Lettera aperta al Sindaco di Milano e alla sua Giunta: ecco perché i "due padri" non vanno trascritti

La trascrizione degli atti di nascita di bambini nati da utero in affitto aggira il divieto della pratica, fa prevalere un interesse privato -basato su un contratto commerciale- sull'interesse pubblico, e autorizza il padre a mentire in modo palese sullo status filiationis -se lo facesse una madre verrebbe perseguita per falso in atto pubblico-. Siamo quindi disuguali davanti alla legge in violazione dell'articolo 3 della Costituzione?
Condividi questo articolo

IN MERITO ALLE RECENTI SENTENZE DEL TRIBUNALE DI MILANO CHE INGIUNGONO LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI NASCITA REALIZZATI ALL'ESTERO RIGUARDANTI BAMBINI NATI DA UTERO IN AFFITTO PER VOLONTA' DI COPPIE DI UOMINI

AL SINDACO DI MILANO BEPPE SALA

ALLA GIUNTA DI MILANO

e p.c. A ELENA LATTUADA, DELEGATA PARI OPPORTUNITA' DEL SINDACO

premesso che

Il ricorso a utero in affitto o maternità surrogata è reato in quasi tutto il mondo: la pratica è infatti ammessa solo in una ventina di nazioni su oltre 200.

In Italia il divieto è espresso dalla legge 40 -art. 12, comma 6- e ribadito dalla Corte Costituzionale (sentenza 272/2017): pronunciamento in cui, oltre a riaffermare che la maternità surrogata «offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane», quanto alle trascrizioni degli atti di nascita di questi bambini sostiene che “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Anche in riferimento a questa sentenza, nel 2019 la Corte di Cassazione ha negato la possibilità di trascrivere nei registri dello stato civile italiano il provvedimento emesso da un giudice estero che riconosceva come padre il partner del genitore biologico di un bambino nato da utero in affitto, indicando come strada possibile per la filiazione la cosiddetta adozione in casi particolari.

Successivamente la Corte Costituzionale (sentenza 33/2021) ha indicato come “indifferibile l’individuazione delle soluzioni in grado di porre rimedio all’attuale situazione di insufficiente tutela degli interessi del minore”, invitando il legislatore a pronunciarsi in materia, pronuncia che non si è ancora realizzata.

Sulla base di quest'ultima sentenza il Tribunale di Milano ha recentemente affermato che, persistendo la lacuna normativa, il Comune di Milano è tenuto a trascrivere l'atto di nascita di un bambino nato all'estero da utero in affitto per volontà di due uomini, non essendo necessario ricorrere ad adozione “perché il rapporto parentale si costituisce direttamente con il genitore intenzionale” (?).

Gli ordini di trascrizione da parte del Tribunale sarebbero 2.

Come Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile (RadFem Italia, Udi, Arcilesbica, Se Non Ora Quando Sister e molti altri gruppi nazionali, associazioni internazionali come Women's Human Rights Campaign e CIAMS e centinaia di singole, tra cui Luisa Muraro e altre della Libreria delle Donne di Milano) nel 2019 abbiamo già portato all'attenzione del Consiglio Comunale di Milano il tema dell'inopportunità di queste trascrizioni, ottenendone lo stop, e indicando la strada dell'adozione in casi particolari. Poche settimane dopo la sentenza della Cassazione a Sezioni Unite ci dava ragione e confortava la Giunta di Milano nella sua scelta.

oggi torniamo a chiedere

al Comune di Milano che continui a resistere a queste ingiunzioni, che giudichiamo del tutto arbitrarie e che incentiverebbero ulteriormente il ricorso alla pratica dell'utero in affitto -che, torniamo a sottolinearlo, in Italia e praticamente in tutto il mondo è un grave reato- facilitandone il percorso.

In particolare osserviamo che ottemperando alle richieste del Tribunale il Comune accetterebbe di far prevalere -sulla base di un contratto commerciale- un interesse privato sull'interesse pubblico, che è quello affermato dalla legge e ribadito dalle sentenze di cui sopra.

Ci preme inoltre sottolineare che la trascrizione di questo atto di nascita costituirebbe un'aperta violazione dell'art. 3 della Costituzione che ci vuole uguali davanti alla legge, e che in quanto tale sarebbe appellabile.

Se infatti una donna mentisse allo Stato Civile, sia pure "per il bene del bambino", sulla paternità biologica del proprio figlio, sarebbe perseguibile per falso in atto pubblico.

"Si applica la reclusione [da cinque a quindici anni] a chiunque, nella formazione di un atto di nascita, altera lo stato civile di un neonato, mediante false certificazioni, false attestazioni o altre falsità" (art. 567 Codice Penale).

Lo ribadisce, come detto, la già citata sentenza 272/2017 della Corte Costituzionale laddove afferma “non si può contrapporre al favor veritatis il favor minoris, dal momento che la falsità del riconoscimento lede il diritto del minore alla propria identità”.

Nel caso dei "due padri" la menzogna è auto-evidente: il padre biologico indica come a sua volta padre un altro uomo, fatto irrealizzabile -o come madre una donna che non lo è-. Ma in base a quanto disposto dal Tribunale di Milano non soltanto non andrebbe perseguito, ma anzi andrebbe perfino riconosciuto nell'esercizio di un suo "speciale" diritto (basato, ribadiamolo, su un contratto commerciale privato).

Diritto che quindi si configura come misoginisticamente diseguale: la madre è sempre tenuta alla verità sulle origini del bambino, obbligo da cui invece il padre da utero in affitto viene dispensato.

Proponiamo quindi, in via paradossale, che se il Comune di Milano dovesse ottemperare alla sentenza del Tribunale, in base all'art. 3 della Costituzione la possibilità di mentire sullo status filiationis sia consentita a tutti, in special modo a TUTTE, depenalizzando il falso in atto pubblico.

Rete per l'Inviolabilità del Corpo Femminile


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
13 Maggio 2022
Destra, sinistra, umano, transumano
Il tema dei "diritti" -dall'identità di genere all'utero in affitto- non è complementare o a latere, ma delinea l'orizzonte verso il quale ci si muove. Ma la prospettiva post-umana perseguita dai progressisti non è unica e ineluttabile. L'alternativa esiste: una civiltà a radice femminile
Ripresentando il ddl Zan, al Senato con scarsissime possibilità che passi -quando invece altre soluzioni, tipo il ddl Scalfarotto, avrebbero assicurato una legge contro l'omobitransfobia- il segretario PD Letta ha più volte sottolineato che il tema dei diritti è decisivo per il suo partito. Tema dei diritti che tuttavia è sempre posto come complementare, a latere di questioni ritenute ben più rilevanti: la guerra, certo, i temi economici ma anche semplicemente la legge elettorale. In verità il più della partita […]
Leggi ora
10 Maggio 2022
Kathleen Stock: 5 consigli per tenere calmi i transattivisti piantagrane
La docente costretta alle dimissioni per avere detto che il sesso biologico esiste, spiega come interagire con il transattivismo molesto: esattamente come una mamma alle prese con un bambino capriccioso o un teenager ribelle. Guida ironica per salvarsi la vita
La filosofa Kathleen Stock è diventata nota al di fuori dei circoli accademici dopo essere stata costretta con minacce e diffamazione da parte dei transattivisti a dimettersi dalla sua cattedra all’Università del Sussex per avere espresso opinioni critiche sull’identità di genere (vedere qui). Mentre casi simili accadono in tutto il mondo, comprese Italia ed Europa (vedere qui e qui), nei paesi anglosassoni le docenti si organizzano per lottare contro la censura del femminismo gender critical. Nell’articolo che vi presentiamo Kathleen […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora
22 Aprile 2022
Torna al Senato il ddl Zan. Tale e quale. E noi di nuovo pronte alla lotta. Tale e quale
Irriducibili, Zan e il PD tornano alla carica. Con lo stesso identico testo già caduto al Senato. Vero obiettivo, l'identità di genere e la formazione nelle scuole. E mentre gran parte dell'Occidente -dalla Gran Bretagna alla Svezia, alla Finlandia. all'Australia, alla Florida- arretra sul self-id dopo averne constatato i danni per donne, bambine e bambini, in Italia si intende importare questo prodotto scaduto
Guerra o non guerra, Covid o non Covid, la settimana prossima al Senato, presumibilmente mercoledì 27- il PD ripresenterà il ddl Zan. Tale e quale. Nessuna obiezione è stata considerata, né tanto meno discussa. L'identità di genere -è la cosa a cui si tiene di più, il vero architrave della legge- resta al centro, con la formazione nelle scuole e tutto il resto. Il mondo occidentale arretra dopo avere constatato i danni causati dall'autoidentificazione di genere e dal self-id, a […]
Leggi ora