31 Dicembre 2022

Nuovo NO della Cassazione alla registrazione dei "due padri" da utero in affitto

Per la seconda volta la Corte Suprema ribadisce: quegli atti di nascita formati all’estero non possono essere registrati dalle anagrafi italiane. Per il/la partner del padre biologico la strada è solo l’adozione. La maternità surrogata resta un elevato disvalore e viola la dignità della donna. Il sindaco Sala smetta subito di trascriverli, come richiesto nel nostro esposto
Condividi questo articolo

Le sentenze vanno lette con attenzione perché il diavolo, per così dire, si nasconde nei dettagli. Ma nessun dubbio sul fatto che la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 38162 depositata ieri torna a respingere la richiesta di registrazione integrale e automatica degli atti di nascita dei bambini nati all'estero da utero in affitto, consentendo all'anagrafe unicamente l'indicazione del genitore biologico.

La domanda era molto semplice. In breve: l'atto di nascita realizzato in Canada di un bambino nato da maternità surrogata per iniziativa di due uomini va trascritto integralmente, indicando oltre al padre biologico anche il cosiddetto "padre intenzionale"? La risposta della Cassazione è altrettanto semplice (NO), in linea con un'altra sentenza della Cassazione nel 2019.

Quanto al/alla partner che ha condiviso il progetto -e il contratto- di ricorrere a gestazione per altri e non è genitore biologico, la sola strada possibile per essere riconosciuto/a a sua volta come genitore resta la richiesta al tribunale dei minori (istituto dell'adozione in casi particolari).

Inoltre, in linea con la legge 40 e con tutte le successive sentenze, la pronuncia di ieri ribadisce più volte la condanna della maternità surrogata intesa come elevato disvalore e come pratica che "offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane".

Una seria battuta d'arresto per le rivendicazioni dei "surrogatori".

Come detto, la strada dell'adozione in casi particolari era già stata indicata dalla sentenza 12193/19 della Cassazione a Sezioni Unite, e viene pertanto ribadita. Prima importante conseguenza è che tutte le anagrafi che con decisione autonoma stanno procedendo alla registrazione integrale e automatica di questi atti di nascita realizzati all'estero -per esempio quella del Comune di Milano- dovranno immediatamente sospendere dette registrazioni, peraltro già in contrasto con quanto disposto dalle norme in materia di ordine pubblico e da successive pronunce: l'esposto contro il sindaco di Milano Beppe Sala recentemente depositato della Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile trova dunque ulteriori ragioni nella sentenza di ieri.

Ci aspettiamo che il sindaco ne tragga le inevitabili conseguenze.

Vero è che nel 2021 la Corte Costituzionale ha ritenuto lo strumento dell'adozione in casi particolari non del tutto adeguato e ha indicato la necessità che il Parlamento legiferi sulla questione di questi atti di nascita, bilanciando la finalità di disincentivare il ricorso a utero in affitto con l'interesse del minore alla continuità affettiva. La nuova sentenza si allinea a questa impostazione. Ma allo stato attuale il Parlamento non ha ancora legiferato e nel frattempo l'istituto dell'adozione in casi particolari è stato riformato (Corte Costituzionale 79/22) e reso pienamente legittimante, quindi adeguato.

Più problematico il passaggio della sentenza dove si sostiene che in nome dell'interesse del minore il giudice potrebbe dare il suo assenso all'adozione da parte del partner del genitore biologico anche se il genitore biologico fosse in disaccordo: un frangente delicato, che riguarderebbe probabilmente un numero davvero esiguo di casi e che potrebbe comunque ingenerare una pioggia di ricorsi.

Resta il fatto che la sentenza di ieri, che ha molto deluso i legali arcobaleno -ed è oggetto di alcune interpretazioni di stampa a dire poco fantasiose e che tendono a minimizzare la sconfitta, come questa del Corriere della Sera- ribadisce in modo inequivoco la condanna dell'utero in affitto e torna a negare la possibilità di trascrivere in automatico detti atti di nascita, diniego che continua a costituire un forte disincentivo al ricorso a questa pratica.

Nell'attesa che il Parlamento legiferi, se intenderà farlo, regolando la questione degli atti di nascita ed eventualmente considerando la possibilità di perseguire il ricorso a surrogata come reato anche qualora realizzato all'estero.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
19 Dicembre 2023
Quando l'aborto è una violenza
Un grande numero di interruzioni di gravidanza si spiega con l’irresponsabilità e con la “fuga” degli uomini. “Per il piacere di chi sto abortendo?” si chiedeva Carla Lonzi. Ma questa violenza maschile non viene mai nominata e si continuano a colpevolizzare le donne. Come fanno i ProVita con la loro proposta di obbligarle ad ascoltare il battito del feto
Ammesso che ce ne fosse bisogno, all'on. Maria Rachele Ruiu di ProVita ho detto con la massima franchezza che obbligare la donna intenzionata ad abortire di ascoltare il battito del cuore del feto non è una proposta ammissibile. Si tratta di un'idea insensata, sadica, punitiva e probabilmente incostituzionale che avrebbe probabilmente come unico effetto quello di incentivare l'aborto clandestino. Forse la proposta non andrà mai in discussione e resterà mera propaganda. Cattiva propaganda però. Ancora una volta nel mirino ci […]
Leggi ora
15 Dicembre 2023
Processi e stupri
Le domande poste in aula alla presunta vittima di violenza sessuale da parte di Ciro Grillo e compagni ricordano molto i toni dei legali della difesa nel famoso “Processo per stupro” del 1979. La formidabile arringa di Tina Lagostena Bassi, avvocata di parte civile in quel procedimento, spiega perché queste modalità di interrogatorio erano -e restano- inaccettabili. Riascoltiamola
Vale la pena di rileggersi ed eventualmente riascoltare -il pluripremiato film Processo per stupro, 1979*, potete rivederlo qui in versione integrale- la formidabile arringa dell'avvocata Tina Lagostena Bassi, legale di parte civile in difesa di una giovane donna stuprata da 4 uomini che l'avevano attirata in una villa di Nettuno con il pretesto di un'offerta di lavoro. Il processo si concluse con una condanna ma gli imputati beneficiarono della libertà condizionale. Vale la pena di riascoltare quell'arringa perché nelle parole […]
Leggi ora
4 Dicembre 2023
Fuori i misogini dal servizio pubblico
L'ingaggio a "Ballando con le stelle" di Teo Mammucari, protagonista di uno degli show più offensivi di sempre contro le donne con una "valletta muta" -Flavia Vento- inscatolata nel plexiglas e metodicamente sbeffeggiata, fa dubitare sull'effettivo impegno della Rai contro la violenza e il maschilismo. E obbliga le cittadine e i cittadini a contribuire al cachet di chi ha offerto delle donne un'immagine tanto degradante
Al CdA RAI alla Presidente MARINELLA SOLDI all'Amministratore Delegato ROBERTO SERGIO alla Commissione Parlamentare di Vigilanza RAI Il femminicidio di Giulia Cecchettin ha segnato un punto di non ritorno nella coscienza collettiva sulla violenza maschile: l’unico precedente possibile è il delitto del Circeo. La RAI ha rappresentato questo momento di dolore e di consapevolezza politica manifestando l’intento a mobilitarsi in modo permanente contro la misoginia e il maschilismo.  Per questa ragione ci sorprende, ci offende e ci addolora l'ingaggio a […]
Leggi ora
30 Novembre 2023
Nata da madre in affitto
Olivia Maurel, 32 anni, è nata da una madre surrogata e oggi si batte in prima linea contro la pratica che definisce “atroce” e “mostruosa”. Ha sempre saputo che qualcosa non andava nella sua famiglia. Soffre di depressione, ha avuto problemi di alcolismo e ha tentato più volte il suicidio. Solo recentemente ha scoperto la verità sulle sue origini e di aver subito il trauma dell’abbandono. “A nessun bambino” dice “deve più capitare quello che è successo a me”
Commerciale o "altruistica" la surrogata va abolita. Sono le parole di Olivia Maurel, nata nel dicembre 1991 in Kentucky da surrogata tradizionale (ovvero in cui anche l'ovocita appartiene alla "madre in affitto", ndr) che in una conferenza al parlamento della Repubblica ceca ha raccontato la sua esperienza. Oggi, sposata con due figli a Cannes, "fiera di esser femminista" come si legge sulla sua pagina X, si batte contro la surrogata. La sua testimonianza, molto preziosa in quanto sono ancora pochissimi […]
Leggi ora
9 Novembre 2023
13 novembre a L'Aja contro l'utero in affitto
La Conferenza di Diritto Internazionale Privato spinge per il riconoscimento transnazionale dei contratti di gestazione per altri con l'intento di forzare le legislazioni nazionali a vantaggio dei profitti del biomercato. La coalizione Icams contro la GPA ha organizzato una manifestazione in difesa della dignità delle donne e contro il mercato di bambine e bambini
La Coalizione internazionale per l’abolizione della maternità surrogata (ICASM) ha organizzato per il 13 novembre una manifestazione internazionale davanti alla Conferenza dell’Aja di diritto internazionale privato (HCCH) per opporsi alla regolamentazione della “maternità surrogata” transfrontaliera.  Si sta infatti cercando di imporre una regolamentazione internazionale per la cosiddetta “maternità surrogata”: dal 13 novembre l’HCCH istituirà un gruppo di lavoro con il compito di redigere una convenzione per consentire il riconoscimento transfrontaliero dei contratti. Questo per  soddisfare la crescente domanda nel biomercato […]
Leggi ora