Laura Massaro ha vinto per tutte

La più famosa delle madri sotto attacco in base alla finta "teoria" dell'alienazione genitoriale ha vinto in Cassazione la sua battaglia, per sé e per tutte le donne nella sua situazione: d'ora in avanti bambine e bambini non potranno più essere prelevati a forza e non sarà più così facile parlare di madri alienanti. Una vittoria anche simbolica, che riporta le madri al centro contro ogni retorica paritaria
Condividi questo articolo

Con l'Ordinanza n. 9691/2022 la Cassazione ha dato ragione a Laura Massaro e ha bandito l'alienazione parentale dai tribunali, definendo fuori dallo stato di diritto il prelievo coatto dei minori, che vanno sempre ascoltati nei procedimenti che li riguardano.

Una sentenza clamorosa -grazie al coraggio di Laura e allo strepitoso lavoro delle avvocate Teresa Manente e Ilaria Bogliano- nonostante i pessimi auspici e la durezza dell'esito dell' appello, per non parlare degli inammissibili tentativi di screditare Laura "processandola" appena 4 giorni fa in Commissione d’inchiesta parlamentare sull’affido dei minori, seduta durante la quale l'ex- di Massaro Giuseppe Apadula e la sua legale hanno ripetutamente accusato e condannato la signora esprimendo opinioni sulla persona (la seduta è stata interrotta per iniziativa di alcune delle parlamentari presenti e nonostante le proteste del senatore Pillon). Una sentenza che costituisce un vero e proprio giro di boa.

Come andranno d'ora in poi le cose per le madri nella stessa situazione di Massaro?

A partire dall'approvazione, da un lato, della legge 54/2006 sull'affido condiviso "obbligatorio" e "paritario" dei figli nei casi di separazione, e dall'altro lato dal diffondersi della scuola della "psicologia giuridica" che ha capovolto il concetto di interesse del minore, andando a individuare sempre nuove definizioni patologiche per le madri e per le figlie che denunciano violenze e abusi in famiglia, il processo civile per l'affidamento dei figli è diventato un calvario -vedere qui- per molte donne costrette a combattere con avvocati, psicologhe, assistenti sociali e tutte le figure che ruotano attorno al diritto minorile e di famiglia.

L' ordinanza della Cassazione nel caso Massaro porta giustizia a tutte le madri protettive che in questi anni hanno iniziato coraggiosamente a denunciare quanto subito nei casi di divorzi e di separazioni definite "conflittuali" ma che in realtà nascondevano situazioni di violenza fisica e psicologica maschile e di abuso su donne e minori.

La battaglia anche giuridica sembra non finire mai, con minacce già arrivate di ricorso alla CEDU che in passato ha spesso preso le parti dei padri, protagonisti in questo ultimo ventennio di una narrazione a senso unico che li ha dipinti come vittime delle separazioni. Sarà quindi necessario non abbassare il livello di attenzione riguardo al campo della legge e delle sentenze, campo nel quale molti uomini maltrattanti perseguono la loro strategia definita da esperti mondiali "legal harassment" , molestia attraverso l'uso della legge.

Dopo l'Ordinanza di Cassazione:
1. cosa ne sarà di tutte le figlie e i figli allontanati dalle madri protettive negli ultimi anni in seguito a relazioni di servizi sociali o decreti giudiziari elaborati sulla falsariga delle teorie vicine all'alienazione parentale e come abuso del concetto di "diritto del minore alla bigenitorialità"? Un esempio per tutti, la madre di Baressa e decine di altri casi noti alla stampa, e i migliaia senza nome in tutta Italia.
2. Cosa dovremo aspettarci non appena finisce l'anno scolastico, periodo nel quale di solito si intensificano le esecuzioni dei provvedimenti di prelievo coatto?

La sentenza definitiva sul caso di Massaro e di suo figlio, definendo il prelievo coatto una misura "non conforme allo stato di diritto" oltre porre dei dubbi sulla sua "compatibilità con la tutela della dignità della persona" costituisce certamente un punto di non ritorno. Vi saranno probabilmente altri tentativi di fare ricorso alla finta "teoria" dell'alienazione genitoriale, aggiornandone la definizione o provando in qualche modo a reintrodurla nei procedimenti, ma il precedente della Cassazione è troppo forte.

E' stata una vittoria di Laura e delle molte madri uscite dal silenzio, unite nella diversità. Non sono mancati i conflitti, ma l'obiettivo è stato conseguito: una donna ha combattuto e vinto per le altre e per le figlie e i figli di tutte. E' stato raggiunto anche un importante traguardo simbolico: quello di riportare la relazione tra la madre e il figlio-a fuori dalle secche "paritarie" per riposizionarla al centro della comunità umana.

E' il senso di quello che nominiamo come cambio di civiltà.

Veronica Tamborini


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
21 Settembre 2022
RU486 o pillola abortiva: miti, fraintendimenti e business
L'aborto chimico viene venduto come più libero e autodeterminato, ma non è la soluzione per tutte: è più lungo e doloroso di quello chirurgico, a volte meno sicuro e serve soprattutto a far risparmiare il sistema sanitario come spiega il saggio di tre femministe americane. Alle donne va garantito il diritto di essere informate e di scegliere consapevolmente tra le due opzioni: ecco una proposta di legge per fare funzionare gli ospedali
Qualche giorno fa abbiamo pubblicato “Quando l’aborto interessa agli uomini”. Nella postilla abbiamo accennato ai diversi metodi di interruzione involontaria di gravidanza, tra cui la pillola abortiva RU 486, anche detta “aborto chimico”. Dell'aborto chimico si parla come di un passo avanti nell'autodeterminazione. Soprattutto le più giovani possono fare confusione tra contraccezione "del giorno dopo" (che va assunta entro 72 ore dal rapporto a rischio) e pillola abortiva, con la quale si può interrompere la gravidanza fino alla 9a settimana. […]
Leggi ora
17 Settembre 2022
Quando l'aborto interessa agli uomini
Totalmente ignorata a destra e a sinistra in tempo di pace, la questione dell'aborto diventa centrale quando gli uomini combattono per il proprio potere. Ma se esiste un "caso Marche" c'è anche un "caso Emilia", regione rossa: stesse percentuali di obiezione e niente pillola abortiva nei consultori. Noi donne non dobbiamo partecipare a questa immonda contesa sulla nostra carne, schierandoci nell'una o nell'altra tifoseria
Le donne -anzi, i cosiddetti "diritti delle donne"- sono state scaraventate strumentalmente al centro di questa orribile campagna elettorale, probabilmente la peggiore di sempre. Non il basso tasso di occupazione femminile, il gender pay gap, la mancanza di servizi che ci costringe nella parte di welfare vivente, la violenza e il femminicidio, il machismo della politica e tutto quello che sappiamo e che viviamo. La questione delle questioni è l'aborto, ripescata dal dimenticatoio in cui è normalmente confinata -nessun partito […]
Leggi ora
11 Settembre 2022
Trans-Europa: Irlanda, UK, Spagna, le leggi-gender ai primi posti nelle agende politiche
Mentre la nuova premier britannica Liz Truss lavora per bloccare l'autocertificazione di genere in Scozia, il governo iberico impedisce il dibattito parlamentare sulla Ley Trans, che consente il cambio di sesso perfino ai bambini di 12 anni, per andare ad approvare in fretta e furia: per questo le femministe spagnole rompono con la sinistra e aprono il dialogo con il Partito Popolare. Intanto in Irlanda un professore viene arrestato per aver rifiutato di usare il linguaggio fluido
Un professore di una scuola cristiana irlandese, Enoch Burke, è stato sospeso e quindi arrestato per aver rifiutato di appellare uno studente transgender con un pronome neutro. Intanto la nuova premier britannica Liz Truss starebbe cercando di bloccare i piani della Scozia per consentire l'autoidentificazione per le persone transgender (self-id) e avrebbe chiesto agli avvocati consigli su come "mettere in pausa o prevenire" le riforme. Truss, responsabile del brief sulle uguaglianze oltre che ex-ministro degli esteri, è stata determinante nell'escludere […]
Leggi ora
29 Agosto 2022
Un video ogni 10 minuti
Il brutale omicidio di Alessandra Matteuzzi uccisa a martellate dal suo ex è la rappresentazione perfetta di ogni femminicidio: l'assassino non è uno che perde il controllo, ma che lo ristabilisce. La morte di lei serve a ritrovare l'equilibrio perduto in seguito all'abbandono. La violenza è una funzione del dominio. E' qui che si deve tenere lo sguardo per riuscire a fermarla
L'uccisione di Alessandra Matteuzzi, la donna bolognese ammazzata dall'ex a martellate e a colpi di panca di ferro, è la rappresentazione plastica e perfetta della dinamica di ogni femminicidio. Giovanni Padovani non è pazzo, non è un drop out, è un giovane uomo in perfetta forma, inserito nel mondo, addirittura testimonial di campagne contro la violenza sulle donne. Insomma non l'avresti mai detto, come quasi sempre. Alessandra è sottoposta a vessazioni continue e inaudite: deve giustificare ogni movimento, ogni respiro, […]
Leggi ora
20 Agosto 2022
UN ORIZZONTE POLITICO COMUNE ALLE DONNE DI TUTTI I PARTITI
Nel segno di Carla Lonzi a quarant'anni dalla scomparsa: elettrici e attiviste di tutti i partiti si uniscono nel dono di un "programma imprevisto" comune, orizzonte per un cambio di civiltà
“Le donne saranno sempre divise le une dalle altre? Non formeranno mai un corpo unico?” (Olympe de Gouges, 1791)  Nel quarantennale della scomparsa di Carla Lonzi. Siamo donne che votano ogni parte politica. Viviamo in ogni parte del Paese. Apparteniamo a ogni condizione sociale. Siamo madri e non madri. Abbiamo una fede, o siamo agnostiche, o atee.  Ci tiene insieme l’essere donne e la consapevolezza che quello che è buono per una donna e per le sue figlie/figli è buono […]
Leggi ora
12 Agosto 2022
Società Italiana di Pediatria: bloccare la pubertà dei bambini disforici non causa problemi permanenti. Ma vari studi dimostrano il contrario
UK, Svezia, Finlandia, USA: in gran parte del mondo è rivolta contro i puberty blocker che possono danneggiare in modo irreversibile la salute di bambine e bambini. Chiude la clinica Tavistock di Londra, mille famiglie si preparano a una class action in difesa di figlie e figli che non sono stati curati in modo adeguato, molti pediatri americani attaccano la loro associazione di categoria che spinge per la somministrazione di questi farmaci. Ma per la società dei pediatri italiani questi problemi non esistono
Secondo la Società Italiana di Pediatria gli effetti dei bloccanti della pubertà (puberty blocker) utilizzati per trattare bambine e bambini con disforia di genere sono perfettamente REVERSIBILI: significa che se la bambina/o cambia idea riguardo al proprio proposito di "cambiare sesso" e sospende la "terapia", il suo sviluppo riprenderà normalmente, senza alcun effetto definitivo e/o problema di salute. Le cose non stanno affatto così. Gli effetti della terapia con puberty blocker non sono affatto "completamente reversibili", come dimostrato da svariati […]
Leggi ora