Kathleen Stock si è dimessa: “La strega è morta”<br /><span class='post-summary'>Così festeggiano le sue dimissioni gli studenti dell'università del Sussex che avevano minacciato la docente chiedendone il licenziamento. La decisione presa dopo "un periodo assolutamente orribile per me e la mia famiglia". Tiepido il sostegno dell'università, mentre altri accademici la attaccano: la sua difesa del sesso contro il genere rafforza "lo status quo patriarcale"</span>

Kathleen Stock si è dimessa: “La strega è morta”
Così festeggiano le sue dimissioni gli studenti dell'università del Sussex che avevano minacciato la docente chiedendone il licenziamento. La decisione presa dopo "un periodo assolutamente orribile per me e la mia famiglia". Tiepido il sostegno dell'università, mentre altri accademici la attaccano: la sua difesa del sesso contro il genere rafforza "lo status quo patriarcale"

Condividi Articolo:

Kathleen Stock, la docente di filosofia al centro di una polemica per le sue opinioni sull’identificazione di genere e sui diritti dei transgender, ha annunciato le sue dimissioni dall’Università del Sussex.

Le dimissioni di Stock arrivano tre settimane dopo una protesta di alcuni studenti nel campus dell’università di Brighton, che includeva poster e graffiti che chiedevano il suo licenziamento.

Stock è convinta che l’identità di genere non conti più del sesso biologico “quando si tratta di leggi e politiche” e che le persone non possono cambiare il loro sesso di nascita.

In una e-mail allo staff, Adam Tickell, vice-cancelliere del Sussex, ha dichiarato: “Speravamo che la professoressa Stock si sentisse in grado di tornare al lavoro e l’avremmo supportata in tal senso. Invece ha ritenuto in base agli eventi recenti che ciò non fosse possibile e rispettiamo e comprendiamo quella decisione. Ci mancheranno i suoi numerosi contributi, di cui l’università ha beneficiato durante il suo insegnamento”.

Stock ha twittato che gli dispiaceva di andarsene: “Sono stati anni molto difficili, ma l’approccio della leadership più recentemente è stato ammirevole e dignitoso. Spero che altre istituzioni in situazioni simili possano imparare da questo”.

Ha aggiunto: “Questo è stato un periodo assolutamente orribile per me e la mia famiglia. Me lo lascio alle spalle ora. Presto a cose più luminose, spero.”

Un portavoce dell’università ha dichiarato: “Nelle ultime settimane, l’Università del Sussex ha difeso vigorosamente e inequivocabilmente il diritto della prof.ssa Kathleen Stock di esercitare la sua libertà accademica e legittima libertà di parola, libera da bullismo e molestie di alcun tipo. Queste libertà e protezioni si applicano a tutti noi e le difenderemo oggi e in futuro. Anziché entrare in conflitto con i nostri progressi in materia di uguaglianza, diversità e inclusione, queste libertà e protezioni sostengono anche coloro che necessitano di protezione, in particolare coloro che sono sotto-rappresentati o svantaggiati.

“Le università devono rimanere luoghi in cui tutti, dipendenti o studenti, hanno diritto e beneficiano della legittima libertà di parola. L’università è stata coerente e chiara sul fatto che tutti nella nostra comunità hanno il diritto di lavorare e imparare, liberi da bullismo e molestie di qualsiasi tipo, cosa che non è avvenuta nel caso della professoressa Stock. Non ci sono state accuse sostanziali di illeciti contro di lei. La professoressa Stock lascia l’Università del Sussex con la nostra gratitudine per i suoi significativi contributi come insegnante e accademica. I successi del prof Stock nel campo della filosofia sono stati di grande beneficio per l’università. La sua partenza è una perdita”.

Kathleen Stock e il suo ultimo saggio Material Girls

Michelle Donelan, ministro delle università per l’Inghilterra, ha dichiarato: “È assolutamente spaventoso che l’ambiente tossico dell’Università del Sussex abbia reso insostenibile per la professoressa Kathleen Stock continuare nel suo incarico. Nessun accademico dovrebbe mai temere per la propria sicurezza personale”.

In un post su Twitter , Donelan ha poi chiesto “che le università si facciano avanti e offrano a Stock una posizione adeguata nelle loro facoltà. Dobbiamo difendere la libertà di parola”.

Un account Instagram che afferma di rappresentare gli studenti trans all’università ha pubblicato: “Vittoria enorme per gli studenti LGBTQ+ del Sussex oggi… Prendiamoci un minuto per godercelo”.

All’inizio di questo mese Stock ha detto che la polizia le aveva raccomandato di stare lontana dal campus, e che temeva che la sua carriera di 18 anni all’università fosse “effettivamente conclusa” dopo che la filiale del Sussex dell’Università e dell’Unione dei college ha chiesto un’indagine sulla transfobia istituzionale.

Dopo la protesta contro Stock, il sindacato degli studenti dell’Università del Sussex ha dichiarato : “Gli studenti hanno il diritto di protestare quando i loro diritti vengono messi in discussione o quando ci sono narrazioni discriminatorie sul loro essere inclusivi”. Si continuava dicendo che gli studenti trans e non binari si erano lamentati di sentirsi minacciati e non avevano il sostegno dell’università.

Anche la deputata laburista Taiwo Owatemi, ministro ombra per le pari opportunità, è entrata nella controversia dopo aver affermato di essere “preoccupata” dal ruolo di Stock come fiduciario per LGB Alliance, che si batte per i diritti basati sull’orientamento sessuale piuttosto che sull’identità di genere. Ma Owatemi ha sottolineato che “non stava giudicando il lavoro accademico della professoressa Stock, e non ha chiesto azioni contro di lei”.

La docente di filosofia è stato insignita di un OBE nell’elenco degli onori del nuovo anno 2021 per i servizi all’istruzione superiore. Ma centinaia di accademici hanno criticato la decisione , firmando una lettera aperta che stigmatizzava i commenti di Stock sulle persone transgender e di genere non conformi.

La lettera affermava che la sua “retorica dannosa” sulle persone transgender e di genere non conforme rafforzava “lo status quo patriarcale. La libertà accademica comporta responsabilità; non dovremmo usare quella libertà per danneggiare le persone, in particolare i membri più vulnerabili della nostra comunità”, ha aggiunto la lettera. Confondere la preoccupazione per i danni del lavoro di Stock con le minacce alla libertà accademica nasconde questioni importanti”.

articolo originale qui

traduzione di Marina Terragni

Condividi Articolo:

Lascia un commento