ILGA, cartello mondiale Lgbtq+, chiede l'abbassamento dell'età del consenso sessuale per le-i minori. E chiama abusivamente la sua richiesta "femminista"

Condividi questo articolo

A 25 anni dalla Conferenza Mondiale sulle Donne di Pechino, ILGA -la più grande rete globale Lgbtq+- ne propone un "aggiornamento" (con inclusione di identità di genere e tutte le cose che già sappiamo e su cui non ci dilunghiamo qui, Feminist Post ne sta parlando da sempre in lungo e in largo) ma soprattutto con la richiesta di abbassare l'età del consenso sessuale per le-i minori.

L'età del consenso sessuale è diversa tra nazione e nazione: per esempio in Italia è sorprendentemente bassa, 14 anni, in UK sale a 16, negli Usa, con differenza tra stato e stato, si arriva a 18 anni. Ma il documento prodotto da ILGA è mondiale e, come potete leggere, propone di "eliminare tutte le leggi che puniscono o criminalizzano le relazioni omosessuali, l'affermazione di genere (...) o che limitano l'esercizio dell'autonomia del corpo, incluse le leggi che limitano il consenso legale degli adolescenti" (vedere punto 14 a).

ILGA, cartello mondiale Lgbtq+, chiede l'abbassamento dell'età del consenso sessuale per le-i minori. E chiama abusivamente la sua richiesta "femminista"

Immediata la reazione di Lgb Alliance, organizzazione omosessuale che fuoriuscendo dal cartello di Stonewall ha voluto sottrarsi all'imperatività del transcult: "This is confusing. The ILGA Declaration signed by Stonewall does call for an end to legal restrictions on adolescents’ consent to sex. UN & WHO do define adolescence as age 10-19. If you now regret having endorsed this policy, please clarify" (Questo crea confusione. La Dichiarazione di ILGA sottoscritta da Stonewall chiede la fine delle restrizioni legali per il consenso sessuale degli adolescenti. Le Nazioni Unite e l'Organizzazione Mondiale della Sanità definiscono adolescenza l'età tra i 10 e i 19 anni. Se non volete ritrovarvi pentiti per avere sostenuto questa proposta politica, per favore chiarite".

Anche il femminismo gender critical si sta mobilitando contro questa proposta. A maggior ragione per il fatto che la Dichiarazione di ILGA è presentata come "femminista" (Feminist Declaration, vedere qui), ed è questo l'altro punto sconcertante del documento.

Mai, in nessun luogo al mondo, nessun gruppo o associazione femminista ha iscritto nelle proprie agende politiche la richiesta di abbassare l'età del consenso sessuale dei minori. Questa richiesta può piacere ai predatori sessuali, non alle femministe. L'abbassamento dell'età del consenso sessuale dei minori non può essere quindi definito un obiettivo femminista e ascritto alle femministe. Obiettivo femminista, semmai -sempre più urgente- è proteggere i corpi delle bambine e dei bambini che le donne hanno messo al mondo da abusi sessuali, farmacologici e chirurgici e dall'indottrinamento pressante da parte dei transattivisti queer che in tutto il mondo occidentale chiedono di poter entrare nelle scuole, e sempre più spesso ci entrano già comodamente, Italia compresa, per svolgere il loro lavoro di propaganda confusiva sull'identità di genere, sull'utero in affitto e su tutti gli altri temi dell'umbrella TRA.

Quindi nessuna Dichiarazione che chieda l'abbassamento del consenso sessuale dei minori può essere definita "femminista" se non abusivamente. Utilizzare il femminismo come foglia di fico per coprire e promuovere interessi maschili -in questo specifico caso, gli interessi di maschi abusanti- è una pratica inaccettabile e ormai abituale.

Anche il ddl Zan contro l'omobitransfobia (che, è bene precisarlo, non ha nulla a che vedere con questa ignobile richiesta di ILGA), ricorre alla tattica di promuoversi come femminista, definendosi "anche" contro la misoginia, senza che nessun gruppo o associazione femminista in Italia (NESSUNA) lo abbia mai richiesto e consentito. Quindi senza rispettare l'autodeterminazione delle donne.

Molte organizzazioni italiane fanno parte di ILGA. Sarebbe auspicabile che queste organizzazioni chiarissero se sostengono questo obiettivo o invece se ne prendono le distanze.

Ecco le organizzazioni italiane in ILGA (va precisato che ILGA ha recentemente chiesto l'espulsione di Arcilesbica per le sue posizioni gender critical non allineate).

  • ARCO Associazione Ricreativa Circoli omosessuali
  • Antinoo Arcigay Napoli
  • ArciLesbica
  • ArciLesbica Bologna
  • Arcigay Catania
  • Arcigay Frida Byron Ravenna
  • Arcigay Gioconda Reggio Emilia
  • Arcigay Il Cassero
  • Arcigay La Fenice
  • Arcigay Marcella di Folco Salerno
  • Arcigay Nazionale
  • Arcigay Palermo
  • Arcigay Piacenza
  • Arcigay Pisa
  • Arcigay Roma Gruppo Ora
  • Arcigay Varese LGBTI
  • Associazione Genitori di Omosessuali AGEDO
  • Associazione InformaGay
  • Associazione Omosessuale Articolo Tre di Palermo
  • Associazione Quore
  • Associazione Radicale Certi Diritti
  • Avvocatura per I diritti LGBTI - Rete Lenford
  • CUBE - Centro Universitario Bolognese di Etnosemiotica
  • Center for the Defense and Promotion of Human Rights
  • Centro Risorse LGBTI
  • Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli
  • Circomassimo - Associazione gay e lesbica / Arcigay Ferrara
  • Comitato Provinciale Arcigay Bergamo Cives
  • Comitato Provinciale Matthew Shepard - Arcigay Modena
  • Comitato provinciale Arcigay Alan Mathison Turing - Arcigay Rimini
  • Comitato provinciale Arcigay CIG - Milano
  • Coordinamento Torino Pride LGBT
  • D.E.L.O.S.
  • Di Gay Project
  • Diversity
  • Excellence & Diversity by GLBT Executives
  • Famiglie Arcobaleno
  • Fondazione FUORI
  • Fondazione Genere Identità Cultura
  • Gender x
  • Human Rights Awareness
  • Intersexioni
  • Ireos - Centro Servizi Autogestito Comunita Queer
  • Lambda - Associazione Amici della Fondazione Sandro Penna
  • Lieviti - Bisessuali, Pansessuali e Queer Italiani
  • M.I.A. Arcigay Imperia
  • MIGRABO LGBTI
  • MIT Movimento Identità Trans
  • Municipality of Venice - LGBT Cultural Policies Dept.
  • Omphalos
  • PLUS Onlus
  • Rain Arcigay Caserta onlus
  • Rete Genitori Rainbow

MARINA TERRAGNI

aggiornamento 14.04.21:

si leggono in alcuni articoli di stampa internazionale dichiarazioni di vari esponenti di ILGA che smentiscono la notizia. La cosa migliore sarebbe una nota formale in cui ILGA fornisca una corretta interpretazione del testo della Dichiarazione là dove si afferma, al punto 14:

a. Eliminate all laws and policies that punish or criminalize same-sex intimacy, gender affirmation, abortion, HIV transmission non-disclosure and exposure, or that limit the exercise of bodily autonomy, including laws limiting legal capacity of adolescents


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
   — oppure —
Puoi inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE
Causale obbligatoria: FEMINIST POST
IBAN: IT80C0200812914000104838541
Potrebbe interessarti anche
6 Febbraio 2023
Mail-bombing a Repubblica: Inaccettabile la disinformazione sui bloccanti della pubertà
In un articolo privo di riscontri scientifici Michela Marzano sostiene che gli effetti dei puberty blocker somministrati a bambine-i “non conformi al genere” sarebbero perfettamente reversibili, dato smentito da studi e dalla pratica clinica. E parla di maggiore rischio suicidio per questi minori, rischi mai comprovati. Qui il testo argomentato scientificamente di una lettera da inviare al direttore Molinari per richiedere un’informazione più accurata e meno ideologica su un tema così delicato
Testo per un Mail-bombing, da inviare al direttore Maurizio Molinari m.molinari@repubblica.it Gentile Direttore Molinari, leggiamo l’articolo di Michela Marzano, titolo “Nessuno tocchi l’identità di genere”, pubblicato sul suo giornale domenica 5 febbraio. E non possiamo non rilevare con sconcerto che l’autrice affronta la delicatissima questione dei minori “disforici” senza alcun riferimento scientifico, sostenendo tra le altre cose che “ la sospensione” indotta dai farmaci che bloccano la pubertà “è temporanea e reversibile”, che il ricorso a detti farmaci “permette di […]
Leggi ora
1 Febbraio 2023
Olanda: se blocchi lo sviluppo di bambine e bambini li spingi a diventare trans
Il protocollo -mettere in pausa la pubertà per consentire ai minori di “scegliere” il sesso- l’hanno inventato loro. Ma anche gli olandesi ora ammettono che in 9 casi su 10 i blocker non danno più tempo per "decidere" ma sono l’inizio della transizione. Una profezia che si auto-avvera. E che gli effetti di questi farmaci non sono affatto reversibili
La clinica universitaria Amsterdam UMC, pioniera nell'uso dei bloccanti della pubertà, ha ammesso che i bambini che assumono questi farmaci possono trovarsi bloccati in una maggiore medicalizzazione. L’ammissione arriva in seguito alla pubblicazione all'inizio di questo mese di un nuovo studio retrospettivo che esamina 20 anni di interventi ormonali noti come "protocollo olandese", condotto su 1.766 bambini e adolescenti tra il 1972 e il 2018 presso la famosa clinica di Amsterdam e pubblicato su The Journal of Sexual Medicine. Ma […]
Leggi ora
30 Gennaio 2023
Nasce GenerAzioneD, associazione italiana di genitori di minori che si definiscono "trans"
Un sito di orientamento e di informazione per sostenere e accompagnare madri e padri che si trovino a vivere questa complessa esperienza: testimonianze, interviste, e link per contribuire a un dibattito approfondito che oggi non trova spazio sui media mainstream
Si è costituita l’associazione culturale, apolitica, aconfessionale e priva di scopi di lucro GenerAzioneD Scopo primario dell’associazione è quello di informare in merito alle problematiche della disforia/incongruenza di genere in bambini, adolescenti e giovani adulti. Attraverso la divulgazione di testimonianze, notizie, articoli nazionali e internazionali in traduzione e la promozione di occasioni di confronto, GenerAzioneD si propone di favorire la trasparenza necessaria affinché venga garantita la migliore assistenza possibile alle persone coinvolte.  GenerAzioneD nasce infatti dall’incontro di alcuni genitori accumunati dall’esperienza di avere figli […]
Leggi ora
27 Gennaio 2023
Bambine/i "transgender": è contagio da social. Lo ammette perfino la maggiore associazione trans
Tik Tok, Youtube e altri: la presidente di WPATH, associazione mondiale per la salute trans, costretta ad ammettere che gli influencer hanno una grande parte nell’epidemia di transizioni tra i minori, fenomeno negato dai progressisti occidentali che bollano ogni allarme come transfobia. Ma non si smette di spingere per medicalizzazione e chirurgizzazione precoce
L'onorevole Alessandro Zan, primo firmatario del famigerato ddl sull'identità di genere finito in cavalleria, aveva negato il vertiginoso aumento dei casi di transizione di bambine e bambini, definendo la notizia un'"affermazione pericolosa" Nel 2021 vi erano già numerose statistiche che segnalavano l'entità del problema, ma a quanto pare Zan non ne era a conoscenza -il che è inaccettabile- o fingeva di non sapere o più probabilmente riteneva ideologicamente che il semplice fatto di porre la questione si dovesse ritenere prova […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Il problema non è il rooming-in ma la solitudine delle mamme
Dopo la triste vicenda del neonato morto accanto alla mamma al Pertini di Roma per alcune/i la soluzione è tenere i bambini nei nidi e non in stanza. Ma il rooming-in è stato fortemente voluto dalle donne che un tempo in ospedale venivano separate dai bambini. Si tratta semmai di consentire alle neomamme di avere vicino una congiunta/o che le assista. Specie in tempi di personale carente
A partire dalla dolorosissima vicenda del neonato morto all'ospedale Pertini di Roma -probabilmente per soffocamento accidentale, la magistratura accerterà le cause: potrebbe anche trattarsi di "morte in culla" o di altro- molte e molti concludono che il rooming-in è una pratica pericolosa e sbagliata e che i bambini dovrebbero stare nelle nursery. Ricordo però che in passato le donne hanno molto lottato per ottenere il rooming-in e per ragioni più che evidenti: non separarsi dal neonato dopo la lunga convivenza […]
Leggi ora
24 Gennaio 2023
Sesso e genere: il saggio di JK Rowling
Nel suo testo la scrittrice spiega nel dettaglio le ragioni per le quali ha sentito la necessità di occuparsi della questione trans, sfidando la violenza degli attivisti. Uno scritto-manifesto per il femminismo gender critical tradotto in italiano da Alessandra Asteriti
Attaccando JK Rowling oggi si può anche fare business. Ultima iniziativa quella di un giovane imbecille canadese creatore di libri d'arte che ha deciso di de-rowlingzzare Harry Potter pubblicando un'edizione speciale della saga sulla cui cover il nome dell'autrice scompare: 170 dollari a copia per un ignobile sopruso. Che gli restino tutte le copie in magazzino. Tornando alle cose serie: nel giugno del 2020 JK Rowling ha pubblicato un saggio sul suo sito web per spiegare dettagliatamente la sua posizione […]
Leggi ora