Il femminismo e la legge Zan

Condividi questo articolo

In queste ore il mondo Lgbtq+ è mobilitato per chiedere alla Commissione Giustizia del Senato di calendarizzare il ddl Zan contro l'omobitransfobia, la misoginia e l'abilismo, ddl già approvato alla Camera. Arcilesbica ha elaborato alcune proposte di emendamenti senza i quali, dice, "si rischiano gravi guasti". Queste, in sintesi, le proposte rivolte alle-i senatrici-ori del centrosinistra.

• nelle definizioni all’art.1, usare i termini chiari di “sesso, stereotipi di genere, orientamento sessuale, transessualità”, invece che le attuali ambiguità (sesso, genere, orientamento sessuale e identità di genere)

rendere esplicito che il ddl è coerente con il divieto vigente di affitto dell’utero. Essere contro la gpa non è omofobia

rendere esplicito che il ddl è coerente con la legge vigente 164/82 (che regola la rettificazione anagrafica dell'avvenuto "cambio di sesso", ndr) e con la successiva sentenza Corte Cost. 180/2017 che afferma che per il cambio di sesso “va escluso che il solo elemento volontaristico possa rivestire prioritario o esclusivo rilievo”. Essere contrari/e all’autocertificazione di genere (self-id) non è transfobia.

La posizione di Arcilesbica è rilevante soprattutto perché arriva dall'interno del mondo Lgbtq+ interessato alla legge.

Ma a quanto pare anche tutte le donne, di qualunque orientamento sessuale, e le persone con disabilità sono egualmente interessate alla legge, e questo per precisa volontà dei firmatari che si sono dotati di queste foglie di fico "agevolanti": chi mai oserebbe votare contro una legge che difende anche le donne, tutte, e i-le disabili? L'"inclusione" ricalca quelle tradizionali formule fallogocentriche in uso da sempre nella politica italiana, in cui dopo essersi "naturalmente" riferiti al soggetto maschio venivano aggiunti anche "i giovani, gli anziani, le donne, i disabili" e qualunque altro soggetto ritenuto d'ufficio "marginale".

Come abbiamo sempre detto, quindi, riteniamo importante espungere la lotta alla misoginia (rappresentata dalla parola "sesso") dal testo del ddl. Le donne non sono una delle varie minoranze da tutelare, sono la maggioranza del genere umano.

Da qualche tempo è in corso nel femminismo, in particolare in quello anglosassone, un complesso dibattito sull'opportunità di leggi contro la misoginia come crimine d'odio (vedere qui), opportunità sulla quale le posizioni sono ancora differenziate. I tempi e le modalità di questa discussione fra donne vanno rispettati e non possono essere "paternalisticamente" bypassati da uomini per ragioni opportunistiche. Ad abundantiam: molto spesso si sono verificati veri e propri conflitti tra normative a tutela degli Lgbtq+ e ragioni/interessi delle donne, come spiega benissimo qui Julie Bindel. Quindi: via la misoginia dal ddl Zan.

C'è almeno un altro tema significativo, che riguarda la "formazione" Lgbtq+ nelle scuole. Nel corso del dibattito che ha portato all'approvazione del ddl alla Camera, la maggioranza ha respinto perfino ragionevolissimi emendamenti che subordinavano al consenso dei genitori la partecipazione a questi "corsi" quanto meno per alunne-i e studenti di elementari e medie. Quindi la partecipazione sarebbe obbligatoria, in assoluta controtendenza rispetto al mondo anglosassone dove, dopo anni di queste pratiche e dopo averne constatato i danni, i governi stanno frenando con decisione: per esempio in UK associazioni Lgbtq+ come Mermaids non possono più accedere con la loro "formazione" alle scuole di ogni ordine e grado. Viceversa nelle scuole italiane queste occasioni si stanno moltiplicando, in particolare le iniziative di propaganda alla "libera identità di genere" e all'utero in affitto, mentre qualunque proposta di formazione da parte di donne che non tenga in primo piano i diritti Lgbtq+ non trova spazio nelle scuole e nelle università (è il cosiddetto no-platforming, vedere qui e qui).

Resta infine intatta la questione delle garanzie alla libera espressione del pensiero, con particolare riferimento al pensiero del femminismo radicale e gender critical, se è vero che come spiegato dallo stesso primo firmatario della lagge onorevole Zan la legge serve a instillare nelle persone un atteggiamento di prudenza”. "Prudenza” che già oggi viene “instillata” ovunque -nei giornali, nelle accademie, sui social- a suon di ban e di querele (vedere qui).

A nostro parere, quindi, l'ottima proposta elaborata da Arcilesbica andrebbe integrata (e modificata laddove non discute il fatto che la legge riguardi anche le donne).

Come potete vedere in questo tweet di WHRC Norvegia, appena 3 mesi dopo l'approvazione di una legge che include l'identità di genere come possibile oggetto di crimini d'odio, la parlamentare Jenny Klinge è stata denunciata per avere detto che "solo le donne partoriscono".

Questo è quello che ci aspetta.

Il femminismo e la legge Zan

L'augurio è anche che, qualora la legge venga calendarizzata, le ragioni già da tempo espresse dal femminismo (le trovate in questa petizione) trovino finalmente ascolto: finora non è avvenuto, diversamente da quanto affermato dall'ex-capogruppo Pd alla Camera nella sua dichiarazione finale di voto. Più precisamente, che vi sia finalmente la possibilità di essere audite in Commissione Giustizia.

Marina Terragni


La gran parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerete altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento. Il contributo serve a coprire alcune spese indispensabili: dominio web, account zoom, assistenza tecnica etc).Se pensate che il nostro lavoro possa essere utile per la vostra vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.  

Potete inviare a: ASSOCIAZIONE CULTURALE BLU BRAMANTE

CAUSALE OBBLIGATORIA: FEMINIST POST

IBAN: IT80C0200812914000104838541


Buona parte delle notizie pubblicate da Feminist Post non le leggerai altrove. Per questo è importante sostenerci, anche con un piccolo contributo: Feminist Post è prodotto unicamente grazie a lavoro volontario di molte e non gode di alcun finanziamento.
Se pensi che il nostro lavoro possa essere utile per la tua vita, saremo grate anche del più piccolo contributo.

Puoi darci il tuo contributo cliccando qui: Patreon - Feminist Post
Potrebbe interessarti anche
15 Febbraio 2024
Come convincere i progressisti a mollare il gender
Terrorizzati dai transattivisti e preoccupati di sembrare “di destra” gli occidentali di sinistra sostengono la transizione dei minori anche in mancanza di studi che dimostrino che la “terapia affermativa” funziona e promuove il benessere di bambine e bambini non conformi al genere. “Ma tutti hanno diritto a una medicina basata sulle prove” sostengono alcuni liberal determinati a “rompere l’incantesimo”. E danno vita a DIAG -Democrats for an Informed Approach to Gender- per convincere i democratici USA e di tutto il mondo che continuare su questa strada è sbagliato e pericoloso. Per i bambini e per la sinistra. Un articolo di Bernard Lane
Un nuovo movimento di Democratici statunitensi vuole scoprire come rompere l'incantesimo dell'ideologia gender e riportare il partito ai valori liberali della scienza e della ragione. Democrats for an Informed Approach to Gender (DIAG) ha lanciato ieri su X Space (Twitter) un progetto per commissionare una ricerca su come raggiungere in modo più efficace gli elettori di sinistra che ritengono che la scienza sia ormai a favore della medicalizzazione "gender-affirming" dei giovani gender non-conforming. "L'unico modo per farla finita con questa […]
Leggi ora
6 Febbraio 2024
Giro di boa al New York Times: forti dubbi sugli ormoni ai bambini con disforia di genere
La principale testata woke del mondo ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, a cominciare dal trattamento indecente riservato a JK Rowling. Oggi il giornale cambia rotta e in un lunghissimo articolo critica la “terapia affermativa” (puberty blocker, ormoni e chirurgia) per i minori trans, dando voce ad alcuni detransitioner fin qui censurati e ostracizzati. Perché ormai anche molti elettori democratici hanno forti dubbi. E c’è il rischio di perdere molti lettori: “get woke, go broke”
Da anni il New York Times è la principale testata woke del mondo e ha sempre sostenuto senza tentennamenti le istanze transattiviste, giubilando le voci critiche. Esemplare il trattamento riservato a JK Rowling. Nel 2022 una violentissima campagna abbonamenti aveva invitato a immaginare Harry Potter senza la sua creatrice: il massimo della cancel culture (vedere qui) Gesto misogino e aggressivo -l'iniziativa si è rivelata un boomerang e molte abbonate-i hanno minacciato la disdetta-. Qualche mese fa Il quotidiano ha pubblicato […]
Leggi ora
22 Gennaio 2024
Uomini incintA e altre meraviglie
La salute di "Marco", trans FtM incinta al quinto mese imbottita di testosterone e quella del suo bambino sono il minore dei problemi. Quello che conta per la stampa liberal che parla di "rivoluzione antropologica" è se "Marco" si dovrà chiamare madre o padre. Ma solo una donna può partorire anche se all'anagrafe il suo nome è maschile. In questo non è cambiato nulla dalla notte dei tempi. Intanto il fronte trans perde colpi: in un anno crollato del 60 per cento il numero di iscritti al WPATH, la più grande organizzazione per la salute transgender
La Repubblica online titola con triplo salto mortale sul "giovane rimastO incintA": incinto non si osa nemmeno al transfilico gruppo GEDI. La storia è quella di "Marco", ragazza in terapia con testosterone per assumere sembianze più simili a quelle di un uomo: barba, voce più grave -non per "diventare maschio" perché il sesso non può essere cambiato e ogni sua singola cellula resterà dannatamente XX-. "Marco" aveva conservato utero e ovaie e in seguito a un rapporto sessuale etero (un […]
Leggi ora
7 Gennaio 2024
New Hampshire: mai più chirurgia sui minori per il "cambio di sesso"
Lo stato americano ha approvato un disegno di legge che vieta ai chirurghi di effettuare sugli under 18 anni operazioni come la rimozione delle ovaie e del seno per le femmine e del pene e testicoli per i maschi. Il ddl afferma che questi interventi violano il "consenso informato" del paziente e sottolinea che gli studi non hanno dimostrato una diminuzione del rischio suicidio dei minori dopo gli interventi. Anzi: il pericolo aumenta
Il New Hampshire si appresta a vietare ai minori di 18 anni di sottoporsi ad interventi per il cambio di sesso. Giovedì scorso la Camera del New Hampshire ha approvato, anche con l’aiuto di alcuni deputati democratici, un disegno di legge in tal senso. L’House Bill 619 proibisce ai medici di eseguire “qualsiasi intervento chirurgico di riassegnazione del genere genitale”, cioè l’asportazione di utero, ovaie e seno nel caso delle donne; di testicoli e pene per l’uomo, a chiunque nel […]
Leggi ora
31 Dicembre 2023
La pubertà forse andrebbe bloccata a TUTTI: deriva transumana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità
Con un vero e proprio blitz natalizio l’OMS annuncia di voler elaborare nuove linee guida gender-affermative e mette in piedi un panel formato per tre quarti da transattivisti favorevoli alla medicalizzazione dei bambini. Preferibilmente tutti, anche quelli che non soffrono di disforia. Perché scegliere di che sesso sei deve diventare un diritto universale. Una petizione internazionale chiede di fermare l’iniziativa
Pochi giorni prima di Natale l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha annunciato che svilupperà nuove linee guida sulla “salute delle persone trans e di genere diverso”, con particolare attenzione all’accesso agli ormoni e agli interventi chirurgici (quelle che definisce “cure inclusive di genere”). ”) e al riconoscimento giuridico dell’autoidentificazione di genere (self id). L’OMS ha inoltre annunciato di aver formato un gruppo per sviluppare le linee guida. Di questo gruppo di esperti fanno parte molti apparatchik della World Professional Association of Transgender Health (WPATH), tra cui […]
Leggi ora
23 Dicembre 2023
Anche la Germania valuta uno stop agli ormoni per bambine/i con "disforia di genere"
Mentre ci si accinge ad approvare una delle leggi più permissive in materia di transizione dei minori un documento del Bundestag frena e invita alla cautela. Perché non ci sono prove scientifiche sufficienti sul fatto che la terapia affermativa farmacologica aumenti il benessere delle/gli adolescenti e che i suoi effetti siano reversibili. Serve un serio e approfondito dibattito finora impedito dall'attivismo transaggressivo e dalla pressione delle lobby Lgbtq+ sulla politica e sui media
Dopo anni di resistenza e di battaglia del femminismo radicale in tutto il mondo -oltre che di genitori auto-organizzati per resistere alla transpropaganda, come l'associazione GenerAzione D- la questione dei minori avviati alla transizione con bloccanti della pubertà, ormoni cross-sex e chirurgia è arrivata finalmente all'attenzione del Parlamento italiano. Da tempo il tema è oggetto di un aspro dibattito critico che dalla Svezia e dall'UK si è allargato a tutto il Grande Nord, fino ad Australia, Nuova Zelanda e Stati […]
Leggi ora