ma che viene osteggiata con forza dalle charity LGBT finanziate dal governo.

Dopo innumerevoli rinvii il 2020 è stato anche l'anno in cui il Ministro delle Donne e delle Pari Opportunità del Regno Unito Liz Truss ha risposto al governo sulla proposta di riforma del Gender Recognition Act, processo avviato circa cinque anni prima dalla sua non troppo brillante predecessora Maria Miller. Sfidando chi chiedeva le sue dimissioni e la calunniava anche dall'interno del suo stesso partito, Truss si è mostrata risoluta ed ha annunciato che la cosiddetta "autoidentificazione di genere" non era in programma. Ha piuttosto impegnato il governo a istituire un maggior numero di cliniche sanitarie per coloro che soffrono di disforia di genere, a ridurre le tariffe per il cambiamento del genere legale e a fermare la medicalizzazione dei bambini confusi sulla loro "identità di genere".

Questo nuovo approccio alla questione delle identità transgender ha influenzato anche l'orientamento del Dipartimento per l'Istruzione che ora consiglia alle scuole di non utilizzare gruppi di consulenza esterni che promuovono l'idea che sia possibile nascere nel "corpo sbagliato".

Ci sono state anche alcune storiche sconfitte legali per i promotori dell'identità di genere. Ad aprile, Freddy McConnell, una donna che si identifica come uomo trans, ha dato alla luce un bambino nel solito modo (partorendolo, ndr) e ha poi avuto il dispiacere di perdere l'appello con cui chiedeva di essere registrato come padre del bambino. Altra notizia: Christie Elan-Cane, che si identifica come non-binaria, ha perso la causa promossa presso la Corte d'Appello per ottenere di essere indicata come genere neutro sul passaporto.

Probabilmente la vittoria più significativa per il buon senso quest'anno è stata il caso di Keira Bell e "Mum A" contro il Tavistock ed il Portman NHS Foundation Trust (dove ha sede il GIDS - Gender Identity Development Service della NHS, il servizio sanitario nazionale britannico). Dopo un esame approfondito i giudici dell'Alta Corte hanno concluso che i minori non sono in grado di dare consenso informato riguardo all' impatto a lungo termine dei farmaci che bloccano la pubertà e di fatto hanno vietato il loro uso per trattare la disforia di genere dei bambini. Da Liberty ad Amnesty International, l'élite illiberale ha espresso la sua indignazione con dichiarazioni pubbliche redatte in fretta e furia che probabilmente invecchieranno quanto il sostegno espresso per la PIE (la Paedophile Information Exchange, gruppo di attivisti britannici pro-pedofilia fondato nel 1974) e NAMBLA (North American Man/Boy Love Association, associazione statunitense in difesa della pedofilia, fondata nel 1978). Su Susie Green, amministratore delegato dell'associazione di beneficenza transgender per bambini Mermaids, è stata costretta ad ammettere nella trasmissione "Newsnight" che quanto aveva sempre affermato sul suicidio di bambini T, notizie vomitate irresponsabilmente in ogni occasione (anche in Parlamento) erano informazione solo "aneddotiche". Sembra quindi che il canto della "sirena" sia alla fine.

Le affermazioni degli attivisti transgender si sono sgretolate a causa dell'esame minuzioso politicamente trasversale - dai circa mille partecipanti di sinistra della "Conferenza di Liberazione delle Donne" di Woman’s Place UK a febbraio, alle posizioni Tory della baronessa Emma Nicholson-. Alcune attiviste come Posie Parker (Kellie-Jay Minshull), sono state arrestate per presunta violazione delle norme sul coronavirus mentre cercavano di sensibilizzare l'opinione pubblica sull'aggressione ai diritti delle donne da parte dell'ideologia transgender.

Se gli enormi passi avanti compiuti quest'anno in direzione del buon senso vanno accolti con favore, gli ultimi 10 anni di "nessun dibattito" sulla questione trans dimostrano che sfidare l'ideologia trans può ancora provocare la perdita di posti di lavoro, cancellazioni e ostracismo sociale. Per alcune, come Keira Bell, il prezzo pagato a causa un'ideologia trans incontrastata è stato personale e permanente.

Sembra che un numero crescente di persone si sia ritrovata nella lista dei cattivi di Babbo Natale, risvegliate alla realtà dal fatto che il sesso biologico non può essere cambiato da vestiti o pronomi, così come un paio di corna natalizie non rende una renna. Tutto quello che noi eretiche di genere, femministe "cattive" e libere pensatrici abbiamo chiesto per questo Natale è che i politici mostrino un po 'di buon senso e affermino pubblicamente che una "donna è una umana adulta di sesso femminile".

Auguri per una stagione festiva TERF-icante!

Jo Bartosch (qui l'articolo originale pubblicato da "Spiked", traduzione di Emma Hamilton).


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
20 Febbraio 2022
Proposta del New York Times: fare sparire JK Rowling
Una violentissima campagna abbonamenti del quotidiano USA invita a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture. Gesto misogino e aggressivo che potrebbe ispirarne di reali. Ma l'iniziativa si rivela un boomerang e molte abbonate-i minacciano la disdetta
Secondo il New York Times JK Rowling deve sparire. Una violenta campagna abbonamenti su cartelloni elettronici invita i lettori a "immaginare Harry Potter senza la sua creatrice": cancel culture alla sua massima potenza, il non plus ultra della wokeness. Non potendo fare fuori la creatura che ha preso vita propria (i libri della la saga di Harry Potter sono tra i più venduti al mondo) si "uccide" la creatrice. Le parole sono pietre, e dal simbolico alla realtà il passo […]
Leggi ora
19 Febbraio 2022
La trans-atleta Petrillo vince tutto. E -ovviamente- pensa alla politica
Fabrizio-Valentina Petrillo continua a sbaragliare le avversarie. Ultimo podio i campionati master indoor sui 200m di Ancona. Dice che lo sport diviso per sessi è violenza. E proclama il suo motto-manifesto:«Ognuno deve avere la possibilità di determinare da solo chi è». A cominciare dal genere
Tra Olimpiadi e DDL Zan l'anno scorso le testate sportive hanno dedicato parecchio spazio allo “sport inclusivo” e a Valentina nata Fabrizio Petrillo, presentata come "prima atleta transgender a indossare la maglia della nazionale italiana in una competizione internazionale". Petrillo, che gareggia sia in gare paralimpiche per ipovedenti che nei campionati master per atlete over 35 (qui la voce delle atlete battute dal suo corpo maschile), ha sperato fino all’ultimo di partecipare nella categoria femminile ai Giochi Paralimpici di Tokyo. La qualifica […]
Leggi ora
3 Dicembre 2021
Nuovo caso Forstater in UK: avvocata denuncia Stonewall per "induzione alla discriminazione"
Allison Bailey sarebbe stata mobbizzata e discriminata dal suo studio legale per avere espresso la sua contrarietà all'autocertificazione di genere o self-id. Lesbica e fondatrice di Lgb Alliance, la donna ha denunciato lo studio e anche Stonewall. Che, lei ne è convinta, ha lavorato attivamente per la sua "punizione"
Stonewall dovrà affrontare una causa in tribunale per aver incoraggiato lo studio legale in cui lavora Allison Bailey, avvocata lesbica, a emettere un provvedimento disciplinare nei suoi confronti solo perché aveva criticato gli attivisti transgender. L'avvocata ha presentato denuncia per discriminazione ispirata dal caso di Maya Forstater, la ricercatrice presso il Center for Global Development a Londra che aveva perso il lavoro per  aver espresso la sua contrarietà all’autocertificazione di genere (vedere qui) Lo scorso 10 giugno un tribunale d’appello aveva […]
Leggi ora
24 Novembre 2021
Stonewall fa marcia indietro e "autorizza" a usare la parola madre
Dopo aver perso le convenzioni con alcune grandi aziende, fra cui Servizio Sanitario e BBC -e quindi molti soldi- la più grande organizzazione Lgbtq+ britannica aggiorna in senso moderato le proprie linee guida per l'"inclusività": non sarà più richiesto di usare termini come "persona incinta" o "persona che ha partorito" al posto di madre. Cambio di rotta = no-bancarotta
Stonewall ha abbandonato la normativa che consigliava alle organizzazioni per la parità sul posto di lavoro di rimuovere la parola "madre" dalle loro linee di condotta. La lobby ha annunciato che non ricompenserà più con punteggi di classifica più alti i datori di lavoro che avrebbero adottato alternative di genere neutro runinciando a usare “madre”. Nancy Kelley, il capo esecutivo di Stonewall, ha negato in un'intervista che esistesse una tale linea di condotta. “Non ci interessa rimuovere o cancellare la […]
Leggi ora
3 Novembre 2021
Il governo inglese rompe con Stonewall
Il Dipartimento della Salute rompe la convenzione con la grande organizzazione Lgbtq, pagata centinaia di migliaia di sterline per esercitare la sua pressione, imponendo l'uso di pronomi e il libero accesso di chiunque agli spazi femminili in base alla libera identità di genere. Ottima notizia per le donne britanniche e per tutte noi
Il Dipartimento della Salute britannico ha rotto la convenzione con Stonewall: non utilizzerà più la sua consulenza (profumatamente pagata: più di 300 mila sterline dei contribuenti versate finora alla grande organizzazione) per applicare il suo diversity scheme in favore del personale Lgbtq. Il Dipartimento della Salute è l'ultima organizzazione di alto profilo a prendere le distanze dal gruppo di pressione, fortemente criticato per la sua influenza e la sua invadenza nelle politiche pubbliche. Una portavoce del Dipartimento ha dichiarato: "L'anno […]
Leggi ora
24 Ottobre 2021
La scomparsa delle donne/2: stavolta dai CdA inglesi
Migliaia di grandi aziende inglesi dovranno comunicare il numero di donne presenti nei loro consigli di amministrazione, anche allo scopo di valutare le differenze di retribuzione. Sheldon Mills, direttore di FCA, l'ente regolatore che sovraintende la rilevazione, propone che nel conto entrino anche i maschi che si percepiscono donne, falsando le statistiche. Non è difficile capire perché: Mills è anche dirigente di Stonewall, potente organizzazione Lgbtq che in Uk continua a dettare legge
Per chi ancora avesse dei dubbi sul fatto che l'identità di genere e le politiche gender neutral comportano la cancellazione delle donne, dopo l'esempio pop di X Factor (vedere qui), eccone un altro piuttosto clamoroso. Scrive The Times che un migliaio di grandi company britanniche, tra cui Unilever e Astrazeneca, è tenuto a dichiarare la percentuale di donne nei propri board. La ragione principale è valutare e correggere il gender pay gap, cioè la differenza di retribuzioni tra donne e […]
Leggi ora