Francia: il transfemminismo esclude le donne critiche del genere dalla marcia antiviolenza<br /><span class='post-summary'>Nous Tous pretende di comandare le piazze francesi in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. E centinaia di femministe radicali sottoscrivono una petizione contro la colonizzazione queer e la definizione di Terf,  che le espone al rischio di violenza verbale e anche fisica </span>

Francia: il transfemminismo esclude le donne critiche del genere dalla marcia antiviolenza
Nous Tous pretende di comandare le piazze francesi in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. E centinaia di femministe radicali sottoscrivono una petizione contro la colonizzazione queer e la definizione di Terf, che le espone al rischio di violenza verbale e anche fisica

Condividi Articolo:

Le questioni di identità di genere hanno ormai preso il sopravvento nel dibattito femminista. Nella storia dell’umanità, nessun’altra lotta è progredita così rapidamente, con così tante risorse e così tanta visibilità come il movimento queer, o transattivismo, che da una decina d’anni avanza richieste a favore delle persone transgender.

Ambientalisti, antispecisti o semplici attivisti di sinistra, nessuno è immune dall’avanzata del transattivismo. Tuttavia, l’attivismo più colpito da questo problema è quello della lotta per i diritti delle donne, al punto da invisibilizzare le donne ed escludere le attiviste con violenza, per includere gli uomini che si identificano come trans.

Questo è ciò che noi, attiviste femministe, sopravvissute alla prostituzione e alla pornografia, allo stupro, donne con disabilità, migranti e rifugiate, donne apostate, vittime di dittature religiose, vittime di mutilazioni genitali femminili, donne lesbiche, donne bisessuali, donne con disforia, uomini transgender, e anche donne in detransizione, vogliamo trasmettere. Soprattutto per le donne che sono state molestate, violentate, linciate, umiliate, censurate, minacciate di morte e oggi escluse dai circoli femministi per le nostre idee, le nostre storie e le nostre esperienze.

Il collettivo “Nous Toutes”, creato nel 2018 cavalcando l’onda del movimento #metoo, si è imposto con posizioni problematiche fin dal suo inizio. Abbiamo visto la rottura del collettivo con i valori femministi storici fin dalle prime marce, quando Caroline de Haas e i suoi alleati hanno accettato di far marciare in prima fila i travestiti delle organizzazioni che lottano apertamente per la depenalizzazione della prostituzione (Strass e altre organizzazioni riunite sotto il simbolo dell’ombrello rosso). Potremmo anche citare la sfilata del 10 novembre 2019 a fianco di associazioni islamiste, imprenditori dei movimenti di radicalizzazione a base islamica e imam fondamentalisti (Rachid Eljay) che spiegano che le donne senza velo non hanno onore e che è possibile disporre del loro corpo.

“Nous Toutes” sostiene ancora di lottare contro la violenza sessista e sessuale. Tuttavia, notiamo il loro silenzio assordante quando gli stupri e le aggressioni sono commessi da persone transgender (aggressioni alle donne durante il 7 marzo 2021 a Place de la République), quando le vittime sono sopravvissute al sistema della prostituzione (8 marzo 2020, due attiviste del collettivo CAPP, una delle quali è una sopravvissuta alla prostituzione, sono state picchiate alla manifestazione di Parigi), quando le vittime sono lesbiche e rifiutano i “peni delle donne” (attacchi alle donne del collettivo Lesbian Resistance) o quando le vittime delle molestie informatiche sono femministe radicali. Per fare il collegamento tra tutti questi attacchi, potremmo riassumere dicendo che “Nous Toutes” tollera la violenza quando le vittime sono donne che esprimono una critica a questa ideologia che si impone ovunque come un dogma, l’ideologia gender.

Ma un ulteriore passo è stato fatto quando, il 5 ottobre, “Nous Toutes” ha pubblicato un visual sulla sua pagina Facebook affermando di voler escludere le donne chiamate “TERF” dalla marcia organizzata il 21 novembre a Parigi.

“TERF” è un acronimo inglese degradante, diffamatorio e insultante, che incita all’odio e alla violenza contro le donne. Infatti, tweet, collage e tag che incitano a “sparare, uccidere o bruciare un TERF” sono diventati tristemente comuni.

Questo acronimo (“Trans Exclusionary Radical Feminist”) accusa le femministe che fanno riferimento al genere, e non ai sentimenti soggettivi degli individui, nella loro analisi delle relazioni di dominio degli uomini sulle donne, di escludere le persone trans dal femminismo. Così, quando una femminista dice che un uomo non può essere una donna, o che alle lesbiche non piacciono i peni, viene immediatamente considerata “transfobica”, minacciata e ostracizzata.

Una grande maggioranza di donne non può quindi più lottare per i propri diritti per la semplice ragione che è ormai un tabù affermare che il genere è una gerarchia socialmente costruita attraverso le ingiunzioni specifiche del sesso imposte agli individui fin dalla nascita. È diventato persino pericoloso rifiutarsi di definire cosa significa essere una donna o un uomo in base all’adesione o meno agli stereotipi sessisti. Quella che fino a poco tempo fa era la base di tutta la teoria femminista è diventata un’eresia che giustifica per alcuni una condanna al rogo.

Allo stesso modo, alle donne è ormai vietato rifiutare gli individui di sesso maschile nei loro spazi e nelle loro lotte semplicemente perché dicono di “sentirsi donne”.  Anzi, sono costrette a cedere a tutte le loro richieste, poiché le persone trans sono da considerarsi più discriminate delle donne nella società.

Le femministe indicate con l’acronimo “TERF” non negano l’esistenza delle persone trans e non combattono contro i loro diritti. Comprendiamo il profondo disagio delle persone che non si riconoscono negli stereotipi sessisti assegnati al loro genere. Tuttavia, crediamo che la soluzione stia nell’abolire queste norme oppressive, non nel legittimarle come un’identità profonda, innata e indiscutibile.

Al contrario di organizzazioni come We All, noi lottiamo con e per “uomini trans” che hanno sperimentato il sessismo dalla nascita perché sono nati ragazze.

Facciamo anche una distinzione razionale tra la lotta per i diritti delle donne, che rappresentano poco più della metà dell’umanità, e la lotta per i diritti delle persone trans. Da un lato, perché sono questioni diverse, e dall’altro, perché vediamo che la seconda, poiché riguarda gli uomini, ha inevitabilmente la precedenza sulla prima.

Oggi vogliamo condividere la nostra preoccupazione per l’influenza di organizzazioni come “Nous Toutes” o la società di Caroline de Haas “Egae”, che impongono a migliaia di donne, pena l’accusa di “transfobia”, la definizione “una donna è chiunque ‘si senta donna’”, rifiutando di interrogarsi sull’origine di questo sentimento e sulle conseguenze che questa definizione implica per i diritti delle donne.

Osiamo affermare, nonostante le rappresaglie che subiamo da diversi anni e che continuano a peggiorare, che la donna è una persona che ha un corpo umano femminile adulto con qualsiasi personalità e non “una personalità femminile” con qualsiasi corpo. Affermiamo che qualsiasi altra definizione è sessismo.

Segnaliamo l’aumento della violenza fisica e verbale durante gli eventi o sulle reti sociali, di cui migliaia di donne sono vittime a causa del loro disaccordo con l’ideologia queer. Infine, denunciamo la complicità di “Nous Toutes” nella recente instaurazione di un clima di terrore e di repressione della libertà di opinione e di espressione all’interno del femminismo.

È diventato impossibile per noi parlare di questioni di genere senza essere etichettati come “transfobiche”. È diventato impossibile parlare di precarietà mestruale, di violenza ginecologica e ostetrica, di mutilazioni genitali femminili, di matrimonio forzato, di diritto all’aborto, di neonaticidio di genere, di deportazione e tratta a scopo di sfruttamento sessuale, di cancro al clitoride e al seno, anche all’interno degli stessi movimenti che dovrebbero battersi per rendere visibili e condannare questi abusi maschili. Questa situazione assurda deve finire.

Non saremo escluse dalle nostre lotte.

Prime firmatarie:

Rosen Hicher, sopravvissuta alla prostituzione, iniziatrice della Marcia mondiale delle sopravvissute alla prostituzione

Daria Khovanka, sopravvissuta alla prostituzione, membro del collettivo CAPP

Joana Vrillot, fondatrice e coordinatrice del collettivo CAPP

Marguerite Stern, creatrice dei collage contro il femminicidio

Dora Moutot, creatrice dell’account @tasjoui

Marie-Jo Bonnet, storica, scrittrice

Alexine Solis, sopravvissuta abolizionista

Ibtisamme Betty Lachgar, psicologa clinica, attivista femminista CAPP

Brigitte Bianco, autrice

Francine Sporenda, direttrice editoriale del sito Révolution féministe

Valérie Pelletier, sopravvissuta alla prostituzione e attivista femminista

Sophie ROBERT, regista e produttrice di documentari

Emy.G, videografa dell’account @antastesia

Dr. Ingeborg Kraus, psicotraumatologa

Collettivo di incollatori L’AMAZONE PARIS

Lady. K, pittore

Esther Cannard – insegnante

Arielle Constantieux, barista

Laure Greene, dipendente

Anna Martin, direttrice delle operazioni

Anna Le Boucher, sopravvissuta e abolizionista

Collettivo di incollatori l’AMAZONE Haute-Savoie

Flo Marandet, insegnante

Anissia Docaigne-Makhroff, avvocata e attivista femminista

Pauline Makoveitchoux, fotografa

AMAZONE Arlysère Collettivo di incollatori

Victoriane Patraud, designer grafica

Sarah Mounzouni, designer grafica

Marfa Docaigne-Makhroff, consulente

Audrey Arendt, filosofa

Mélanie Telle, studentessa in conservazione del patrimonio

Maureen KAKOU, poeta

Manon Didier, responsabile della prevenzione sanitaria

Manon Lassalaz, insegnante specializzata e titolare di un M2 Studi di genere

Noémie Huart – facilitatrice di formazione continua femminista. Attivista femminista

Sofia Recham, agente immobiliare

Ana Lebón, assistente geriatrica

Laurie Briand, apprendista studentessa supervisore delle costruzioni

Catalina Roth, receptionist

Clara Delattre, studentessa

Anne Palmowski, giornalista e regista

Sandrine Beydon, delegata farmaceutica

Camille Thibault, studentessa

Graziella Florimond Pouvait, insegnante, scrittrice e afro-femminista

Lucie Calmels, commerciale

Maeve Laveau Northam, attivista femminista lesbica radicale

Carole Barthès, designer grafica

Raquel Oliveira Coelho – animatrice

Magali Salvadori, responsabile del libro paga

Aurore Benard, femminista, LGBT e attivista anti-specie

Gloria Martinez, pasticcera

Alice Gonnet, direttrice di un ALSH

Déborah D’Imperio, direttrice artistica

Andreea Nita, studentessa

Kim Jacques, tecnica di supporto

Julie de Frondeville, pittrice

Nassira Izmar, studentessa

Noellie Barailles, insegnante di immersione

Julia Guerrois, traduttrice

Melissa Roche, autrice

Ophélie Grange, lavoratrice agricola

Clara Noizet, insegnante

Laurence Martin, pensionata, femminista radicale universale

Aurea Tellier, studentessa

Camille Girard, attivista lesbica radicale, alleata di Detrans e FTM

Sidwell Rigade, ingegnera biologica

Laure Zajac Fouissac, assistente di volo

Cassandra Bidois, studentessa

Paolino Lisi, studentessa

Milène Rault, studentessa

Anabelle Debiève, avvocata e CM

Ana Minski, attivista ecofemminista

Laetitia Wider, giornalista

Lucie Dorat, insegnante

Sandra Besson, imprenditrice

Anaïs Martinez, artista visiva

Jeanne Gut, commessa

Khady Toure, Assistente sociale

Zélie Marie, psicomotricista

Rosalie Amara, responsabile delle risorse umane

Aurélie Doriani, ingegnera informatica

Lyse Nicoud, chirurga dentale

Marion Av, attivista femminista

Pauline Amélie, fotografa

Hisaé Yerlikaya, attivista e avvocata

Anaïs Lenal, artista e attivista femminista

Pauline Maulmont, studentessa e attivista femminista

Charline Beauvais, attivista femminista

Jessica Moreau, libraia

Anna Wolska, attivista femminista

Valérie Bardin, contabile

Mélissa Parmentier, in riconversione professionale

Liv Simonet, studentessa di master in storia medievale

M. Minier, studente di ingegneria ambientale

Yasmina Mounir, ingegnere

Rendu Emeline, studentessa

Lea Dubois, studentessa

Aza Ninarova, avvocata

Silas Lang, disoccupata

Leïla Rojas, assistente psichiatrica

Testo originale qui

Traduzione di Valeria Nicoletti

Condividi Articolo:

Lascia un commento