Lettera aperta al Sindaco di Milano e alla sua Giunta: ecco perché i "due padri" non vanno trascritti

La trascrizione degli atti di nascita di bambini nati da utero in affitto aggira il divieto della pratica, fa prevalere un interesse privato -basato su un contratto commerciale- sull'interesse pubblico, e autorizza il padre a mentire in modo palese sullo status filiationis -se lo facesse una madre verrebbe perseguita per falso in atto pubblico-. Siamo quindi disuguali davanti alla legge in violazione dell'articolo 3 della Costituzione?
Condividi questo articolo

IN MERITO ALLE RECENTI SENTENZE DEL TRIBUNALE DI MILANO CHE INGIUNGONO LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI NASCITA REALIZZATI ALL'ESTERO RIGUARDANTI BAMBINI NATI DA UTERO IN AFFITTO PER VOLONTA' DI COPPIE DI UOMINI

AL SINDACO DI MILANO BEPPE SALA

ALLA GIUNTA DI MILANO

e p.c. A ELENA LATTUADA, DELEGATA PARI OPPORTUNITA' DEL SINDACO

premesso che

Il ricorso a utero in affitto o maternità surrogata è reato in quasi tutto il mondo: la pratica è infatti ammessa solo in una ventina di nazioni su oltre 200.

In Italia il divieto è espresso dalla legge 40 -art. 12, comma 6- e ribadito dalla Corte Costituzionale (sentenza 272/2017): pronunciamento in cui, oltre a riaffermare che la maternità surrogata «offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane», quanto alle trascrizioni degli atti di nascita di questi bambini sostiene che “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Anche in riferimento a questa sentenza, nel 2019 la Corte di Cassazione ha negato la possibilità di trascrivere nei registri dello stato civile italiano il provvedimento emesso da un giudice estero che riconosceva come padre il partner del genitore biologico di un bambino nato da utero in affitto, indicando come strada possibile per la filiazione la cosiddetta adozione in casi particolari.

Successivamente la Corte Costituzionale (sentenza 33/2021) ha indicato come “indifferibile l’individuazione delle soluzioni in grado di porre rimedio all’attuale situazione di insufficiente tutela degli interessi del minore”, invitando il legislatore a pronunciarsi in materia, pronuncia che non si è ancora realizzata.

Sulla base di quest'ultima sentenza il Tribunale di Milano ha recentemente affermato che, persistendo la lacuna normativa, il Comune di Milano è tenuto a trascrivere l'atto di nascita di un bambino nato all'estero da utero in affitto per volontà di due uomini, non essendo necessario ricorrere ad adozione “perché il rapporto parentale si costituisce direttamente con il genitore intenzionale” (?).

Gli ordini di trascrizione da parte del Tribunale sarebbero 2.

Come Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile (RadFem Italia, Udi, Arcilesbica, Se Non Ora Quando Sister e molti altri gruppi nazionali, associazioni internazionali come Women's Human Rights Campaign e CIAMS e centinaia di singole, tra cui Luisa Muraro e altre della Libreria delle Donne di Milano) nel 2019 abbiamo già portato all'attenzione del Consiglio Comunale di Milano il tema dell'inopportunità di queste trascrizioni, ottenendone lo stop, e indicando la strada dell'adozione in casi particolari. Poche settimane dopo la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite ci dava ragione e confortava la Giunta di Milano nella sua scelta.

oggi torniamo a chiedere

al Comune di Milano che continui a resistere a queste ingiunzioni, che giudichiamo del tutto arbitrarie e che incentiverebbero ulteriormente il ricorso alla pratica dell'utero in affitto -che, torniamo a sottolinearlo, in Italia e praticamente in tutto il mondo è un grave reato- facilitandone il percorso.

In particolare osserviamo che ottemperando alle richieste del Tribunale il Comune accetterebbe di far prevalere -sulla base di un contratto commerciale- un interesse privato sull'interesse pubblico, che è quello affermato dalla legge e ribadito dalle sentenze di cui sopra.

Ci preme inoltre sottolineare che la trascrizione di questo atto di nascita costituirebbe un'aperta violazione dell'art. 3 della Costituzione che ci vuole uguali davanti alla legge, e che in quanto tale sarebbe appellabile.

Se infatti una donna mentisse allo Stato Civile, sia pure "per il bene del bambino", sulla paternità biologica del proprio figlio, sarebbe perseguibile per falso in atto pubblico.

"Si applica la reclusione [da cinque a quindici anni] a chiunque, nella formazione di un atto di nascita, altera lo stato civile di un neonato, mediante false certificazioni, false attestazioni o altre falsità" (art. 567 Codice Penale).

Lo ribadisce, come detto, la già citata sentenza 272/2017 della Corte Costituzionale laddove afferma “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Nel caso dei "due padri" la menzogna è auto-evidente: il padre biologico indica come a sua volta padre un altro uomo, fatto irrealizzabile -o come madre una donna che non lo è-. Ma in base a quanto disposto dal Tribunale di Milano non soltanto non andrebbe perseguito, ma anzi andrebbe perfino riconosciuto nell'esercizio di un suo "speciale" diritto (basato, ribadiamolo, su un contratto commerciale privato).

Diritto che quindi si configura come misoginisticamente diseguale: la madre è sempre tenuta alla verità sulle origini del bambino, obbligo da cui invece il padre da utero in affitto viene dispensato.

Proponiamo quindi, in via paradossale, che se il Comune di Milano dovesse ottemperare alla sentenza del Tribunale, in base all'art. 3 della Costituzione la possibilità di mentire sullo status filiationis sia consentita a tutti, in special modo a TUTTE, depenalizzando il falso in atto pubblico.

Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
2 Febbraio 2023
Nascere da "madre surrogata" morta
Docente dell’università di Oslo propone di utilizzare corpi di donne in coma irreversibile, danneggiabili senza complicazioni etiche, per condurre gravidanze per conto terzi. Ma anche uomini in stato vegetativo (così le femministe non si arrabbiano) innestando gli embrioni nel fegato. E i bambini? Tema non considerato
Può essere stato d'ispirazione Habla con ella, film di Pedro Almodovar in cui la giovane danzatrice Alicia, in coma per un incidente, resta incinta a opera di Benigno, l'infermiere che si occupa di lei. Anna Smajdor, docente di Bioetica Medica Università di Oslo, riprende e approfondisce un suggerimento avanzato nel 2000 dalla ricercatrice israeliana Rosalie Ber "per aggirare i problemi morali della maternità surrogata gestazionale" utilizzando come uteri in affitto donne in stato vegetativo persistente (PVS). Alla pratica dà il […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora
21 Gennaio 2023
Anche in Italia si apre -finalmente!- il dibattito sui bloccanti della pubertà
A rompere il silenzio la Società Psicoanalitica Italiana che chiede una discussione scientifica aperta su questi trattamenti che definisce "sperimentali", non supportati da adeguati studi e a forte rischio etico perché predeterminano il destino di bambine e bambini
In notevole ritardo rispetto al Grande Nord europeo, alla Gran Bretagna all'Australia, ad alcuni stati USA -che hanno bruscamente frenato sull'uso del puberty blocker come "terapia" per bambine e bambini dai comportamenti non conformi al genere, anche in Italia si rompe finalmente il silenzio con una lettera indirizzata al governo da parte della Società Psicoanalitica Italiana, che invita alla prudenza e all'apertura di una discussione scientifica pubblica. A seguire riproduciamo le interviste realizzate da Marina Terragni per Il Foglio e […]
Leggi ora
16 Gennaio 2023
Gli psicoanalisti italiani: stop ai puberty blockers
La Società Psicoanalitica Italiana critica sui bloccanti per la pubertà ai bambini: trattamento pericoloso e sperimentale. E si unisce a femministe gender critical e genitori nel chiedere dati scientifici e un dibattito pubblico sul migliore trattamento per i minori che soffrono disforia di genere
Da anni noi femministe gender critical lottiamo contro lo scandalo della medicalizzazione dei bambini nel nome dell’identità di genere. E da anni veniamo bollate come fasciste, reazionarie, bigotte. Oggi finalmente una società scientifica accreditata italiana, la Società Psicoanalitica Italiana (SPI), prende posizione, unendosi a noi nel lanciare un grido di allarme: l’uso di bloccanti della pubertà è un trattamento sperimentale che non ha una solida base scientifica, e causa gravi effetti collaterali. Soprattutto, nella maggior parte dei casi la disforia […]
Leggi ora