Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà

In un articolo privo di riscontri scientifici Michela Marzano sostiene che gli effetti dei puberty blocker somministrati a bambine-i “non conformi al genere” sarebbero perfettamente reversibili, dato smentito da studi e dalla pratica clinica. E parla di maggiore rischio suicidio per questi minori, rischi mai comprovati. Qui il testo argomentato scientificamente di una lettera da inviare al direttore Molinari per richiedere un’informazione più accurata e meno ideologica su un tema così delicato
Condividi questo articolo
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà

Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it


Gentile Direttore Molinari,

leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di dare tempo al tempo, e quindi dà la possibilità alle persone adolescenti di maturare, senza costringerle a convivere con quella disperazione profonda che, molto spesso (e lo sappiamo!) sfocia nel suicidio”.

Quanto alla supposta “reversibilità” degli effetti prodotti dai blocker, si tratta di un dato smentito da svariati studi (si veda a titolo di esempio l’articolo pubblicato dal British Medical Journal) nonché dalla pratica clinica. Un effetto ormai accertato come irreversibile è la demineralizzazione ossea: lo studio parla di crescita ridotta in altezza e forza ossea.

Anche qualora la bambina o il bambino (la somministrazione è prepuberale, si tratta quindi di bambini tra i 9 e i 12 anni) sospendesse la “terapia”, i problemi alle ossa e l’osteopenia precocissima sarebbero irreversibili, così come altri possibili effetti allo studio, dai rischi per la fertilità, per il sistema nervoso e altri. In verità quasi mai la “terapia” viene interrotta, considerato che la percentuale di minori che dai blocker passa all’assunzione di ormoni cross-sex supera ampiamente il 90%, quindi i blocker non danno “tempo al tempo” ma avviano di fatto la transizione.

Un altro studio pubblicato dalla rivista dell’Endocrine Society mette in evidenza che la pubertà tardiva fisiologica si associa al rischio di numerose patologie nell’età adulta, come obesità, diabete di tipo 2 e problemi cardiovascolari, oltre alla già menzionata osteoporosi e a problemi di salute mentale. Questi rischi valgono anche nel caso in cui la pubertà venga volontariamente ritardata con l’uso di blocker.  

Proprio sulla base di questa e altre evidenze in molte nazioni pioniere di questi trattamenti si è registrato un brusco cambio di rotta: la Tavistock Clinic di Londra, centro di eccellenza in UK, è stata chiusa dopo numerosi scandali e in seguito alle inchieste che ne sono derivate, con un’ampia discussione sui maggiori quotidiani inglesi -possibile che Marzano non ne sia a conoscenza?-. Stessa sorte per il suo omologo svedese, il Karolinska Institute di Stoccolma, che ha dovuto ammettere di avere rovinato la salute a bambine e bambini esponendoli al rischio di "gravi lesioni" e convenendo sul fatto che non esistono studi sufficienti a dimostrare se il trattamento con ormoni sia utile e sicuro per le-i minori.  Il trattamento con ormoni, si sostiene, dovrebbe continuare ad essere somministrato solo nell'ambito di precisi studi, che al momento mancano. Si può dunque senza alcun dubbio affermare che la “terapia” con i puberty blocker è sperimentale. Sulla base dei risultati emersi, la conclusione del National Board of Health and Welfare svedese è che i rischi del trattamento antipubertà e dell'ormone di conferma del sesso per le/i minori di 18 anni superano attualmente i possibili benefici.

Si frena anche in Norvegia, in Finlandia, in molti Stati americani, in Australia, perfino in Olanda dove il modello “affermativo” a base di farmaci è stato inventato nel 2006 (si parla infatti di “protocollo olandese”) e dove si torna a dare priorità all’approccio psicologico e psichiatrico.

Quanto al “dare tempo al tempo”, come sostiene Marzano,per consentire a bambine e bambini “di maturare”, è l’esatto contrario: sono proprio i blocker a impedire la fisiologica maturazione, lo sviluppo sessuale e una più chiara comprensione di sé. Lo spiegano associazioni come LGB Alliance e Lesbian United che definiscono la terapia farmacologica sui minori come pratica essenzialmente omofobica visto che la grande parte di queste bambine e di questi bambini nel tempo si scoprirebbero “semplicemente” omosessuali.

Infine, e ci sarebbe molto altro da rilevare, il rischio suicidio menzionato da Marzano: non esiste alcuno studio che accerti un maggior rischio suicidio nei minori con supposta disforia di genere -supposta perché, come ormai acquisito, molti di questi minori soffrono di disturbi dello spettro autistico, di depressione o di altre problematiche mentali-, né che confronti il rischio suicidio tra i minori “disforici” che assumono blocker con quello tra i minori che non li assumono. Non si può sostenere che i blocker alleviano i pensieri negativi tra i minori con disforia. Trattandosi della vita e della sofferenza di tanti bambini/e e delle loro famiglie, Marzano non dovrebbe parlare di rischio suicidio senza precisi riscontri.

Auspichiamo che il suo giornale possa ospitare interventi meno approssimativi su una questione così delicata, aprendo a un dibattito non ideologico e fondato su dati di scienza, analogamente a quanto si verifica nei maggiori media internazionali. E tenendo anche conto del fatto che l’approccio ideologico contribuisce all’ “epidemia” di disforia tra i minori, contagio sociale ammesso perfino da WPATH, principale associazione mondiale per la salute transgender, in una recente intervista al New York Times

Con preghiera di pubblicazione

Rete per l’Inviolabilità del Corpo Femminile

GenerAzioneD, associazione di genitori di adolescenti e preadolescenti che si sono identificati come transgender


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
22 Maggio 2024
Germania: pedofili in festa. Meno rischi penali per il possesso di materiale pedopornografico
Con una modifica legislativa il Bundestag diminuisce le pene per chi possiede e/o distribuisce immagini pornografiche di bambine e bambini, comportamenti declassati a reati minori. Novità accolta entusiasticamente dai gruppi pedofili che spingono per abbassare a 12 anni l’età il limite del consenso sessuale
Anche la libera pedofilia fa parte dell'ombrello transumano: arrivare progressivamente, meglio se velocemente, ad abbattere perfino questo limite, ammettere e perfino incoraggiare il sesso trans-age -del resto bambine e bambini stanno al centro delle politiche transumane-. Un'innovazione legislativa approvata dal Bundestag muove un passo in questa direzione. Ce lo racconta Geneviève Gluck Il Parlamento tedesco ha votato a maggioranza per eliminare una sezione del codice penale che rendeva il possesso di materiale pedopornografico un reato penale. Una volta in vigore […]
Leggi ora
20 Maggio 2024
Perché l'Italia non ha firmato la dichiarazione UE sui diritti LGBTIQ (ne ha firmato un'altra però)
Passata sotto silenzio la dichiarazione contro l’omolesbobitransfobia sottoscritta in Europa da tutti gli stati membri. Grande clamore mediatico invece su una seconda dichiarazione non firmata dall’Italia perché fortemente sbilanciata sull’identità di genere sul modello del fu-ddl Zan: ecco tutti i punti critici
Qualche giorno fa in occasione della Giornata Internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia (IDAHOT) in Europa è passata all'unanimità -Italia compresa, quindi- la seguente risoluzione: 1498th Meeting of the Committee of Ministers (7 May 2024) - EU Statement ahead of the International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia on 17 May07.05.2024 Press and information team of the Delegation to the COUNCIL OF EUROPE in StrasbourgI have the honour to speak on behalf of the European Union and its […]
Leggi ora
16 Maggio 2024
UK: a scuola non si parlerà più di identità di genere
Nuovo giro di vite del governo Sunak dopo il rapporto Cass che mette in guardia anche sui rischi della transizione sociale dei minori, la cosiddetta "identità alias" che è già stata adottata anche da molte scuole italiane: in classe non si insegnerà più che si può cambiare sesso e l'educazione sessuale sarà calibrata in base all'età. E mai senza il consenso dei genitori
Dopo anni e anni che i transattivisti di associazioni come Stonewall e Mermaids fanno il bello e il cattivo tempo con i loro corsi di educazione sessuale nelle scuole inglesi di ogni ordine e grado, il governo di Rishi Sunak annuncia oggi con la ministra dell’Istruzione Gillian Keegan nuove linee guida obbligatorie per scolari e studenti su questi temi. In classe non si insegnerà più che si può cambiare la propria identità di genere, come è stato fino ad ora […]
Leggi ora
14 Maggio 2024
Da Gaza alle sale parto occidentali, Judith Butler vede fascisti dappertutto
Fasciste, ovviamente, anche noi femministe gender critical, "alleate della destra e del Vaticano". L'intellettuale californiana, rinunciando a ogni sottigliezza filosofica, compila un'agenda politica che coincide con la piattaforma degli universitari in lotta. E auspica un'alleanza tra trans, antifa, movimento pro-Pal, senza casa, persone nere, migranti e anche donne -intese come una delle tante minoranze- per edificare "una democrazia radicale ispirata agli ideali del socialismo". Un resoconto della tappa bolognese del suo trionfale tour europeo
Forse oggi si potrebbe parlare di "Agenda Butler": la sua piattaforma coincide perfettamente con la piattaforma di lotta delle-degli studenti in tutto l'Occidente, con poche certezze sul fatto se sia nato prima l'uovo o la gallina. Certo Judith Butler è a tutti gli effetti la madre delle Gender Theory a cui queste/i studenti (comunque una minoranza) aderiscono con entusiasmo; a loro volta queste/i studenti con le loro mobilitazioni sono fonte di ispirazione per Butler, le loro piattaforme sono anche una […]
Leggi ora
6 Maggio 2024
La chirurgia trans aumenta il rischio-suicidio
Un recentissimo studio su 90 milioni di pazienti dimostra che le persone trans operate corrono "un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico" e necessitano di un supporto psichiatrico. Quindi il coronamento del lungo e faticoso percorso di transizione con la chirurgia "affermativa" non assicura il raggiungimento del benessere sperato
"La chirurgia per l’affermazione di genere è associata a un rischio significativamente più elevato di suicidio, morte, suicidio/autolesionismo e disturbo da stress post-traumatico rispetto ai gruppi di controllo in questo database del mondo reale. Poiché il suicidio è una delle cause di morte più comuni tra gli adolescenti e gli individui di mezza età, è chiaro che dobbiamo lavorare per prevenire questi esiti sfortunati. Ciò rafforza ulteriormente la necessità di un’assistenza psichiatrica completa negli anni che seguono la chirurgia per […]
Leggi ora
5 Maggio 2024
Saman: la "loro cultura" come attenuante
Il matrimonio della ragazza era «combinato e non forzato» e nel giudizio «bisogna tenere conto anche della cultura del reo»: le motivazioni della sentenza (firmata da giudici donne) per il brutale assassinio della giovane pakistana lasciano sconcertate. Così come l'autosessismo della madre che sarebbe l'esecutrice materiale del delitto. Di questo passo, secondo le proiezioni Unicef, la bambine continueranno a essere vendute a uomini almeno per i prossimi 300 anni
Nella foto, un manifesto con il volto di Saman composto dalle foto di tante donne vittime della violenza maschile. La storia di Saman Abbas è una ferita aperta. Uccisa dalla sua famiglia tre anni fa, il corpo occultato ritrovato a più di un anno dalla morte. All’inizio di quest’anno il funerale, con grande partecipazione della gente comune. Pochi giorni fa sono arrivate le motivazioni della sentenza del processo in primo grado alla famiglia di Saman del dicembre scorso: ergastolo ai […]
Leggi ora