La scomparsa delle donne/2: stavolta dai CdA inglesi<br /><span class='post-summary'>Migliaia di grandi aziende inglesi dovranno comunicare il numero di donne presenti nei loro consigli di amministrazione, anche allo scopo di valutare le differenze di retribuzione. Sheldon Mills, direttore di FCA, l'ente regolatore che sovraintende la rilevazione, propone che nel conto entrino anche i maschi che si percepiscono donne, falsando le statistiche. Non è difficile capire perché: Mills è anche dirigente di Stonewall, potente organizzazione Lgbtq che in Uk continua a dettare legge</span>

La scomparsa delle donne/2: stavolta dai CdA inglesi
Migliaia di grandi aziende inglesi dovranno comunicare il numero di donne presenti nei loro consigli di amministrazione, anche allo scopo di valutare le differenze di retribuzione. Sheldon Mills, direttore di FCA, l'ente regolatore che sovraintende la rilevazione, propone che nel conto entrino anche i maschi che si percepiscono donne, falsando le statistiche. Non è difficile capire perché: Mills è anche dirigente di Stonewall, potente organizzazione Lgbtq che in Uk continua a dettare legge

Condividi Articolo:

Per chi ancora avesse dei dubbi sul fatto che l’identità di genere e le politiche gender neutral comportano la cancellazione delle donne, dopo l’esempio pop di X Factor (vedere qui), eccone un altro piuttosto clamoroso.

Scrive The Times che un migliaio di grandi company britanniche, tra cui Unilever e Astrazeneca, è tenuto a dichiarare la percentuale di donne nei propri board. La ragione principale è valutare e correggere il gender pay gap, cioè la differenza di retribuzioni tra donne e uomini a parità di livello e di prestazioni.

Ma anche stavolta Stonewall, grande organizzazione Lgbtq, ci ha messo il suo potente e onnipresente zampino.

Secondo le regole proposte da Sheldon Mills, direttore esecutivo della Financial Contact Authority (FCA), ente regolatore per più di 51 mila servizi finanziari in UK, nel computo delle donne che siedono nei consigli di amministrazione dovranno entrare anche maschi biologici che si identificano come donna, nonostante la legge inglese non ammetta il self-id, cioè l’autocertificazione di genere.

Questo non solo falserà le statistiche sulla presenza femminile nei board, ma sarà fuorviante anche per quanto riguarda il gender pay gap.

Facciamo l’esempio di un uomo che si dichiari donna negli anni della maturità: ebbene, quest’uomo non avrà subito in precedenza nessuna discriminazione legata al sesso biologico -cioè al fatto di essere nata in un corpo di donna- nella sua carriera e nella sua retribuzione. Questo comporterà necessariamente una sottovalutazione del gender pay gap ai danni delle donne.

Il fatto divertente, mettiamola così, è che Sheldon Mills oltre a essere il direttore esecutivo di FCA che ha spinto per questa soluzione -a vantaggio dei maschi che identificano come donne e del sistema maschile tout court- è anche un dirigente di Stonewall: nei fatti, una posizione di evidente conflitto di interesse.

Il “protocollo Mills” farà sparire le donne in un’ammucchiata fluida e indifferenziata.

Marina Terragni

Condividi Articolo:

Lascia un commento