19 Giugno 2021

Troppo veloce, troppo alto, troppo forte. Analisi delle performance di Petrillo nella categoria maschile e poi in quella femminile #Olimpiadi

Studio dello statistico Marco Alciator sui risultati dell’atleta prima e dopo l'assunzione di ormoni e il passaggio di categoria da maschile a femminile -anche se all'anagrafe è ancora un uomo-. Come si vede, anche abbassando i livelli di testosterone per le donne non c'è gara. Ma i media esultano per le sue vittorie facili
Condividi questo articolo

Quando qualcuno mette in dubbio la correttezza degli atleti nati uomini che gareggiano con le donne, questi solitamente rispondono che la loro performance è peggiorata dopo la “transizione di genere”.

A parte il fatto che le gare sportive sono divise per sesso in base alla differenza sessuale dei corpi di uomini e donne e non in base a parametri di performance, è vero che l’abbassamento del livello di testosterone peggiorerebbe i risultati degli atleti uomini che dicono di “sentirsi donne”?

La decisione del CIO di ammettere questi uomini alle gare femminili ha fornito una serie di dati, da quelli fisici (si veda questo studio pubblicato su Sports Medicine) a quelli tecnici.

Vi presentiamo uno studio del ricercatore statistico-demografico Marco Alciator, condotto sui risultati dell’atleta Petrillo prima e dopo la “transizione” e il conseguente passaggio di categoria da maschile a femminile.

Maria Celeste

______________________________________

Il motto olimpico “Citius, Altius, Fortius”, ossia più veloce, più in alto, più forte si sta trasformando in un incubo per le atlete perché potrebbero sempre più spesso vederlo applicato come troppo veloce, troppo alto e troppo forte.

Di cosa stiamo parlando? Della possibilità data agli uomini che dicono di “sentirsi donne” di competere nelle gare sportive femminili (e viceversa, in teoria) se rispettano le linee guida del CIO, Comitato Olimpico Internazionale, secondo le quali è sufficiente fare una “autodichiarazione di genere” non modificabile per 4 anni e avere un livello di testosterone inferiore ai 10 nanomoli per litro (5 nmol/L per l’atletica) nei 12 mesi precedenti.
Questo dovrebbe garantire una concorrenza equa tra gli atleti nelle gare ma così non è, e l’iniquità si evidenzia quando i maschi biologici partecipano alle gare femminili, nelle quali per fisicità, forza e velocità continuano a presentare un
importante vantaggio.

ITALIA – ANALISI DELLE PRESTAZIONI DI PETRILLO SUI 200 E 400 METRI PIANI

Anche in Italia, Fidal (Federazione Italiana di Atletica Leggera) e Fispes (Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali) hanno recepito le linee guida del CIO, permettendo a Fabrizio Petrillo di passare alla categoria femminile come Valentina, avendo abbassato il suo testosterone al livello richiesto sia pure rimanendo Fabrizio all’anagrafe.

Petrillo è ipovedente per la malattia di Stargardt, e partecipa sia alle gare per normodotati che alle gare paraolimpiche, in passato T12 poi T13. E’ in questa veste che potrebbe partecipare agli imminenti Giochi Olimpici di Tokyo.

Di seguito esaminiamo la storia sportiva di Petrillo partendo dai risultati delle gare estratti dal sito Fidal (non Fispes). (Fabrizio Petrillo qui, Valentina Petrillo qui). 

Confrontando i migliori tempi stagionali di Fabrizio Petrillo sui 200 metri con quelli dei campioni master della sua categoria d’età il ritardo è pari a 3”12 centesimi nel 2016, 2”49 centesimi nel 2017 e 1”83 centesimi nel 2018. 

A seguito dell’abbassamento del livello di testosterone, in pista Valentina Petrillo nel 2020 riesce a correre 51 centesimi più veloce di Cristina Sanulli (v. grafico 1).

Troppo veloce, troppo alto, troppo forte. Analisi delle performance di Petrillo nella categoria maschile e poi in quella femminile #Olimpiadi
Grafico 1 – Confronti tra le migliori prestazioni stagionali di Petrillo sui 200 metri e il tempo dei campioni master della sua categoria d’età (es. SM40 atleti uomini tra 40 e 44 anni, SF45 atlete donne tra 45 e 49 anni) – anni 2016-2020

In termini cronometrici nel periodo 2016-2018 Petrillo registra tempi con una media di circa 25”50 e solo in gare di livello regionale, nel periodo 2020-2021 la sua media diventa di circa 27”. Su questa distanza e in questa categoria la differenza di tempi tra atleti e atlete leader è di circa 3 secondi e mezzo (23”30 vs 26”80), se dunque Petrillo avesse peggiorato di un secondo e mezzo la sua prestazione media avrebbe conservato un vantaggio di circa due secondi nel passaggio da categoria maschile a quella femminile.

La conferma diretta si è avuta ai Campionati Master di atletica di Arezzo disputati a ottobre 2020, nei quali Valentina Petrillo riesce a imporsi su atlete del calibro di Cristina Sanulli e Denise Neumann entrambe con titoli mondiali ed europei master conquistati. Le due atlete da sportive sono salite sul podio per evitare polemiche ma hanno poi dichiarato che sentivano di non avere gareggiato alla pari. Grazie all’avv. Fausta Quilleri anche lei campionessa di atletica insieme ad altre venti atlete hanno firmato una petizione per chiedere che atleti nati uomini vengano ammessi alle gare femminili esclusivamente fuori concorso. 

Alla notizia di questa e altre vittorie viene dato ampio risalto nella cronaca sportiva (e non solo) in termini entusiasti come “diritti delle donne e delle persone trans”, “coronare il sogno” , “speranza italiana per le paralimpiadi di Tokyo” , “la lotta per il riconoscimento e la non discriminazione delle persone transgender oggi può segnare una vittoria storica” e così via.

Analogamente guardiamo i tempi forniti dalla Fidal sui 400 metri. Nel 2017 il distacco tra il miglior tempo di Petrillo e il campione master di categoria maschile è di 7 secondi, mentre nel 2020 nel confronto con la campionessa master il ritardo si riduce a 1”50 centesimi. (v.grafico 2). Anche nel confronto cronometrico la media dei suoi tempi 2021 rispetto a quella del 2017 post-terapia ormonale risulta più lenta di circa 2 secondi (59”74 a 1’02”12) e l’ultima prestazione sul giro di pista a maggio 2021 è di poco superiore al minuto (1’00”31). In base ai dati disponibili e analizzati non si trovano riscontri alla seguente affermazione dell’atleta: “Ho perso 12 secondi rispetto a quando correvo contro gli uomini e senza i vincoli di testosterone. Preferisco però essere una donna più lenta che corre i 400 metri, ma felice, rispetto all’essere un uomo più veloce ma triste”.

Su questa distanza e in questa categoria la differenza di tempi tra atleti e atlete leader è di circa 8-10 secondi, se come sembra il rallentamento dell’atleta Petrillo è stato di circa due secondi avrebbe comunque ottenuto un vantaggio di 6-8 secondi nel passaggio da categoria maschile a quella femminile.

La vicenda è stata presentata anche su Rai1 nella trasmissione pomeridiana ItaliaSì e Petrillo ha ricevuto complimenti per i risultati e la scritta in sovraimpressione riportava: Valentina Petrillo: “Ero un uomo. Ma non protestate”. L’enfasi dei titoli sui quotidiani, le celebrazioni sui social, un libro e un film sono iniziative lecite, ma davvero fuori luogo visto quanto abbiamo detto. Ciò che non è accettabile è che sulla tv pubblica passi alle atlete il messaggio di non poter protestare sulla mancanza di equità dei criteri di gara con la prospettiva concreta di vittorie e podi che sfumeranno ingiustamente, loro che si allenano tutti i giorni, hanno livelli di eccellenza da anni, cercano di far sentire con difficoltà la loro voce.

Le atlete non possono protestare, le donne non possono protestare.

Meglio seguire il consiglio di Maya Forstater, ricercatrice e femminista radicale, “siate più coraggiose oggi di quanto lo siete state ieri”. In questo contesto: siate più coraggiose oggi di ieri, per partecipare domani a competizioni eque, più forti, più in alto e più veloci che mai.

Marco Alciator


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora
27 Ottobre 2022
Inghilterra: nuove linee guida per i minori "trans"
Mentre la Spagna sta per approvare l'orribile Ley Trans che consente la transizione di bambine-i dai 12 anni anche se i genitori si oppongono, il servizio sanitario inglese chiude definitivamente con il cosiddetto "approccio affermativo" farmacologico (bloccanti della pubertà) praticato per anni e indica il trattamento psicologico come strada prioritaria. E in Italia? Per la Società Italiana di Pediatria questi farmaci non causano problemi e i loro effetti sono completamente "reversibili", dato smentito da svariati studi
Il servizio sanitario inglese (NHS) ha pubblicato una nuova bozza di linee guida per le cure ai minori con disforia di genere (qui il testo integrale), in attesa dei risultati della Cass Review, inchiesta indipendente commissionata dal ministro della salute britannico e guidata dalla pediatra Hilary Cass (vedere qui), che porteranno a una completa ristrutturazione dei servizi dedicati ai minori gender non-conforming. Dopo la chiusura della clinica Tavistock -di cui vi abbiamo raccontato qui-, NHS mette definitivamente fine alla cosiddetta […]
Leggi ora
21 Ottobre 2022
Donne-contenitori: prolife e pro-utero in affitto la vedono allo stesso modo
Per gli uni e per gli altri il corpo femminile deve mettersi a disposizione per "produrre" il nascituro rinunciando alla possibilità di scelta una volta che la gravidanza è avviata. Ma una nuova vita inizia davvero solo quando c'è il sì materno: fatto inaggirabile e irraggiungibile dal diritto. Diversamente l'unica possibilità è la coazione
Sul ddl depositato da Maurizio Gasparri per modificare l’articolo 1 del Codice civile e introdurre nel nostro ordinamento il riconoscimento della capacità giuridica al concepito "con l’intento di prevenire l’aborto volontario, in qualsiasi forma, legale o clandestino che sia” si possono dire almeno tre cose. La prima: è altamente improbabile che il ddl arrivi nelle aule parlamentari. L'immediata conseguenza della sua approvazione sarebbe la sostanziale inapplicabilità della legge 194 perché l'aborto equivarrebbe di fatto a un omicidio. Nessuna delle forze di maggioranza […]
Leggi ora
16 Ottobre 2022
Il simbolico è politico
Il no di Giorgia Meloni ai desiderata di Silvio Berlusconi è stato definito una nemesi: una giovane donna che affonda il vecchio leader -"drago divoratore di vergini" lo ha definito l'ex-moglie- e non si fa intimorire da amici e nemici. Un imprevisto nella nostra politica misogina. Anche se la futura premier non si è mai definita femminista
Supponente, prepotente, arrogante e offensiva. E lei che a breve giro risponde di non essere ricattabile. Insomma, parafrasando un altro celebre scambio di battute, "non a disposizione". I maggiori quotidiani hanno già parlato di nemesi. Il Cavaliere messo sotto da una donna molto più giovane di lui, Giorgia Meloni, che a 45 anni potrebbe essere la prima a guidare un governo in Italia: i conti duri con il padre, del resto, fanno parte della sua biografia. Sul fronte opposto, il […]
Leggi ora