Laura Massaro ha vinto per tutte

La più famosa delle madri sotto attacco in base alla finta "teoria" dell'alienazione genitoriale ha vinto in Cassazione la sua battaglia, per sé e per tutte le donne nella sua situazione: d'ora in avanti bambine e bambini non potranno più essere prelevati a forza e non sarà più così facile parlare di madri alienanti. Una vittoria anche simbolica, che riporta le madri al centro contro ogni retorica paritaria
Condividi questo articolo

Con l'Ordinanza n. 9691/2022 la Cassazione ha dato ragione a Laura Massaro e ha bandito l'alienazione parentale dai tribunali, definendo fuori dallo stato di diritto il prelievo coatto dei minori, che vanno sempre ascoltati nei procedimenti che li riguardano.

Una sentenza clamorosa -grazie al coraggio di Laura e allo strepitoso lavoro delle avvocate Teresa Manente e Ilaria Bogliano- nonostante i pessimi auspici e la durezza dell'esito dell' appello, per non parlare degli inammissibili tentativi di screditare Laura "processandola" appena 4 giorni fa in Commissione d’inchiesta parlamentare sull’affido dei minori, seduta durante la quale l'ex- di Massaro Giuseppe Apadula e la sua legale hanno ripetutamente accusato e condannato la signora esprimendo opinioni sulla persona (la seduta è stata interrotta per iniziativa di alcune delle parlamentari presenti e nonostante le proteste del senatore Pillon). Una sentenza che costituisce un vero e proprio giro di boa.

Come andranno d'ora in poi le cose per le madri nella stessa situazione di Massaro?

A partire dall'approvazione, da un lato, della legge 54/2006 sull'affido condiviso "obbligatorio" e "paritario" dei figli nei casi di separazione, e dall'altro lato dal diffondersi della scuola della "psicologia giuridica" che ha capovolto il concetto di interesse del minore, andando a individuare sempre nuove definizioni patologiche per le madri e per le figlie che denunciano violenze e abusi in famiglia, il processo civile per l'affidamento dei figli è diventato un calvario -vedere qui- per molte donne costrette a combattere con avvocati, psicologhe, assistenti sociali e tutte le figure che ruotano attorno al diritto minorile e di famiglia.

L' ordinanza della Cassazione nel caso Massaro porta giustizia a tutte le madri protettive che in questi anni hanno iniziato coraggiosamente a denunciare quanto subito nei casi di divorzi e di separazioni definite "conflittuali" ma che in realtà nascondevano situazioni di violenza fisica e psicologica maschile e di abuso su donne e minori.

La battaglia anche giuridica sembra non finire mai, con minacce già arrivate di ricorso alla CEDU che in passato ha spesso preso le parti dei padri, protagonisti in questo ultimo ventennio di una narrazione a senso unico che li ha dipinti come vittime delle separazioni. Sarà quindi necessario non abbassare il livello di attenzione riguardo al campo della legge e delle sentenze, campo nel quale molti uomini maltrattanti perseguono la loro strategia definita da esperti mondiali "legal harassment" , molestia attraverso l'uso della legge.

Dopo l'Ordinanza di Cassazione:
1. cosa ne sarà di tutte le figlie e i figli allontanati dalle madri protettive negli ultimi anni in seguito a relazioni di servizi sociali o decreti giudiziari elaborati sulla falsariga delle teorie vicine all'alienazione parentale e come abuso del concetto di "diritto del minore alla bigenitorialità"? Un esempio per tutti, la madre di Baressa e decine di altri casi noti alla stampa, e i migliaia senza nome in tutta Italia.
2. Cosa dovremo aspettarci non appena finisce l'anno scolastico, periodo nel quale di solito si intensificano le esecuzioni dei provvedimenti di prelievo coatto?

La sentenza definitiva sul caso di Massaro e di suo figlio, definendo il prelievo coatto una misura "non conforme allo stato di diritto" oltre porre dei dubbi sulla sua "compatibilità con la tutela della dignità della persona" costituisce certamente un punto di non ritorno. Vi saranno probabilmente altri tentativi di fare ricorso alla finta "teoria" dell'alienazione genitoriale, aggiornandone la definizione o provando in qualche modo a reintrodurla nei procedimenti, ma il precedente della Cassazione è troppo forte.

E' stata una vittoria di Laura e delle molte madri uscite dal silenzio, unite nella diversità. Non sono mancati i conflitti, ma l'obiettivo è stato conseguito: una donna ha combattuto e vinto per le altre e per le figlie e i figli di tutte. E' stato raggiunto anche un importante traguardo simbolico: quello di riportare la relazione tra la madre e il figlio-a fuori dalle secche "paritarie" per riposizionarla al centro della comunità umana.

E' il senso di quello che nominiamo come cambio di civiltà.

Veronica Tamborini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
17 Maggio 2022
Milano introduce l'autocertificazione di genere
Basterà una dichiarazione "solenne" per poter scegliere di che sesso sei -femmina, maschio o nessuno dei due- senza atti medici, perizie o sentenze, e adottare l'identità "alias" in svariati servizi comunali, liste elettorali comprese. Di fatto il self-id, un enorme cambiamento introdotto con un semplice atto amministrativo e senza alcun dibattito pubblico. Ma è tutto da valutare se la legge lo consente
Dunque a Milano è stato introdotto il self-id: vuole dire poter decidere se sei maschio, femmina -o nessuno dei due- in totale libertà, senza perizie, sentenze, testimoni -come prevede la legge nazionale-: niente del genere, un semplice passaggio burocratico ed è fatta. In Gran Bretagna, dopo anni di dibattito pubblico, il self-id è stato archiviato: la stragrandissima maggioranza della popolazione era contraria. A Milano, senza alcun dibattito, come se la cittadinanza non esistesse, come se le leggi non esistessero, e […]
Leggi ora
4 Maggio 2022
Aborto in USA: qualcosa non torna
Una "manina" fa uscire in largo anticipo una sentenza della Corte Suprema che renderebbe illegale l'interruzione di gravidanza. A vantaggio di chi, e perché? Con quali conseguenze sulle elezioni di midterm, in cui Biden era dato perdente? E che cosa c'entra con tutto questo il femminismo gender critical, a cui alcuni osservatori liberal intendono dare la colpa?
Una vera bomba politica scagliata a pochi mesi dalle elezioni di midterm la bozza della sentenza della Corte Suprema americana, fortunosamente fuoruscita, che renderebbe l'aborto illegale negli Stati Uniti, rovesciando la storica sentenza Roe v. Wade che lo rese legale nel 1973. Intanto è una bozza, la sentenza definitiva è attesa per giugno. Si tratta inoltre di capire di chi sia la "manina" che l'ha fatta uscire, e perché. Potrebbe essere stato qualcuno dei giudici conservatori (Clarence Thomas, Samuel Alito che avrebbe […]
Leggi ora
3 Maggio 2022
Scoppia ovunque la bomba degli ormoni ai bambini. Ma in Italia no
Non più tollerabile il silenzio italiano -che fanno i parlamentari?- su bambine-i gender nonconforming trattati con ormoni. Quanto dovremo aspettare? Intanto il bubbone sta scoppiando ovunque, dal Nord Europa all'Australia agli Stati Uniti, dove si comincia a parlare dei puberty blocker come di uno scandalo medico senza precedenti
La medicalizzazione di bambine e bambini che non si adeguano agli stereotipi di genere sarà il prossimo grande scandalo medico. Mentre in Italia è tutto ancora avvolto in un insopportabile silenzio -per quanto ancora le autorità sanitarie potranno fare finta di niente?- altrove il bubbone sta scoppiando. Ci siamo occupate più volte dello stop alla medicalizzazione di minori in paesi che sono stati pionieri nell’introdurre l’identità di genere, come Svezia, Finlandia, Australia. Oggi vi aggiorniamo sui recenti sviluppi in UK […]
Leggi ora
1 Maggio 2022
Lei è Giorgia
Utero in affitto, identità di genere, maternità: su molti temi le posizioni della leader che oggi guarda alla premiership coincidono con quelle del femminismo, snobbate dalla sinistra. Che fare di fronte a questa sfida? Il movimento delle donne può dialogare con la destra?
Giorgia Meloni potrebbe diventare la prima donna premier nel nostro Paese. Lei non nasconde più la sua ambizione e se di qui alla prossima primavera saprà fare le cose giuste -meglio: se non farà cose sbagliate- e se riuscirà a scampare alle raffiche del fuoco amico, non meno intenso e insidioso di quello nemico, potrà raggiungere il suo obiettivo, dovendo ringraziare solo se stessa oltre agli errori dei suoi avversari: nessuno l'ha cooptata -vedere qui- non ha capibastone a cui […]
Leggi ora
28 Aprile 2022
Caso Sargentini: l'assordante silenzio di Saviano
La giornalista femminista Monica Ricci Sargentini minacciata di sanzione -tre giorni di sospensione- dal Corriere della Sera per avere condiviso lo spirito di un'iniziativa di protesta contro un articolo pubblicato sull'allegato Sette in cui lo scrittore napoletano parlava di regolarizzare il "sex work" come lavoro ordinario. Sarebbe importante conoscere il suo punto di vista di difensore della libertà di opinione sulla vicenda. Ma al momento nessun segnale
Conosciamo Roberto Saviano come un difensore della libertà di opinione e di stampa. Così si è sempre presentato. Non soltanto per i rischi corsi personalmente, ma per avere in più occasioni difeso la libertà di pensiero con prese di posizioni pubbliche, spiegando che un giornalista deve “poter fare il proprio lavoro senza essere attaccato sul piano personale, senza un clima di minaccia” e lamentando che “qualsiasi voce critica sa di potersi aspettare ritorsioni”. In questi giorni Monica Ricci Sargentini, giornalista […]
Leggi ora
26 Aprile 2022
Trans-medicina: la nuova lobotomia
Secondo Lisa Michele il trattamento di minori sani con ormoni è "uno dei più grandi scandali medici della storia" e può essere paragonato alla lobotomia di 50 mila americani a metà del secolo scorso: in entrambi i casi, nessuna evidenza scientifica e gravi danni per i pazienti. Intanto nasce in Italia un sito di auto-aiuto per genitori di bambine e bambini con disforia di genere
Parlando di quello che definisce "uno dei più grandi scandali medici della storia americana" (e non solo americana, purtroppo: i trattamenti di cui parla si fanno anche in Italia) la femminista americana Lisa Michele,azzarda un paragone molto forte tra le terapie ormonali per le persone con disforia (specie le-i minori) e la pratica chirurgica della lobotomia, trattamento devastante molto in voga negli USA tra gli anni '40 e gli anni '60. Quella che leggerete è una trascrizione del video di […]
Leggi ora