Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà

In un articolo privo di riscontri scientifici Michela Marzano sostiene che gli effetti dei puberty blocker somministrati a bambine-i “non conformi al genere” sarebbero perfettamente reversibili, dato smentito da studi e dalla pratica clinica. E parla di maggiore rischio suicidio per questi minori, rischi mai comprovati. Qui il testo argomentato scientificamente di una lettera da inviare al direttore Molinari per richiedere un’informazione più accurata e meno ideologica su un tema così delicato
Condividi questo articolo
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà

Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it


Gentile Direttore Molinari,

leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di dare tempo al tempo, e quindi dà la possibilità alle persone adolescenti di maturare, senza costringerle a convivere con quella disperazione profonda che, molto spesso (e lo sappiamo!) sfocia nel suicidio”.

Quanto alla supposta “reversibilità” degli effetti prodotti dai blocker, si tratta di un dato smentito da svariati studi (si veda a titolo di esempio l’articolo pubblicato dal British Medical Journal) nonché dalla pratica clinica. Un effetto ormai accertato come irreversibile è la demineralizzazione ossea: lo studio parla di crescita ridotta in altezza e forza ossea.

Anche qualora la bambina o il bambino (la somministrazione è prepuberale, si tratta quindi di bambini tra i 9 e i 12 anni) sospendesse la “terapia”, i problemi alle ossa e l’osteopenia precocissima sarebbero irreversibili, così come altri possibili effetti allo studio, dai rischi per la fertilità, per il sistema nervoso e altri. In verità quasi mai la “terapia” viene interrotta, considerato che la percentuale di minori che dai blocker passa all’assunzione di ormoni cross-sex supera ampiamente il 90%, quindi i blocker non danno “tempo al tempo” ma avviano di fatto la transizione.

Un altro studio pubblicato dalla rivista dell’Endocrine Society mette in evidenza che la pubertà tardiva fisiologica si associa al rischio di numerose patologie nell’età adulta, come obesità, diabete di tipo 2 e problemi cardiovascolari, oltre alla già menzionata osteoporosi e a problemi di salute mentale. Questi rischi valgono anche nel caso in cui la pubertà venga volontariamente ritardata con l’uso di blocker.  

Proprio sulla base di questa e altre evidenze in molte nazioni pioniere di questi trattamenti si è registrato un brusco cambio di rotta: la Tavistock Clinic di Londra, centro di eccellenza in UK, è stata chiusa dopo numerosi scandali e in seguito alle inchieste che ne sono derivate, con un’ampia discussione sui maggiori quotidiani inglesi -possibile che Marzano non ne sia a conoscenza?-. Stessa sorte per il suo omologo svedese, il Karolinska Institute di Stoccolma, che ha dovuto ammettere di avere rovinato la salute a bambine e bambini esponendoli al rischio di "gravi lesioni" e convenendo sul fatto che non esistono studi sufficienti a dimostrare se il trattamento con ormoni sia utile e sicuro per le-i minori.  Il trattamento con ormoni, si sostiene, dovrebbe continuare ad essere somministrato solo nell'ambito di precisi studi, che al momento mancano. Si può dunque senza alcun dubbio affermare che la “terapia” con i puberty blocker è sperimentale. Sulla base dei risultati emersi, la conclusione del National Board of Health and Welfare svedese è che i rischi del trattamento antipubertà e dell'ormone di conferma del sesso per le/i minori di 18 anni superano attualmente i possibili benefici.

Si frena anche in Norvegia, in Finlandia, in molti Stati americani, in Australia, perfino in Olanda dove il modello “affermativo” a base di farmaci è stato inventato nel 2006 (si parla infatti di “protocollo olandese”) e dove si torna a dare priorità all’approccio psicologico e psichiatrico.

Quanto al “dare tempo al tempo”, come sostiene Marzano,per consentire a bambine e bambini “di maturare”, è l’esatto contrario: sono proprio i blocker a impedire la fisiologica maturazione, lo sviluppo sessuale e una più chiara comprensione di sé. Lo spiegano associazioni come LGB Alliance e Lesbian United che definiscono la terapia farmacologica sui minori come pratica essenzialmente omofobica visto che la grande parte di queste bambine e di questi bambini nel tempo si scoprirebbero “semplicemente” omosessuali.

Infine, e ci sarebbe molto altro da rilevare, il rischio suicidio menzionato da Marzano: non esiste alcuno studio che accerti un maggior rischio suicidio nei minori con supposta disforia di genere -supposta perché, come ormai acquisito, molti di questi minori soffrono di disturbi dello spettro autistico, di depressione o di altre problematiche mentali-, né che confronti il rischio suicidio tra i minori “disforici” che assumono blocker con quello tra i minori che non li assumono. Non si può sostenere che i blocker alleviano i pensieri negativi tra i minori con disforia. Trattandosi della vita e della sofferenza di tanti bambini/e e delle loro famiglie, Marzano non dovrebbe parlare di rischio suicidio senza precisi riscontri.

Auspichiamo che il suo giornale possa ospitare interventi meno approssimativi su una questione così delicata, aprendo a un dibattito non ideologico e fondato su dati di scienza, analogamente a quanto si verifica nei maggiori media internazionali. E tenendo anche conto del fatto che l’approccio ideologico contribuisce all’ “epidemia” di disforia tra i minori, contagio sociale ammesso perfino da WPATH, principale associazione mondiale per la salute transgender, in una recente intervista al New York Times

Con preghiera di pubblicazione

Rete per l’Inviolabilità del Corpo Femminile

GenerAzioneD, associazione di genitori di adolescenti e preadolescenti che si sono identificati come transgender


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
14 Aprile 2024
Bambine-i imbottiti di ormoni: una sperimentazione in vivo. Chi pagherà per questo?
Hilary Cass, la pediatra inglese che ha prodotto un monumentale rapporto sulla “terapia affermativa” per i minori non usa mezzi termini: quei bambini “sono stati usati come palloni da football”. Non ci sono mai state prove che i puberty blocker funzionino, che riducano il rischio suicidio, che aumentino il benessere dei pazienti: tutt’altro. Chi in mancanza di certezze scientifiche ha comminato questi trattamenti, chi ha addirittura perseguitato tanta gente di buona volontà determinata a denunciare lo scandalo in nome della verità resterà comunque impunito? Keira Bell, la più nota delle detransitioner, auspica conseguenze penali
L’inglese Keira Bell, ex-paziente della Tavistock Clinic di Londra, è sicuramente la più celebre tra le destransitioner. Dopo la pubblicazione della Cass Review dice a The Times che vorrebbe veder partire procedimenti penali perché le bambine-i trattati dalla clinica con puberty blocker e ormoni possano finalmente avere giustizia. Keira oggi ha 27 anni, giudica il trattamento a cui è stata sottoposta -blocker, ormoni, rimozione dei seni- “sperimentale nella migliore delle ipotesi, distruttivo nella peggiore” e crede che i professionisti abbiano […]
Leggi ora
12 Aprile 2024
Chiuse in un recinto. Come a Kabul
Lettera aperta al Sindaco Gualtieri e alle altre autorità competenti sull’incredibile scena di discriminazione nel quartiere Centocelle a Roma: donne isolate come animali impuri per le celebrazioni di fine Ramadan. Chi ha dato il permesso per l’inaccettabile manifestazione? E che iniziative si intendono intraprendere contro questa barbarie misogina?
Al Sindaco di Roma Roberto Gualtieri Al Presidente del Municipio V Mauro Caliste Alla Commissione Pari Opportunità del Comune di Roma e p.c. Alla Ministra Pari Opportunità e Famiglia Eugenia Roccella Al Ministro dell'Interno Matteo Piantedosi Gentile Sindaco, gentile Presidente, gentili membri della Commissione Pari Opportunità, manifestiamo sgomento e sconcerto a fronte delle modalità con cui nel Municipio V della Capitale -piazza dei Mirti, quartiere Centocelle, a pochi metri dalla scuola intitolata ad Artemisia Gentileschi- si sono svolte le celebrazioni […]
Leggi ora
10 Aprile 2024
UK. Rapporto Cass: mai più terapia affermativa per i minori con disagi legati al genere
Esce il rapporto finale sulle transizioni di minori della pediatra Hilary Cass: offrire la terapia affermativa è stata un fallimento. Non ci sono prove sull’efficacia di bloccanti della pubertà, che non dovrebbero essere mai prescritti, se non in rari casi particolari. Gli ormoni del sesso opposto non si dovrebbero dare prima dei 18 anni, e anche tra i 18 e i 25 andrebbe usata cautela. Uno spartiacque definitivo
È uscito stamattina l’atteso rapporto definitivo della Cass Review, una revisione indipendente presieduta dalla pediatra Hilary Cass sui servizi della sanità pubblica per bambini e minori con “disforia di genere”. La sua relazione finale e le raccomandazioni sono state presentate al NHS England. Ecco i punti salienti. La condanna per la terapia affermativa è definitiva, e determinata dalla assoluta mancanza di prove che bloccanti della pubertà e ormoni del sesso opposto portino reali benefici ai minori che soffrono per “incongruenza […]
Leggi ora
28 Marzo 2024
Terapie ormonali sui bambini: le assicurazioni dei medici cominciano a scappare
Troppo alto il rischio di richiesta di risarcimenti milionari da parte dei minori sottoposti a trattamenti irreversibili che si pentono della “terapia affermativa”: ecco perché alcune compagnie assicurative non si sentono più di coprire la “medicina di genere” con le loro polizze
Chi resiste al mercato della transizione di bambine e bambini non conformi al genere sa benissimo che quasi sempre il punto di svolta -com'è stato in UK con Keira Bell e negli USA con Chloe Cole- è la causa intentata da un'ex-bambina-o trattata-o con blocker e ormoni contro i medici che hanno somministrato la "terapia": la parte delle-dei detransitioner è decisiva. Allora la partita diventa soldi contro soldi: i soldi incassati dalle gender clinic contro quelli che si ritrovano a […]
Leggi ora
23 Marzo 2024
Anche in Wyoming stop alla transizione dei minori
È il 24° stato USA a mettere al bando i trattamenti farmacologici e chirurgici sui corpi di bambine e bambini non conformi al genere. Medici e operatori che continueranno a prescrivere la terapia affermativa perderanno la licenza. Decisiva per l’approvazione della legge la testimonianza -e l’azione legale- della detransitioner Chloe Cole. Approvata anche una norma che vieta il trans-indottrinamento nelle scuole
Dal prossimo primo luglio in Wyoming saranno al bando trattamenti ormonali e chirurgie di transizione di genere dei minori. Con l'approvazione della legge, il Senate File 99, il Wyoming si unirà agli altri 23 stati americani, dall’Alabama al West Virginia, che hanno vietato o limitato moltissimo la medicina di genere sui minori.  Secondo la legge medici, farmacisti e altri operatori sanitari che forniscono cure che affermano il genere potrebbero vedersi sospendere o revocare la licenza. Osteggiata dal governatore Mark Gordon, […]
Leggi ora
12 Marzo 2024
L'UK ha deciso: mai più bloccanti della pubertà ai minori con disforia. E' il giro di boa definitivo (in memory of Yarden Silveira, 1998-2021, ucciso dal "cambio di sesso")
Non solo lo stop alla Tavistock Clinic: in nessun centro britannico per bambine e bambini “non conformi al genere” si potranno più prescrivere puberty blocker. L’approccio dovrà essere unicamente psicologico: clamoroso giro di boa che avrà effetti a cascata in tutto il mondo Italia compresa. Sta per avere finalmente fine uno dei più grandi scandali della storia della medicina: qualcuno pagherà per le migliaia di minori irreversibilmente danneggiati? Ricordando qui uno tra loro che ha perso la vita a causa della spregiudicatezza di medici e chirurghi
Il Servizio Sanitario Nazionale Britannico (NHS) comunica che I BLOCCANTI DELLA PUBERTA' NON SARANNO PIU' SOMMINISTRATI AI MINORI CON DISFORIA DI GENERE: una notizia enorme e commovente dopo anni e anni di battaglie che abbiamo combattuto in prima linea. Quindi non solo chiude il servizio dedicato della Tavistock Clinic di Londra, ma in nessun centro per il trattamento dei minori con disforia si utilizzeranno più i puberty blocker. La decisione, definita "storica", avrà effetti a cascata in tutto il mondo, […]
Leggi ora