Solo donne? Non si può più

Fra 10 giorni -il 21 ottobre- l’UDI Emilia Romagna potrebbe essere cancellata dal registro del Terzo Settore a meno che non accetti di iscrivere anche uomini. Così la sinistra aggredisce gli spazi politici femminili -a cominciare dalla storica associazione legata alla Resistenza- in nome dell’”inclusività” transfemminista promossa dal PD. Un rischio enorme per tutto il femminismo. Non possono averla vinta
Condividi questo articolo

Gli spazi delle donne sotto attacco. Non solo quelli fisici -spogliatoi, sport, case rifugio, reparti ospedalieri, carceri- ma anche quelli simbolici e politici. Se non ammetti anche persone di sesso maschile, chiudi e sparisci.

Incredibile ed esemplare quello che sta capitando a UDI, Unione Donne in Italia, associazione storica attiva da quasi 80 anni storicamente legata alla sinistra. Molte delle UDI emiliano-romagnole sono a rischio di imminente cancellazione dal RUNTS, registro unico nazionale del Terzo Settore, semplicemente per il fatto che l'iscrizione è aperta solo alle donne. Rischiano l'espulsione -dal prossimo 21 ottobre- l'UDI di Modena, di Carpi, di Ravenna, di Ferrara. A meno che non modifichino lo statuto per consentire anche agli uomini di associarsi. Essere cancellate dal RUNTS comporterebbe non poter più accedere a bandi per attività di promozione sociale, né al 5xmille per l'autofinanziamento.

Il provvedimento fa riferimento a un decreto legislativo (117/2017) che impone alle associazioni del Terzo Settore un carattere aperto e non-discriminatorio. Significativo che proprio Regione Emilia Romagna abbia interpretato la norma in modo così pedissequo e restrittivo, affermando che l'iscrizione aperta solo alle donne "appare in contrasto con il carattere aperto che devono avere le associazioni di promozione sociale soprattutto nel caso di un'aps he svolge una vasta gamma di attività di interesse generale he ben possono beneficiare del fattivo contributo partecipativo anche di persone di sesso maschile" e sottolineando che l'art. 35 comma 2 del D. Lgs. 117/2017 "esclude dal novero di promozione sociale quelle associazioni che dispongono discriminazioni si qualsiasi natura in relazione all'ammissione degli associati". Ergo: o si apre agli uomini o si chiude.

Non è strano che la questione si ponga proprio in Emilia perché l'Emilia è la regione più transfemminista di tutte, dove il femminismo deve essere per tutt*. La vicepresidenza della transfemminista Elly Schlein, oggi segretaria del PD, ha impresso una decisa sterzata verso il neutro. Da ottobre scorso il testimone -non per ruolo, ma per contenuti- è passato al fedelissimo Igor Taruffi, assessore regionale al Welfare ed esponente di spicco della lista schleiniana Emilia Romagna Coraggiosa, che transfemministicamente difende utero in affitto, sex work e assistenza sessuale ai disabili. La continuità è garantita e l'interpretazione restrittiva e antifemminista della norma del 2017 risulta perfettamente in linea.

Se non che le UDI in pericolo di espulsione sono partite al contrattacco. Regione Emilia sostiene di non avere responsabilità dirette e di avere semplicemente applicato la norma, che tuttavia le altre regioni non hanno voluto interpretare in questo modo perché non ritengono discriminatorio che le donne si associno per combattere le discriminazioni di cui sono oggetto, un cortocircuito formidabile che può essere spiegato solo con la precisa volontà di ridurre gli spazi politici femminili.

Sul caso è già intervenuta la ministra per le Pari Opportunità Eugenia Roccella, parlando di "volontà di negare il riconoscimento della differenza sessuale"e invitando Regione Emilia Romagna a fermarsi. L'ultima parola sarà quella della ministra del Lavoro Maria Elvira Calderone dal cui ministero cui dipende il registro RUNTS e alla quale UDI nazionale intende rivolgersi ponendo un quesito interpretativo urgente. Non è detto tuttavia che tutte le UDI sul territorio nazionale sgradiscano questa apertura transfemminista agli uomini.

Se passasse il principio affermato da Regione Emilia tutte le associazioni femministe, già costituite e costituende, che intendano associare solo donne potrebbero essere espulse o non essere mai iscritte al RUNTS.

Abbiamo più volte visto, del resto, come il transattivismo lavori sul piano del linguaggio, interpretando abilmente pro domo propria termini e formule concepiti dalle donne e per le donne.

La famosa frase di Simone De Beauvoir, "Non si nasce donne: si diventa” viene regolarmente misinterpretata come l'essere donna a disposizione di chiunque si percepisca tale -autoidentificazione di genere o self-id-: è chiaro a tutti che De Beauvoir non ha inteso affatto questo, a meno di non essere totalmente in malafede.

Il celebre slogan "l'utero è mio e lo gestisco io" ("il mio corpo sono io e non appartiene ad alcun uomo") secondo la rilettura queer sarebbe invece alla base della libera autoimprenditorialità di ciascun* sul proprio corpo per ottenerne profitto economico, dal "lavoro sessuale" alle gravidanze a pagamento.

Ancora, la totale risignificazione del termine "genere". Nato per indicare la costruzione sociale e culturale -stereotipi compresi- a partire dalla materialità sessuata, oggi "genere" ha sostituito del tutto la parola sesso in gran parte dei documenti e delle convenzioni internazionali, ed è la parola-chiave del lessico transattivista. Proprio per questo il femminismo radicale lo ha totalmente bandito dal proprio linguaggio.

Perfino i decreti legislativi, come stiamo vedendo, possono essere piegati agli interessi di chi intende cancellare le donne, la loro differenza e il loro simbolico: un'operazione truffaldina ed escludente che potrebbe costare molto cara a tutte le associazioni femminili.

Non possono averla vinta.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora
2 Marzo 2024
Corpi che non contano: Judith Butler torna alla carica
In un’affollata conferenza alla London School of Economic la filosofa californiana pioniera delle gender theory ribadisce i capisaldi del suo pensiero: la materialità del sesso non esiste, le donne non hanno l’esclusiva di essere donne e devono aprirsi ad altri soggetti a cominciare dai Queer e dai pro-Palestine, il transfemminismo è anticapitalista e antifa per una lotta comune contro le “passioni fasciste”. E attacca il femminismo gender critical “alleato delle destre”
A un certo punto sembrava che Judith Butler avesse cambiato strada. La filosofa californiana, tra le più influenti dell’ultimo trentennio, teorica della performatività di genere, approdata lungo un percorso costruttivista radicale alla negazione della consistenza materiale dei corpi sessuati fino a problematizzare e/o smantellare lo stesso soggetto “donna” , aveva riconosciuto: «la mia definizione diede adito a due interpretazioni contrastanti: per la prima, ciascuno si sceglie il proprio genere; per la seconda, siamo tutti completamente determinati dalle norme di genere […]
Leggi ora
29 Febbraio 2024
Una nuova AGEDO?
La storica Associazione Genitori di Omosessuali ha molto lavorato per l’accettazione e la non discriminazione di gay e lesbiche e oggi dedica molte delle sue iniziative ai minori con disforia di genere. Con un approccio sostanzialmente affermativo cioè di supporto alla transizione. In un recente webinar è stato detto forse si dovrebbe interrompere la relazione con i familiari che si oppongono e che ragionare sugli effetti dei puberty blocker è fuori tema. Per menzionare solo alcune delle più sorprendenti affermazioni
AGEDO (Associazione Genitori Di Omosessuali) è stata una realtà importante nata nel 1993 per iniziativa di Paola Dall'Orto, fondatrice e presidente fino al 2007 e insignita nel 2009 del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica per la sua attività: "Lo scopo" aveva spiegato "era quello di aiutare quei genitori che si fossero trovati nella nostra stessa situazione: in uno stato di disagio, spesso di disperazione, e quasi sempre nell’ignoranza sull’argomento […] Abbiamo pensato di aiutare questi genitori a conoscere cosa non […]
Leggi ora
25 Febbraio 2024
Il "latte" degli uomini
Il Servizio Sanitario Nazionale inglese assicura che il latte prodotto da un corpo maschile -stimolato con terapia farmacologica ad hoc- è buono per il neonato come quello di sua madre, che viene cancellata. Minimizzando i rischi per la salute del bambino ampiamente compensati dai benefici ideologici e simbolici. È il transumano, bellezze!
Il "latte" degli uomini è un esempio perfetto di quello che chiamiamo transumano. Il latte delle donne invece è umano, troppo umano, è il modello perfetto dell'umano che resiste e perciò l'allattamento naturale va degradato, sbeffeggiato, stigmatizzato come qualcosa di cui vergognarsi e da tenere nascosto. Anzi, è un atto perfino inutile e poco etico. Viceversa promuovere e magnificare l'"allattamento" maschile indica plasticamente la strada da percorrere. Secondo la prestigiosa rivista Pediatrics, organo dell’American Academy of Pediatrics, è «rischioso» definire […]
Leggi ora
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora