Milano introduce l'autocertificazione di genere

Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Condividi questo articolo

Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta.

In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e come se il sesso di nascita non contasse nulla, il Consiglio comunale ha approvato.

Un mutamento antropologico, quello che il filosofo Ivan Illich aveva profetizzato come «un cambiamento della condizione umana che non ha precedenti», l'atto di nascita di quello che lui aveva definito Neutrum Oeconomicum, passato così, in quattro e quattr'otto e in sordina, senza discussione né clamore, come un semplice atto amministrativo.

La mozione, presentata dalla consigliera PD Monica Romano -che è transessuale, nella foto di apertura-, entusiasticamente sostenuta dalla solita presidente delle Pari Opportunità Diana De Marchi - per la quale ormai da anni diritti e diritti queer sono sinonimi- e da un drappello di altri consiglieri che fanno parte di quel partito, sostiene che la legge 164/82 che regola il percorso di transizione ormai è un ferro vecchio, istituisce un Registro per il riconoscimento del genere di elezione, introduce l'"identità alias" in molti ambiti della vita cittadina, per esempio "tessere delle biblioteche comunali, abbonamenti per il trasporto pubblico, documenti di riconoscimento interni per i dipendenti del Comune di Milano e ... per i dipendenti delle aziende partecipate". La cosa avrebbe effetti anche sui registri elettorali.

"Il rilascio di tali documenti avverrebbe solo dopo il deposito di atti notori in cui la persona interessata dichiara e l'amministrazione comunale prende atto che -a titolo di esempio- Mario Rossi e Maria Rossi corrispondono alla stessa persona" è scritto nella mozione.

Detto passaggio comporterebbe un semplice "colloquio con il Sindaco, un componente della giunta, un consigliere comunale o di municipio" in cui ci si dà "solennemente atto della reciproca assunzione di responsabilità".

La faccenda non riguarda le persone transessuali che hanno effettivamente intrapreso un percorso di transizione come previsto dalla legge -e che vogliano eventualmente anticiparne gli effetti- ma qualunque Mario che voglia essere Maria senza fare questo percorso, qualunque Maria voglia essere Mario, o qualunque Mario/Maria che non voglia essere né Mario né Maria, casi raccolti sotto l'ombrello transgender. Non vi sarebbero effetti immediati sui documenti di identità, ma è noto che queste innovazioni , come peraltro Monica Romano sa benissimo, passano spesso attraverso norme e regolamenti per poi approdare a riforme legislative.

Come più volte abbiamo detto, l'identità di genere è l'architrave della ddl Zan, recentemente ripresentata al Senato: il self-id di Milano supera di fatto il ddl, bypassando ogni ostacolo.

Milano apre la strada. Lo spiega a Repubblica la stessa consigliera Romano:

"È il primo registro di genere che viene istituito in Italia e permetterà alle persone transgender, non binarie e gender-non-conforming di non dover più essere sottoposti a frustranti perizie psichiatriche e autorizzazioni di tribunali. La persona potrà finalmente autodeterminarsi, andare di fronte a un ufficiale di stato civile e fare una dichiarazione libera, a partire dalla scelta del proprio nome d'elezione. Questo voto vuole essere un pungolo per la politica nazionale"

Per commentare l'innovazione possono venire buone le parole della giornalista transessuale britannica Debbie Hayton, che aveva salutato con deciso favore la bocciatura del self-id: «Aver cestinato il self-id è una vittoria per le donne transessuali (…) Il self-id sarebbe stata una porta aperta per ogni maschio violento intenzionato ad accedere senza restrizioni agli spazi femminili. In Gran Bretagna i diritti delle persone trans non sono mai stati garantiti come oggi».

La mozione approvata dal Consiglio Comunale fa parte di un pacchetto di iniziative friendly che intendono fare di Milano una capitale del turismo Lgbtq, con interessanti risvolti economici. Non venga inteso come benaltrismo, ma forse la maggioranza di sinistra dovrebbe occuparsi anzitutto del fatto che ormai un semplice affitto a Milano è diventato un lusso per pochi, questione senz'altro meno glam ma di una certa rilevanza.

È stato approvato anche un ordine del giorno a firma del PD Michele Albiani che invita la giunta Sala a proclamare la città "zona di libertà per le persone LGBTQ+". Un altro ordine del giorno, sempre a firma Albiani, propone la messa al bando delle cosiddette "terapie riparative" -senza considerare che oggi le prime terapie riparative, come segnalato da attivisti e attiviste gay e lesbiche, consistono nella somministrazione di ormoni e bambine-i gender nonconforming, pratica ormai messa al bando in tutto il Nordeuropa e che continua invece ad avere corso in Italia, ma forse il consigliere Albiani non ne è informato.

Più in generale -per colpevole difetto di informazione- si ritiene che gli obiettivi queer e quelli delle persone gay e lesbiche facciano parte di un unico pacchetto: niente di più sbagliato, leggere qui. Il queer non è gay friendly.

Qualche valutazione per concludere. In un colloquio privato qualche settimana fa la consigliera Monica Romano ci aveva assicurato di essere personalmente contraria al self-id: a quanto pare non è così. In generale, innovazioni di questa portata richiedono un amplissimo dibattito pubblico e non possono essere imposte alla cittadinanza come semplici atti amministrativi. Soprattutto, è da far valutare alla magistratura se la mozione approvata dal Consiglio di Milano sia coerente con la legge in vigore che regola i percorsi di "cambiamento di sesso" (164/82) e successive sentenze che non impongono più l'intervento demolitivo maggiore (la rimozione dei genitali) ma confermano la necessità di un percorso medico, psicologico e legale.

Un atto amministrativo come quello milanese non può in alcun modo pensare di bypassare la legge nazionale.

Marina Terragni


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
5 Luglio 2022
Donne attaccate da destra e da sinistra: la cenere sul capo del New York Times
Organo dei liberal e della cultura woke, da alcuni mesi il grande quotidiano USA ha intrapreso un vigoroso cambio di rotta, ammettendo i propri eccessi e la misoginia del nuovo corso progressista impegnato a cancellare le donne. Nell'attesa che il vento autocritico arrivi anche in Europa
di Pamela Paul Forse ha senso che le donne - creature dall'apparenza compiacente e gradevole, altruiste e tanto carine - siano state quelle che hanno finalmente riunito il nostro paese polarizzato. Perché l'estrema destra e l'estrema sinistra hanno trovato l'unica cosa su cui possono essere d'accordo: le donne non contano. La posizione della destra è la più nota, il movimento si è dedicato in modo aggressivo per decenni a privare le donne dei diritti fondamentali. Grazie anche a due giudici […]
Leggi ora
5 Luglio 2022
Il "regalo" del sindaco Beppe Sala al Pride
D'ora in poi a Milano verranno registrati in automatico gli atti di nascita dei figli di "coppie omogenitoriali", compresi quelli nati da utero in affitto. Anche se la legge e successive sentenze condannano fermamente la pratica e indicano la strada dell'adozione per il genitore "intenzionale". Ma l'anagrafe è di competenza dello Stato, e non delle amministrazioni locali. E i milanesi non sono mai stati interpellati a riguardo: tutte le criticità di una decisione unilaterale e molto glam che potrebbe presentare anche profili di incostituzionalità
“Abbiamo riavviato il riconoscimento dei figli nati in Italia da coppie omogenitoriali”: le parole con cui il sindaco Beppe Sala ha annunciato il suo personale “regalo” al Pride hanno inizialmente ingenerato qualche confusione. Infatti i figli nati “in Italia” per iniziativa -e giocoforza non “da”- coppie omogenitoriali sono solo i figli di donne unite con altre donne. I figli delle coppie di uomini nascono in Canada, in California o in altre nazioni mete di turismo procreativo, ma in Italia no […]
Leggi ora
29 Giugno 2022
Finiscono le scuole, ricominciano i prelievi coatti dei bambini
Nonostante una recente sentenza della Cassazione abbia definito "fuori dallo stato di diritto" il prelievo coatto dei minori, questa mattina in provincia di Lodi un bambino di 11 anni è stato strappato a sua madre, trattenuta con la forza e con l'inganno mentre il figlio veniva prelevato. Ecco come sono andati i fatti nel racconto di una testimone
Questa mattina in provincia di Lodi, a Casalmaiocco, un bambino di 11 anni, Gioele, è stato strappato con la forza ed allontanato in modo improvviso e traumatico dalla madre con cui viveva. Ecco i fatti come vengono raccontati da un'attivista di MaternaMente presente in quel momento: "Deborah e suo figlio erano stati convocati per un incontro dai servizi sociali stamattina. L'incontro si è  svolto online e i ss hanno usato toni rassicuranti. La mamma si è poi recata in comune per […]
Leggi ora
23 Giugno 2022
Questione trans: cambio di vento tra i progressisti
Il "la" lo danno i democratici americani, ma anche nel resto d'Occidente la trans-filia dei progressisti comincia a dare segni di cedimento. Opportunismo elettoralistico, certo. Ma il cambiamento va registrato. Tenendo gli occhi bene aperti
Michele Serra è un amico e apprezzo molto che si sia assunto la responsabilità di rompere il silenzio da sinistra -finalmente-sull'insopportabile ingiustizia dei corpi maschili negli sport femminili (L'Amaca su La Repubblica ieri, 22 giugno), ingiustizia contro la quale lottiamo da molto tempo (qui troverete un'infinità di testi su questo tema). Un appunto, se possibile: avrei evitato di usare la definizione woke cisgender, imposta dal transattivismo, e nella quale la stragrande maggioranza delle donne del mondo, atlete e non atlete, […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ma le donne esistono ancora
Il titolo non ci piace troppo, in particolare quel laconico "ancora", ma grazie a La Repubblica per avere ospitato il nostro intervento nel dibattito che si è aperto a partire dal testo di Michela Marzano intitolato "Se non è il sesso a fare la donna". Lo ripubblichiamo qui perché non lo trovate sull'online
Pubblicato su La Repubblica il nostro testo nel dibattito aperto da Michela Marzano con il suo intervento sulle "donne con il pene" e altre meraviglie. Manteniamo il titolo originale che è stato dato al nostro intervento per non fare confusione, anche se non ci piace granché. Ecco il testo integrale a seguire. Che cos’è una donna? È quella che ci ha messi al mondo, tutte e tutti. Su questo non può esserci alcun dubbio. Il che non significa affatto che […]
Leggi ora
20 Giugno 2022
Ciao ciao "Lia": stop mondiale ai nuotatori trans nelle gare femminili
Nonostante lo scandaloso e opportunistico silenzio dei media sportivi, La Federazione Mondiale del Nuoto chiude ai corpi maschili nelle gare femminili (qualcosa del genere è stato deciso anche per il ciclismo). Presto, si spera, arriveranno tutte le altre categorie. I casi "Lia" Thomas, trans ruba-trofei, non si ripeteranno più. Onore alle atlete che hanno combattuto contro questa colossale ingiustizia. E a tutte noi che resistiamo da anni alla violenza misogina della gender ideology
Lottare serve: un pezzo dopo l'altro il muro della trans-ideologia sta crollando. E mentre i democratici americani -parola di Hillary Clinton- prendono clamorosamente le distanze dal transattivismo perché si rendono conto che su questi temi rischiano di giocarsi la presidenza degli Stati Uniti, la Fina (Fédération Internationale de Natation), organo di governo mondiale del nuoto, ha votato a favore di nuove regole secondo le quali gli atleti transgender non potranno gareggiare nelle competizioni d'élite femminili se hanno attraversato una qualsiasi parte del […]
Leggi ora