31 Dicembre 2022

Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto

Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Condividi questo articolo

Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico.

La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da maternità surrogata per iniziativa di due uomini va trascritto integralmente, indicando oltre al padre biologico anche il cosiddetto "padre intenzionale"? La risposta della Cassazione è altrettanto semplice (NO), in linea con un'altra sentenza della Cassazione nel 2019.

Quanto al/alla partner che ha condiviso il progetto -e il contratto- di ricorrere a gestazione per altri e non è genitore biologico, la sola strada possibile per essere riconosciuto/a a sua volta come genitore resta la richiesta al tribunale dei minori (istituto dell'adozione in casi particolari).

Inoltre, in linea con la legge 40 e con tutte le successive sentenze, la pronuncia di ieri ribadisce più volte la condanna della maternità surrogata intesa come elevato disvalore e come pratica che "offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane".

Una seria battuta d'arresto per le rivendicazioni dei "surrogatori".

Come detto, la strada dell'adozione in casi particolari era già stata indicata dalla sentenza 12193/19 della Cassazione a Sezioni Unite, e viene pertanto ribadita. Prima importante conseguenza è che tutte le anagrafi che con decisione autonoma stanno procedendo alla registrazione integrale e automatica di questi atti di nascita realizzati all'estero -per esempio quella del Comune di Milano- dovranno immediatamente sospendere dette registrazioni, peraltro già in contrasto con quanto disposto dalle norme in materia di ordine pubblico e da successive pronunce: l'esposto contro il sindaco di Milano Beppe Sala recentemente depositato della Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile trova dunque ulteriori ragioni nella sentenza di ieri.

Ci aspettiamo che il sindaco ne tragga le inevitabili conseguenze.

Vero è che nel 2021 la Corte Costituzionale ha ritenuto lo strumento dell'adozione in casi particolari non del tutto adeguato e ha indicato la necessità che il Parlamento legiferi sulla questione di questi atti di nascita, bilanciando la finalità di disincentivare il ricorso a utero in affitto con l'interesse del minore alla continuità affettiva. La nuova sentenza si allinea a questa impostazione. Ma allo stato attuale il Parlamento non ha ancora legiferato e nel frattempo l'istituto dell'adozione in casi particolari è stato riformato (Corte Costituzionale 79/22) e reso pienamente legittimante, quindi adeguato.

Più problematico il passaggio della sentenza dove si sostiene che in nome dell'interesse del minore il giudice potrebbe dare il suo assenso all'adozione da parte del partner del genitore biologico anche se il genitore biologico fosse in disaccordo: un frangente delicato, che riguarderebbe probabilmente un numero davvero esiguo di casi e che potrebbe comunque ingenerare una pioggia di ricorsi.

Resta il fatto che la sentenza di ieri, che ha molto deluso i legali arcobaleno -ed è oggetto di alcune interpretazioni di stampa a dire poco fantasiose e che tendono a minimizzare la sconfitta, come questa del Corriere della Sera- ribadisce in modo inequivoco la condanna dell'utero in affitto e torna a negare la possibilità di trascrivere in automatico detti atti di nascita, diniego che continua a costituire un forte disincentivo al ricorso a questa pratica.

Nell'attesa che il Parlamento legiferi, se intenderà farlo, regolando la questione degli atti di nascita ed eventualmente considerando la possibilità di perseguire il ricorso a surrogata come reato anche qualora realizzato all'estero.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora
21 Dicembre 2022
Un esposto contro Beppe Sala
Il sindaco di Milano ha deciso unilateralmente di registrare gli atti di nascita dei figli "di coppie omogenitoriali", compresi i nati da utero in affitto, pratica che in Italia è un reato e che anche l'Europa stigmatizza come sfruttamento. Di fronte al rifiuto di ogni confronto politico la Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile si rivolge alla magistratura perché valuti un'eventuale violazione della legge: l'anagrafe, infatti, è di stretta competenza dello Stato centrale
Lo scorso 2 luglio 2022 in occasione del Gay Pride il sindaco di Milano Beppe Sala annunciava pubblicamente dal palco della manifestazione di avere “da ieri riattivato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali. È con grande gioia che ho firmato ieri io personalmente nel mio ufficio” aggiungendo che “Milano vuole essere la capitale dei diritti e dei doveri!”. La pratica dell’utero in affitto -o gestazione per altri- non può essere a nessun titolo considerata un diritto. […]
Leggi ora
26 Novembre 2022
Riforma del Reddito di Cittadinanza: si tenga conto della differenza sessuale
La situazione occupazionale e i livelli retributivi delle donne -con forte variabilità regionale- sono molto diversi tra donne e uomini. Così è stato anche per il reddito, che ha avuto effetti positivi anche sulla natalità. Ecco perché il cambiamento dell'istituto richiede un'attenta valutazione del cosiddetto "impatto di genere": una riforma "uguale" potrebbe avere effetti diseguali in base al sesso
Ormai a 360°, sia pure con impostazioni e soluzioni diverse, si riconosce la necessità di una riforma del reddito di cittadinanza. Il governo Meloni ha presentato il suo piano in progress. Ma la considerazione di quello che viene definito "impatto di genere" -cioè la valutazione degli effetti della riforma sulle donne- appare ancora insufficiente, generalmente sottovalutato dalle analisi. In una situazione sociale e in un mercato del lavoro come quello italiano che vede le donne fortemente svantaggiate tanto nei livelli […]
Leggi ora
21 Novembre 2022
I "clienti" di prostituzione sanno benissimo di commettere una violenza
Una ricerca sui compratori di sesso dimostra che gli uomini sono perfettamente consapevoli del fatto che la prostituzione è violenza, che le organizzazioni criminali tengono le donne nel terrore e che non c'è "regolamentazione" che tenga. Ma si fermano solo se rischiano una condanna penale, come accade in Svezia, Norvegia, Canada, Francia, Irlanda, Israele e in altri paesi che hanno introdotto il modello abolizionista. Diversamente continuano a considerare lo stupro a pagamento come un loro diritto
di Julie Bindel La Germania è conosciuta come il bordello d’Europa. È un titolo conquistato faticosamente. Con più di 3.000 bordelli in tutto il Paese, e 500 solo a Berlino, il suo commercio sessuale vale più di 11 miliardi di sterline all’anno. La prostituzione, in tutte le sue forme, è legale in Germania, sin dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Recentemente, però, l’atteggiamento sta cambiando. La gente e i politici chiedono al governo di prendere atto del cosiddetto “stato pappone” e […]
Leggi ora
29 Ottobre 2022
Il nome della premier
Giorgia Meloni non è femminista. La sua storia non è questa. Non ha condiviso le lunghe battaglie sulla lingua, sulla declinazione al femminile anziché al neutro-maschile. Ma il linguaggio oggi è un campo di battaglia che struttura le più importanti questioni politiche. E merita da parte sua un supplemento di riflessione
Giorgia Meloni non è femminista. Non è questa la sua storia. Nessuna donna di destra o centrodestra che abbia assunto importanti incarichi politici, da Thatcher a Merkel, si è mai detta femminista. Ne consegue la non-sensibilità alla declinazione femminile del proprio incarico, a cui il femminismo invece dà importanza. Anche se Angela Merkel alla fine del suo lungo cancellierato, nel corso di un incontro con la scrittrice Chimamanda Ngozi Adichie, ha accettato di dirsi femminista. Secondo Alice Schwarzer, fondatrice della […]
Leggi ora