Primarie PD: vince la transfemminista Elly Schlein
La giovane leader lancia la sua OPA e la vince. Facendo del Partito Democratico una formazione woke, in linea con il progressismo occidentale: dirittismo, libera identità di genere, utero in affitto, sex work. Una sfida che ricorda quello che sta capitando in Spagna dove il femminismo radicale ha divorziato dalla sinistra

Condividi questo articolo

Per cominciare complimenti a Elly Schlein e molti auguri per il suo nuovo incarico.

Poi i fatti, per come li vedo.

La vittoria di Elly Schlein è stata un’OPA sul PD: il voto ai gazebo, per la prima volta diverso da quello nei circoli -novità storica pure questa- dimostra che Schlein ha mobilitato la sinistra radicale fino ai limiti dell’antagonismo, oltre ai 5 stelle. L’aveva detto anni fa: Occupy PD. Ora l’ha fatto.

Che venga sostenuta da una parte importante degli Apparatčik del partito, da Franceschini a Bettini, compresi molti ex-democristiani che fanno riferimento a Romano Prodi, forse significherà meno di quanto si creda. Susanna e i vecchioni: ma Susanna non si fa mettere facilmente nel sacco. Decisamente scarsa nei fondamentali politico-culturali -non ha saputo riempire di contenuti credibili gli slogan, in nessun campo, a partire dal lavoro- Schlein è molto abile nelle sue mosse politiche e nella costruzione della propria immagine, sorretta da una formidabile ambizione personale. Si è già mangiata Pippo Civati, tanto per dire. Potrebbe capitare anche ad altri. E ovviamente resterà a lungo intoccabile: assisteremo a una luna di miele tra lei, il PD e i suoi elettori, e vedremo -forse- anche uno stop nella caduta libera del partito nei sondaggi. Difficile che qualcuno dentro al partito si metta a farle dispetti.

Improbabile a mio parere anche una scissione. Qualcuno, alla spicciolata, lascerà il PD per approdare al Terzo Polo. Forse Giorgio Gori, forse Guerini. Ma niente di paragonabile a un terremoto.

E veniamo alle nostre faccende di femministe perché qui di questo parliamo.

Per dire anzitutto che è assolutamente sconvolgente in un Paese misogino come il nostro -ma con forti radici matriarcali- vedere due donne quasi ancora ragazze alla guida delle rispettive coalizioni: Meloni a capo del governo e Schlein a capo dell’opposizione. E’ capitato all’improvviso, e probabilmente senza Giorgia Meloni l’operazione Elly non sarebbe stata concepibile. Cercavano un’anti-Giorgia, era quasi obbligatorio per fermare il declino -sempre che si fermi- e l’hanno trovata. Diversamente non sarebbe capitato.

Quello che è capitato è impressionante, e comprensibilmente impressiona soprattutto le donne. C’è molto di positivo in questo protagonismo femminile.

Profili molto diversi: a destra una ragazza che conosce bene l’espressione “tirare la cinghia”, figlia del popolo, cresciuta in un nucleo matriarcale ma senza mai dirsi femminista, capace di fare i conti nel partito con quel “padre” che le è mancato, tradizionalista ma per nulla bigotta, ferocemente gender-critical, sorretta da una determinazione formidabile, una che ha faticosamente scalato ogni gradino per arrivare dove è arrivata; a sinistra una giovane donna borghese, cosmopolita, fatta studiare dalla famiglia -a cominciare dalla partecipazione alle campagne di Barack Obama- per diventare una politica di primo piano, costruita un pezzo dopo l’altro, scarsissima esperienza del lavoro, profilo antimaterno giocato come un plus anche in campagna elettorale e fatto coincidere, da perfetta emancipata, con il femminismo, lo sguardo rivolto a personaggi politici come Corbyn, Melenchon, Bernie Sanders, e fra le donne Ocasio-Cortez e la spagnola Irene Montero, artefice della terrificante Ley Trans.

La segreteria Schlein ha il merito di fare piazza pulita di molte ambiguità del PD: coerentemente con la linea di tutti i partiti progressisti occidentali l’orizzonte è costituito dai diritti individuali. Nel suo primo discorso da segretaria Schlein ha glissato sulla guerra -si dice pacifista ma ha votato per l’invio di nuove armi all’Ucraina- però è stata netta sul dirittismo prevalente. Se finora si era cincischiato, ora è chiarissimo. Il partito si è “risvegliato” ed è decisamente woke. I contenuti li conosciamo ed erano anche scritti nel programma: diritti LGBTQIA+, autodeterminazione assoluta, identità di genere, carriera alias nelle scuole, transizione facilitata, ormoni, sex work, assistenza sessuale ai disabili, libero utero in affitto -c’è stato anche un chiarissimo voto di Schlein in Europa- e così via. Temi che il femminismo radicale ha sempre iscritto nel pacchetto liberista neopatriarcale. Fa abbastanza ridere pensare a Franceschini queer, ma le cose stanno così.

L’esperienza del femminismo spagnolo può venire in soccorso: nato nel post-franchismo è quasi integralmente costituito da comuniste, socialiste, anarchiche. E oggi che si è visto tradito dal wokeismo della maggioranza di governo PSOE-Podemos, soprattutto con l’approvazione dell’incredibile legge “si es si” e della famigerata Ley Trans, pare intenzionato a voltare le spalle alla sinistra per proclamare l’astensione in massa alla prossime elezioni regionali -a maggio- e politiche -in autunno-, hashtag #feminismononvotatraidores.

In effetti: puoi lottare anni e anni contro lo sfruttamento delle donne e il mercato dei bambini, contro la sostituzione del sesso con il genere e della relazione con l’individuo armato di diritti, contro lo scandalo omofobico dei minori ormonizzati, contro il business della sterilizzazione indotta e della fecondazione assistita, tutto il pacchetto a cui diamo il nome di transumano, e poi sostenere la transfemminista Schlein -o, in Spagna, l’omologa Montero-?

Puoi decidere che tutto sommato questi sono temi marginali, quando da tanto tempo li hai messi al centro delle tue pratiche politiche perché è precisamente lì che devono stare? Puoi, per il fatto che sei sempre stata di sinistra?

Intanto rinfreschiamoci la memoria: i principi che ci tengono insieme, per i quali abbiamo lottato insieme fino al sacrificio personale, sottoscritti e fatti propri da decine di migliaia di donne in tutto il mondo, li troviamo qui. E anche qui.

Dopo di che chiunque è legittimata a cambiare idea e ad abbandonare il campo. Basta dirlo con chiarezza, per un minimo di decenza verso se stesse.

Marina Terragni


Condividi questo articolo
Torna in alto