Lettera aperta al Sindaco di Milano e alla sua Giunta: ecco perché i "due padri" non vanno trascritti

La trascrizione degli atti di nascita di bambini nati da utero in affitto aggira il divieto della pratica, fa prevalere un interesse privato -basato su un contratto commerciale- sull'interesse pubblico, e autorizza il padre a mentire in modo palese sullo status filiationis -se lo facesse una madre verrebbe perseguita per falso in atto pubblico-. Siamo quindi disuguali davanti alla legge in violazione dell'articolo 3 della Costituzione?
Condividi questo articolo

IN MERITO ALLE RECENTI SENTENZE DEL TRIBUNALE DI MILANO CHE INGIUNGONO LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI NASCITA REALIZZATI ALL'ESTERO RIGUARDANTI BAMBINI NATI DA UTERO IN AFFITTO PER VOLONTA' DI COPPIE DI UOMINI

AL SINDACO DI MILANO BEPPE SALA

ALLA GIUNTA DI MILANO

e p.c. A ELENA LATTUADA, DELEGATA PARI OPPORTUNITA' DEL SINDACO

premesso che

Il ricorso a utero in affitto o maternità surrogata è reato in quasi tutto il mondo: la pratica è infatti ammessa solo in una ventina di nazioni su oltre 200.

In Italia il divieto è espresso dalla legge 40 -art. 12, comma 6- e ribadito dalla Corte Costituzionale (sentenza 272/2017): pronunciamento in cui, oltre a riaffermare che la maternità surrogata «offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane», quanto alle trascrizioni degli atti di nascita di questi bambini sostiene che “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Anche in riferimento a questa sentenza, nel 2019 la Corte di Cassazione ha negato la possibilità di trascrivere nei registri dello stato civile italiano il provvedimento emesso da un giudice estero che riconosceva come padre il partner del genitore biologico di un bambino nato da utero in affitto, indicando come strada possibile per la filiazione la cosiddetta adozione in casi particolari.

Successivamente la Corte Costituzionale (sentenza 33/2021) ha indicato come “indifferibile l’individuazione delle soluzioni in grado di porre rimedio all’attuale situazione di insufficiente tutela degli interessi del minore”, invitando il legislatore a pronunciarsi in materia, pronuncia che non si è ancora realizzata.

Sulla base di quest'ultima sentenza il Tribunale di Milano ha recentemente affermato che, persistendo la lacuna normativa, il Comune di Milano è tenuto a trascrivere l'atto di nascita di un bambino nato all'estero da utero in affitto per volontà di due uomini, non essendo necessario ricorrere ad adozione “perché il rapporto parentale si costituisce direttamente con il genitore intenzionale” (?).

Gli ordini di trascrizione da parte del Tribunale sarebbero 2.

Come Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile (RadFem Italia, Udi, Arcilesbica, Se Non Ora Quando Sister e molti altri gruppi nazionali, associazioni internazionali come Women's Human Rights Campaign e CIAMS e centinaia di singole, tra cui Luisa Muraro e altre della Libreria delle Donne di Milano) nel 2019 abbiamo già portato all'attenzione del Consiglio Comunale di Milano il tema dell'inopportunità di queste trascrizioni, ottenendone lo stop, e indicando la strada dell'adozione in casi particolari. Poche settimane dopo la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite ci dava ragione e confortava la Giunta di Milano nella sua scelta.

oggi torniamo a chiedere

al Comune di Milano che continui a resistere a queste ingiunzioni, che giudichiamo del tutto arbitrarie e che incentiverebbero ulteriormente il ricorso alla pratica dell'utero in affitto -che, torniamo a sottolinearlo, in Italia e praticamente in tutto il mondo è un grave reato- facilitandone il percorso.

In particolare osserviamo che ottemperando alle richieste del Tribunale il Comune accetterebbe di far prevalere -sulla base di un contratto commerciale- un interesse privato sull'interesse pubblico, che è quello affermato dalla legge e ribadito dalle sentenze di cui sopra.

Ci preme inoltre sottolineare che la trascrizione di questo atto di nascita costituirebbe un'aperta violazione dell'art. 3 della Costituzione che ci vuole uguali davanti alla legge, e che in quanto tale sarebbe appellabile.

Se infatti una donna mentisse allo Stato Civile, sia pure "per il bene del bambino", sulla paternità biologica del proprio figlio, sarebbe perseguibile per falso in atto pubblico.

"Si applica la reclusione [da cinque a quindici anni] a chiunque, nella formazione di un atto di nascita, altera lo stato civile di un neonato, mediante false certificazioni, false attestazioni o altre falsità" (art. 567 Codice Penale).

Lo ribadisce, come detto, la già citata sentenza 272/2017 della Corte Costituzionale laddove afferma “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Nel caso dei "due padri" la menzogna è auto-evidente: il padre biologico indica come a sua volta padre un altro uomo, fatto irrealizzabile -o come madre una donna che non lo è-. Ma in base a quanto disposto dal Tribunale di Milano non soltanto non andrebbe perseguito, ma anzi andrebbe perfino riconosciuto nell'esercizio di un suo "speciale" diritto (basato, ribadiamolo, su un contratto commerciale privato).

Diritto che quindi si configura come misoginisticamente diseguale: la madre è sempre tenuta alla verità sulle origini del bambino, obbligo da cui invece il padre da utero in affitto viene dispensato.

Proponiamo quindi, in via paradossale, che se il Comune di Milano dovesse ottemperare alla sentenza del Tribunale, in base all'art. 3 della Costituzione la possibilità di mentire sullo status filiationis sia consentita a tutti, in special modo a TUTTE, depenalizzando il falso in atto pubblico.

Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
4 Giugno 2023
SI' ALLA LEGGE ITALIANA SULL'UTERO IN AFFITTO REATO UNIVERSALE: L'APPELLO DI TUTTE LE MAGGIORI RETI ABOLIZIONISTE MONDIALI
CIAMS, STOP SURROGACY NOW, FINRRAGE, LA JAPAN COALITION e altre associazioni. E insieme a loro figure eminenti del femminismo internazionale come SYLVIANE AGACINSKI, GENA COREA e PHYLLIS CHESLER. Che unitamente a noi chiedono ai parlamentari italiani di approvare la legge che il prossimo 19 giugno approderà alla Camera
Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile, Radfem Italia, FINAARGIT (Rete femminista internazionale contro ogni riproduzione artificiale, ideologia gender e transumanesimo) condividono da sempre l'obiettivo dell'abolizione universale dell'utero in affitto. Insieme sosteniamo la proposta di legge sulla maternità surrogata che il prossimo 19 giugno andrà in discussione alla Camera, che estende la punibilità della pratica anche qualora realizzata in uno Stato estero e che costituisce un deciso passo avanti in direzione dell'abolizione universale, offrendo -qualora approvata- un modello per altre legislazioni […]
Leggi ora
2 Giugno 2023
Chi ha cucinato la cena ad Adam Smith? Per una teoria economica RadFem, speech di Sheila Jeffreys
L’economia tradizionale basata sull’homo oeconomicus “razionale” non tiene mai conto della base dell’iceberg: l’enorme quantità di lavoro femminile non retribuito senza il quale il sistema semplicemente non starebbe in piedi. Il cambiamento necessario non viene dall’inclusione di un maggior numero di donne in un modello che si basa sull’aggressività, sull’azzardo e sul rischio, ma da un nuovo paradigma che metta al centro il valore delle persone, della relazione e della cura
In un recente seminario organizzato da Women's Declaration International nell'ambito della serie di incontri Radical Feminist Perspectives, Sheila Jeffreys -ex-docente di scienze politiche all'Università di Melbourne e tra le fondatrici della rete globale WDI- ha tenuto una relazione sul tema Rad Fem Economic Theory (l'intero incontro è visibile qui). Jeffrey è partita da un suo testo del 2010, a ridosso della crisi finanziaria globale. Si chiamava “Chi ha cucinato la cena ad Adam Smith”, il cui pensiero ometteva completamente il […]
Leggi ora
26 Maggio 2023
Stavolta sì: sulla pelle dei bambini
Contro la sentenza della Corte di Cassazione, che impedisce la trascrizione integrale degli atti di nascita dei bambini nati da utero in affitto ammettendo che solo il genitore biologico venga nominato e indicando per il suo compagno/a la stepchild adoption, a Milano alcune coppie di uomini starebbero intraprendendo una nuova forma di resistenza: non registrare nemmeno il genitore biologico -o entrambi o nessuno- lasciando il figlio in un limbo amministrativo in cui, in questo caso sì, resterebbe privo dei più elementari diritti, dal pediatra alla scuola
Dopo che la Prefettura di Milano, in applicazione di una sentenza della Corte di Cassazione, ha bloccato le trascrizioni degli atti integrali di nascita dei bambini nati per iniziativa di coppie dello stesso sesso -indicando come strada la trascrizione del solo genitore biologico e per il suo compagno/a la stepchild adoption, ovvero l'adozione in casi particolari, perfettamente legittimante- al comune di Milano si starebbe verificando questo, secondo quanto riportato dalla vicepresidente PD del Consiglio Comunale, Roberta Osculati: le coppie di […]
Leggi ora
22 Maggio 2023
Transgender: la vittoria del Puer Aeternus
Evoluzione dell’unisex che lottava contro gli stereotipi di genere, il fenomeno “gender” tra le/gli adolescenti esprime il tentativo di sottrarsi al debito-onere biologico e il bisogno di sentirsi disimpegnati rispetto alla natura matrigna. Ma il transgender non è affatto artefice di sé stesso: semmai è succube di uno “spirito” totipotente che schiavizza mente e psiche. E il movimento gay che sostiene la simulazione puerile non vede che è proprio l’identità omosessuale a far la fine peggiore
L’ideologia transgender va oltre la rivendicazione transessuale della costruzione del sesso mediante sottrazione o addizione di qualcosa a partire da una matrice, perché contesta l’esistenza stessa del maschio e della femmina, e soprattutto della seconda, rendendo il genere femminile un prodotto di norme educative, bricolage o artigianato fai da te, negozio di estetica, laboratorio chimico, tavolo chirurgico. Entrambe si appellano alla “verità” della creazione onnipotente dei sessi, destituiti di effettiva realtà. Le giovani donne in particolare sono purtroppo terreno fertile […]
Leggi ora
15 Maggio 2023
Jama: quando gli uomini partoriscono
In un incredibile studio di recente pubblicazione la rivista dell’American Medical Association, tra le più importanti del settore, prova a dare fondamento scientifico all’idea che il parto non sia un’esperienza solo femminile. Perché se fosse esclusiva sarebbe anche escludente. Un’operazione sul linguaggio in colluttazione con la realtà
Come si sa ci sono parole che non si possono più utilizzare soprattutto nei documenti e negli studi scientifici internazionali. In cima all'elenco delle parole tabuizzate tutti i termini che hanno a che vedere con la differenza femminile intesa come possibilità esclusiva di mettere al mondo esseri umani, e dunque: "donna" -se biologicamente intesa e non aperta a definire persone non nate donne-, "madre" e "materno", "seno", con riferimento all'allattamento e così via. L'operazione sul linguaggio ha l'obiettivo di qualificare […]
Leggi ora
11 Maggio 2023
La Convenzione di Istanbul è delle donne! La destra non ostacoli la ratifica dell'Europa
Astenendosi dal voto di ieri, preliminare all’adesione europea al più importante trattato contro la violenza sulle donne, gli europarlamentari di Lega e Fratelli d’Italia cedono alle pressioni dei Pro Vita che leggono quel documento come anti-famiglia e pro-gender (le stesse preoccupazioni espresse dal premier turco Erdogan). Ma l’Italia ha già aderito alla Convenzione e a quanto pare l’orientamento del governo non sarebbe questo. E le rivendicazioni Lgbtq non c’entrano nulla. Le donne tra due fuochi misogini: l’estremismo religioso e le strumentalizzazioni queer
Ieri in Europa è stata approvata una risoluzione chiede all’Ue di aderire alla Convenzione di Istanbul (2011), il più importante trattato internazionale -giuridicamente vincolante- contro la violenza sulle donne e la violenza domestica. L'Italia ha già ratificato la Convenzione nel 2013, mentre 6 paesi europei (Bulgaria, Cechia, Ungheria, Lettonia, Lituania e Slovacchia) non l'hanno ancora fatto. Il voto di ieri è preliminare all'adesione dell'intera UE alla Convenzione. Incredibilmente gli eurodeputati di Fratelli d'Italia e della Lega si sono astenuti dal voto. […]
Leggi ora