Primarie PD: vince la transfemminista Elly Schlein

La giovane leader lancia la sua OPA e la vince. Facendo del Partito Democratico una formazione woke, in linea con il progressismo occidentale: dirittismo, libera identità di genere, utero in affitto, sex work. Una sfida che ricorda quello che sta capitando in Spagna dove il femminismo radicale ha divorziato dalla sinistra
Condividi questo articolo

Per cominciare complimenti a Elly Schlein e molti auguri per il suo nuovo incarico.

Poi i fatti, per come li vedo.

La vittoria di Elly Schlein è stata un'OPA sul PD: il voto ai gazebo, per la prima volta diverso da quello nei circoli -novità storica pure questa- dimostra che Schlein ha mobilitato la sinistra radicale fino ai limiti dell'antagonismo, oltre ai 5 stelle. L'aveva detto anni fa: Occupy PD. Ora l'ha fatto.

Che venga sostenuta da una parte importante degli Apparatčik del partito, da Franceschini a Bettini, compresi molti ex-democristiani che fanno riferimento a Romano Prodi, forse significherà meno di quanto si creda. Susanna e i vecchioni: ma Susanna non si fa mettere facilmente nel sacco. Decisamente scarsa nei fondamentali politico-culturali -non ha saputo riempire di contenuti credibili gli slogan, in nessun campo, a partire dal lavoro- Schlein è molto abile nelle sue mosse politiche e nella costruzione della propria immagine, sorretta da una formidabile ambizione personale. Si è già mangiata Pippo Civati, tanto per dire. Potrebbe capitare anche ad altri. E ovviamente resterà a lungo intoccabile: assisteremo a una luna di miele tra lei, il PD e i suoi elettori, e vedremo -forse- anche uno stop nella caduta libera del partito nei sondaggi. Difficile che qualcuno dentro al partito si metta a farle dispetti.

Improbabile a mio parere anche una scissione. Qualcuno, alla spicciolata, lascerà il PD per approdare al Terzo Polo. Forse Giorgio Gori, forse Guerini. Ma niente di paragonabile a un terremoto.

E veniamo alle nostre faccende di femministe perché qui di questo parliamo.

Per dire anzitutto che è assolutamente sconvolgente in un Paese misogino come il nostro -ma con forti radici matriarcali- vedere due donne quasi ancora ragazze alla guida delle rispettive coalizioni: Meloni a capo del governo e Schlein a capo dell'opposizione. E' capitato all'improvviso, e probabilmente senza Giorgia Meloni l'operazione Elly non sarebbe stata concepibile. Cercavano un'anti-Giorgia, era quasi obbligatorio per fermare il declino -sempre che si fermi- e l'hanno trovata. Diversamente non sarebbe capitato.

Quello che è capitato è impressionante, e comprensibilmente impressiona soprattutto le donne. C'è molto di positivo in questo protagonismo femminile.

Profili molto diversi: a destra una ragazza che conosce bene l'espressione "tirare la cinghia", figlia del popolo, cresciuta in un nucleo matriarcale ma senza mai dirsi femminista, capace di fare i conti nel partito con quel "padre" che le è mancato, tradizionalista ma per nulla bigotta, ferocemente gender-critical, sorretta da una determinazione formidabile, una che ha faticosamente scalato ogni gradino per arrivare dove è arrivata; a sinistra una giovane donna borghese, cosmopolita, fatta studiare dalla famiglia -a cominciare dalla partecipazione alle campagne di Barack Obama- per diventare una politica di primo piano, costruita un pezzo dopo l'altro, scarsissima esperienza del lavoro, profilo antimaterno giocato come un plus anche in campagna elettorale e fatto coincidere, da perfetta emancipata, con il femminismo, lo sguardo rivolto a personaggi politici come Corbyn, Melenchon, Bernie Sanders, e fra le donne Ocasio-Cortez e la spagnola Irene Montero, artefice della terrificante Ley Trans.

La segreteria Schlein ha il merito di fare piazza pulita di molte ambiguità del PD: coerentemente con la linea di tutti i partiti progressisti occidentali l'orizzonte è costituito dai diritti individuali. Nel suo primo discorso da segretaria Schlein ha glissato sulla guerra -si dice pacifista ma ha votato per l'invio di nuove armi all'Ucraina- però è stata netta sul dirittismo prevalente. Se finora si era cincischiato, ora è chiarissimo. Il partito si è "risvegliato" ed è decisamente woke. I contenuti li conosciamo ed erano anche scritti nel programma: diritti LGBTQIA+, autodeterminazione assoluta, identità di genere, carriera alias nelle scuole, transizione facilitata, ormoni, sex work, assistenza sessuale ai disabili, libero utero in affitto -c'è stato anche un chiarissimo voto di Schlein in Europa- e così via. Temi che il femminismo radicale ha sempre iscritto nel pacchetto liberista neopatriarcale. Fa abbastanza ridere pensare a Franceschini queer, ma le cose stanno così.

L'esperienza del femminismo spagnolo può venire in soccorso: nato nel post-franchismo è quasi integralmente costituito da comuniste, socialiste, anarchiche. E oggi che si è visto tradito dal wokeismo della maggioranza di governo PSOE-Podemos, soprattutto con l'approvazione dell'incredibile legge "si es si" e della famigerata Ley Trans, pare intenzionato a voltare le spalle alla sinistra per proclamare l'astensione in massa alla prossime elezioni regionali -a maggio- e politiche -in autunno-, hashtag #feminismononvotatraidores.

Primarie PD: vince la transfemminista Elly Schlein

In effetti: puoi lottare anni e anni contro lo sfruttamento delle donne e il mercato dei bambini, contro la sostituzione del sesso con il genere e della relazione con l'individuo armato di diritti, contro lo scandalo omofobico dei minori ormonizzati, contro il business della sterilizzazione indotta e della fecondazione assistita, tutto il pacchetto a cui diamo il nome di transumano, e poi sostenere la transfemminista Schlein -o, in Spagna, l'omologa Montero-?

Puoi decidere che tutto sommato questi sono temi marginali, quando da tanto tempo li hai messi al centro delle tue pratiche politiche perché è precisamente lì che devono stare? Puoi, per il fatto che sei sempre stata di sinistra?

Primarie PD: vince la transfemminista Elly Schlein

Intanto rinfreschiamoci la memoria: i principi che ci tengono insieme, per i quali abbiamo lottato insieme fino al sacrificio personale, sottoscritti e fatti propri da decine di migliaia di donne in tutto il mondo, li troviamo qui. E anche qui.

Dopo di che chiunque è legittimata a cambiare idea e ad abbandonare il campo. Basta dirlo con chiarezza, per un minimo di decenza verso se stesse.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Maggio 2024
Germania: pedofili in festa. Meno rischi penali per il possesso di materiale pedopornografico
Con una modifica legislativa il Bundestag diminuisce le pene per chi possiede e/o distribuisce immagini pornografiche di bambine e bambini, comportamenti declassati a reati minori. Novità accolta entusiasticamente dai gruppi pedofili che spingono per abbassare a 12 anni l’età il limite del consenso sessuale
Anche la libera pedofilia fa parte dell'ombrello transumano: arrivare progressivamente, meglio se velocemente, ad abbattere perfino questo limite, ammettere e perfino incoraggiare il sesso trans-age -del resto bambine e bambini stanno al centro delle politiche transumane-. Un'innovazione legislativa approvata dal Bundestag muove un passo in questa direzione. Ce lo racconta Geneviève Gluck Il Parlamento tedesco ha votato a maggioranza per eliminare una sezione del codice penale che rendeva il possesso di materiale pedopornografico un reato penale. Una volta in vigore […]
Leggi ora
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora
3 Maggio 2024
Due parole al signor Gennarone (di più non ne merita)
L'essenza del fascismo è impedire a chiunque di parlare. Chi dà della ****** a una donna intende intimidirla, svalorizzarla e soprattutto metterla a tacere. Ergo: un sessista non può definirsi antifascista perché il sessismo è incompatibile con l'antifascismo
Due parole al rapper Gennarone, autore di testi pregevoli (es.:«Stile foggiano, la mia terra la amo, dall’appennino dauno alle terre del Gargano. Prendimi la mano pronti per il viaggio nella terra che viviamo») che nel corso del concertone del 1° maggio a Foggia tra le molte altre cose ha detto che «L’Italia sta vivendo l’ombra del fascismo grazie a quella ***** di Giorgia Meloni». Solo per ricordargli che: a) l'essenza di ogni fascismo e totalitarismo è impedire a chiunque di […]
Leggi ora
25 Aprile 2024
Sull'aborto solo propaganda: "Emendamento fuffa, buono per la campagna elettorale"
Il comma recentemente approvato che autorizza le associazioni pro life a entrare nei consultori in realtà non aggiunge e non cambia quanto già previsto dalla legge 194. Lo spiegano Marina Terragni e Francesca Izzo. E anche i Pro Vita si affrettano a precisare: non entreremo nei consultori. Il tema è buono per lo scontro politico in vista delle Europee. Ma la legge resta tale e quale
E' triste dover parlare di aborto a comando: l'aborto è un'esperienza complessa e dolorosa per la stragrande maggioranza delle donne. "Per il piacere di chi sto abortendo?": Carla Lonzi sintetizzava la questione in questo modo. E' tristissimo che il tema venga agitato in campagna elettorale, da una parte e dall'altra, e che ci si senta obbligate a dire qualcosa. Nei giorni scorsi la destra ha proposto e fatto passare con la fiducia un emendamento al PNRR che autorizzerebbe i pro-life […]
Leggi ora